appuntamento con la troia

Hits: 5

Infine sono riuscito a convincerla! sono riuscito ad ottenere dalla mia ex-fidanzata un appuntamento, ovviamente a casa mia, ovviamente con l’intenzione di farla dormire da me, ovviamente con l’intenzione di fare tanto tanto sesso! …con Lei il risultato è garantito! infatti è la donna più vogliosa e più “porca” che conosco…
Mancano ancora un paio di ore prima del suo arrivo e io devo sistemare la casa fare un pò di pulizie in camera e poi devo fare shopping, ho un idea per stasera…
Alle 19.30 suona il citofono è lei, entra in casa ci salutiamo come due vecchi amici e dopo pochi minuti siamo già in camera mia sul letto a baciarci e spogliarci le mie mani che stringono il suo bellissimo culo mentre la mia lingua esplora la sua bocca, lei prende in mano il mio cazzo inizia a farmi una sega io la guardo negli occhi e le dico “mi sei mancata!” poi faccio scivolare una mia mano in mezzo alle sue gambe e inizio a massaggiare la sua figa calda, la spoglio dall’ultimo indumento che ancora indossava così posso affondare le mie dita in mezzo a quella figa che oltre che calda iniziava a bagnarsi di piacere!
le sue espressioni in questa fase sono bellissime, con i suoi capelli che coprono un pò il viso gli oggi socchiusi e le sue bellissime labbra sono un inno al sesso!
inizio a baciare i suoi capezzoli li sento che si induriscono ma presto scendo ancora perché quello che voglio è sentire il suo sapore nella mia bocca e quando lei capisce cosa voglio fare stringe un pò le gambe per fermarmi (lo fa sempre) ma io insisto ed alla fine la spunto, mi trovo con la testa in mezzo alle sue gambe posso vedere quella meravigliosa figa già un pò bagnata ed apprezzare il suo profumo che mi fa impazzire! leggermente inizio a leccare quel frutto spalmando un bel pò di saliva, con la lingua apro bene le labbra e cerco di raggiungere le profondità più dolci, i suoi movimenti del bacino mi assecondano e ora le mie mani si fanno strada per cercare lo spazio che la mia bocca gli ha rubato in precedenza.
Lecco le mie dita, lecco la sua figa, lecco la sua figa aperta dalle mie dita. La sua eccitazione è molto forte si nota dai suoi umori e da come ansima ma soprattutto dal fatto che mi dice “scopami! voglio il tuo cazzo che mi apre la figa!” non me lo faccio ripetere perché anche io sono molto eccitato quindi mi alzo e mi posizione sopra di lei la bacio e inizio a penetrarla con il mio cazzo nella posizione più classica, lei continua a godere ed io mi godo lei nel suo splendore! ora mi stringe forte con le braccia e anche con le gambe mi incita a non fermarmi sta godendo… ma io mollo! non per mio volere ma non ho resistito sono venuto, presto troppo presto! lei mi lancia delle occhiate molto cattive, sono ancora sopra di lei, infila le sue unghie nella mia schiena e mi chiede “perché??”
Non ho giustificazioni, mi sposto e provo a riprendere il lavoro con le mani ma ormai lei è infastidita e mi allontana, capisco ed accetto! restiamo ancora qualche minuto nel letto poi mi alzo e preparo la cena, lei ogni tanto viene a trovarmi in cucina con un pigiama a vestaglia, sotto e completamente nuda ed io quando posso allungo sempre una mano, anche per capire quanto è ancora arrabbiata con me… Comunque ceniamo e beviamo, parliamo del più e del meno finché non ritorniamo in camera. Io devo farmi perdonare quindi inizio a massaggiarla delicatamente su tutto il corpo (sono più carezze che massaggi) è piacevole sentire la sua pelle ogni tanto le do un bacio su una parte a caso del corpo. Noto che lei si sta rilassando, decido di forzare la situazione. Lei è sdraiata pancia in giù completamente nuda, io in ginocchio al suo fianco completamente nudo, allargo le gambe e mi metto sopra di lei, il mio cazzo poggia sul suo culo e la mia bocca inizia a cercare e baciare il suo collo le mie mani accarezzano i suoi fianchi e cercano i suoi seni, lei gira la testa cerca la mia bocca, ci baciamo ci mangiamo…
la mia eccitazione inizia a crescere e lei lo sente bene i sui movimenti del bacino fanno scivolare il mio cazzo in mezzo alle sue gambe e piano piano riesco a scoparla in questa posizione, sento la sua figa stretta che avvolge tutto il mio cazzo i movimenti sono limitati ma è bellissimo, io la spingo verso di me e la porto ad alzare ancora di più il bacino fino a metterla a pecorina dove posso affondare interamente il mio cazzo con dei colpi secchi che lei gradisce perché urla ogni volta che affondo e la sua figa e nuovamente bagnatissima, ogni tanto ci scappa pure uno schiaffo sul culo lei gode!io di più! poi mi ferma e mi dice che ancora non basta devo fare di più perché ha ancora voglia! Lei sdraia mi guarda e mi dice di guardare e basta, inizia leccarsi le dita e si stringe i capezzoli poi si lecca ancora le dita e scende fino alla figa si tocca, se la apre, mi regala quella vista meravigliosa! Ora è il momento giusto per il mio regalo, lo shopping del pomeriggio serviva a comprare un fallo vibrante, e mentre lei si stampa due dita nella figa io mi alzo e vado a prendere il fallo, lei si ferma e guardando la scatola mi dice “cosa è?” io le rispondo “un regalo per te, lo apro io” così lo scarto e quando lei vede il fallo rimane un pò dubbiosa poi mi guarda mi bacia e mi dice ” e se questo mi piacesse più del tuo” con una mano stringe il mio cazzo e nell’altra prende il fallo e mentre mi guarda mi fa una sega e poi si mette il fallo in bocca! io sono stra eccitato ma la lascio fare mi piace guardarla! ora si sdraia allarga le gambe in modo osceno e mi passa il fallo che ancora stava leccando io lo prendo e avvicinandomi alla sua figa inizio a farlo scivolare sopra, la figa è ancora molto bagnata il fallo pure, visto le leccate precedenti, non faccio nessuna fatica a spingere dentro quel cazzo di gomma una volta che arriva al fondo accendo la vibrazione e lei sobbalza, le piace! mi godo lo spettacolo di lei con le gambe aperte e della sua figa aperta da un cazzo di gomma, ma non resisto tanto da spettatore ho troppa voglia di scoparla tolgo quel cazzo di gomma, che lei si mette subito in bocca, e inizio a scoparla con il mio cazzo in modo violento, le dico che è la mia troia, la mia puttana, e lei conferma! gli dico che voglio scoparla nel culo e lei conferma! la faccio girare e mi metto dietro di lei punto il mio cazzo sul suo culo e inizio a spingere, non è facile farlo entrare quel culetto è bello stretto ma spingendo riesco a farmi strada sento che lei soffre stringe un cuscino ma io ormai sono dentro e piano piano spingo tutto dentro, poi inizia a muoversi anche lei e mi dice sono la tua troia! ed io allora affondo dei colpi più forti fino a scaricare la mia sborra nel suo culo!
Lei mi guarda quasi soddisfatta ma non del tutto, io inizio ad essere stanco, restiamo sdraiati a baciarci ed accarezzarci per qualche minuto poi lei riprende in mano il cazzo di gomma e come se volesse sfidarmi a dire uso lui o uso te??
Quindi mi avvicino ancora a lei quasi le sono sopra la bacio le prendo di mano quel fallo e mentre la bacio inaspettatamente per lei le punto il fallo sulla figa e spingo lei si fa male e mi ferma subito! Un pò in colpa per quello che ho fatto gli do due baci e poi con la scusa di controllare se ci sono escoriazioni metto ancora la mia testa in mezzo alle sue gambe, non c’era niente fuori posto ma siccome mi piace guardare quella figa faccio finta di cercare qualcosa e con le dita la esploro tutta la allargo e la apro, questo provoca un altra forte eccitazione ad entrambi! Allargando quella bellissima figa ci metto due dita dentro e la mia troia gradisce allora aggiungo il terzo dito e la mia troia gradisce ancora di più mi chiede di andare ancora più a fondo allora inserisco anche il quarto dito (mai arrivato a tanto!) la cosa le piace io posso vedere la sua figa allargata dalla mia mano, sono cosi eccitato che sto per venire! è quasi naturale piego un pò il pollice stringo la mano e spingo ancora… a lei piace ancora di più mi chiede di continuare! non ci posso credere la sto scopando con tutta la mano! vedo la mia mano scomparire nella sua figa che si allarga tantissimo per accoglierla… Lei ripete: “sono una troia, sfondami la figa”, “sono una troia, sfondami la figa” e con il bacino asseconda la mia mano che si muove dentro di lei.. dalla sua figa scorre un lago… Lentamente la mia mano si ritira mentre io vengo sulle lenzuola, solo guardando quella fica che si apre e si chiude al passaggio della mia mano! Una volta che la mia mano è fuori dalla sua figa mia avvicino per leccare un pò di quel succo che è venuto fuori in grandi quantità! che dolce nettare!
Poi ritorno al mio posto e la bacio lei non reagisce molto tiene gli occhi socchiusi forse per la stanchezza forse perché è ancora in estasi! le lascio tutto il tempo che serve io la abbraccio mi sdraio al suo fianco, dopo poco anche lei mi abbraccia e così ci addormentiamo.
Dedicato alla mia Troia (leggerà questo racconto) ho voglia di scoparti!!

Commenti [26]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *