amo il cazzo

Hits: 19

“Prego signora, posso esserle utile?”
“Si, voglio il tuo cazzo!”
Dopo la mia risposta quasi bisbigliata , l’aria si ferma, il commesso cinese sembra non credere alle sue orecchie.
“Credo di aver capito male, può ripetere?” Visibilmente in imbarazzo, sorride cordialmente strizzando gli occhi.
“Hai capito bene” mi avvicino un po’ per poter parlare più a bassa voce “Voglio succhiarti il pisello”.
Come sono arrivata a questo punto? A quarant’anni suonati, da qualche mese, mi ritrovo spesso davanti al pc a masturbarmi di fronte ai video porno. Vagando tra carrellate immense di video, mi sono scoperta terribilmente attratta dai piccoli piselli orientali, più sono piccoli e tozzi, più mi eccita la minuziosa dedizione che hanno le donne nel succhiarlo. Da tempo ho rimuginato su questa cosa, pensando al commesso di casalinghi sotto casa, che ogni mattina quando esco, mi saluta squadrandomi da cima a fondo. Fisicamente non sono molto attratta dalla fisionomia, ma i suoi soli ventinove anni promettono bene.
“Mi segua in magazzino …” Dice con un sorrisino imbarazzato, prendendo a farmi strada tutto teso. Apre una porta, mi fa passare con fare da gentiluomo, poi la richiude dietro di se dopo aver acceso la luce. Di fronte a me c’è una rampa di scale in alluminio,che scendo rumorosamente con il cuore in gola, alla fine sbuchiamo in uno scantinato pieno di cianfrusaglie e articoli per la casa ancora imballati. Mi volto verso di lui, lui sta fermo immobile a guardarmi, come a volersi accertare che io ne sia pienamente convinta, io in tutta risposta mi butto ai suoi piedi, cominciando a sbottonarlo con la faccia già incollata al suo pacco, mentre lo fisso negli occhi con il miglior sguardo seducente che mi riesce. Gli abbasso i pantaloni, gli accarezzo le mutande con la guancia per sentire il suo arnese attraverso il tessuto sulla mia pelle. Lui freme, le mie mani gli afferrano i glutei, poi piano sfilo le mutande, scoprendo il mio agognato gioiello.
Sono arrivata qui tutta eccitata, adesso sono letteralmente bagnata. Finalmente di persona! Il suo cazzo è proprio come lo desideravo: pochissimi centimetri, per metà occupati da una cappella tozza e tonda,simile ad un delizioso fungo succulento e pieno di polpa, adagiato su un bel paio di coglioni tondi morbidi e scuri che gli fanno da cuscino, il tutto immerso in un folto cespuglio di peli neri, che fanno apparire tutto molto più piccolo, ma che al contempo esalta il rosa vivo di quel glande parzialmente nascosto dalla pelle scura.
Bacio delicatamente queste belle palle, mentre allargo le narici per annusare il cazzo che profuma di piscio e di seghe. Penso che questo ragazzo non deve vedere una figa da parecchio tempo. Appena con la lingua gli sfioro delicata i testicoli, tutto prende a gonfiarsi, senza cambiare di molto la lunghezza.
Quel bel ciucciotto tondo aspetta solo le mie labbra, che mettendosi a ventosa, baciano sonoramente quei due rigonfiamenti sotto al foro, che immediatamente sembrano esplodere, assumendo le sembianze di un paio di natiche con l’ano gonfio.
Con due dita lo scappello completamente, estasiandomi alla vista della sinuosa sagoma tozza. Lo metto tutto in bocca, gustando lentamente ogni aroma di un pisello sporco e sudato. Lavoro molto con la lingua, gli massaggio delicatamente i coglioni, poi li metto in bocca succhiando e muovendo velocemente il capo come un cane che non vuole mollare la presa, provocando in lui la completa erezione. Mi libero dai coglioni con uno schiooppo, fissandolo ancora in volto.
“Che bel pisello che hai!” Presa dalla foga , comincio a menarglielo velocemente “Dammelo, ahh dammelo, lo voglio in culo” Penso che con quelle misure, finalmente anche io potrò per la prima volta godere dei piaceri del sesso anale.
Intanto lo prendo nuovamente in bocca, e con sorpresa lui mi prende per la nuca e mi stringe a se con una certa violenza.
Questa cosa mi fa uscire fuori di testa, quindi alzo il vestitino, scoprendo una figa pelosa senza mutandine, che comincio a masturbare prepotentemente come una vacca in calore. Lui acquista sempre più coraggio, trombandomi letteralmente la bocca.
Riesco appena a togliere la sua mano, mi alzo ansimando, e alla meno peggio ,sfilando una bretella del vestito, faccio scivolare fuori una tetta, mentre con l’altra mano continuo a menarlo forte, dirigendo la sua punta contro la mia vagina.
“Leccami le tette! Ti prego, leccamele mentre mi sborri sulla figa. Voglio vederti sborrare, dai, non resisto. Bravo, così lecca! Leccami i capezzoli, succhiali e sborra. Forza, fammi vedere come sborri. Bravo su, ciucciamele tutte”. In poco tempo, entrambe le mie belle tettone sono libere al vento, con i capezzoli turgidi e grondanti di saliva.
La porta del magazzino si apre, dei passi si avvicinano, poi sbuca fuori il suo collega che mi fissa attentamente.
“Unisciti a noi, divertiamoci”. Al solo pensiero di poter succhiare due di quei cazzi, strofinando le cappelle mentre sborrano, penso che potrei venire da un momento all’altro anche senza toccarmi.
Lui non se lo fa dire due volte, e sinceramente penso che nemmeno aspettasse il mio invito. In un batter d’occhio mi lascia completamente stupefatta! Dalle mutande, esce fuori un mostro di pisello, che ad occhio devono essere circa venti centimetri. Penso che sia il mio giorno fortunato, spalanco la bocca e me la copro istintivamente con la mano, emettendo un verso di stupore mentre lo fisso insistentemente.
“ Che prelibata leccornia”
Lascio perdere il piccolo cazzo che ho tra le mani, quindi gli do le spalle e mi butto subito a quattro zampe, attratta come una troia da quel biscione che dirada le mie fantasie sui peni tipici orientali, e mi riporta alla realtà dei bei falli superdotati.
Dietro di me ,giustamente l’altro non la prende splendidamente; cerca di afferrarmi il polso per portarmi la mano sul suo arnese.
“ Togliti per favore, non vedi che sto dando il benvenuto al tuo amico?!” Rispondo inacidita perdendo ogni interesse per lui, mentre rimango rivolta verso l’altro, a quattro zampe, con le tette che penzolano, totalmente priva di dignità e controllo, fissandolo con riverenza e quasi totale adorazione, colma di rispetto , inchinata verso quella meraviglia della natura.
Lui sicuro di se, non batte ciglio, aspetta immobile che io strisci verso di lui.
“Mi concede di assaggiare questo cazzo?” Mi viene istintivo dargli pure del Lei, nonostante abbia sicuramente quindici anni in meno di me.
Perdo tempo ad avvicinarmi, ignorare l’altro mi sta facendo eccitare sempre di più. Arrivo ad estrarre la lingua, e avvicinarla piano, quando all’improvviso, da dietro, il tipo me lo sbatte in culo a secco.
“Come ti permetti ?! Troia!”
Devo ammettere che avevo sottovalutato la circonferenza di quel cazzetto. Lo sento e come, e sento pure le sue palle sbattere meravigliosamente sulla figa sudicia.
“Ah … Sì … Ooooh, ouch! Hai ragione, sì, sono una troia. Ti prego , lasciami!” Non è vero, non voglio essere lasciata, sto godendo e assisto i movimenti pure con il culo.
“Ti prego, perdonami, ti chiedo perdono! Puniscimi, ma non mi sfondare il culetto. Prenditi la figh…”
Non mi fa finire la frase, che l’altro mi soffoca le parole in bocca infilandoci il cazzo dentro, lasciandomi con un espressione da vittima stupefatta. Appena finisce di farmelo sentire in gola, mi lascia respirare.
“Aiutami, per favore” In tutta risposta mi da un prepotente colpo di cazzo in faccia. Smetto subito di fingere, e accogliendo il gioco lo guardo con aria di sfida, ma me ne arrivano altri due a raffica, poi mi tira i capelli e mi sputa in bocca. Piena di godimento provo a prenderglielo nuovamente in bocca, ma mi arriva prontamente un altro colpo, sempre più deciso, sempre più duro.
Attorciglia un po’ dei miei lunghi capelli rossi ondulati, intorno al membro, e prende a masturbarsi in quello strano modo, strofinando con l’altra mano, altri capelli sulle palle e nel buco del culo. Questo suo strano modo di menarselo, più che punita, mi fa sentire piacevolmente sfruttata e goduta fino in fondo. Adesso non mi resta che masturbarmi con una mano, mentre l’altro ci sta dando sotto nel mio buchino ormai dilatato per bene.
L’uomo dal cazzo grosso in fine spinge una ciocca, infilandosela letteralmente dentro l’ano, e comincia a sbrodolare sperma ,lasciando sgorgare intensi goccioloni come se fosse un rubinetto rotto. Un po’ delusa mi accontento anche di questo, e come impazzita prendo a leccarlo come una cagna che si disseta da una fontanella. Nello stesso momento, capendo il mio livello di eccitazione, l’altro me lo esce dal culo e finalmente colpa quel vuoto che c’era nella mia vagina, facendomi godere come una matta con le convulsioni che non aspettava altro da un’ infinità di tempo.
Io continuo a leccare il cazzo ,e pulirlo più che posso con il minimo di movimenti controllati che mi rimane, mentre l’altro me la toglie dalla figa e si prepara a sborrarmi addosso, tutto orgoglioso in volto per essere riuscito a farmi venire. Mi alzo subito con la schiena, rimanendo in ginocchio. I miei capelli sono farciti di crema bianca ,e in alcuni punti anche di merda, il mio volto e le mie tette sono pieni di sudore, le mie mani sono già pronte a torturare quei coglioni pronti ad esplodere in un orgasmo.
“Grazie… Grazie, sei stato un gentiluomo a farmi venire. Non me lo meritavo! Che bel cazzo che hai, sono stata una stupida. Grazie per avermi punito con il tuo pisello nel culo, è stato fantastico … Oh sì, vieni, vieni , dammi il tuo seme! Oh oh… oh sì, WOW che Potenza!Oh, ancora , ancora … In bocca! Ti prego! Yummm “
La propulsione e la capienza delle sue palle è qualcosa di straordinario. Comincia a schizzare lunghi fiotti densi, riempiendomi tutta, sborrandosi sulle cosce, per terra, ovunque! Ogni volta che il suo seme bollente si tuffa sulle mie tette, mi riempie di euforica allegria. “ Fantastico, non smettere, ti prego, ancora… Oh sì, grazie! Yumm che porco! Delizioso. Che potenza! Amo il cazzo!”

Commenti [35]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *