bar dello sbor

– Ti prego fammi giocare con i tuoi piedi.
– Tu devi essere impazzito.
– No, dico sul serio, dai.
– Sono io che dico sul serio, tu sei matto!
– Sono bravo a fare i massaggi, ti dico.
– Me li fa mio marito. O mio figlio, al massimo – e ride.
– Secondo me io li faccio meglio.
– Se lo dici tu.
– Fammi provare, allora, così lo puoi dire anche tu.
– Oddio, ti sei fissato proprio, adesso.
– Sì. E non mollo.
– Mannaggia a te.
– Continuo a romperti le scatole finché non me lo fai fare.
– Oddio. Dio santo, che palle. Ginevra, mi sostituisci un secondo qui, per favore? Forza, cammina di là, dai, così la smetti. Che palle!
Loretta mi spinge per una spalla, facendomi procedere dinanzi a lei, dirigendomi verso la porta della scala. Apro ed inizio a salire seguito da lei, che si gira un attimo verso i suoi dipendenti all’interno del bar.
– Ragazzi, mi assento dieci minuti, torno subito – dice loro. Poi chiude la porta e sale le scale con me. Alla fine della rampa l’ufficio è composto da un grosso scaffale contenente i documenti del bar e le fatture, due divanetti, una scrivania e un paio di sedie.
– Allora, dove dobbiamo metterci?- domanda con fare esausto.
– Sul divano. Sul divano andrà benissimo.
– E mettiamoci sul divano, allora, dai.
Loretta si accascia sul divano con il suo corpo alto ed elastico.
– Forza, che dovrei fare? – chiede con un mezzo sorriso.
– Beh, prima di tutto dovresti toglierti gli stivali- le dico.
Loretta, senza fare obiezioni, con un piede fa forza sul tallone dell’altro, facendo cedere lo stivale di cuoio, poi fa lo stesso lavoro con l’altro, aiutandosi con la mano.
I suoi magnifici 40 coperti di nylon color carne sono in un momento liberi e visibili, ma lei non si rende conto della magnifica vista. Io rimango immobilizzato. Lei sgranchisce le dita dei piedi calde e sudaticce.
– E adesso? – mi chiede.
– Adesso dovrei farti un massaggio, come promesso – le dico, tremante.
– Eh. E come fai?
Mi seggo accanto a lei.
– Dammi i piedi – le dico.
– Oh, se puzzano non ti lamentare, io sto lavorando.
– Ma scherzi! È un piacere, ti ho detto. Ho insistito tanto!
– Sì, sì…contento tu…
Loretta allunga le gambe sul mio grembo. I piedi caldi sulle mie cosce, finalmente. Sono grandi, ossuti, dalle unghie regolari ma senza smalto, purtroppo. Li ricordo dall’ultima estate, quando veniva al lavoro in ciabatte.
Osservo da vicino le piante già viste nude di nascosto, gialle e dure sul tallone semi piatto. Le afferro il piede destro, facendola sussultare.
– Oddio, ora soffro il solletico – mi dice.
– Non ti preoccupare – le rispondo, ed inizio a massaggiarle il piede.
Vedo che si rilassa sotto la pressione gentile dei miei pollici che si muovono lenti e regolari. Continuo il massaggio, partendo dal tallone e risalendo la pianta fino alle dita. Di tanto in tanto sconfino, e le mie dita schiacciano delicatamente anulare e mignolo e alluce e medio, ritornando poi al tallone e ricominciando da capo. Loretta di tanto in tanto socchiude gli occhi.
– Mamma mia, così mi fai addormentare…- mi dice con un sussurro.
– Vuoi che smetta?
– No no – mi risponde troppo in fretta, – continua, continua pure – mi dice. Eseguo volentieri.
Passo all’altro piede facendo gli stessi movimenti. Loretta chiude gli occhi, stavolta, e si accomoda meglio sul divano.
– Mmm…certo che ci sai fare tu, eh? – mi dice.
– G…grazie. Te l’avevo detto…
– Eh. Non immaginavo.
– Grazie.
– Grazie a te.
Stretto nei pantaloni, il pisello è teso come un nerbo. Sto massaggiando i piedi di Loretta. Per quanto è grosso l’imbarazzo e l’emozione, il pisello reagisce bene, non sbavando come un lumacone, stavolta, ma tendendosi come la corda di una balestra.
Il piede di Loretta che non massaggio giace a due centimetri dal mio bel palo. Ne guardo il profilo dall’arco perfetto, terminante in un alluce snello, puntuto e ossuto. Di tanto in tanto snocciola alluce e indice, tendendolo per qualche istante per poi rilassarlo.
Sento i nervi del cazzo scattare come pesci all’amo fuori dall’acqua. Proseguo il massaggio con cura e rinnovato entusiasmo. Loretta comincia a gemere.
– Loretta, tutto bene? – le chiedo con studiata innocenza.
– S…sì…oh, sì, sì…- dice con gli occhi chiusi, mentre il piede libero, allargando l’arco del suo movimento, mi sfiora decisamente la cappella con il mignolo.
Mi blocco improvvisamente, attendendo la reazione di Lorella.
– Ti sei fermato? – mi chiede, sempre tenendo gli occhi chiusi. Sembra non si sia accorta di niente.
– N…no, no, certo che no – dico. E continuo diligentemente.
– MMmmm…bravo…- sussurra lei.
Tende di nuovo l’altro piede, stavolta sfiorando la cappella con più decisione. Sembra addirittura indugiare lì sopra, prima di ritirare il piede.
La guardo. Ha ancora gli occhi chiusi. Continuo nel mio massaggio, ma comincio a sentire caldo.
A questo punto Loretta, per chiarire le cose, allunga bene il piede sul mio pisello, stavolta seguendo con l’alluce tutto il profilo, fino alle palle. Una volta lì torna indietro, fermandosi sulla cappella, che inizia a sfregare lentamente, scavalcandola da una parte all’altra.
– ti piace, vero? – sussurra Loretta con gli occhi chiusi.
– Uh?! Sss….sssì – dico, in chiara difficoltà.
– Eh eh…che tonto, che sei…-dice sorridendo, mentre con le dita del piede si aggrappa letteralmente alla mia grossa cappella, strizzandola come una pallina antistress.
– Dio mio…-gemo.
– Tontolone…- dice Loretta, mentre alterna lo strizzamento della cappella con lo sfregamento.
Il mio pisello è teso come una leva del freno a mano. Loretta ci sa fare. Si fa massaggiare i piedi mentre mi massaggia il cazzo.
– Adesso ti faccio un bel lavoretto – mi avverte, mentre apre gli occhi. – giù i pantaloni e le mutande.
– Ma…
– Niente ma. Giù!
Mi alzo e mi abbasso pantaloni e mutande, liberando finalmente il cazzo come un animale fuori dalla gabbia.
– Mamma mia che troncone! – esclama Loretta.
– G…grazie.
– Ora siediti e stai tranquillo – mi dice.
Eseguo. Mi seggo, mentre Loretta allunga i piedi su di me, afferra il cazzo tra le dita e lo comincia a lavorare. Osservo quelle unghie dal taglio perfetto, che si muovono sulla mia cappella con una sapienza che non avrei immaginato. La snocciolano meravigliosamente e con forza misurata.
– Adesso ti stappo il cazzo come una bottiglia di spumante.
– Dio mio! – esclamo.
– E poi succhio tutte le bollicine che fuoriescono da qui – dice, mentre lascia la presa, e con un piede mi molla un paio di calcetti sulle palle, provocandomi un invitante dolore. Poi riafferra il cazzo e ricomincia a lavorarlo.
La cappella, prigioniera della dita più che dei piedi, si è gonfiata incredibilmente nel giro di pochi minuti, e già comincia a pulsare. Loretta guarda il lavoretto poi me, mentre gemo come un maiale.
– Fra poco festeggiamo – mi avverte.
– S…sì- confermo.
Continua il servizietto ancora un po’, fino a che, osservando per un’ultima volta le unghie dei piedi di Loretta, sento il fiotto caldo risalire per il tronco, che comincia a sussultare.
– v..vengo…sto venendo…-avverto
Loretta aspetta la prima goccia di sborra, poi toglie i piedi e afferra il cazzo con la mano, buttandosi a fauci larghe e facendolo sparire. Molla due schiaffi sulle palle, mentre con l’altra mano continua a smanettarlo. Le scarico tutto in bocca. Loretta mi guarda negli occhi mentre ingoia qualsiasi cosa, fino a lasciare cazzo e palle completamente esausti.

Commenti [6]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *