cavie

Hits: 1

Parigi, facoltà di scienze, laboratori di biologia animale Pier, Lassalle giovane e brillante assistente del famoso professor Hugo Lacombe noto luminare dell’Università francese ed attualmente nelle isole greche dell’Egeo a godersi una meritata vacanza, sta accudendo il gruppo dei piccoli scimpanzé cavie per gli esperimenti delle sue ricerche sul sistema nervoso e cerebrale dei primati.
Sul tavolo è posata la lettera che il professor Lacombe gli ha inviato il giorno prima della partenza, trenta giorni fa, dove gli annuncia:
Caro Pier
Ho ricevuto una richiesta di collaborazione dalla dottoressa Alicia Sullivan, che sta lavorando nell’università di Bordeaux e che sta svolgendo una ricerca su alcuni aspetti dell’attività riproduttiva dei primati.
Alicia è una mia vecchia e cara conoscenza a cui sono particolarmente legato. Mi chiede di poter perfezionare sperimentalmente, presso la nostra equipe di facoltà e per un breve periodo, alcuni aspetti della sua indagine.
Per la tua specializzazione ed in considerazione della tua esperienza con gli scimpanzé secondo me tu sei la persona più indicata per offrirle l’aiuto richiesto.
Sono certo che mi darai tutta la tua disponibilità.
Alicia comunque dovrebbe arrivare fra un mese, giovedì 28, alle 15.00 con il diretto di Montparnasse.
Fammi sapere se sei d’accordo per aiutarla ed a collaborare con lei per non più di un semestre, così posso avvisarla per tempo.
Non chiedermi gli aspetti tecnici del suo studio perché non li conosco; sono convinto comunque che questa collaborazione ti arricchirà e se accetti non te ne pentirai.
Comunque approfondiremo il tutto al mio rientro.
Saluti Hugo Lacombe
Oggi è il giovedì che dovrebbe vedere l’arrivo di questa dottoressa Sullivan (…sarà una vecchia docente, compagna di università del professor Lacombe, zitella e sessualmente repressa dato l’argomento dei suoi studi…) pensa Pier mentre, finito il suo lavoro con le cavie si appresta ad andare alla stazione di Montparnasse a ricevere la Sullivan (…sarà proprio uno spasso lavorare per sei mesi con lei…ma al professor Lacombe devo molto e non potevo certo rifiutarmi…magari sta’ Alicia potrebbe essere una vecchia fiamma di Hugo).
Arrivato a Montparnasse si dirige al binario dei treni provenienti dal Sud e resta in attesa fin quando sente l’annuncio dell’arrivo del convoglio.
Nell’osservare i passeggeri che scendono dal treno alla ricerca della dottoressa Sullivan la sua attenzione viene catturata da una ventisettenne “pantera” con un viso celestiale contornato da una morbida chioma ramata raccolta in un’unica grossa e corta treccia che le scende sulla nuca ed un passo morbido e felino che alternativamente apre la parte inferiore di un attillato impermeabile lasciando intravedere una rossa gonnellina da cui scendono due diaboliche incredibili gambe da gazzella di una bellezza abbacinante.
Seguendo tale visione al limite dalla sfacciataggine Pier si dimentica momentaneamente della sua ricerca con il risultato che resta da solo mentre tutti i viaggiatori si dileguano nel sottopassaggio.
Dopo la partenza del treno sulla banchina resta solo lui e la “pantera” che, dopo una breve attesa di qualcuno che probabilmente doveva essere lì a riceverla, gli lancia un distratto sguardo con un paio di meravigliosi occhi verdi che lo fulmina e lo fa quasi affogare nell’oblio del mondo; il sinuoso essere lo sfiora trascinandosi via i pensieri estasiati di Pier e la sua pesante trolley.
Dopo un attimo la stupefacente giovane donna è scomparsa anch’essa nella rampa di scale che porta all’esterno della stazione e Pier si ritrova, un po’ imbambolato, ancora in attesa dell’etologa di Bordeaux.
Si precipita quindi lungo la rampa delle scale ed esce all’esterno della stazione nella speranza di riuscire ancora a scorgere la dottoressa Sullivan, ma nel viale antistante vi è solo lui e…la treccia di un color castano/rame che illuminata dal sole alto nel cielo lancia bagliori che colpiscono Pier come frecce incendiarie; il corpo sottostante che Pier, dal modo in cui lentamente si gira verso di lui, immagina flessuoso e scattante allunga un passo verso di lui, due perle di un verde mozzafiato lo guardano ed una voce melodiosa gli chiede:
“dottor Lassalle?” (oddio! la meravigliosa creatura ha fatto il suo nome);
“…siii?” (risponde trasognato);
Sorridendo divertita dell’effetto da lei prodotto e mostrando una magnifica corona di bianchissimi denti simili ad una collana di perle la “pantera” si presenta:
“sono la dottoressa Alicia Sullivan ed il professor Lacombe mi ha scritto che lei, con cui dovrei collaborare per la mia ricerca sulla “libido”, se così possiamo chiamarla, nei primati si era offerto di venirmi a prendere al treno; come tutti i geni so che il professor Lacombe è molto distratto; si è forse scordato di avvisarla dell’ora esatta del mio arrivo?”
“no, no è che io sono un po’ stanco perché ieri sera…., poi non immaginavo che lei fosse così…cioè voglio dire…il professor mi ha scritto che la conosce da molto tempo e quindi mi aspettavo una coetanea di Lacombe o comunque una docente di una certa età; …non mi aspettavo di veder arrivare una collega così giovane..una ragazza splendida come lei…cioè, mi scusi …non volevo essere sfacciato…ma….
non si preoccupi, (interrompendolo e traendolo dall’imbarazzo di un discorso che cominciava a non avere né capo né coda) non è la prima volta che sorprendo i colleghi per la mia età, anche se dimostro meno anni rispetto alla realtà (con femminile civetteria); vuole mostrami il nostro posto di lavoro e poi consigliarmi per una sistemazione in città?
certo, certo, venga che l’accompagno in facoltà dove potremo organizzarci al meglio (prendendole la valigia e portandola alla propria vettura).
Dopo averle indicato la sede dei loro laboratori ed adempiuto negli uffici amministrativi a tutte le incombenze burocratiche necessarie per l’accreditamento della dottoressa Sullivan ad operare nella sede di Parigi, la porta nel grazioso appartamentino, vicino all’università, che si era premunito di prenotarle per tempo, le dà le ultime indicazioni sugli orari di lavoro, assicurandole la sua completa disponibilità per la sua ricerca e per quant’altro avesse bisogno nella capitale, e la lascia a sistemarsi definitivamente.
Nei successivi giorni iniziano a lavorare assieme dopo che Alicia gli ha illustrato, a grandi linee, gli scopi del suo studio e le aspettative riguardo alla sperimentazione che intende fare assieme a lui.
Nel corso delle successive settimane Pier, pur sentendosi fortemente attratto fisicamente dalla splendida collega, non riesce ad instaurare un rapporto personale soddisfacente ed anzi a volte i due ricercatori arrivano quasi a scontrarsi verbalmente.
Alicia, pur conscia dell’effetto che la sua bellezza ha sul collega e dimostrando a volte di non essere insensibile alla sua simpatia, ha un atteggiamento altero e distaccato che respinge ogni tentativo di Pier di dare al loro rapporto anche la più piccola connotazione personale e mantenendo quasi sempre un comportamento freddo e distaccato oltre misura.
Pier dal canto suo è estremamente perplesso sulla ricerca che la collega sta portando avanti rintracciando nella stessa grosse carenze dal punto strettamente scientifico.
La Sullivan sostiene che stimolando opportunamente il sistema nervoso dell’animale, iniettando in un ganglio periferico dello stesso che per gli scimpanzé ha individuato nella zona anale, una soluzione di estrogeni ed altri componenti chimici la cui composizione ha messo a punto lei stessa e che non vuole descrivere dettagliatamente al collega, si un temporaneo effetto di un aumento esponenziale della predisposizione all’attività sessuale dell’individuo sottoposto al trattamento; tale risultato sembra particolarmente ottenersi con individui di sesso femminile.
Pier, in base alle sue conoscenze bio-chimiche e soprattutto non conoscendo gli esatti componenti della soluzione che Alicia intende sperimentare, ha enormi dubbi sul raggiungimento degli obiettivi prefissati ed inoltre è assolutamente contrario all’idea della Sullivan di usare i “suoi” scimpanzé, a cui è molto legato e dei quali è riuscito a conquistare l’affetto e la fiducia che gli è molto utile per le sue sperimentazioni, per una ricerca che lui giudica apertamente poco scientifica.
Queste divergenze provocano fra i due non poche discussioni e numerosi scontri verbali più meno intensi, la cui animosità in Pier è accentuata dalla forte attrazione che gli provoca la ragazza e che lei quasi regolarmente sembra voglia soffocare; liti che spesso si svolgono nel laboratorio dove sono tenuti gli animali i quali sembra osservino attentamente ai diverbi fra i due ricercatori.
Il punto di massimo scontro avviene quando Pier sorprende Alicia nell’esecuzione dell’inoculamento nella zona anale di una femmina del gruppo della soluzione predisposta che avviene senza che lui fosse stato preavvertito.
mi sembra di averti richiesto espressamente affinché tu mi avvertissi per tempo quando avresti avuto intenzione di attuare le prime fasi operative della tua “sperimentazione” (accentuando il tono su quest’ultima parola);
guarda che è da più di due mesi che ti ho spiegato come avevo intenzione di operare (con tono piccato);
si, ma mi sembra di averti manifestato le mie perplessità e poi non ti ho mai autorizzata a usufruire dei miei animali (alzando il tono di voce);
questi scimpanzé sono di proprietà della facoltà e destinati alla sperimentazione; mi risulta che in base alle lettere di accredito del mio rettore di Bordeaux e delle note del professor Lacombe sono pienamente legittimata ad effettuare le mie ricerche, tanto più che credo di essere un assistente universitario quanto te (aumentando anch’essa il tono per contrastare anche il rumore che gli altri animali, che hanno osservato sia i lamenti della femmina siringata che lo scontro verbale dei due, stanno facendo scuotendo le loro gabbie in preda ad un insolita agitazione); mi è indispensabile poi effettuare oggi quest’ultima verifica perché, come ti ho già detto l’altro giorno, domani intendo effettuare una dimostrazione pratica ai professori Vicentini, Rossignol e Videaux ed ad alcuni loro assistenti e studenti;
fai come vuoi, ma non pensare abbia intenzione di darti una mano nella dimostrazione di domani, sono troppo impegnato con le mie ricerche “scientifiche”;
non ti preoccupare dottor Lassalle penso di riuscire a farcela da sola, ed ora se mi vuoi lasciar continuare tranquillamente, te ne sarei grata!
E mentre Alicia termina le sue operazioni, sempre nel frastuono provocato degli animali, Pier si allontana visibilmente seccato.
Il giorno successivo nell’aula assegnatale ed alla presenza del piccolo gruppo composti dai professori Vicentini, Rossignol e Videaux con i loro collaboratori ed alcuni studenti trasporta un consistente numero di scimpanzé nelle loro gabbie ed inizia la dimostrazione pratica che si era ripromessa di sottoporre all’attenzione dei colleghi.
Alicia non illustra dettagliatamente i contenuti della dimostrazione che intende porre all’attenzione ed analisi dei colleghi in quanto afferma che il concretizzarsi davanti ai loro occhi dei comportamenti delle scimmie sarà da solo sufficiente a dimostrare l’assunto che la sua teoria sottende. Il piccolo uditorio non sa quindi con precisione come si svolgerà l’esperimento e trattandosi di etologia del comportamento animale, branca molto lontano dalle loro normali attività di ricerca rivolte soprattutto al micromondo cellulare e che alcuni di loro con ironia dispregiativa traducono come “psicologia delle bestie”, si attendono anche qualcosa di bizzarro.
Alicia, nella foga del suo discorso, non si accorge di far toccare un lembo del suo bianco camice svolazzante alla fiamma che ha acceso per sterilizzare le siringhe. L’indumento sintetico inizia a fiammeggiare pericolosamente e lei è costretta levarselo velocemente per poterlo spegnere.
Un po’ imbarazzata, constata che un’ampia zona del camice è rovinata irrimediabilmente e deponendolo su una sedia vicina decide quindi di continuare la sua esposizione senza.
Gli astanti che la seguono, tutti maschi, non possono che rallegrasi di ascoltare una conferenziera così carina in camicetta e corta gonna, quasi una mini, che mette in risalto le lunghe e perfettamente tornite gambe della ragazza.
Nel proseguimento della sua esposizione Alicia preleva dalle gabbie una delle femmine del gruppo di scimpanzé e si scorda però di verificare la chiusura delle altre porte che sono tutte collegate in serie e che rimangono quindi tutte solo accostate, ma non chiuse,
Ad iniziare da un grosso maschio, probabilmente il capobranco, gli altri animali iniziano ad uscire dalle loro celle ad uno ad uno e quando Alicia si accorge della sua dimenticanza gli animali sono ormai tutti fuori dalle gabbie e le si muovono attorno indolentemente, annusandola e toccandola.
Alicia si rende conto di aver perso completamente il loro controllo, anche visivo dato il loro numero, ma non intende assolutamente darlo a vedere e continua la sua esposizione facendo allontanare qualche animale che troppo a lungo le si attacca addosso.
Il gruppo di ricercatori e studenti che la stanno seguendo presumono che tutto faccia parte della dimostrazione che la ragazza ha intenzione di portare avanti. E quando uno scimpanzé, delicatamente armeggiando, senza che Alicia se ne renda conto, con l’allacciatura e la lampo retrostante della gonna la apre e fa volare a terra l’indumento scoprendo le magnifiche gambe della ragazza, le reazioni degli astanti si limitano ad un sorriso di compiacimento per l’imprevisto spettacolo, interpretando l’accaduto come un piacevole incidente di percorso della collega.
Alicia è in evidente imbarazzo, ma pensando che in fondo la camicetta che le scende sulle cosce la copre solo un po’ meno di una minigonna continua imperterrita la sua relazione cercando soprattutto che gli animali non si avvicinino troppo alle siringhe poste sul tavolo.
Improvvisamente ed imprevedibilmente la situazione precipita e all’unisono, quasi come coordinati per un’azione concertata, gli animali scattano: mentre un individuo afferra una delle siringhe con il siero che Alicia velocemente, ma inutilmente tenta di recuperarlo sbilanciandosi, alcune zampe le serrano i polsi e le caviglie bloccandola; una coppia di grossi maschi, mentre il resto del branco si agita attorno emettendo gutturali grida di incitamento, le lacera violentemente la camicetta e la maglietta lanciandone lontano i pezzi. Con palese suo terrore la ragazza si trova repentinamente spogliata e coperta solo da reggiseno e mutandine.
Gli uomini presenti nell’aula, dopo un breve attimo di sbigottimento per il repentino stravolgersi dei fatti, intuendo il pericolo per la giovane donna, cercano di intervenire; basta però che alcuni animali in atteggiamento decisamente inferocito si ponga a difesa del gruppo e cerchi di addentare chi troppo si avvicina alla pedana dove si trova Alicia, che anche i più coraggiosi si fermano intimoriti.
Mentre Anton esce e si precipita alla ricerca di Pier quale unica persona in grado di fermare gli scimpanzé, il branco ormai scatenato e chiaramente eccitato riversa Alicia sul tavolo in posizione prona con le rotondità delle terga bene in evidenza.
L’individuo con la siringa, incredibilmente impugnata in modo corretto, le si avvicina; mentre le urla della ragazza risuonano nell’aula le zampe di un paio di individui le strappano le mutandine esponendo completamente le nude natiche, le dilatano i glutei e, sotto gli occhi increduli ed esterrefatti dei colleghi, con incredibile perizia per le mani di un animale le viene praticata un’iniezione nel taglio del sedere ed inoculata la sostanza che lei stessa aveva preparato, nel medesimo modo che la ragazza aveva fatto i giorni precedenti ad alcuni degli animali che le si agitano attorno.
In quel preciso istante Pier entra trafelato nell’aula e, dopo un attimo di incredulità per la scena che gli si para davanti agli occhi, fa allontanare tutti i presenti; si avvicina quindi alla ragazza circondata dal gruppo di animali che, vedendolo, hanno cominciato ad abbassare il tono dei loro comportamenti eccitatori.
Inizia un misterioso colloquio fatto grida gutturali ed ampi gesti indicanti spesse volte l’ambrato corpo supino di Alicia, con il grosso maschio che l’uomo intuisce immediatamente essere il leader del branco.
Come per incanto l’agitazione animalesca si placa e gli scimpanzé si lasciano ricondurre tutti all’interno delle varie gabbie che Pier provvede immediatamente a richiudere meticolosamente.
Si prende immediatamente cura di Alicia, in evidente stato di shock, coprendola innanzi tutto con il camice ancora un po’ bruciacchiato, ma in grado di coprire il seminudo corpo della ragazza scosso dai sussulti di un silenzioso e nervoso pianto.
La stringe a sé delicatamente cercando di calmarla e di rincuorarla e l’accompagna nel loro ufficio comune da dove provvede a chiamare un’autoambulanza per trasportarla alla vicina piccola clinica universitaria per gli esami del caso.
I medici dopo un accertamento obiettivo ed alcuni esami di laboratorio non riscontrano niente oggettivo; su intervento di Pier presso il dottor Marco Cipriani, suo vecchio amico di università, Alicia viene comunque trattenuta una giornata in osservazione.
Il giorno successivo viene comunque dimessa e Marco raccomanda all’amico:
guarda non abbiamo riscontrato nulla di obiettivo; ho anche parlato con lei, ha subito un piccolo shock emotivo, non credo sia niente di particolarmente traumatico, ma per sicurezza non avendo lei qui a Parigi alcun parente e vivendo da sola, ti consiglio di tenerla alcuni giorni sotto stretta osservazione, nel senso di starle vicino anche per rassicurarla;
ok le chiederò se vuol trasferirsi alcuni giorni a casa mia;
va bene, mi sembra una buona idea, …ma (strizzandogli maliziosamente l’occhio) non esagerare con l’osservazione”;
dai scemo!
Andandola a prendere in ospedale Pier spiega alla collega come non sia opportuno per lei, per l’esperienza subita che ancora un po’ la scuote al solo pensarci, rimanere da sola in casa e le propone di ospitarla alcuni giorni, fin quando non si sentirà completamente tranquilla, nel proprio appartamento di dimensioni tali da garantirle una stanza ed un bagno ad uso esclusivo.
Dovrai adattarti eventualmente a dividere con me la cucina ed i pasti, però ho fama di essere un discreto cuoco, possono introdurti nei segreti della cucina parigina, che ne dici?
Ma sei sicuro che non ti creo eccessivo disagio, magari avrai anche una ragazza, o qualcosa di simile, per cui potrebbero sorgere dei problemi e comunque ti limiterei nelle tue libertà?
Non preoccuparti assolutamente, sono uno stakanovista del lavoro, e non ho una donna né “qualcosa di simile” (sorridendo per l’espressione strana usata dalla ragazza e pensando “non mi crederà mica un gay”), anzi potresti aiutarmi nella parte teorica delle mie ricerche e potremmo anche approfondire le tue;
Va bene, allora, se non ti do’ troppo disturbo, mi trasferisco per qualche giorno da te, ma non ti mettere in testa strane idee, sono una ragazza seria e molto impegnata anch’io con la scienza (sorridendo ironicamente) anche se tu ci dubiti un po’.
Alicia si trasferisce così da Pier prendendosi anche un qualche giorno di riposo e, non trovandosi a discutere di lavoro, il rapporto far i due, pur mantenendosi su di un piano di assoluta correttezza in quanto Pier si dimostra più che gentiluomo, migliora notevolmente e si instaura anche un certa intesa.
L’attrazione che uomo sente verso la splendida ragazza continua ad aumentare e Pier, per contrastarla e non rivelarla, assume dei comportamenti anche più distaccati del necessario; mentre Alicia al contrario, abbandona certi suoi atteggiamenti di alterigia e diventa leggermente più espansiva verso il collega.
Sembra che l’incidente con le cavie non abbia lasciato conseguenze anche se a Pier sembra che la ragazza abbia lungo l’arco della giornata, dei momenti di lieve perdita della memoria o dei brevissimi istanti di assenza di coscienza, ma essendo di insignificante durata non dà loro eccessiva importanza, finché non accade l’episodio della raccolta fondi.
Fra le incombenze che il professor Lacombe aveva lasciato al suo assistente vi era l’organizzazione e la realizzazione di un incontro con i delegati delle otto più importanti industrie farmaceutiche di Francia ai fini di una raccolta fondi per sponsorizzare le ricerche di facoltà attualmente in essere.
Pier aveva quindi organizzato una cena di lavoro presso i locali dell’università tramite un’azienda di katering, per garantire discrezione all’iniziativa.
A tale serata aveva anche deciso di invitare anche Alicia quale ricercatrice interessata ai finanziamenti e per non lasciarla sola in casa.
Durante tutta la cena Pier descrive dettagliatamente i progetti di ricerca in corso, accennando a grandi linee anche a quello della collega, senza per altro ottenere un grande interessamento da parte dei delegati, coinvolti più dalla bellezza e dalla disinvolta simpatia di Alicia.
Gli amministratori delegati delle otto industrie farmaceutiche più significative di Francia sembrano annoiarsi ed il compito di Pier di convincerli a donare un piccolo contributo per finanziare la ricerca sembra ormai improbo.
Alicia se ne sta rendendo conto ed osserva il collega sconsolato alla disperata ricerca di argomenti adatti allo scopo quando nel dolcissimo mare verde dei suoi occhi compare un guizzo di luce ferrigna seguito, dopo una frazione di secondo, da un malizioso ed altrettanto inquietante lampo d’intesa verso Pier:
“adesso proviamo un sistema di raccolta fondi per la scienza molto poco ortodosso, ma che altre volte si è dimostrato efficacissimo, se sono in grave difficoltà cerca di intervenire rapidamente; mi hai sentita? hai capito bene? (con un fare insolitamente vivace, ma nel contempo misterioso);
certo, certo!, (annuisce anche se non ha capito cosa diavolo abbia intenzione di fare Alicia, soprattutto quando lo guarda così maliziosa);
signori un attimo di attenzione! (alzandosi dal suo posto e scostandosi di qualche passo dalla tavolata in modo tale che i ciascuno dei suoi facoltosi interlocutori abbia la possibilità di ascoltarla e vederla molto bene) io ed il dottor Lasalle vi abbiamo invitato a questa cena di lavoro, è inutile ipocritamente far finta di ignorarlo sia noi che voi, affinché le case farmaceutiche cosi ben da voi rappresentate che siete i dirigenti con la facoltà delegata di poterlo fare, donassero un piccolo, per voi, segno finanziario che, per noi, può trasformarsi in una grande aiuto alla nostra nobile attività;
Mentre parlava le sue mani cercavano di muoversi aggraziatamente per accompagnare le parole ed attirare ancor più l’attenzione degli uomini che aveva davanti, ma tale compito era svolto in maniera assai più efficace dalle sue lunghe e splendidamente tornite gambe, lasciate abbastanza scoperte da una svolazzante corta gonna color cremisi, e dal felino loro muoversi assieme al flessuoso corpo dotato di una notevole sensualità.
in considerazione del tema dei nostri studi, che vi ricordo essere la ricerca dell’origine bio-chimica della libido sessuale nei primati (Pier cominciava a preoccuparsi di dove la sua splendida collega andasse a parare), per invogliare la generosità delle Signorie Vostre e per rianimare un po’ questa stiracchiata serata vi propongo un modo poco ortodosso, ma certamente più frizzante di operare le vostre offerte; vi propongo una piccola gara d’asta; cosa ne pensate? (con fare ammiccante);
niente in contrario dottoressa (il quarantacinquenne delegato della Breghian s.p.a. con fare incuriosito), ma quale opera d’arte o bene verrebbe posto all’asta?
Alicia pone sul tavolo dei delegati uno dei piatti rimasti vuoti, compie una graziosa e lenta piroetta che fa risaltare il portamento della sua figura, pone le mani sui fianchi e spavaldamente inizia a far sussultare i cuori maschili che le sono davanti:
potremmo cominciare da questo mio piccolo bolero che mi impaccia un po’… voi cosa siete disposti a mettere sul piatto affinché si trasferisca sul vostro tavolo?
Composto da navigati uomini esperti del mondo il piccolo gruppo di spettatori afferra al volo la situazione e piacevolmente interessato si presta prontamente al gioco innescato:
cinquecento euro;
ottocento euro;
mille!
aggiudicato alla Cayrna Farma s.p.a.;
Il piccolo elegante giubbetto viene sfilato e lanciato sul tavolo mentre tutte e tre le offerte vengono coperte con degli assegni deposti nel piatto in una modalità fuori dalle norme di una vera asta, ma con l’evidente intenzione di incoraggiare il proseguimento della gara.
La ragazza ringrazia con un cenno del capo, allarga le braccia e compie un paio di veloci piroette mettendo in risalto la corta gonnellina che roteando si alza e generosamente lascia alla vista le cosce:
per la gonna quanto vogliamo fare?
mille!
duemila!
cinquemila!
aggiudicata alla Siepe s.p.a.;
Con eleganza la gonna viene sfilata e posata sul tavolo mentre le magnifiche gambe che danzano felinamente non vengono lasciate dagli sguardi ammirati;
Alla successiva serie di offerte la camicetta, lentamente aperta bottone per bottone in una sequenza sapientemente eseguita per accentuare la carica emotiva maschile che sta surriscaldando l’ambiente, segue la strada dei precedenti indumenti.
Alicia che si sta muovendo davanti al suo piccolo, ma selezionato pubblico con sensuali movimenti in una danza che esalta le magnifiche forme del suo corpo ormai solo coperto da una immacolata sottile canotta, annodata sulle nude spalle dai due piccoli nodi delle spalline, che le scende fino a metà dei fianchi lasciando intravedere la parte bassa del suo bianco slip.
Il bianco della biancheria esalta ancor di più il bruno colorito della sua abbronzata epidermide donando all’immagine del suo flessuoso corpo un risalto che ne accentua la carica erotica.
Le offerte degli uomini, ormai eccitati ed ammaliati, si susseguono e Alicia, in preda alla femminile voluttà esibizionistica caratteristica di chi ha la fortuna di possedere un corpo di siffatta perfezione, asseconda con malizia le richieste che ormai non deve neppure più sollecitare.
Pier è preoccupato, ma assiste impietrito dalla spudoratezza che la collega manifesta.
I nodi delle spalline della maglietta vengono sciolti e l’indumento soavemente le scivola ai piedi accarezzandole le splendide curve che ormai sono generosamente esposte all’avida ammirazione degli sguardi coperte solo dalla candida biancheria composta da un vezzoso reggiseno e da un paio di minuscole mutandine.
La ragazza lentamente danza e piroetta davanti agli occhi fissi e spalancati dei delegati farmaceutici per permettere che ogni angolo del suo corpo, così spudoratamente esibito, possa essere indagato e visivamente gustato dal desiderio che sprizza da ogni muscolo facciale degli spettatori.
Mentre Pier crede che ormai il “numero” sia terminato avendo raggiunto la somma degli assegni sul piatto una cifra consistente, con sbigottimento sente che i delegati non sembrano intenzionati a fermarsi ed osserva Alicia che incoraggia il susseguirsi delle offerte per il suo reggiseno accarezzandosi eroticamente, dal basso verso l’alto, il seno elevando ritmicamente le sode rotondità e spingendole quasi ad ergersi verso il suo molto interessato pubblico.
Quando le offerte, raggiunta una più che considerevole entità, si assestano anche per questo quasi ultimo indumento indossato viene scandita vivacemente dalla ragazza la fatidica frase:
aggiudicato!
Con evidente batticuore e palese avidità gli occhi maschili non si staccano dalle mani di Alicia che cominciano a fluttuare nell’aria come due brune ambrate ed eleganti farfalle andando ad abbassare, con studiata lentezza, prima una spallina e poi l’altra e posandosi in fine sul gancio di chiusura retrostante che la ragazza si premura si mostrare dando le terga al suo estasiato pubblico.
L’intensa attesa non dura molto in quanto il sistema di chiusura viene sganciato ed i lembi dell’indumento vengono aperti esibendo nuda agli sguardi indiscreti la splendida sinuosa schiena; mentre le mani sono a comprimere le coppe del reggiseno sul florido petto allo scopo di mantenerlo ancora celato, Alicia lascia per qualche minuto all’ammirazione della vista la sua parte posteriore esaltandone la bellezza con un lento e sensuale movimento dei fianchi e facendo lentamente perno su di un piede ruota su sé stessa per donare al suo pubblico anche la visione della sua parte anteriore.
Gli occhi maschili, pur accarezzando le morbide sinuosità dei fianchi, il delicato disegno delle spalle l’incontestabile perfezione delle gambe sono ipnoticamente attirati e fissi sulle mani che trattengono ancora strettamente il reggiseno, ormai aperto e penzolante nella sua parte posteriore, al suo tradizionale posto.
Quando Alicia, con manifesto piacere esibizionistico, decide di interrompere la spasmodica attesa e lentamente abbassa le braccia i magnifici nudi seni vengono impudicamente esposti per il piacere degli occhi e i saettanti capezzoli, turgidi dall’emozione e dall’eccitazione che la ragazza prova ad esibirli così spudoratamente, vibrano nell’aria fieri di essere avidamente concupiti dagli sguardi maschili incollati sulle sue splendide e sode rotondità.
Anche il reggiseno ha così raggiunto il tavolo degli offerenti.
Pier pur estasiato dallo spettacolo che la sua collega, che non si aspettava di una bellezza così statuaria, sta offrendo la osserva incredulo non riconoscendo assolutamente nella scatenata e spudorata giovane donna che così impudicamente da mostra di sé la seria ed impegnata collega con cui lavora da qualche mese.
Sembra quasi che per qualche misterioso motivo la carica della libido erotica le sia “aumentata esponenzialmente”.
Alicia è ormai solo coperta da un piccolo bianco slip e sembra che né lei né il gruppo di uomini che se la sta divorando con gli occhi intendano interrompere il gioco.
Le dita della ragazza sono sul bordo elastico delle mutandine:
forza signori un ultimo sforzo per quest’ultimo pezzo!
La ragazza si gira dando al suo pubblico le spalle, le dita stringono delicatamente il bordo e si posizionano sui fianchi, il busto si piega leggermente in avanti, il sedere viene proteso verso l’alto bene esposto alla visione del tavolo degli spettatori
l’indumento è di qualità, l’offerta dovrebbe essere adeguata, anche la fattura della stoffa interna è all’altezza, osservino signori;
Le mani rovesciano il bordo in basso fin quasi alle cosce mostrando l’interno dello slip, ma soprattutto denudando i nervosi e rotondi glutei ed offrendoli alla gioia degli occhi maschili. Dopo qualche secondo di abbassamento il bordo delle mutandine risale ed Alicia dopo aver esibito generosamente le sue rotondità posteriori ritorna a donare agli sguardi la parte anteriore del suo statuario corpo. Le dita continuano a pinzare il lembo superiore dello slip e si abbassano leggermente esponendo gran parte dell’inguine fino a far intravedere la prima peluria pubica.
I delegati farmaceutici, per una sorta di equità concorrenziale, ed in evidente estasi ammirativa offrono tutti l’ingente cifra di cinquantamila euro ciascuno.
Ad Alicia non resta ormai altro da fare che liberarsi dell’ultima barriera a sua difesa dagli avidi attacchi di tutti gli occhi maschili che non attendono altro.
Con un delicato ed elegante movimento si sfila le mutandine esponendosi così completamente nuda ed offrendo la sexy visione dello spettacolo del suo splendido corpo che viene bramosamente ammirato, guardato, esplorato, indagato, perlustrato, rovistato, frugato in maniera quasi parossistica.
Pier per evitare che la situazione si complichi interviene afferrando i vestiti sul tavolo, e li porge alla ragazza indicandole il locale servizi per andare a rivestirsi; elegantemente i delegati farmaceutici, paghi dello spettacolo che hanno potuto gustare si allontanano discretamente ringraziando Lassalle e lasciando una cifra più che cospicua sul tavolo che mai, in offerte personali e spontanee, si era raggiunta.
Rimasto solo Pier, cerca di analizzare a mente fredda, per quanto vi riesce perché anche lui è rimasto affascinato, turbato ed eccitato dall’estemporaneo ed imprevisto spogliarello, il comportamento della ragazza.
Non vedendola comparire verifica in bagno se ha finito di ricomporsi e, socchiudendo la porta, la vede a terra completamente vestita, ma priva di conoscenza.
Subito si precipita per rianimarla.
Alicia, Aliciaaa, mi senti?
Eh?…cosa?…dove sono?…(risvegliandosi);
ti senti bene?
si!…,ma…come mai sono in bagno?…mi sono sentita mancare a tavola e non ricordo altro, mi hai portata tu qui?….(sorretta da Pier ed uscendo dai servizi)…i delegati sono andati via?…oh..mi gira ancora un po’ la testa…ma quanto tempo sono stata senza coscienza?
siediti qui (porgendole una sedia) …come stai?…vuoi qualcosa da bere?…non ricordi nulla da quando sei?…da quando ti sei alzata da tavola?
no, no! …ti ho detto sono ancora un po’ confusa…ma cosa sono tutti quegli assegni?…ha ha, sei riuscito a spillare un po’ di finanziamenti, quanti sono?
Cinquemila euro!!
Cosaaaa?…ma come hai fatto a scucirli una cifra simile?
Chi? ioooo?…senti lascia perdere ti spiegherò dopo, piuttosto vuoi dirmi come ti senti?…hai qualche sintomo particolare?…hai mal di testa?…come ti spieghi questo improvviso svenimento?
ma,… sto bene, sono solo un po’ stordita…non ti preoccupare…non riesco capire cosa mi sia successo, non mi era mai accaduto di perdere coscienza così;
adesso ti porto a casa a riposarti, domani, dopo una bella dormita torniamo da Marco Cipriani che ti dà un’altra occhiata;
All’indomani sono in ospedale da Marco per un controllo “…a causa di un improvviso svenimento…”, così riferisce Alicia, mentre Pier, all’amico ed in separata sede, racconta quanto è avvenuto ipotizzando che “l’esuberante” comportamento della ragazza sia legato all’inoculazione subita dagli scimpanzé nel corso della sua esposizione scientifica.
Cipriani esclude a priori tale possibilità sottopone però Alicia ad un esame neurologico completo, ad un elettroencefalogramma ed ad altri esami clinici che danno tutti però esito negativo.
sono preoccupato (confida Pier all’amico medico) perché sembra quasi che Alicia abbia un sdoppiamento di personalità senza alcuna spiegazione, sai che quando non riesco a capire le cause di qualsiasi evento, per la… “deformazione professionale del ricercatore”…, non so darmi pace;
guarda, io non ho alcun elemento oggettivo che mi possa far giungere a qualche diagnosi, …ti ha fatto ottenere un cifra di finanziamento che neppure ti sognavi…e mi sembra ti abbia anche divertito con il suo…chiamiamolo così: “spettacolo”…non mi preoccuperei più di tanto…per scrupolo (sorridendo ironicamente) tienila comunque sempre sotto osservazione;
scherza tu! io non riesco ad assumere un atteggiamento coerente, …è come mi trovassi di fronte due persone completamente diverse…che però (quasi parlando solo a sé stesso) hanno caratteristiche estremamente piacevoli entrambe;
mi sembra che quella ragazza ti stia intrigando sempre più;
beh……..ciao ci vediamo;
Con Alicia tranquillizzata rientrano a casa di Pier.
Piero (italianizzando scherzosamente il nome del collega), ai sentito il tuo amico medico mi ha detto che non risulta niente dagli esami; …io mi sento bene, penso sia stato solo un episodio singolo, forse legato a qualche problema, …come dire …“femminile”, mi sento abbastanza tranquilla; …sei carino però a occuparti così di me (lanciandogli uno sguardo particolare con i suoi ammalianti occhi verdi, avvicinandosi ed intrecciando il proprio braccio con il suo);
Beh…(in piacevolissimo imbarazzo) …in fondo sei mia ospite, sei qui a Parigi da sola…mi sento un po’ responsabile di quello che ti succede;
ah!…insomma …quasi un dovere professionale da “vecchio” collega verso l’inesperta nuova studiosa?
no, no…non volevo dire questo, …anzi tutt’altro…mi sto affezionando a te…e…non capire la causa di un evento, i tuoi mancamenti nello specifico, mi mette a disagio, forse è una deformazione professionale del ricercatore;
va bene, va bene…ma …a volte!… bisogna anche non essere solo razionalità, e poi non ho bisogno che ogni momento tu mi faccia lezione, sono laureata e specializzata anch’io come te, mi tratti sempre come fossi una tua studentessa (seccata si stacca da lui in modo evidente);
ma no!…e poi non mi sembra di mettermi in cattedra…volevo solo dirti che…(cercando di recuperare il discorso);
va bene, va bene chiudiamola lì… e poi dovrebbe essere presto ora che io ritorni a casa mia, non vorrei che la forzata convivenza ti mettesse in testa strane idee su di me! (con evidente alterigia);
ma…possibile che i nostri discorsi finiscano sempre a scivoloni e non si riesca mai a concludere civilmente;
non sembra che questo dipenda da me;
beh…insomma…si sarebbe molto da dire a riguardo…
In silenzio e in un ambiente fra loro raggelato rientrano a casa e si ritirano nelle loro stanze.
Durante la notte, in un momento di sonno particolarmente leggero, Pier viene però svegliato da alcuni rumori provenienti dalla zona comune ed improvvisamente una soffusa ma intensa luce proveniente dalla lampada a terra si diffonde improvvisamente nella sua stanza; Pier si gira e scorge Alicia, che ha appena azionato l’interruttore, con un lampo di luce ferrigno negli splendidi occhi verdi ed un sorriso dolcissimo che lo fa paralizzare: la ragazza è appoggiata allo stipite della porta e lo sta fissando indossando il suo ampio pigiama in seta bianca che ne cela le forme; Pier guardando i piedi che spuntano dai pantaloni del pigiama rivestiti da aderentissimi sexy stivali in alcantara nera si sente mancare e nella mente cominciano a turbinare le domande:
(oddio che intenzioni ha? …è cosciente? …è in sé? …di chi sono quelle due perle verdi che mi fissano? …della dottoressa Sullivan o dell’Alicia dello strip-tease dell’altro giorno? …cosa devo fare?…Pier stai fermo…e tu lì in basso non cominciare ad agitarti che non è proprio il caso di muoversi!)
Alicia fa un passo verso di lui e, continuando a scavargli le orbite con il suo smeraldino sguardo, si infila le mani sotto il bordo della giacca del pigiama, afferra il bordo dei pantaloni e gli abbassa fino alle caviglie contemporaneamente accovacciandosi in modo che il coordinato movimento delle mani e dei suoi arti inferiori ha permesso a Pier di vedere le sue splendide cosce solo per qualche brevissimo attimo; quando però subito dopo si rialza i pantaloni restano arrotolati ai suoi piedi e le magnifiche gambe, fasciate fino al ginocchio compreso dagli aderenti sensuali stivali neri si lasciano ammirare coperte solo nella parte inguinale dalla giacca del pigiama.
(oh mio dio, mio dio… sta cominciando come l’altro giorno… Pier stai fermo…non muovere un muscolo…forse stai sbagliando…e’ solo un po’ di sonnambulismo)
Languidamente le mani iniziano ad armeggiare con il primo bottone della giacca del pigiama e lo aprono per poi passare al secondo ed a tutti gli altri, ma data l’ampiezza dell’indumento la stoffa continua a coprire morbidamente il busto della ragazza, che dopo aver terminato la sbottonatura, si serra leggermente le braccia sotto le curve dei seni scoccandogli un inquietante sorriso e stringendosi l’indumento al busto.
(ecco vedi forse ti sei sbagliato non ha nessuna intenzione di mostrarsi…si ma si muove e mi sorride in un modo…stai buono laggiù!…mi sta facendo eccitare solo a guardarle le gambe, con quegli stivali così glamour poi…)
Alicia si gira lentamente e sempre stringendo a sé la giacca di seta che manda i caratteristici affascinanti bagliori di luce della seta di alta qualità, gli dà le spalle. Pier dai movimento volutamente lenti della braccia si rende conto che la ragazza si sta divaricando i bordi anteriori della giacca sbottonata ed infatti il retro del collo di seta comincia a scendere dalla nuca verso il basso, ad aprirsi scoprendo le armoniose linee delle spalle, le mani di Alicia scendono e la schiena si scopre completamente rivelando che sotto la candida giacca, che si è fermata all’altezza dei fianchi, indossa una semitrasparente cortissima camicia da notte nera che termina a metà delle mutandine anch’esse in sexy tessuto nero impreziosito da un elegante pizzo; anche la giacca finisce sul pavimento e mentre si porta entrambe le mani a massaggiarsi la nuca la ragazza bilancia il suo splendido corpo prima su di una gamba poi sull’altra, poi ancora sulla prima e così di seguito con un lento sensuale movimento che mette in risalto le sue erettili rotondità posteriori in particolare e tutte le sue sinuose membra in generale.
(Madonna sto cominciando a sudare…devo pensare ad altro!…bravo! provaci se sei capace…guarda che non deve essere cosciente di quello che fa!…si,si, ma lo fa in un modo che…bastaaa, devo cercare di fermarla…noooo! Stai fermo potresti provocarle un trauma…la fenomenologia psichica non l’hai mai approfondita)
Lo splendido corpo femminile in sexy negligé nero ruota su sé stesso e Pier annega nel verde mare di uno sguardo smeraldino che lo accarezza dolcemente e per salvarsi abbassa gli occhi e si ubriaca nelle rotondità delle poppe le cui dolci sferiche forme si intravedono alzarsi ed abbassarsi al ritmo di un tranquillo respiro; le mani di Alicia sono sui filamenti delle spalline che sorreggono la nera camiciola che esalta le sue forme; le abbassa e ne fa uscire le braccia, ne afferra il bordo superiore ed inizia a farla scendere verso il basso superando lentamente la dorsale della rotondità dei seni, scivolando sulla levigata e piatta superficie del ventre, allargarsi per superare la morbida sinuosità dei fianchi, accarezzare voluttuosamente le cosce ed andare a farla cadere ai sul pavimento ai suoi piedi, sul pigiama già da tempo adagiato a terra.
Un breve passo all’indietro per allontanare con un elegante movimento della gamba, la rappresentazione sublime di un lento calcio agli indumenti che scivolano via sul lucido parquet, ed inarcando lievemente la schiena per protendere il busto verso Pier e lievemente accentuare così l’esibizione di un magnifico corpo celato ormai solo da un nero piccolo reggiseno che annodato anteriormente, probabilmente un po’ sottomisura, le comprime il petto dando l’impressione di voler trattenere delle poppe che scalpitano per mostrarsi ed esibire al vento i capezzoli che si intuiscono ormai turgidi dal piacere; la parte inguinale è invece celata da delle nere elegantissime mutandine bordate di pizzo ed allacciate sui fianchi da delle strisce di tessuto annodate in due graziosi piccoli nodi; Alicia nella diffusa ed intrigante luce della stanza dà donando a Pier un’erotica visione del suo corpo che viene esaltata dal modo con cui la ragazza sa sensualmente muoversi.
Pier è letteralmente impietrito e sta eroicamente combattendo per frenare il suo desiderio che sta esplodendo sotto i potenti stimoli che gli occhi stanno trasmettendo, anche se un organo centrale del suo corpo (…non si tratta del cuore…ma di un certo gonfiore un po’ più in basso…) sta decisamente ribellandosi e sfuggendo al controllo della volontà di repressione.
I verdi smeraldi che Alicia usa come occhi stanno accarezzando con un dolce sguardo perlustrativo tutta la figura dell’immobile biologo animale che le sta di fronte mentre la mani iniziano ad armeggiare per sciogliere il nodo del reggiseno; quando il lavorio è ultimato, il nodo è sciolto e le dita stringono i due lembi, ragazza inspira profondamente ampliando cosi il volume del petto con l’effetto che quando le mani aprono il reggiseno e le braccia si allargano in un ampio e chiaro gesto di offerta i due sodi seni si slanciano nudi nell’aria mostrandosi ed esibendo all’apice della loro dolce curvatura i due carnosi e purpurei capezzoli che vibrano nel vento quasi inebriati dal piacere di finalmente lasciarsi ammirare.
Pier deve stringere i pugni per impedire alle sue mani di protendersi ed andare a cogliere i due fiori che gli si offrono spudoratamente:
(fermo, fermo, fermo…sto sudando come una bestia…dio non so se riesco a non saltarle addosso…mi sta eccitando volutamente?…no! non è cosciente di quello che fa…si, ma come faccio a resistere…pensa ad altro, pensa ad altro, pensa ad altro…)
Sembra che Alicia si diverta a portare all’estremo la tensione del povero Pier; infatti dopo aver lanciato lontano l’ormai inutile reggiseno porta le mani dietro la schiena inarcandola ed slanciando in avanti i seni ed avvicinandosi gli apre la giacca del pigiama denudandogli il torace; gli protende ulteriormente contro le due splendide rotondità per strofinarli lievemente addosso i capezzoli irti come spilli.
Dopo averlo provocato così palesemente arretra di un paio di passi per mettersi in una posizione in cui lui, cogliendo con uno sguardo l’intera sua figura, possa ammirare al meglio lo scultoreo corpo che gli sta facendo assaporare con gli occhi.
Porta il palmo della mano completamente aperta sulla zona pubica per trattenere la parte anteriore dello slip e si gira dandogli le terga che protende poi verso di lui in un gesto di ulteriore offerta, mentre con la mano libera scioglie uno dei nodi, quello sul fianco sinistro, che sostengono l’ultimo indumento rimastole addosso.
Mantenendo la posizione quasi di offerta del suo voluttuoso sedere scioglie anche il nodo sul fianco destro facendo crollare in basso la parte posteriore dello slip, spogliando completamente le dolci rotondità impudicamente protese e donandogli l’immagine delle sue natiche integralmente denudate.
Dopo alcuni secondi in cui si è prodotta in un dondolante ancheggiamento, senza muovere i piedi sempre fasciati dai neri stivali in alcantara, che le ha esposto in maniera ancor più erotica le terga con una elegante e lenta giravolta ritorna ad offrirgli la visione della sua parte anteriore con il procace nudo seno sempre ben eretto nella luce soffusa della stanza e coperta ormai solo dalle nere mutandine, tenute compresse dalla sua mano sul pube, con i lacci completamente sciolti e penzolanti e che lasciano scoperta gran parte dei morbidi fianchi e della giunzione delle gambe all’inguine.
Sensualmente con la mano libera si ravviva i capelli in un gesto tipicamente femminile di abbandono accentuando ancor di più il già evidente senso di messa a disposizione, almeno visiva, del suo magnifico corpo ormai quasi integralmente esposto. Contemporaneamente anche la mano che stringe lo slip con studiata lentezza si allontana lasciando liberi al vento ed all’ammirazione dello sguardo di Pier il groviglio dei morbidi bruni peli pubici della sua parte più intima offrendosi così completamente nuda al collega.
Pier chiude gli occhi sforzandosi eroicamente di controllarsi:
non muoverti…non fare niente…sarebbe come approfittare di una bambina o peggio…lei non è affatto in sé e non è cosciente di quello che sta facendo…è tutta una reazione biochimica degli estrogeni o di quello che diavolo ha preparato lei…e poi non ci sarebbe soddisfazione senza la sua conscia partecipazione…
Sente che della stoffa lo colpisce al volto: sono le mutandine di Alicia che lei gli ha scagliato in faccia; fa appena in tempo a rendersene conto che vede la ragazza vacillare con uno sguardo vacuo e capisce che sta perdendo i sensi; con uno scatto prima che lei si accasci al pavimento riesce ad abbrancarla e sostenerla; la prende in braccio, la riporta nella sua stanza e delicatamente la stende sul letto, recupera il suo pigiama con il quale la riveste, e tutta la biancheria che deposita accuratamente nei cassetti dove la giovane tiene il suo vestiario; controlla poi il ritmo del respiro ed il battito cardiaco, che non destano alcuna preoccupazione, e la accomoda bene rimboccandole le coperte e lasciandola a completare il sonno della nottata.
Ormai Pier è convinto che gli strani comportamenti siano conseguenti di qualche reazione chimica dovuta alla soluzione iniettata in Alicia che le provoca delle esplosioni libidiche incontrollabili, anche se la sua parte scientifica-razionale non riesce ad inquadrare il fenomeno nei meccanismi bio-chimici conosciuti.
Ancora nella mattinata successiva si precipita in ospedale da Marco Cipriani a relazionargli l’accaduto ed a chiedere ancora consiglio.
L’amico però gli ribadisce ancora che dal punto di vista medico non ritiene assolutamente di intervenire e per quanto riguarda i comportamenti da tenere:
senti mi sembra che inconsciamente la ragazza ti chieda “qualche cosa” portatela in vacanza, magari in Grecia dal tuo professor Lacombe che mi sembra sia anche medico, e cerca di approfondire e magari soddisfare la sua richiesta (ridendo apertamente) così la estranei ulteriormente dal suo ambiente e ciò può favorire la completa “guarigione”, ammesso che sia questo l’obiettivo da raggiungere (sempre sorridendo ironicamente);
hai sempre voglia di scherzare tu…;
La proposta di Marco però gli si è instaurata nella testa e nel pomeriggio telefona al professor Lacombe spiegandogli la situazione, che subito si offre di ospitarli:
guarda per me non ci sono problemi, anzi sono quasi contento in quanto posso chiederti un favore dato che tu sei uno skipper provetto: qui a Skiatos ho la mia piccola barca e fra una quindicina di giorni mia moglie ha appuntamento a Corfù per una piccola crociera nello Jonio con dei colleghi e dovrebbe averla a sua disposizione; io fra qualche giorno devo essere a Londra e non possono assolutamente portarla; se puoi potresti farmi il favore di trasferirla tu facendo una vacanza con Alicia fra queste splendide isole greche così vi riposante un po’ entrambi; parlatene e fatemi sapere; potete raggiungere Skiatos in poche ore con un dei numerosi voli estivi; eventualmente fammi sapere quando arrivate;
Sottopone quindi ad Alicia l’idea della vacanza nel mare Egeo; la ragazza in un primo momento esclude totalmente la sua partecipazione, mai poi al sapere che si raggiungerà il professor Lacombe, a cui sembra molto affezionata, accetta la proposta.
Grazie alla capacità ed efficienza organizzativa di Pier nella serata del giorno successivo i due giovani sono già fuori dell’aeroporto di Skiatos che tentano, senza successo, di mettersi in contatto telefonico con il professor Lacombe per raggiungerlo presso la sua a casa a nord dell’isola. Lasciato al professore il messaggio sms per essere richiamati e depositati i pochi bagagli nel deposito dell’aeroporto si incamminano nelle viuzze del centro abitato dove Alicia è interessata a tutto come una bambina che scopre un nuovo mondo, è infatti la sua prima vacanza nell’Ellade, mentre Pier, già esperto per i suoi numerosi viaggi nell’Egeo, le fa da Cicerone.
Nel loro girovagare senza meta, affascinati dal magnifico ambiente naturale, avvolti nel caldo dell’estate greca e dagli infiniti profumi mediterranei sparsi nell’aria, ma soprattutto avvinti dal piacere di stare assieme si ritrovano fuori dall’abitato verso la sommità del piccolo rilievo di Skiatos, dove scorgono i resti di un’antica e solitaria chiesetta abbandonata dotata di uno svettante piccolo campanile.
Vincendo le flebili proteste del collega che per prudenza non vorrebbe entrare Alicia riesce a trovare una breccia ed ad introdursi all’interno dell’edificio, subito seguita da Pier che non intende abbandonarla.
Nel fondo della chiesa, dietro i resti dell’altare scovano poi la porticina che conduce nel ristretto ambiente alla base del campanile da cui parte una ripida scala a chiocciola che sale alla cella campanaria.
Inutile dire che dopo pochi attimi sono entrambi nell’angusto locale alla sommità del campanile da dove, dalle antiche e semplici bifore si gode nel silenzio del luogo e nella dolce brezza marina serale uno splendido panorama dell’isola e del mare.
Affacciati all’esiguo davanzale verso il mare, isolati dal mondo a causa dell’altezza e del silenzio del luogo, stretti uno all’altra dal poco spazio disponibile ed abbandonati alla magia del momento i loro corpi sono accostati ed in un contatto che la leggerezza dei vestiti estivi rende erotico.
Nell’animo di Pier la visione del mare, del panorama dell’isola, i profumi ed i rumori nell’aria lentamente si dissolvono per essere totalmente sostituiti dalla percezione tattile delle dolci forme della ragazza stretta a lui occupando in maniera dirompente la mente dell’uomo ed eccitandolo.
Quando poi il viso di Alicia si gira dolcemente verso di lui, i due occhi smeraldo lo avvolgono in un tenero sguardo e le labbra si dischiudono in un tenue sorriso a pochi centimetri dalla sua bocca l’attrazione esercitata dalla ragazza lo sommerge: delicatamente le cinge la vita e la bacia stringendola ancor di più a sé, trovando una debolissima resistenza iniziale che si trasforma in una arrendevole abbandono ed una successivo appassionato contraccambio per concludersi infine in una fuga veloce.
Staccandolo con finta energia e con tono falsamente scandalizzato Alicia si allontana di quel tanto che l’angusta cella campanaria le consente apostrofandolo:
ma Piero che fai? ..cosa ti viene in mente? (mentre i suoi occhi sprizzano gioia quasi in maniera tangibile);
guarda che è da quando ti ho vista alla stazione che mi fai impazzire; non sono mai riuscito a dirtelo perché non volevo che i miei sentimenti influissero sul nostro lavoro, ma ormai non riesco più a nasconderti ed a nascondermi quello che provo;
dottor Lassalle! La prego si ricomponga, questi sono discorsi che non mi posso aspettare da lei (semiseria si gira dandogli le spalle ed appoggiandosi al centro di un’altra finestra per impedirgli di occupare il restante spazio e tornando ad ammirare il sole che sta scendendo verso la linea dell’orizzonte sul mare);
Pier resta diversi secondi ad osservare il retro della figura di Alicia, languidamente appoggiata alla bifora, ammirandone le morbide forme che può intuire sotto il leggero e multicolore vestitino della ragazza, quasi a scegliere le modalità di attacco al magnifico corpo femminile avendo ormai deciso sia giunto il momento di prendere decisamente l’iniziativa.
Alicia immobile ed in silenzio osserva le barche in lontananza sul mare aspettando gli eventi e cercando di dimostrare un’indifferenza che certamente non prova. Dopo un’attesa che le sembra fin troppo lunga sente sul sedere il solido contatto della materializzazione concreta e vibrante del desiderio dell’uomo che inizia a muoversi mentre Pier la cinge sulla vita con un braccio ed inizia a baciarle e mordicchiarle con le labbra la nuca, il collo e le spalle provocandole brividi di piacere.
Mentre la ragazza resta immobile abbandonata alle eccitanti nuove sensazioni sente le mani dell’uomo che dal retro delicatamente si introducono sotto la gonna iniziando ad accarezzarle le cosce risalendo verso i fianchi, penetrano poi, dal basso verso l’alto, sotto le mutandine e le abbassano delicatamente fin quasi alle ginocchia; le sapienti carezze corrono ora sulle natiche denudate, sulle cosce, risalgono quindi sui fianchi ritornano sui glutei in una continua erotica danza a cui Alicia si abbandona eccitata sempre più al punto da assecondare le mani maschili innalzandosi sulle punte dei piedi ed assumendo una posizione che espone maggiormente le sue dolci rotondità posteriori alla manipolazione in atto.
Mentre i baci sul collo e nei capelli continuano appassionatamente la mano sempre più impudica e intraprendente, facilitata dalla posizione assunta da Alicia che ha appoggiato completamente il busto al davanzale ed ha elevato maggiormente il bacino, si introduce nel taglio fra i glutei scendendo nella parte bassa ad accarezzare la più recondita ed inesplorata zona fra l’orifizio anale e quello vaginale. Risale poi artigliando dolcemente le grandi labbra e arruffando con i polpastrelli i peli pubici stimolando al massimo i sensi della giovane che ormai è travolta dal piacere e mima una resistenza verbale sussurrando:
Pierooo!, …ooooh!, che stai facendo? mi vuoi far impazzire? …hmm
ma asseconda con sensuali movimenti del corpo la manipolazione che sta pienamente assaporando. Le dita penetrano poi più profondamente andando a ricercare la piccola appendice carnosa chiave per la massima voluttà femminile e portano dopo pochi estatici secondi Alicia nell’empireo erotico dell’acme orgasmico.
Dopo qualche secondo di rilassatezza, mentre le mani di Pier sono ancora a stringerle ed accarezzarle i fianchi, Alicia ruota su se stessa per cingere con le braccia il capo dell’uomo e cercargli avidamente la bocca in un intenso bacio per poi cercare di slacciargli la cinta ed offrirglisi interamente quando:
aieee, aieee, aieee (il suono del cellulare di Pier li riporta entrambi dal cielo alla terra);
pronto professore è Lei? (Pier è già riuscito a leggere sul display il chiamante);
si! mi scuso sono stato trattenuto, sono giunto solo da poco qui all’aeroporto, dove siete voi? cosa state facendo?;
beh, stiamo godendo… di ciò che offre di meglio l’isola (mentre Alicia sorridendo gli si sta stringendo contro e gli sta baciando il collo);
Alicia è con te? vi aspetto qui?
si! ci dia un po’ di tempo per raggiungerla perché siamo fuori dell’abitato, volevamo ammirare il tramonto dall’alto del rilievo, adesso veniamo! (chiudendo la comunicazione);
Alicia, continuando a stringerlo a sé:
ma scusa questo è un “coitus interruptus” …soprattutto per te …poverino! …potevi almeno prenderti un po’ di tempo;
guarda (sorridendogli e baciandola dolcemente) è destino che tu mi faccia uscire di senno in tutti i modi possibili! per ora (enfatizzando il tono su queste ultime parole) va bene così, e poi forse ho la vocazione del missionario (ridendo), adesso è meglio che andiamo;
Si ricompongono velocemente quindi, un po’ in apprensione, ma sorridenti e tenendosi per mano, ridiscendono verso l’aeroporto.
Raggiunto l’aeroporto, ritirano il loro bagaglio e si incontrano con il professor Lacombe:
ciao Pier, Alicia come va? È parecchio che non ti vedo; tua madre sta sempre bene? scusatemi ragazzi ma non ho proprio potuto raggiungervi prima; spero non vi siate stufati nell’attendermi!
professore buona sera, mamma la ricorda sempre cordialmente e la saluta; …no non è stato di nessun disturbo il suo ritardo…il tempo ci è volato e ci siamo divertiti a gironzolare un po’ sull’isola;
venite (indicando loro la propria automobile) che andiamo al porto turistico dove ho la barca; potete accomodarvi già stasera; domani Pier saprà certamente come muoversi, è un ottimo navigatore e molto esperto dell’Egeo;
Con l’automobile raggiungono il piccolo porto turistico di Skiatos dove il professore consegna loro la barca ancorata in una postazione un po’ defilata e li lascia augurando una buona vacanza e prendendo accordi per il loro rientro a Parigi.
I due giovani sono così di nuovo soli sottocoperta nella piccola stanza da letto dove stanno concludendo di sistemare i loro esiguo vestiario da crociera negli armadietti.
Al termine delle operazioni Pier prende dolcemente per mano Alicia e la fa sedere sul letto accomodandosi vicino a lei:
ascoltami Alicia credo sia meglio chiarire subito una cosa che non ho avuto ancora il tempo di dirti e dopo quello che è successo lassù nella “la cella campanaria” non vorrei ti facessi una brutta idea di me; sto parlando dei miei sentimenti verso di te! (Alicia seria seria lo sta guardando intensamente) io mi sono innamorato di te! fin dal primo momento che ti ho vista alla stazione sono stato travolto dalla tua bellezza, ma poi conoscendoti un po’ di più mi sei entrata nel cuore sempre più profondamente (Alicia rimane attenta, ma le labbra impercettibilmente hanno dei tremiti verso un sorriso mentre nel mare verde dei suoi occhi brillano dei lampi di gioia) mi attrai prepotentemente sul piano fisico perché hai un corpo che mi fa impazzire, ma anche quando sono con te senza nessuna implicazione sessuale il cuore mi batte e non vorrei mai staccarmi da te; insomma …ti amo ed il mio approccio sul campanile è originato da questi miei sentimenti che ti assicuro sono seri e sinceri; spero di non averti offesa perché per me, per certi aspetti sei ancora un mistero impenetrabile (le deposita un tenero e breve bacio sull’angolo superiore della bocca stringendole lievemente entrambe le mani e rimanendo in attesa delle sue reazioni);
Alicia, continuando a guardarlo quasi adorante, gli si avvicina ancor di più:
ma tu proprio non ti ricordi di me? di quando ci siamo visti per la prima volta?
oddio no! …prima dell’incontro in stazione non ho la sensazione di averti già vista!
mio padre è un ingegnere meccanico, ma mia madre insegna tecnologie bio-mediche: è Valeria Grassellì amica e collaboratrice del tuo professor Lacombe; ti dice niente questo?
Gesù! …la professoressa Grassellì! …ma è una delle più quotate…ma io anni fa sono stato anche a casa sua a Bordeaux con il professor Hugo!
ed hai conosciuto anche la sua famiglia comprese le due figlie Helena e …Alicia!
cielo! …ora ricordo …ma eri una bambina, cioè una ragazzina!
quattordici anni per la precisione! …ma mi sentivo già donna ed avevo già i miei “pensieri femminili” al punto di essere “rapita” dal bellissimo, dolce ed educato giovane assistente dell’amico di mamma, che mi “prese” come un “colpo di fulmine”…si chiamava Pier…come ho scritto tante volte sul mio diario di adolescente…lui credo mi avesse notato a malapena;
eri una ragazzina quasi insignificante, neanche paragonabile al “sole” che sei adesso;
ah… complimenti dottor Lassalle!, …lei che è un esimio biologo, dovrebbe sapere che le femmine del genere umano, raggiunta una certa età, vengono investite da un processo che le fa maturare e trasformare da bambine a donne, …oh no? …comunque anche se non ti ho più visto da quei giorni della vostra visita, mi sei rimasto dentro nel cuore nascosto per tutti anni del liceo e dell’università, che ho frequentato in Germania ad Amburgo, la famiglia di mio padre è di origini anglo-tedesche; fra l’altro, perché tu capisca alcune cose e non fraintenda, a seguito del miglioramento dell’aspetto del mio corpo per mantenermi agli studi all’estero ho frequentato delle scuole di lap-dance e di strip-tease che mi hanno permesso di ottenere delle assunzioni temporanee abbastanza remunerative presso dei locali …hoo! locali seri, non farti idee sbagliate! …nessun tipo di contatto diretto con la clientela!…
ma allora! …i tuoi svenimenti!? …la tua perdita di coscienza!?…
già quello che ho fatto mi è costato un notevole coraggio, ….cosa potevo fare? … mettiti nei miei panni …dovevo escogitare qualcosa…
brutta bastarda!! …mi hai preso in giro, facendomi quasi dannare (ridendo, baciandola di nuovo e spingendola a sdraiarsi sul letto ed cercando di abbracciarla);
aspetta! (fermando dolcemente il suo approccio) non ho ancora finito! …mi sono laureata in etologia animale, ho lasciato la Germania e, grazie alle conoscenze di mamma, sono entrata a lavorare nella facoltà di Bordeaux con il professor Saoluc; quando poi, per i miei studi sulla sessualità dei primati, mi è stata consigliata una collaborazione con l’equipe professor Lacombe di Parigi, avevo letto alcuni tuoi lavori sulla biochimica del sistema nervoso degli scimpanzé, mi è venuto il batticuore ed ho accettato con la speranza ed il timore (ero assolutamente convinta che la realtà avrebbe distrutto quello che mi era rimasto dei miei sogni di ragazzina romantica) di vederti di nuovo; non ti dico poi cosa ho provato quando mi è stato detto che il professor Lacombe aveva fatto proprio il tuo nome per affiancarmi nel lavoro; …il resto lo conosci anche se non sai che il conoscerti e addirittura convivere con te non solo non ha distrutto i sogni della ragazzina, ma hanno fatto ingigantire quelli della donna che credo si sia innamorata pure lei…(attirandolo a sé e scoccandogli un nuovo lungo bacio sulla bocca);
un momento dolcissima strega! (al termine dell’amplesso orale) ….non mi è chiara un’altra cosa, il fondamento scientifico della tua ricerca bio-chimica sulle mie cavie!…e poi quell’episodio con i miei scimpanzé cosa diavolo è successo?
ah beh…quanto è successo con le tue cavie proprio non me lo spiego, addirittura per un momento ho pensato gli avessi addestrati tu per danneggiarmi, lì mi sono presa uno spavento.. per la ricerca con il siero…invece (ridendo divertita) …beh…anche quella è una mia piccola bugia a fin di bene, anzi d’amore… se tu avessi letto fino in fondo la documentazione presentata in segreteria affinché il consiglio di facoltà mi autorizzi a lavorare con te avresti potuto osservare che la mia ricerca è sì sull’attività sessuale dei primati, ma non dal punto di vista bio-chimico, che sarà un aspetto che dovrai aiutarmi ad indagare tu, bensì nell’ottica dello studio dei fenomeni comportamentali all’interno dei rapporti sociali del branco, come compete ad un etologa come me; …poi, a livello del tutto personale (lo accarezza e lo bacia) ho voluto aprire un piccolo esperimento nel campo della specie superiore, constatare cioè le reazioni ad una determinata stimolazione erotica, del tutto visiva, di un maschio umano…e…(sempre sorridendo affettuosamente) devo dire che mi sei sembrato un po’ come un “diesel”…difficile da avviare…spero che analogamente avrai un rendimento superiore sul lungo termine…(gli si stringe contro facendogli sentire le morbide curve);
razza di canaglia…così le cavie non erano i miei animali…ma io stesso… te la farò pagare…(sorridendo la fa alzare in piedi ed inizia ad slacciarle i bottoni del leggero vestito).
Sorridendo allegramente Alicia si lascia sbottonare e sfilare il vestito restando in reggiseno e mutandine; solleva poi in alto le braccia sopra la testa andando ad appoggiarsi con le mani al basso soffitto della cabina esponendo così il suo magnifico corpo in uno stato di abbandono e di offerta verso Pier.
ha ragione dottor Lassalle, …ecco, faccia di me quello che vuole, …perché devo dirle che se per una donna è piacevole spogliarsi e lasciarsi ammirare è molto più eccitante lasciarsi spogliare dall’uomo che ama… …però continui a sussurrarmi quello cose carine che diceva prima riguardo ai sentimenti che prova verso questa sua collega…
certo che ti amo, …amore ti amo, ti amo….
continua a sussurarle nell’orecchio Pier mentre l’attira a sé e la riempie di baci sul viso, sul collo, nei capelli, sulle spalle; le mani vorticosamente l’accarezzano e la stringono in ogni morbida curva del corpo; le labbra continuano a baciare e mordicchiare ogni lembo di epidermide scoperta facendo accapponare la pelle della giovane in un continuo brivido di piacere; rapidamente poi le dita sganciano la chiusura del reggiseno che viene sfilato e lasciato cadere al pavimento denudando i magnifici seni su cui avidamente prima le mani e poi la bocca si gettano a carpirne e gustarne rispettivamente la consistenza ed il sapore; mentre le labbra succhiano alternativamente i due capezzoli turgidi di voluttà le braccia serrano le dolci rotondità posteriori e sollevano delicatamente Alicia per poi lievemente adagiarla sul letto dove per un attimo l’abbandona per liberarsi in pochi secondi anche lui dei vestiti; riprende poi immediatamente i baci le carezze sul viso, sul collo, sulle spalle, sui seni, sui capezzoli, sul ventre, facendola nuovamente fremere e mugolare dal desiderio; le mani poi si portano sui fianchi afferrando il bordo delle mutandine che vengono quasi brutalmente sfilate esponendo all’aria l’intera zona pelvica e completando il denudamento del sinuoso e magnifico corpo femminile provocando contestualmente in Alicia l’ennesimo fremito di piacere nel sentirsi cosi irruentemente bramata; le effusioni aumentano via via di intensità mediante il continuo lavorio di baci e di teneri morsi labiali sulla gola, sulle spalle, sull’attaccatura alta del seno, sui capezzoli che vibrano come purpurei fiori di carne al vento dello spasmo erotico, nella curvatura inferiore delle sode rotondità dei seni; quando una mano dell’uomo si incunea sotto il sedere prendendo possesso dei morbidi glutei l’altra le ghermisce il pube e i polpastrelli iniziano a tamburellare le grandi labbra elevando continuamente l’eccitazione della ragazza che si inebria della netta sensazione di essere intensamente agognata dall’uomo che ama e che ha riempito i suoi sogni di ragazzina, desiderio che sente vigorosamente materializzarsi nell’eretto e turgido membro che Pier continua a farle percepire strusciandoglielo contro ogni parte del corpo fino a portarglielo fra le cosce ed indirizzarlo decisamente verso la sua naturale meta.
Alicia si abbandona alla voluttà del sentirsi accarezzata, toccata, manipolata, appetita dalle mani dell’uomo che ormai la stringono continuamente in ogni più recondita parte del corpo: stringendole i capezzoli al confine fra il piacere ed il dolore, scarmigliandole ed arruffandole i capelli, premendole le natiche entrando profondamente nel taglio fra i glutei; le loro bocche si uniscono in un profondo bacio mentre il pene dell’uomo sta ormai impetuosamente premendo per dilatare le grandi labbra vaginali ed incunearsi all’interno alla ricerca del massimo piacere; l’eccitazione ha ormai raggiunto livelli parossistici ed Alicia si sente penetrata a livello orale dalla guizzante lingua dell’uomo che le perlustra la cavità e ricerca l’unione con la sua lingua, a livello anale dove mentre le mani le stringono saldamente le natiche le dita sono ormai all’interno dell’orifizio andando quasi a cercare la punta del glande ormai entrato nella cavità uterina e che la sta letteralmente facendo impazzire di piacere con un vigoroso movimento sussultorio che anche lei asseconda con impetuosi movimenti del bacino felice di sentirsi così pienamente concupita e posseduta da colui che ha riempito tante volte i suoi sogni notturni, finché entrambi all’unisono in un urlo quasi muto raggiungono l’apice della soddisfazione del desiderio.
Pienamente appagato Pier scivola di lato ad Alicia rilassandosi nella “…quiete dopo la tempesta…” mentre la ragazza sta ancora assaporando i resti delle meravigliose sensazioni appena provate e gli si rannicchia addosso facendosi teneramente avvolgere nell’abbraccio protettivo in cui lui l’accoglie.
Piero, sei una cosa straordinaria… dove hai imparato a far impazzire così le donne? …non venirmi a dire che hai una vita casta…scommetto che hai un elenco di fanciulle in attesa che non aspettano altro che essere accolte nel tuo letto…
non dire stupidaggini! …se divampa un grande fuoco significa sempre che esiste un ottimo combustibile; …tu sei una bomba sexy che farebbe bruciare anche l’acqua …non mi è mai capitato di avere vicino una bellezza erotica come sei tu, ma poi non credo sia solo questione di bellezza, tu sei una mix di angelo e diavolo da far perdere la testa anche ad un santo; …se a fine lavoro ritorni a Bordeaux mi faccio trasferire presso il professor Saoluc;
Felice per i nuovi complimenti Alicia gli scivola poi sopra tormentandolo di bacetti sul collo e sulle scapole, intrecciando nuovamente i loro corpi e donandogli ancora la dolce tattile percezione delle sue morbide curve che fanno ridecollare il desiderio dell’uomo che ricomincia ad accarezzare e stimolare il corpo femminile sopra di lui facendo correre i polpastrelli delle dita lungo la spina dorsale, dalla nuca ai lombi e viceversa e poi giù fra le natiche lungo i fianchi in una dolce danza mentre la bocca cerca le dolci labbra per un ennesimo bacio profondo che li fa sprofondare entrambi in un nuovo mare di godimento.
Ora è Alicia che a cavalcioni si fa penetrare e lo accoglie dentro di lei ergendosi con il busto ad offrire alla bocca di Pier i seni ed i capezzoli, tornati eretti e vibranti, mentre le mani di lui le stringono i fianchi scuotendola fino al raggiungimento di un’altra estasi.
Subito dopo Pier riprende a stringerla e baciarla ritornando alla carica, ma la ragazza, recuperando un poco di razionalità, affettuosamente lo frena:
amore …fermati per piacere, sono stravolta dalla felicità, ma dobbiamo anche riposare, abbiamo davanti quindici giorni tutti per noi, …se continuiamo con questo ritmo a Parigi dovranno ricoverarci in terapia intensiva…
ok! ok! …hai ragione tu! …sei anche giudiziosa, …nei prossimi giorni devo assolutamente trovarti qualche difetto! …domani mattina usciremo in mare e avrò da fare parecchio cose per navigare al meglio; …non credere però che ti lascerò andare lontana stanotte (e la stringe strettamente a sé baciandola fra i capelli mentre lei sorridente gli si struscia addosso cercando una posizione comoda).
Stanchi e dondolati dal pur lentissimo rollio della barca sia addormentano abbracciati.
Al mattino è Alicia che per prima si sveglia, si alza, si veste, prepara un ristretto caffè italiano, sveglia Pier con un serie di baci sul viso finché anche lui apre gli occhi e si vede porgere il caffè fumante:
amore, eccoti un espresso italiano, i Grasselli come saprai sono di origini romane e mia madre mi ha trasmesso la passione per la cucina italiana; mentre tu prepari le tue cose faccio un salto in paese a comperare qualcosa perché ho dato un’occhiata alla cambusa: è ben fornita di viveri ma mi servono alcune cosucce per preparati dei piatti adeguati; voglio mostrarti che me la cavo anche fra i fornelli;
va bene! non stare via tutta la mattina che per le nove e trenta intenderei lasciare gli ormeggi, …e…non comprare niente per dessert perché il dolce più prelibato io l’ho già …tu! (attirandola a sé e baciandola sulla bocca);
buongustaio! …farò presto …non voglio starti lontana per troppo tempo (abbracciandolo ed uscendo);
Alle nove Alicia è già di ritorno con la sua piccola spesa e Pier ha già ultimato i preparativi, possono quindi uscire in mare che, secondo le previsioni meteorologiche si presenterà piatto e tranquillo anche per le prossime giornate.
costeggiando ad est l’Eubea, ad ovest nel canale c’è una corrente troppo forte per la nostra barca, punteremo su Skyros dove conto di arrivare le primo pomeriggio, ci ancoreremo in una tranquilla e deserta baia che conosco sul lato ovest dell’isola per riposare e per qualche bagno di sole o in mare per poi trasferirci nella notte nel porto turistico ad est, (spiega Pier alla compagna) …non ti preoccupare per la navigazione farò quasi tutto io, se ho bisogna d’aiuto ti chiamo, …tu puoi stenderti a prendere il sole lì a prua così, per la gioia degli occhi, posso guardati mentre conduco…
eh no caro, lì davanti ti sono troppo lontana, ed io voglio starti più vicina , …mi sistemo qui dietro di te … e poi prima di prendere il sole devo proteggermi con la crema solare, ho la pelle un po’ delicata… …il sole lo prenderemo assieme pomeriggio… …poi dovrò anche scendere sottocoperta per preparare il pranzo…e voglio anche sistemare i nostri vestiti un po’ meglio negli armadietti, ieri gli abbiamo buttati dentro un po’ alla rinfusa, …sono una pignoletta sai su queste cose;
Grazie alla perizia di Pier ed alle condizioni del mare la navigazione scorre perfetta e, per il piacere di stare assieme, all’ora di pranzo, alle 13.00, arrivano alla baia ricercata senza quasi rendersene conto; nell’ampio golfo accessibile solo dal mare gettano l’ancora a oltre trecento metri dalla riva in piena solitudine e pranzano mangiando la deliziosa pasta alle zucchine e gamberetti e la fresca insalata greca preparata da Alicia, scambiandosi continuamente coccole ed effusioni.
La magnifica giornata di sole gli invoglia poi a stendersi sul ponte per abbronzarsi.
Alicia in un ridotto bikini giallo/grigio che esalta le sue splendide forme, sdraiandosi prona, chiede a Pier se può spalmarle la crema solare protettiva, maliziosamente gioendo in cuor suo per la prospettiva di essere ancora accarezzata dalle mani dell’uomo.
Pier beandosi nell’ammirare la compagna così succintamente vestita le si accovaccia vicino ed inizia il lento e scrupoloso movimento per la distribuzione della crema sul collo e le spalle massaggiando sapientemente le tenere carni con lo scopo di far rilassare la ragazza e eroticamente perlustrale ogni zona del magnifico corpo; dalle spalle infatti le mani scendono sulla schiena a sciogliere il nodo della parte superiore del costume ed aprire le fettuccine e denudare completamente la schiena che viene completamente percorsa e stimolata nei punti opportuni per infondere il piacere di un completo abbandono
…hmmm…Piero sei un angelo…continua così… (mugola di soddisfazione)
Le mani scendono poi sulle gambe continuando il loro diligente lavorio dalle caviglie e su su fino alle cosce che vengono avviluppate dal sapiente massaggio donando un principio di eccitazione sia al manipolatore che alla manipolata; risalgono poi sui lombi e sui fianchi accentuando il piacere, ma trovando un ostacolo ad una continuità d’azione nello slip; ostacolo decisamente e velocemente aggirato con lo scioglimento dei vezzosi nodi che trattengono il costume sui fianchi e l’abbassamento anche di questa parte del bikini che espone al sole ed alle mani di Pier il delizioso e statuario nudo sedere della ragazza:
Piero…cosa mi stai facendo?…che intenzioni hai? (chiede fintamente scandalizzata, ma in realtà godendo per l’appagamento della profonda vanità esibizionistica presente in ogni donna e per la percezione della bramosa ammirazione dell’uomo che ama);
ma…come mi hai chiesto ti sto spalmando la crema per difenderti dai raggi solari… e voglio che anche le tue parti migliori siano ben protette…quindi rilassati che devo finire…(manipolando dolcemente le natiche, la zona lombare e dei fianchi, accarezzando insomma tutto il magnifico corpo nudo sotto di lui);
huummm… rilassarsi…è una parola…qui è l’effetto è il contrario… (pensa Alicia sentendo le mani maschili che sensualmente la frugano e le eccitano sempre più);
Le dita di Pier iniziano poi ad entrare più profondamente fra le dolci rotondità posteriori dilatando i glutei e andando a ricercare ed esporre alla luce sempre più l’orifizio anale.
Alicia, sente che l’uomo le è ormai sopra e percepisce fra le cosce il turgido membro che Pier ha cosparso della scivolosa crema solare con l’evidente scopo di penetrala; memore dell’esperienza con gli scimpanzé all’eccitazione provocatale dei massaggi si unisce un po’ di paura
Pierooo!…cosa vuoi fare?…no, no ti prego ho paura tu mi faccia male… …mi vuoi sodomizzare!… fermati… mi torna in mente la scena con le tue scimmie… (agitandosi debolmente in quanto il desiderio di essere posseduta si unisce ad un po’ di timore infondendole una miscela di sensazioni che la eccitano maggiormente);
huuu, huuu, huuu (imitando un primate, ma stimolandole con i polpastrelli i capezzoli che sente già indurirsi dall’eccitazione);
cretino!!!… no! …amore scusami… …ti amo tanto!… …lo sai vero?… …non farmi soffrire ti prego… (un po’ confusamente e cercando di vincere la paura sperando nella già apprezzata dolcezza dell’uomo);
non ti preoccupare amore!…abbi fiducia in me…non ti farò alcun male, anzi…e poi i traumi psicologici per essere superati definitivamente devono essere rivissuti per recepirli nella loro giusta dimensione (bloccandola con un tenero ma vigoroso abbraccio mentre la bocca le riempie di baci la nuca ed il membro le penetra fra le natiche appoggiandosi all’entrata dell’orifizio);
Piero, Piero…haa…humm…mmmm…
sempre più debolmente quasi come un miagolio di piacere in quanto le mani dell’uomo si sono abbassate ad afferrarle e solleticarle il pube sollevandole contemporaneamente il bacino per esporle il sedere ad una più facile penetrazione; il membro, reso scorrevole dalla crema, le si è ormai introdotto dentro senza provocarle alcun dolore donandole anzi la voluttà di essere sua in un altro modo ancora e quando Pier inizia a farlo muovere sussultoriamente lei allo stesso ritmo dimena le sue dolci rotondità posteriori per permettergli il raggiungimento di un pieno e vibrante orgasmo.
Nell’attimo successivo quando il pene sguscia fuori lei ne approfitta per girarsi avvinghiargli il collo con le braccia, cercando tumultuosamente l’amplesso delle loro bocce in un nuovo bacio ed agitandosi con i fianchi fino a catturare con le grandi labbra vaginali la verga rimasta ancora ben solida, farsi penetrare
ancora e dimenarsi vorticosamente quasi a volersi far trapassare dal solido dardo dentro di lei con l’effetto che ambedue vengono travolti da un’altra ondata di piacere allo stato puro.
Nel momento in cui dall’estasi erotica ritorna in sé prende cognizione che sono con i corpi completamente nudi, ancora uniti nel travolgente amplesso appena consumato, all’aria aperta avvolti da una leggera brezza marina in pieno sole sul ponte della barca a vela ancorata nella baia; recupera un po’ del dimenticato pudore femminile e:
ma… …amore… (guardando verso l’alta scogliera in fondo al golfo) sei sicuro che nessuno possa vederci?, …ti rendi conto che siamo completamente esposti?
bellissima…non ti preoccupare… (riempiendola di baci e deliziosi morsi labiali) conosco benissimo anche la costa che vedi ed anche le cime di quelle scogliere sono difficilmente raggiungibili, molto fuori mano, praticamente deserte ed incontaminate; ..ho portato la barca qui ben sapendo quello che facevo (tenta di far uscire il proprio membro e staccarsi dall’unione con il corpo di Alicia);
…e quello che volevi farmi! …dolcissimo mio amore (spingendogli contro il bacino e serrandogli i glutei con le mani per trattenerlo ancora dentro di lei) …fermati! …non uscire! …voglio sentirti ancora ancora, ancora e ancora… …fino all’estremo… e …sentirmi tua il può a lungo possibile…
Si avvinghiano quindi ancor di più assaporando pienamente il piacere di possedersi l’uno con l’altra.

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *