1000 usi dei piedi

Hits: 26

Di quante cose belle e veramente eccitanti si possono fare coi piedi nel sesso ne è prova la mia esperienza con Perla, che a mano a mano vi illustrerò.
Eravamo andati sul sicuro prima dell’incontro, perché via Internet avevamo verificato sia che cercavamo la stessa cosa, ossia un partner amante dei piedi, sia che fisicamente ci attiravamo, essendoci scambiati le foto dei piedi e, per evitare sosprese antipatiche, del corpo nudo, compreso di viso (questo dopo esserci sentiti per telefono, perché la voce dice molte cose sulla persona e sull’eventuale feeling – per inciso quella volta non tentai di fare sesso telefonico, un mio hobby quando trovo chi lo apprezza). Lei aveva posto solo la condizione che non ci sarebbe dovuta essere penetrazione, perché essendo sposata, per lei sarebbe stato come tradire il marito, mentre invece la voglia che lei aveva di godere con dei bei piedi maschili era una sua debolezza che riteneva “perdonabile”. Il ragionamento all’apparenza suonava strano, ma, da un certo punto di vista, aveva una sua logica. Comunque accettai senza problemi, anche perché, come si sa, è molto difficile imbattersi in una donna che si eccita sessualmente con i piedi maschili (la vispa commessa del negozio di scarpe di cui vi ho narrato in un’altra occasione non era purtroppo disponibile agli incontri e preferiva, come sapete, i godimenti “indiretti” dei piedi).
Quando ci vedemmo nel mio appartamento i convenevoli furono espletati rapidamente, dal momento che registrammo subito che le immagini spedite erano veritiere, per cui, con totale naturalezza, ci sbarazzammo di tutti gli indumenti (lei anche dei seducenti sandali con il tacco alto, utili peraltro per tante variazioni sul tema). Perla aveva più o meno la mia età (solo che io i quaranta li avevo oltrepassati, lei non li aveva ancora conseguiti), di media altezza, capelli scuri tagliati corti, seno piccolo e sodo, bel culo e… beh, piedi stupendi! Abbastanza lunghi, snelli, sormontati da una caviglia sottile, pelle vellutata, un arco plantare elegante, dita affusolate, unghie curatissime e smaltate di un affascinante rosa intenso. Le dissi che aveva i piedi più belli che avessi mai visto, al che replicò con lo stesso complimento, rivelando che i miei piedi, misura 43, lisci e slanciati, l’avevano fatta impazzire anche in foto, tanto che si era masturbata in varie occasioni guardandoli sul telefonino (io confessai la stessa attività autoerotica nei confronti dei suoi), e che, ora che poteva condire il tutto con l’odore e il sapore, avrebbe finalmente potuto godere come era anni che avrebbe voluto ma non aveva mai osato fare.
Presi dalla foga, ci fiondammo sul letto tutti nudi e, ponendoci sdraiati ma in direzione contraria, cominciammo a leccarci vicendevolmente i piedi e per fortuna riscontrammo che, pur avendoli puliti per l’occasione, mantenevano un loro speciale aroma, che è quello che stimola noi appassionati, perché un piede è davvero erotico se sa di piede almeno un po’.
Mentre annusavo e slinguavo quelle magnifiche e olezzanti estremità, guardavo in fondo al letto dove, al di là dell’asperità del mio bel cazzo di 18 cm, duro e scappellato che pulsava parallelo al mio ventre piatto, avvistavo il viso di Perla che in estasi mi passava la lingua sulle piante dei piedi e intrufolava il naso tra le mie dita, inalando a pieni polmoni.
“Che bello, finalmente ho due bellissimi piedi tutti per me, e puzzolenti per natura”, commentò allegramente senza mezzi termini, usando anche le mani per massaggiarmeli, specie infilando le dita della sua mano tra quelle dei miei piedi.
“E tu hai dei piedi fantastici, con un odore così eccitante che dovrebbero imbottigliarlo come profumo erotico se si potesse!”, ricambiai, mentre facevo lo stesso trattamento a lei.
Continuammo a lungo ad assaggiarci i piedi, imprimendoci nella memoria le loro qualità connesse al tatto, alla vista, all’odorato e al gusto, fino a che io notai che la sua figa, completamente priva di peli, era bagnatissima e lei vide che il mio cazzo si era gonfiato talmente che la grossa cappella era ormai tutta rossa e lucida.
“Voglio farti una super sega coi piedi”, stabilì lei e, mettendosi seduta tra le mie gambe, mi prese il cazzo tra i suoi impagabili piedi.
Poco dopo capii che Perla aveva un dono particolare, che mi fu confermato da lei stessa: i suoi piedi erano come delle seconde mani, nel senso che poteva muovere le singole dita con agilità e indipendentemente le une dalle altre, come se appunto appartenessero a una mano e non a un piede. Riuscì a farmi le cose più impensabili, maneggiandomi (mi si perdoni l’uso di questo termine, giusto e sbagliato nel contempo!) il cazzo con un’abilità che la massima esperta di seghe manuali se la poteva sognare. A sognare però ero io, che godevo in modo indicibile, avendo il cazzo che veniva toccato, esplorato e piacevolmente torturato da due piedi meravigliosi dall’odore forte e arrapante che mi arrivava al cervello. Quando il mio cazzo diventò di pietra e la cappella sempre più grande e scura, Perla pose un piede sopra l’asta e le palle, premendole leggermente, e con le dita dell’altro piede mi circondò la cappella, ma in un modo che non so descrivere (ricordatevi che si trattava di un piede, usato però con la precisione di una mano). Fatto sta che a un certo punto, dopo avere cosparso sulle dita un po’ del liquido trasparente che sgorgava dal cazzo spremuto, riuscì con un piede a tenermi larga la fessura sulla cima del cazzo e a introdurvi la punta del mignolo dell’altro piede, iniziando lentamente la pratica del sounding, che lei non sapeva quanto adoravo. Certo, avere il cazzo scopato dal dito di una mano e da oggetti appositi era diverso, ma, con la dovuta cautela e grazie alla sua maestria, il risultato fu lo stesso: un orgasmo che si avvicinava al galoppo.
“Cazzo, Perla sto per schizzare”, gemetti.
“Sì dai sborra, sì ti prego vaiii”, mi spronò lei contemplando insieme a me il mio cazzo enorme, con la cappella congestionata che veniva infilzata dal ditino del suo piede, mentre l’altro piede teneva ritto il cazzo verso il soffitto.
Sentivo il succo delle palle che ribolliva, saliva e riempiva la cappella ma non poteva avere sfogo essendo turata la via di fuga. Ma più il liquido spingeva dal basso più lei sprofondava il dito. La favolosa situazione di stallo si risolse quando lei decise si stringere la mia cappella gommosa e viola tra gli alluci e levando così dal buco del cazzo il mignolo: il mio cazzo si impennò ancora di più e lei strangolò con le dita dei piedi la cappella, che si fece di dimensioni colossali e di una durezza che non pensavo possibile.
“Perla, mi esplode il cazzoooo”, gridai a più non posso, proferendo altre frasi o parole più o meno sconnesse e oscene, finché dal mio cazzo partirono delle sventagliate di sborra con una forza tale che avrebbero potuto raggiungere il mio viso o il suo se l’inclinazione del cazzo fosse stata quella corretta (io non ero mai riuscito a colpirmi in volto in quella posizione sdraiata, malgrado talvolta ci avessi provato!), ma che comunque ricaddero sui suoi sapienti piedi, ricoprendoli di un liquido denso e filante. All’istante lei si spalmò il tutto sui piedi e me li mise in faccia in modo che io potessi leccarglieli, cosa che feci volentieri, sicché, mentre assaporavo l’afrore dei suoi piedi e il sapore della mia sborra, le facevo leccare un mio piede mentre con l’altro le frizionavo la figa. Essendo depilata, rimiravo un clitoride di dimensioni ragguardevoli che veniva strofinato dal mio alluce, facendo contorcere di piacere la mia compagna di footjob.
“Fammi godere, porco”, intimò. “Hai dei piedi incredibili, bellissimi, unici, li voglio tutti per me per sempre. Schiacciami il clitoride mentre mi fai annusare la tua puzza”.
Con il piede sinistro martellavo e sfregavo quel clitoride inponente, paonazzo e luccicante, tanto da sembrare un cazzo non proprio piccolo, mentre il mio piede destro era lappato e annusato da quella virtuosa del piacere pedestre.
“Amo la puzza dei tuoi piedi, scopami coi tuoi piedi favolosi, godo godo godoooo”, ululò ormai senza freni, sobbalzando come un’indemoniata e spruzzando dalla figa fiotti di liquido che mi inondarono il piede, mentre l’altro mio piede veniva innaffiato dalla sua saliva poiché aveva aperto la bocca dopo che mi aveva succhiato e morsicato furiosamente le dita.
“Cazzo che sballo”, ansimò sorridendo mentre le sue contrazioni rallentavano. “E non è finita, perché vedo che il tuo cazzo è ancora pronto per un altro gioco”, aggiunse soppesando l’effetto che aveva fatto su di me il suo orgasmo, cioè guardando il mio cazzo, che si stava rinvigorendo.
Io, da esperto, avevo in mente vari altri stratagemmi di godimento con protagonisti i piedi, ma lasciai a lei la scelta, e non me ne pentii.
“Ti insegno un trucco molto utile per godere senza sforzi particolari”, esordì lei. Si allungò e prese da terra la borsa, da cui tolse una corta cordicella elastica che utilizzò per legare insieme l’alluce del suo piede destro e la base della mia cappella. Poiché il mio cazzo non era ancora completamente duro, la cappella all’inizio era più piccola dell’alluce a cui era allacciata e di un rosa più chiaro dello smalto. Solo che quella vicinanza, insieme al fatto che veniva strozzata dal laccio e alla circostanza che il suo proprietario, cioè io, si era messo vicino al viso l’altro piede di Perla, tutto intriso della mia sborra e delle sue inebrianti secrezioni, fece sì che via via la mia cappella prima eguagliasse in dimensioni e in tonalità l’attiguo alluce smaltato, poi le sorpassasse di gran lunga, diventando grosso quasi il doppio dell’alluce e di un rosa assai più carico dell’unghia, fino a divenire rosso scuro.
Il gioco ideato da Perla era davvero esaltante ed efficace: pur non facendo niente, stando entrambi in riposo, la mia esplosione era solo questione di istanti. Osservai il mio cazzo pulsare, irrigidirsi sempre di più, la cappella si ingrossava, e più si ingrossava, più il laccio serrava, e più il laccio serrava più la cappella si ingrossava. Insomma il circolo virtuoso proprio di un cazzo eccitato era avviato. L’aderenza dell’alluce alla mia cappella infiammata e rassodata dava il tocco finale, perché il superbo piede di Perla che continuavo a gustarmi con il naso e la bocca mi diceva che sul cazzo avevo l’altro suo ineguagliabile piede che avvolgeva la mia cappella, la quale si imbeveva del suo odore prelibato. Chiusi gli occhi e mentre succhiavo il suo piede e ingoiavo il suo sudore mischiato alla mia sborra, mi lasciai andare a un orgasmo violento, la mia gigantesca cappella deflagrata in una serie di schizzi di spessa sborra che si diffusero sul suo alluce e tra le altre dita e che lei fu pronta a spalmare sui miei piedi per poi, sdraiandosi indietro, leccarseli avidamente assaporando l’effluvio dei miei piedi e il miscuglio generato dai liquidi del mio cazzo e della sua figa. Pochi secondi dopo, gemendo e guaendo, pervenne al secondo orgasmo solo per via olfattiva e gustativa, come mi accorsi, oltre che dai capezzoli appuntiti e duri come il suo gran clitoride fremente, dagli spasimi ritmici della sua figa e delle dita dei suoi piedi madidi, uno dei quali strapazzava ancora il mio cazzo a cui era legato.
“Gradito il giochino?”, mi chiese poco dopo mentre, rilassati e sciolto il laccio, ci studiavamo e baciavamo i piedi.
Ovviamente le risposi affermativamente, e le comunicai un pensiero che già avevo elaborato nelle mie consuete riflessioni erotiche ma che il quel frangente avevo sperimentato nella sua concreta validità.
Mi riferisco alla perfida intelligenza della Creazione o della Natura, che dir si voglia: un piede è suppergiù della stessa lunghezza di un cazzo, per cui può sondare le palle con il tallone, accarezzare l’asta con la pianta e pompare con l’alluce la cappella.
Se c’è una somiglianza di dimensioni tra un cazzo e un piede, una ragione ci sarà.

Commenti [71]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *