affari grossi

La prenotazione al tavolo quindici, il più isolato tra tutti, situato ad un passo dalla toilette, buio ed angusto fino all’imbarazzo, è stata ardua impresa. Ho scandagliato tutti i ristoranti e le pizzerie della zona, fatto indagini e brutte figure, consumato cene di accertamento. Due mesi di fatiche hanno portato a questo risultato. “Affari Grossi” si trova nell’estrema periferia della città, non lontano da casa della Turca, lontanissimo dalla mia.
L’appuntamento sotto casa sua è fissato per le 20.30.
– Mangi alla stessa ora dei vecchi? – mi ha chiesto lei ridendo, al telefono.
– È che girano meno persone a quell’ora – ho risposto balbettando.
– Lo credo bene, è martedì. È strano che ci sia qualcosa di aperto. Capisco che ti vergogni di me, però…
– Non è che mi vergogno, ma…
– Dai, vecchietto, ci vediamo a quell’ora sotto casa mia.
– Ssì, certo, certo, e…ricordi…
– Le calze, sì. Che palle, già cominci?
– E anche…
– Le ballerine, sì, ce le ho addosso, maledizione.
– Va bene, scusa, hai ragione. Ci vediamo dopo.
– Ciao rompipalle.
Arrivo con due minuti di anticipo sotto il portone di casa sua con la schiena già umida. Mi guardo intorno. Scenario di periferia: palazzoni enormi, vecchi, grigi e cadenti. Scarna illuminazione, poca gente in giro, immondizia sui marciapiedi.
Spero di reggere la serata. Ho preventivamente bevuto mezza bottiglia di vino per scacciare l’imbarazzo, ma finora ha solo alzato la temperatura. Faccio uno squillo sul suo telefono.
– Chi è? – mi risponde scocciata.
– Sono io – rispondo.
– Già sei qui?
– Certo, sono le 20.30.
– Oddio, di già! Io ancora non sono pronta – dice sorridendo.
– Quanto ti manca?
– Eh, sono ancora in mutande. Ti dispiace aspettare un po’?
– Vabene. Certo, aspetto qui sotto.
– Grazie. Scusa.
– Non c’è problema – rispondo, mentre stringo il pugno dalla rabbia.
Dopo quaranta minuti di attesa, finalmente, la vedo aprire il portone del palazzo.
I capelli neri legati dietro a coda di cavallo, una magliettina attillata di colore viola che evidenzia ogni irregolarità del busto generoso, i jeans chiari strizzano i suoi fianchi abbondanti. Infine, un paio di ballerine nere racchiudono le ben conosciute calze color carne e i suoi due succosi trentanove. Tremo alla vista dei piedi. Apre la portiera della macchina sorridendo.
– Ciao! Allora scrittore, come andiamo?
– Beh, aspetto da quaranta minuti.
– E allora? Certo che di donne non ne capisci molto,eh? Di piedi, quelli sì, ma di donne…
– Beh…
– Le star, poi, si fanno sempre aspettare, no? Dai, parti, andiamo a fare questa famosa cena!
– Sssì. Sì, certo
La Turca si accomoda meglio nel sedile, poi, sorridendo, con il pollice e l’indice della mano destra mi afferra il naso, lo strizza un po’ e lo agita da una parte all’altra.
– Ma quanto sei imbranato! Im-bra-na-to! – mi canzona, poi ride più forte.
Subisco la presa in giro in silenzio, mentre avvio il motore ed esco fuori da quella fogna di quartiere.
L’insegna “Affari Grossi” riluce ad intermittenza nel buio serale. Parcheggio non lontano dall’ingresso. Ci sono pochissime automobili, il che mi tranquillizza. Apro la portiera del passeggero e faccio scendere la Turca. Insieme ci dirigiamo all’interno.
Lo squallore del locale mi accoglie con il calore che mi aspettavo. Sulle pareti e sul soffitto sono ancora appesi i resti dei festoni del Natale scorso. Ci accoglie un ragazzo che squadra la mia accompagnatrice dalla testa ai piedi, poi guarda me con un sorriso.
– Avete prenotato? – chiede.
– Ehm…sì, un tavolo per due.
– Sì, sì, quello all’angoletto, sì. Venite.
Il cameriere ci porta al nostro tavolo, vicino al bagno, dal quale viene un olezzo di urina secca. La pesante tovaglia lunga nasconde perfettamente tutto ciò che avverrà all’interno.
– Va benissimo – dico.
– Che puzza di piscio – dice la Turca agitando la mano davanti al naso.
Il cameriere sorride.
– Se volete…
– No, no. Va benissimo – dico. E lo mando via.
La Turca emette un lungo sospiro infastidito, poi si siede di fronte a me.
– Ti piace anche la puzza di piscio oltre a quella dei piedi? – mi chiede.
– No.
– Meno male. Credevo…dovrò mangiare con il naso tappato.
– Mi sembrava il tavolo migliore per lo scopo…
– Lo scopo, lo scopo…se dopo questa cosa ridicola non mi scopi come dico io te li scordi, i piedi e queste cazzate.
– Promesso.
– Lo credo bene. Allora, cominciamo subito?
– Aspetta, dai. Aspetta il cameriere.
Il ragazzo arriva di corsa con il taccuino in mano.
– Allora, cosa vi porto? – dice.
– Per me una margherita – dico.
In quel momento sento il piede della Turca cominciare a solleticarmi lo stinco. Un improvviso calore m’investe il petto. Guardo la Turca che, sorridente, accarezza il bicchiere con le dita, mentre sfrega con più vigore il piede sul mio stinco.
– Bene, margherita. Poi? Basta? Da bere? – continua il cameriere.
– Ehm…birra e…
Il piede della Turca risale la mia gamba e con la punta dà dei colpetti ad un ginocchio. Apro le gambe.
– B…birr..a e…acqua? – dico.
– Acqua? Come? – dice il cameriere.
Il piede della Turca striscia inesorabile verso il centro delle mie gambe fino a rigonfiare il lembo di tovaglia dalla mia parte. Intravedo la punta nera della ballerina. Indugia nel mio interno coscia ondeggiando lentamente su e giù. Guardo la Turca che ammicca con un mignolo poggiato ad un angolo della bocca.
– Eeee…naturale. Naturale, grazie – dico.
– Bene. E lei? – si rivolge il cameriere alla Turca.
– Salsicce – afferma la Turca.
– Come?
– Pizza con salsiccia, grazie.
– Solo salsiccia? – dice il cameriere imbarazzato.
– Sempre e solo salsiccia! – dice la Turca.
– B…bene. Arrivano – risponde lui, e scappa via.
La Turca continua a sorridere ammiccante, mentre l’ondeggiamento del piede continua a solleticarmi l’interno coscia. Abbasso gli occhi per guardarlo.
– Ciao ciao…! – dice lei con voce stridula, mentre simula un saluto con il piede tra le mie gambe.
– Molto bella questa ballerina.
– È una ballerina.
– Sì, ma a me piace.
– Che ci troverai…comunque…bello il posto, complimenti. Potevamo mangiare nel bagno.
– Eddai, ti prego…
– Speriamo sia buono almeno da mangiare.
– Che ce ne frega!
– Sì, certo. basta che ci siano i piedi e lui è contento! Vero, mammalucco? – mi canzona la Turca, mentre con la punta della ballerina mi colpisce una palla.
– Ahi! – dico con uno scatto.
– Cos’è?
– Mi hai preso una palla.
– E allora? Non hai ancora visto niente, carino…
Arriva il cameriere con due pizze fumanti in mano. Serve la Turca, che osserva due grosse salsicce fumanti piazzate al centro della pizza. Lei guarda il cameriere e le fa un sorriso esplicito ed occhi dolci.
– È soddisfatta, signora? – chiede.
– Che bei pezzi di carne. Adoro i bei pezzi di carne dice, fissando seriamente negli occhi il cameriere.
– G…grazie…ecco a lei, signore –dice a me, e fugge sconfitto.
– Adoro i bei pezzi di carne, lo sai, vero? – mi chiede con voce improvvisamente calda.
– Co…come?
– MMmmm…
La ballerina si poggia sulle mie palle ed ondeggia lentamente a destra e sinistra. Il cazzo comincia a diventare turgido. La Turca strappa pezzi di pizza, lasciando da parte le salsicce.
Addenta il primo pezzo di pizza aiutandosi con la lingua per non far colare la mozzarella bollente. La ballerina spinge sul mio cazzo come su un acceleratore.
– Brrummm, bruummm! – dice lei con la bocca piena.
Il cazzo diventa presto duro e ingombrante nelle mutande calde.
– C…che..fffai? – chiedo in difficoltà
– Accendo il motore e accelero…brummm, brrrrrummmm!
L’accelerazione continua imperterrita, a volte delicatamente, altre più vigorosamente, favorendo lo scappellamento del cazzo all’interno dei pantaloni. La Turca esegue il lavoro mentre mangia, quasi distrattamente, ma in modo impeccabile. Comincio a sudare.
– Cominci a sentire caldo, eh? – mi chiede sorridendo.
– Eh, sssssì…
– Vedo…
La mia pizza comincia a raffreddarsi, mentre il pisello, bollente, viene lasciato in pace, ma solo per un attimo. La ballerina sparisce sotto al tavolo, mentre il caldo piede della Turca risale la gamba per dirigersi verso il caldo delle mie palle. Arriva presto a destinazione, mostrandosi in tutto il suo splendore fetido ed umidiccio. Guardo in basso per gustarmi la scena. La Turca spalanca le cinque dita del piede nel nylon appiccicoso, mostrando ogni dito come un’allegra famiglia di gamberetti. Mi da il tempo di osservare gli interstizi, la sporcizia tra le dita offuscata dal nylon puzzolente, il cui odore rancido sale fino al naso, rafforzandomi il cazzo.
La guardo. Sorride mentre mangia voracemente la sua pizza. Capisce che ho finito l’osservazione, e comincia il lavoretto.
Il ventaglio di dita accarezza cazzo e palle, andando lentamente dal mignolo all’alluce, ininterrottamente, provocando un solletico erotico come raramente è possibile fare. Spinge, poi, il piede sulla cappella, schiacciandola per bene come un mozzicone di sigaretta. Poi la libera, e comincia a titillarmi con il solo mignolo.
– Oddio – dico tremante e affascinato.
– Cosa?
– Adoro i tuoi mignoli.
– Uh, grazie. Che bel complimento…
– Un giorno voglio mangiarci dentro.
– Mmm…sembra bello. Volentieri…uh!
– Cosa?
– Sento che l’affare, lì in mezzo…s’ingrossa. A dismisura.
– Gulp. S’ingrosserebbe a chiunque…
La Turca sorride della mia ossessione, e continua il lavorio, nascosta dal favore della lunga tovaglia.
– Non lavoro solo per te, bellezza – dice la Turca con le labbra sporche di sugo.
– Cioè?
– Quel tronco che madre natura ti ha piantato lì in mezzo, me lo devi trapiantare nel culo, dopo. Più è duro, più mi diverto.
Come darle torto?
Ride, tra il fumo della mozzarella e il rosso del sugo, mentre palpeggia le palle con l’alluce.
– Boing, boing, boing! – mi canzona sorridente, mentre schiaccia ripetutamente le palle come un palloncino.
– Mamma mia…- esclamo, riconoscendo l’innegabile maestria della mia commensale.
– Hai dei coglioni gonfi come dei grossi chicchi d’uva, maiale!
– Sssss…sssì…
– Adesso facciamo come durante la vendemmia. Li schiaccio così ne beviamo il succo.
La Turca continua a schiacciarmi i coglioni sotto al tavolo, prima con l’alluce, poi con le altre dita, a volte più delicatamente, altre facendomi sobbalzare sulla sedia. In quei casi ride, poi mi imprigiona di nuovo le palle con le dita, inchiodandomi sulla sedia. Ora sudo chiaramente.
– E adesso…salsiccia! – dichiara, allungando ancora un po’ il piede, fino ad arrivare con il tallone sulle mie palle, mollandomi due precise tallonate. Lascia riposare il piede, distendendolo su tutta la lunghezza del cazzo.
– Ahi! – esclamo, spruzzando gocce di sudore sulla tovaglia.
– Sudi come un porcellino! Ora ti faccio vedere io, schifoso che non sei altro…
La Turca comincia ad addentare la salsiccia con singolare voracità. Ne strappa velocemente il primo pezzo, masticandolo a bocca aperta, mentre mi fissa intensamente.
– Tira fuori l’artiglieria – dichiara.
Sbottono i pantaloni e faccio sgusciare fuori il cazzo tosto e fradicio.
La Turca poggia il piede sopra il palo, allarga le dita e comincia a solleticare la cappella con alluce ed indice. Poi torna alla sua salsiccia.
Non riesco a parlare tanto forte è il godimento, né a mangiare niente. Sto fermo e subisco il trattamento.
Le dita allargate della Turca manipolano il cazzo come fossero le dita di una mano. Lo fanno ballonzolare, lo accarezzano, lo sfregano sapientemente, sfoggiando un’arte unica appresa chissà dove.
Le dita, dopo qualche minuto, dietro la punta delle calze ormai zuppa, riescono in qualche modo ad afferrare saldamente la cappella, cominciando a sfregarla nel punto più sensibile.
La Turca continua a fissarmi, mentre mangia le sue salsicce, immobile, come fossero di un’altra persona, i piedi che mi titillano il cazzo.
Tra alluce ed indice, la cappella imprigionata subisce uno sfregamento dall’esito più che sicuro, e soprattutto, vicino…
Sfrega, sfrega e sfrega irrefrenabilmente, senza mai fermarsi, con la sola potenza di due dita.
Guardo la Turca mentre sento il cazzo cominciare a prepararsi all’imminente esplosione.
Ride, sicura di sé, aumentando lo sfregamento nella fase finale, sempre più veloce. Le palle, gonfie ed esauste, cominciano quasi a far male…
– Butta fuori tutto! – ordina la Turca, nel momento in cui la sborra, giunta al culmine dell’ebollizione, viene sparata fuori con violenza inaudita, inzuppando il suo bel piede e buona parte della tovaglia.
La Turca rinfodera il 39 ricoperto di sborra e si alza per andare in bagno. Passa accanto a me e si accuccia ad un centimetro dal mio orecchio. Allunga una mano sotto al tavolo e mi afferra le palle straziate e svuotate. Le strizza forte e tiene salda la presa.
– Vedi di riprenderti presto e di raddrizzare quel palloncino sgonfio, è ora di pensare alle cose serie.
Molla la presa e se ne va.

Commenti [11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *