amore sporco

-Avanti , adesso tocca a te- Le dico divertita , mentre lei sghignazza fingendosi imbarazzata dopo essersi portata una mano al volto.
-Sì, dammi un attimo- Mi risponde sorridendo mentre si lascia fissare.
-Attenzione a non farla tutta.-
-Ovvio-
Segue un lungo istante di silenzio, poi smette di sorridere, si rilassa, e improvvisamente una chiazza scura si espande nei suoi leggins azzurri, diramandosi in fluide venature che le percorrono le cosce, poi le ginocchia, adesso i polpacci e le caviglie.
Mi inginocchio, anche io ho una chiazza, ma molto meno evidente della sua, mi sono trattenuta di più. Lei stringe le cosce per cercare di interrompere il flusso, alla fine ci riesce; io sono con il naso ad una spanna dal suo ventre. Per accordo posso fare tutto, tranne che assaggiare io la sua urina e lei la mia, non ancora …
Le mie sottili dita vanno ai bordi dell’elastico dei pantaloni attillati, cercando contemporaneamente quello delle mutande. Non capisco bene se il suo modo di tenere la mano sulla bocca sia per vergogna o per altro, intanto abbasso lentamente quegli indumenti, scoprendo il suo largo bacino bianco, e un pube fatto di foltissimi riccioli stupendi rossicci e castani, che intrappolano gocce di quell’erotico nettare proibito.
Respiro a pieni polmoni per tastarne l’odore, vorrei con tutta me stessa cedere e darle un bacio su quel prezioso fiore, ma a gran fatica riesco a trattenermi, e mi limito a godere di quella preziosa fragranza. Non abbiamo mai fatto nulla di simile con nessuno, questa è la nostra prima volta, e lei è il mio vero amore, quindi non voglio rovinare questo momento.
Piano mi avvicino, inumidisco le labbra e dolcemente le appoggio sulla delicata pelle asciutta ,tra l’osso del bacino e il ventre. Le lascio aderire, poi con un movimento circolatorio, la accarezzo con esse, fino a girare il volto per accarezzarla con la mia guancia, e spingere lo sguardo fino a fissarla negli occhi. La mia mano sinistra va dietro la sua gamba, sfiorando con delicati grattini quella fine striscia di pelle che c’è tra il suo bellissimo culo tondo e la coscia. Sento la sua gamba vibrare di eccitazione.
-Amore …- Attiro la sua attenzione strusciandomi con il viso come a cercare ulteriore considerazione.
-Tesoro …- Mi risponde cacciando un gemito. Io spalanco la bocca, ed estraggo la lingua con la testa rivolta all’insù , lei comprende subito cosa voglio, quindi rilassando le morbide labbra, lascia cadere una lungo filo di saliva, sbrodolandosi letteralmente senza sputare.
Intercetto la sublime schiumetta con la punta della lingua, tastandola tra le papille gustative, godendomela , ed infine inghiottendola con intenso piacere mentre ne sento altra arrivare densa sulle labbra.
Il filo che ci unisce viene interrotto dal suo movimento, che adesso si inchina accorciando le distanze, estraendo la lingua per rimpinzarmi come un uccellino, per poi lasciare che gli lecchi un po’ la bocca.
Si inginocchia pure lei, ci baciamo intensamente scambiandoci quella consistente anteprima d’amore che man mano si fa sempre più voluminosa, poi glie la cedo staccandomi, ci fissiamo negli occhi, lei deglutisce sonoramente.
-Brighiamoci, facciamolo! Non resisto- Mi parla con una voce emozionata, mentre afferra la mia maglia da sotto, spogliandomi meno lentamente di quanto mi sarei aspettata , ma comunque senza mancare del suo tipico erotismo che alterna momenti d’innocenza , a istinti animali. Alzo le braccia verso il soffitto per agevolare il suo gesto. Il mio seno già scoperto, s’inturgidisce istantaneamente , una fitta pelle d’oca mi travolge stringendomi la schiena in un brivido che incatena la colonna vertebrale, mentre i suoi polpastrelli solleticano i miei fianchi con il tocco di una piuma.
Si inchina leggermente, mentre tutte e dieci le sue dita si muovono come delicati tentacoli spostandosi verso le costole, il viso si avvicina, mi bacia le clavicole, ancora le dita si muovono, mi sfiorano i capezzoli.
I miei capezzoli, grandi capezzoli conici su delle tette a pera, leggermente separate, che le consentono di baciarmi lo sterno. Di quelle tette che gli uomini fingono di non gradire, ma lei le adora, le tratta sempre con cura e gelosia, le ama, le massaggia e le bacia; spesso e volentieri si addormenta pure succhiandone una dopo aver fatto l’amore, mentre le accarezzo la testa. Anche io lo faccio con le sue, piombando nel sonno mentre succhio quel bellissimo capezzolo rosa su una pelle bianca come il latte. Lei ha delle tette più grandi delle mie, sono due enormi meloni che ricadono naturali su una stupenda pancia liscia e morbida con un filo di grasso e iniziano su un petto perennemente arrossato pieno di lentiggini.
Anche io spoglio lei togliendo la magliettina, adesso è totalmente nuda, a suo agio con i suoi cespugli di peli pure sotto le ascelle … Esatto, lei tiene i peli pure sotto le ascelle, perché è una vera donna!
Mi avvicino ad essi, mi gusto il suo odore, poi li bacio, li metto tra le labbra e con la lingua li stuzzico assaporando, lei apprezza, poi mi sbrigo perché mi sto pisciando sotto.
Avvicino la ciotola in alluminio per l’acqua del gatto, naturalmente è nuova, immacolata ,pronta per l’esperienza, lei si mette in posizione, io finisco di spogliarmi.
Accovacciata si prende una mammella e la porta alla bocca per eccitarmi sempre di più. Mi guarda con quei suoi occhi felini mentre lecca tutto intorno, mentre un getto le parte dalla vagina. Adesso silenzio, solo il rumore del liquido che sgorga sull’alluminio. I miei occhi sono totalmente rapiti da quell’immagine che fino ad allora era stata solo nelle nostre fantasie. Il filo di grasso che fa una piega sul ventre, la pelosissima vagina che spruzza l’ambito oro, questa volta bianco, i zampilli che vanno a finire sul bordo, nel pavimento, nei piedi, è tutto molto spettacolare.
Adesso è il mio turno, anche io riempio una porzione della stessa ciotola, mentre lei si gode lo spettacolo accarezzandosi.
L’aria è satura delle nostre urine, la mia è più gialla rispetto alla sua, adesso però è diluita e perde un po’ di colore. Il cuore ci batte, i movimenti sono lenti, tremiamo, ci accovacciamo, piano usciamo le lingue, e ci scambiamo un ultima occhiata davanti a quel calice, in fine socchiudiamo gli occhi.
Partiamo assaggiando le goccioline ai bordi, ci soffermiamo dubbiose a gustare, poi ci abbandoniamo alla lussuria. Le nostre labbra a cannuccia, rumorose a bere ,poi ci soffermiamo per prendere aria, ascoltare le sensazioni del nostro stomaco, dopo pomiciamo come animali, scambiandoci le urine con le bocche, mentre dalle vagine sprigioniamo il resto del piscio che trattenevamo. È liberatorio e primitivo, è sublime!
Immergiamo le mani nel liquido, poi ci spalmiamo i capelli a vicenda, ci palpiamo, la mie mani finiscono nel suo culo, le dita tastano i dolci peli in mezzo al culo, morbidi come setole, graziosi come il dipinto di un nudo antico.
I nostri movimenti sono compromessi dall’agitazione e dall’eccitazione. La faccio sdraiare, non resisto più.
Lei si lascia sovrastare, io la faccio impazzire iniziando a leccarle una goccia di urina nel piede, glie lo accarezzo, gli succhio le dita, lo ripulisco tutto, poi proseguo su per le caviglie, ancora un po’ mi soffermo nelle ginocchia, ripercorrendo al contrario il flusso della sua pisciata, fino ad affondare la bocca nel triangolo di peli, assaggiando finalmente quel tenero monte di venere. Allargo per migliorare la visuale, gli do un bacio sul campanellino che aspetta solo di ricevere le sue attenzioni. Mi accorgo intanto che giù, dalla cavità della figa , un rivolo di perla liquida sgorga lentamente, andando ad impreziosire il suo dolce ano, che con le sue rughette, sembra una piccola coccarda tenuta lì per essere spacchettata.
Faccio per raccogliere quella lacrima con la punta della lingua, delicata, attenta a non rovinare tutto. Lei mi capisce, sistema meglio il bacino per porgermi il buchino, mentre con le mani si allarga le natiche. Appena la lingua assaggia quella squisitezza salata, la sento perdersi in gridolini, gemiti e urla. Si contorce, non resiste più, poi dolcemente mi parla.
-Te la senti?-
-Non aspetto altro … –
Il culo si gonfia progressivamente, la mia bocca è spalancata, sembra un’eternità, poi finalmente il primo timido peto.
Lotto per non vomitare, al contempo mi piace moltissimo, lei si richiude, io la supplico.
-Ancora, ti prego! Fanne un altro- Sono troppo eccitata per interrompere qua, non aspetto altro.
Ancora l’ano si allarga, rilasciando un’altra scoreggia, questa volta più coraggiosa, più prepotente e sonora, che mi godo tutta appoggiando la lingua rilassata sul bordo del buchino. Appena finisce , prendo a leccarla voracemente, mentre il ventre mi brucia per l’eccitazione, e decido di abbandonarmi pure io ad una timida scoreggia .
Si sforza ancora, poi finalmente fuoriesce un ricciolo di cacca. Lo raccolgo con l’indice, e la poso sul clitoride; è caldo, e di un marrone non troppo scuro, una consistenza non troppo dura, nemmeno liquida. Sono euforica, non controllo più nemmeno cosa faccio. Con lo stesso dito la penetro nel culo per stimolarla ancora, mentre con la lingua gli divoro la figa sporca, facendola urlare di goduria come una gatta in calore.
Non impiega molto a venire. Si contrae tutta , slittando sul pavimento umido, urtando con un braccio pure la ciotola di pipì che adesso rischia di versarsi tutta. È esausta e appagata, con il fiatone, distesa su un fianco.
Striscio per portarmi fino al suo livello, con la bocca sporca di merda. Lei mi osserva, mi sorride e subito dopo prende a pomiciarmi.
-Per favore, amore. Trombami!- La esorto di placare i miei istinti, lei si mette su di me, spalmandomi con le labbra della merda sui capezzoli, poi mentre me li succhia mi chiede
-Prima dimmi cosa faresti se io avessi un cazzo.-
-Amo la tua figa amore-
-Ottima risposta, ma se avessi un cazzo?-
-Te lo succhierei al mattino ad ogni risveglio, te lo succhierei pure la notte prima di andare a dormire. Mi addormenterei leccandoti le palle,e poi lo vorrei sempre nella figa e nel culo ad ogni ora del giorno fin che avresti forza di tenerlo dritto, poi ti masturberei per farlo riposare-

Commenti [18]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *