ancora la mia ex cognata

Hits: 10

Avevo aquistato delle biciclette con le quali io ed Antonella facevamo delle belle passeggiate sotto il sole di Giugno,la nostra relazione sessuale proseguiva molto bene a lei piaceva sempre di più poter provare sensazioni nuove,gli piaceva molto fare sesso in tre con un altra donna aveva scoperto la sua anima bisex.
Mi aveva confessato che a spingere sua sorella Pia nel mio letto era stata lei,e che gli piaceva Roberta tant’è che mi chiese di portarle insieme nel mio letto,quando successe fu bellissimo e si replicò altre volte.
Ma quando gli raccontai di quello che settimane prima era successo a casa di Anna,lei mi fece promettere che alla prossima fosse presente anche lei.
Quel giorno lei non era venuta con me in bici perchè di turno al bar,io ero sul lungomare a pedalare notai la spiaggia che incominciava ad essere affollata belle donne in costume che offrivano agli sguardi dei passanti le loro forme,tenendo d’occhio la strada e le auto che mi sorpassano,una di queste passando dà un colpo di clacson e vedo una mano che saluta all’interno di essa senza riuscire a riconoscere il guidatore.
Quando sono alla fine del lungomare noto in lontananza l’auto ferma con una persona in piedi vicino ad essa,avvicinandomi vedo che continua a salutarmi con la mano,a pochi metri da lei vedo una ragazza con capelli fino al collo,in jeans,di media statura,con camicetta bianca aperta fino alle rotondità con vista di reggiseno bianco,sono poco distante da lei che metto a fuoco la sua figura è la mia ex cognata Marisa.
Marisa– ciao,dove te ne vai?..mi dice sorridendo tenendo una sigaretta tra le dita.
Io– ciao Marisa,vado verso il porto fino alla barca..le rispondo.
Marisa– Hai una barca? è da quando?
Io– da un pò..
Marisa– me la fai vedere?
Io– ok seguimi.. le dico ridendo
Arriviamo al molo con lei che mi aspettava,scendo dalla bici ed insieme raggiungiamo la barca dove Emilio mi aspettava per la consegna dell’assegno visto che doveva aquistare ciò che serviva per la manutenzione in vista della stagione estiva.
Dopo aver fatto visitare la barca a Marisa che mi strappa la promessa di un giro,mi convince a lasciare la bici in barca ed andare con lei in auto,chiacchieriamo amorevolmente andando verso casa,apro il cancello invitandola ad entrare,le dico che vado a fare una doccia lasciandola in cucina a preparare un caffè.
Sono in doccia con l’acqua che mi scivola addosso che vedo sulla porta Marisa con due tazzine in mano che mi guarda,io finisco di far andare via il bagno-schiuma per uscire e prendere una asciugamano.
Marisa– è quasi duro..mi dice guardando il mio pene
Io– no, anzi è a riposo
Marisa– cosa? Non ci credo…dice ridendo
Comincio ad asciugarmi i capelli li friziono poi lasciandola sul collo a mò di sciarpa prendo la tazzina ed entrando in camera comincio a sorseggiare il mio caffè.
Marisa– Sai ho pensato molte volte a quando abbiamo fatto sesso,è stato bellissimo..e una sua mano comincia a carezzare il mio membro che subito prende vita.
Marisa– dai passami l’asciugamano che ci penso io..si porta alle mie spalle e tampona la mia schiena,si sofferma sul culo mentre io accendo una sigaretta anche a lei che la deposita nel posacenere per continuare a tamponare l’acqua sul mio corpo,adesso è passata sul mio torace ma restando alle mie spalle,sento le sue labbra sulla mia pelle,mentre l’asciugamano scende sulle mie cosce poi verso i piedi,per fare questa operazione adesso è davanti a me chinata ai miei piedi,la sua testa è a poca distanza dal mio membro noto che si sofferma un pò di più sui polpacci
Marisa– hai davvero un bel cazzo,ho voglia di prenderlo in bocca..detto questo apre la bocca e comincia a leccarlo,si alza e baciandomi…Faccio una doccia anche io..si gira e comincia a spogliarsi,dopo essersi tolta la camicia ed il reggiseno vedo le sue tette non grandi ma due capezzoli durissimi,si sfila i jeans ed appare un tanga bianco che subito toglie,dopo aver passato le dita tra i peli curati della vagina si avvia in doccia.
Io sono davanti al terrazzo nudo che stò tirando l’ultima boccata di fumo stò per spegnere la sigaretta che sento il citofono suonare,scendo per rispondere, la voce di Antonella..Mi apri?.. aziono il pulsante e mi fermo a guardarla mentre viene verso di me.
Antonella– Cosa fai nudo?..mi dice guardandomi
Io– ho fatto la doccia..
Antonella–c’è qualcuno sopra? ho visto una macchina..
Io– si c’è Marisa
Antonella– e chi è?
Gli racconto tutto gli spiego chi è e cosa c’è stato tra noi,lei mi guarda e..posso partecipare anche io?
Gli dico che non sò se lei l’ha mai fatto con un altra,così Antonella mi dice che vuole guardare mentre scopiamo e che per male che vada si masturberà guardandoci.
Ritorno in camera e comincia a stuzzicarmi l’idea di vedere Marisa con un altra donna come si comporterebbe,entro in camera e lei sta uscendo dalla doccia entra in camera,si avvicina e baciandomi.. ho voglia di te…lascia cadere l’asciugamano e stringendosi addosso a me comincia a toccarmi ovunque,poi ricomincia da dove aveva interrotto cioè con un pompino.
Si stende di traverso sul letto con la testa al di fuori e mi invita ad un 69.
Marisa– Vieni leccami…afferra il mio membro portandolo alla bocca,mentre io sono con il viso nella sua vagina che cola fluidi ininterrottamente.
Marisa– sii,cosììì, come lecchi bene,hai un cazzo bellissimo,l’ho pensato spesso in questo periodo,uhmmm potresti accontentare molte donne lo sai?..mi dice tra una leccata e un altra.
Si mette in ginocchio sul letto con me ancora in piedi e mi piazza la sua lingua in bocca, le sue mani sono sui miei glutei,accarezzano,stringono,schiaffeggiano,poi passano sull’asta e segandomi
Marisa– è davvero bello il tuo cazzo,lungo e duro come il marmo,sai quante donne vorrebbero essere qui adesso? L’hai mai fatto con due donne?…
Quando me lo chiede penso che stia andando tutto per il verso giusto (pensando ad Antonella)
Io– si l’ho fatto, e a te piacerebbe?
Marisa– non l’ho mai fatto,o meglio non c’è stata mai occasione..dice senza fermare le mani e guardandomi negli occhi.
Io– e se si presentasse l’occasione?
Marisa– non lo sò,forse la sfrutterei, ci ho pensato molte volte,si mi piacerebbe provare, quindi dici alla tua amica che ci sta guardando di entrare così puo guardarci meglio…dice guardando la porta e smanettandosi la vagina senza lasciare il mio membro.
Sulla porta appare Antonella in camicia e perizoma…scusate ho sentito delle voci..
Marisa– Si ok,qui c’è un palo di carne che basta per tutte e due,ti chiedo solo la precedenza.. si stende ed aprendo le gambe… su riempimi e fammi godere….mi metto in posizone e la penetro con lentezza facendola gemere ad ogni centimetro che entra in lei,Antonella si è tolta la camicia ed il reggiseno e scostato il perizoma tra le sue gambe si è infilata due dita in vagina guardandoci,restando dentro di lei faccio un giro completo in modo che lei resti sopra,dopo essersi accomodata meglio comincia a cavalcare con foga strizzandosi i seni e guardando Antonella che adesso è vicino a noi con un piede sul letto e la sua mano su un seno mentre l’altra va veloce in vagina,le due si guardano spesso.
Marisa dopo essersi sfilata il membro si risiede dandomi la schiena,poggiando le sue mani sulle mie gambe si mentiene accovacciata dando lei il ritmo all’amplesso,Antonella adesso mi bacia e con una mano mi accarezza il torace poi posiziona la sua vagina sulla mia bocca.
Mi ritrovo con la lingua nella vagina di Antonella, e con le mani sul culo di Marisa che geme in continuazione,un mio dito va nel buchetto di lei che avendo adottato quella posizione espone il suo culo in tutto il suo splendore e con il buco in primo piano è grande (si vede che lo usa spesso),Antonella non contenta della mia lingua ha portato una sua mano sul suo monte di venere,il bacino di Marisa si muove convulsamente si volta a guardarci e grida…vengooo..continuando a muoversi,io afferro una mano di Antonella e la porto sul culo di lei e dopo una carezza, con un dito prende il posto del mio nel culo di Marisa.
Visto che Marisa accetta il dito Antonella prende coraggio e scendendo dal mio viso si porta di fianco a Marisa che fermo,e dopo essermi sfilato da lei la metto a 4 zampe e la penetro con un solo colpo,sento la sua vagina aderire al mio membro,Antonella a iniziato a toccargli i capezzoli stringendoli come se volesse mungerla,imiei colpi adesso sono ben assestati la voce di lei risuona nella camera…siii cosììì lo sento tuttooo,mi sfondiiiiii….
Antonella ha portato il suo viso di fronte a lei e la bacia,poi si stende sotto il suo corpo facendomi sentire la sua lingua che lecca sia Marisa che me,i gemiti di Marisa adesso sono continui..siii che bellooooo…sembra apprezzare.
Continuo imperterrito,ogni tanto lo tiro fuori per la bocca di Antonella che voracemente lo ingoia e poi lo porta all’entrata della vagina di Marisa.
Marisa– siiii vengoooooo…il suo corpo è scosso da fremiti,sento i suoi umori bagnarmi il membro e la lingua di Antonella che lecca avidamente.
Adesso Marisa è di lato,il suo posto lo ha preso Antonella che si è impalata sul mio membro e cavalca velocemente,i suoi occhi sono fissi su Marisa che ci guarda e si accarezza,invito Marisa a salirmi con la vagina sul viso e comincio a lapparla,le due ora sono una di fronte all’altra,è Antonella che prende l’iniziativa e allunga la sua mano sui capezzoli di Marisa che la guarda e titubante dopo aver allungato anche lei una mano la porta sul seno di Antonella che lascia partire un gemito…sii così stringiii..dice guardando Marisa che adesso ha portato anche l’altra mano sui seni di lei che passandogli un braccio dietro al collo con un leggera pressione la tira verso di se per baciarla,sento sul mio viso le dita di Antonella che è in cerca del clitoride di Marisa,lo trova e comincia a stuzzicarlo con maestria.
Gli annuncio che voglio i loro buchi,Antonella ripresasi dopo l’orgasmo si alza e mi srotala il profilattico sull’asta dopo averlo insalivato per bene prende posto di fianco a Marisa che è gia a 4 zampe,i loro corpi si toccano,faccio entrare la cappella nel buco di Marisa che gemendo gira il suo volto verso Antonella che è lesta a baciarla piazzandogli la lingua in bocca,proseguo nell’intestino sono a metà con lei che ha un gemito nella bocca di Antonella.
Dopo svariati colpi inferti a Marisa passo al culo di Antonella dove lei stesso si era penetrata con le dita mentre inculavo Marisa,la penetrazione con lei è più veloce comincio subito a stantuffarla,noto che come lei si volta verso Marisa gli viene dato lo stesso trattamento cioè si baciano ma la mano di Antonella è nella vagina della sua amica che apprezza…sisisiiisiis….
Sono in piedi,loro due hanno le bocche aperte e mi segano a turno,gli schizzi escono velocemente imbrattando i loro visi,le loro lingue puliscono la mia asta,poi si guardano e con le lingue si puliscono i visi raccogliendo i fiotti densi.
Dopo una doccia veloce Marisa ci saluta con la promessa di rivederci ancora……..

Commenti [24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *