cortina ammucchiata crudele

Hits: 4

Il cornuto mi sveglia tutto contento, quando a me sembra di essermi addormentata da meno di mezz’ora. A lui il mal di pancia è passato completamente e si sente benissimo.
A me invece gira la testa, ho l’emicrania, una gran voglia di vomitare e mi sento uno straccio.
Lui vuole fare l’amore, è di buon auspicio a Capodanno…
Lo mando a cagare, ma lui insiste.
Bene, se sono una puttana, non posso scegliermi i clienti, giusto?
Faccio un pompino al Mauri, che per una volta ce l’ha duro. Non posso permettergli di scoparmi, si accorgerebbe che sono più larga del solito, così lo faccio sborrare e bevo tutto… Lui ci resta male, ma io gli dico che mi è piaciuto tantissimo, e lui si sente meglio.
Mi faccio una lunga doccia bollente per riprendermi, e quando esco scopro che il Mauri per sorprendermi ha ordinato la colazione in camera.
Ottima idea, per una volta.
La Giusy ci raggiunge, e facciamo allegramente colazione tutti insieme. Nostra figlia ci racconta della sua serata con gli amici, io mi invento un drink e quattro salti con gente conosciuta sciando, e il Mauri ci dice di quanto è stato male…
Poi la Giusy sparisce in cerca degli amici, e il Mauri se ne va in palestra per tonificarsi e fare in modo che io sia fiera di lui…
Io vorrei tanto tornarmene a letto e dormire un po’, perchésono proprio stremata; ma muoio dalla voglia di rivedere Eva. La poverina alla fine non aveva un posto dove andare, visto che nel suo letto probabilmente c’era ancora Irina e da me, per ovvie ragioni, non ci poteva venire: quindi alla fine era tornata a dormire accanto a Ivan, con il proposito di alzarsi appena possibile e andare a fare colazione prima che il suo amante russo si svegliasse.
Per questo, anche se sono appena le nove del mattino e la testa mi fa un male cane, scendo nella hall e raggiungo il ristorante.
Lei è lì, bellissima… Ovviamente indossa ancora l’abito da sera del cenone, che le sta d’incanto.
Io sono vestita sportiva, pronta a tutto, e devo sembrare sua madre…
Eva si alza vedendomi entrare, mi butta le braccia al collo e mi bacia appassionatamente… Così, davanti a tutti.
Adesso lo spero davvero, che mi credano sua madre…
Siedo accanto a lei e ordino un doppio espresso senza zucchero.
Chiacchieriamo un po’ di sciocchezze varie, ma non smettiamo mai di toccarci, con la mano, col gomito, coi piedi…
Sono innamorata come non lo sono mai stata in vita mia.
Eva e io siamo lì da una mezz’oretta, quando arrivano Fabio e Irina.
Fabio sorride contento appena ci vede, e punta decisamente al nostro tavolo, che può tranquillamente accogliere altri due commensali.
Irina invece non mi sembra particolarmente contenta di vederci. Ci squadra gelidamente, con una delle sue occhiate che ormai conosciamo bene: fiamme fredde che ti riducono a cenere gelata.
Posso capire che dal suo punto di vista ci siamo fatte sbattere tutte e due da suo marito, ma in fondo lei cosa ha fatto tutta la notte con il Fabio? Non mi sembra che si sia opposta, e in fondo non si tratta di un’usanza russa?
E’ ancora vestita con l’abito da sera, proprio come Eva, solo che il suo è un po’ stropicciato… Evidentemente questa notte il nostro Fabio se l’è spassata, penso divertita.
Noto che anche Eva non sembra molto turbata dal fatto che la russa superdotata abbia passato la notte nel suo letto e con il suo uomo.
– Buon anno, ragazze – ci saluta lui galante, baciandoci in bocca, prima Eva e poi io – Tutto bene?
– Tutto benissimo, grazie – sorrido – Ci siamo divertite moltissimo… E voi?
– Splendida serata, e nottata anche migliore – sorride lui di rimando, ammiccando a Irina – La compagnia era davvero ottima.
Irina avvampa, chiaramente non apprezzando il complimento, peraltro di classe, che Fabio le ha appena rivolto.
Probabilmente preferirebbe andare a sedere altrove, ma deve concludere che non sia il caso di fare una scenata e abbozza un altro sorriso gelido, accettando che Fabio le offra la sedia accanto a me, mentre lui va a sedere accanto a Eva – che in fondo è la sua donna – e di fronte alla stessa Irina, con cui ha passato la notte.
Noto che Irina si sistema più lontano possibile, in modo da evitare ogni contatto con me. Non chiede di suo marito, ne’ tantomeno di suo suocero, ma come me sembra ansiosa di ordinare un caffè caldo.
Chiacchieriamo in inglese durante la colazione (io, ovviamente, mi limito ad uno yogurt magro, visto che ho già mangiato in camera), poi Irina si scusa appena consumato l’ultimo boccone: con voce piatta ci dice che, visto che adesso la sua camera da letto è libera, andrà a cambiarsi e a fare una doccia come si deve…
Eva non riesce a soffocare una risatina appena la russa si allontana.
– Allora, com’è andata? – chiediamo contemporaneamente io e Fabio, mentre Eva non smette di ridacchiare.
– Prima voi, ragazze… Non so dirvi quanto mi rincresca quel che è successo! Cristo, vi so disinibite, spero non crediate che io vi consideri due puttane…
Sembra sinceramente addolorato per averci costrette a questo gioco, così lo rassicuriamo: non è stato poi così terribile, e alla fine dei conti, ci siamo anche divertite.
– Davvero? – chiede lui dubbioso – Ero preoccupato soprattutto per te, Pat… Girano strane voci sul vecchio Boris…
– Non ne sono sorpresa – sorrido io innocentemente, mentre Eva scoppia nuovamente a ridere. E gli racconto della sorpresa che il vecchio mi ha fatto quando gli ho aperto i pantaloni.
Il mio racconto dura per un po’, poi tocca a Eva, che invece la fa piuttosto breve, forse perché non c’è molto da dire, con Ivan ubriaco fradicio che non riesce neanche a farselo tirare…
– Però, quando ormai mi veniva voglia di piangere per come era andata la mia notte di Capodanno, è arrivata Patty…
Lo dice con gli occhi che le brillano, e io mi sento sciogliere.
Eva dice qualcosa della nostra notte insieme, ma non scende nei particolari come avevo fatto io, come se pensasse che i dettagli facciano parte della nostra intimità, così preziosi che neppure Fabio possa esserne messo a parte. Ne sono piacevolmente sorpresa, e la penso come lei.
Fabio, che è uno sveglio, capisce perfettamente l’antifona e non insiste. Mi sorride con complicità, come per dirmi che ha capito come ormai Eva sia più mia che sua, e che alla fine per lui va bene così.
Gli voglio bene per questo… E so che anche Eva glie ne vuole, anche se ama me.
Lui ci racconta della sua serata, che è stata tutto sommato piacevole: Irina è una bella donna, con un fisico scultoreo e, come dicono di tutte le russe, col fuoco nelle vene.
– Pensavo che non ci stesse, e che avrebbe creato problemi, invece è stata anche troppo aggressiva… Ragazze, vi offendete se dico che a letto è una vera tigre?
Noi ridacchiamo. Il vantaggio di avere con un uomo una relazione in cui l’amore non c’entra niente è che si può parlare liberamente di sesso con lui senza temere di urtare i sentimenti di nessuno.
Parliamo un po’ della faccenda. Chiaramente Irina non era preparata allo scambio, e forse non lo era neppure Ivan… E’ stato il vecchio a organizzare tutto, ingrifato dalla storia del figlio con me e fiducioso che Fabio, desideroso di chiudere l’affare, non si sarebbe opposto.
– E’ vero che si tratta di un vecchio modo russo di condurre gli affari, scambiarsi le segretarie e a volte perfino le mogli per creare fiducia reciproca, ma non è certo una regola – ci spiega Fabio – Il vecchio Boris deve essere davvero preso dalla nostra Pat per offrirmi in cambio sua nuora pur di averla…
– Non posso dargli torto – scherza Eva – Nel cambio ci ha guadagnato lui!
Io arrossisco un po’ al complimento (in fondo Irina è molto bella, e anche assai più giovane di me), e Fabio aggiunge: – Secondo me, sentita la storia di Pat, cercherà di farsi anche te, Eva.
Eva scrolla le spalle: – Per me va bene. Devo ammettere che adesso sono un po’ curiosa di provare anch’io questo affare enorme…
– Ci sono molte storie in giro sull’appetito sessuale inesauribile del vecchio… Ed è un fatto che lui è uno dei pochissimi importatori autorizzati di Cialis in Russia. Ci sta facendo una fortuna.
– Psicologicamente parlando, la storia del cazzo enorme spiega anche il comportamento remissivo del figlio nel lasciare che il padre usi sua moglie in quel modo – aggiunge Eva, rivelandomi un aspetto della sua personalità che non conoscevo – E’ succube del padre per il complesso di inferiorità che gli crea essergli sessualmente inferiore per colpa del corredo genetico materno.
Io rimango a bocca aperta, e Fabio mi strizza l’occhio: – Non lo sapevi, che Eva è appassionata di psicologia e comportamentismo?
– Veramente, no…
– E’ vero che mi piacciono le ragazze giovani e carine – proprio come a te, direi – ma ti assicuro che se non sono intelligenti, con me durano poco.
La mia stima per entrambi cresce di qualche migliaio di punti in un minuto.
– E come pensate che reagirà Irina agli avvenimenti di questa notte?
– Sarà furiosa… – sorride Eva – Con i suoi uomini più ancora che con noi.
– Già – Fabio sospira, rilassato – Fortuna che il contratto è firmato. Ora, qualunque cosa succeda, ho le porte aperte per esportare il mio materiale in Russia. Ragazze, non so come ringraziarvi…
– Non dirlo nemmeno – dico io – Sono contenta di aiutare, e poi finora è stato divertente.
– Lo stesso vale per me. Fare la puttana per divertimento una volta intanto, è cosa diversa da farlo con continuità o per lavoro, giusto?
– Giusto… – dico io, segnandomi la frase di Eva per rivendermela in seguito.
– Bene. Ragazzi, scusatemi, ma concordo con Irina sulla necessità di tornare in camera a cambiarmi e fare una doccia, e poi cercherò di recuperare un po’ di sonno – dice ancora lei – Voi che fate?
Fabio mi guarda con un sorriso: – Sci?
Sgrano gli occhi: non può dire sul serio! O invece sì…?
Mezz’ora più tardi siamo sulle piste.
Mi tremano le gambe dal sonno, ma Fabio ha ragione: se tornassimo a dormire adesso, saremmo degli stracci fino a domani… Noi non siamo giovani come Eva, che può ancora dormire come, dove e quando vuole.
Dopo un po’, mi sento anche meglio; perfino il mal di testa scompare, dono dell’aria pulita delle Dolomiti. Vorrà dire che farò un sonnellino dopo pranzo…
E’ bello sciare con il Fabio. Non sono innamorata di lui, anche se ci vado a letto e lo considero un po’ il mio maschio, a metà con Eva (il Mauri non conta, non lo considero neppure veramente un uomo), però mi piace molto. Lo considero un amico, ed è davvero raro che io abbia tanta considerazione per qualcuno, specie se di sesso maschile.
Per lui è un po’ la stessa cosa con me. Dice di non essersi mai innamorato in vita sua, e di non volersi sposare. Non ha ne’ desidera figli, e in generale sono poche le persone che gli vanno veramente a genio. Gli piacciono le ragazzine, e ne ha cambiate parecchie nel corso degli anni… Anche Eva gli piace molto a letto, è decorativa e simpatica. Differisce da tutte quelle che l’hanno preceduta per il fatto di essere anche molto intelligente, ed è per quello che sta durando con lui più di qualunque altra.
– Però adesso sei arrivata tu, e me l’hai portata via – aggiunge con un sorriso mentre aspettiamo lo skilift.
Mi coglie di sorpresa: – Cosa intendi dire?
Temo una scena di gelosia, una cosa che detesto…
– Beh, è evidente da come ti guarda: non ha occhi che per te, non parla che di te… E’ innamorata cotta. Se sta ancora con me, oltre che con te, è perché io sono ancora quello con la grana, e per l’olandesina questo conta.
Per un momento mi sento offesa in nome di Eva, poi mi rendo conto che Fabio ha ragione. E’ vero, per Eva i soldi sono importanti. La sua famiglia non è certo ricca, e lei vuole andare all’università.
– Non me ne intendo di amori lesbici, ma direi che tu sei cotta tanto quanto lei – continua lui – E quindi tutto torna…
– Ti vuole bene… –azzardo io, come per consolarlo.
– Certo, lo so. Come io ne voglio a lei. Non siamo mica mai stati innamorati. Troppa differenza di età… No, non mi fraintendere: va bene così. Prima o poi se ne sarebbe andata comunque con qualcuno più adatto a lei, o si sarebbe innamorata… Oppure mi sarei stancato io, come succede di solito. No, Pat: la nostra era una storia a termine, e sono contento che abbia trovato te, piuttosto che un altro. Anche se ammetto che non avrei mai immaginato di perderla con una donna!
Sorrido.
– E’ meglio per il mio ego – ammette lui – Mi sarebbe seccato che mi lasciasse per un uomo, anche se giovane e bello… Con te, non provo competizione: mi piaci. Chi meglio di te a cui passare il testimone? Sul serio, mi sta benissimo così.
– In fondo, non ti ha lasciato – commento io – Il nostro, a ben vedere, è un triangolo. Noi due siamo amanti, se non sbaglio…
Un ghigno soddisfatto: – Certo, e spero che lo resteremo a lungo. Ma anche noi due siamo solo amici che fanno sesso, proprio come io e Eva. Mentre voi due vi amate… E quindi il lato debole del triangolo, quello destinato alla lunga a scomparire, sono io.
– Noi non vogliamo affatto che tu sparisca.
Un altro sorriso: – Lo vedi che parli già anche per lei, perché la consideri tua? Lo so che non avete intenzione di scaricarmi, Pat. Così come so che i miei soldi sono parte integrante del mio fascino… Ne’ io ho intenzione di sparire alla svelta dal vostro orizzonte. Dico solo che è evidente come il vostro legame sia chiaramente molto più forte di quello che avete con me, e sia destinato a durare più a lungo… Come è giusto che sia, anche per motivi anagrafici.
– Se parliamo di anagrafe, allora tu e io siamo due pedofili.
– Dico sul serio. Come che sia, tu sei più adatta a lei di me, che sono più vecchio di suo padre. Quel che voglio che tu sappia, comunque, è che a me sta veramente bene così, e che sono contento per voi.
Gli do un bacio: – Grazie, Fabio. Sei una brava persona, e noi siamo contente di stare con te. Io non sono mai stata una persona fedele e mai lo sarò, ma voglio che tu sappia che ti considero il mio uomo. Credo che ci sarà sempre posto per te, fra me e Eva.
Lui mi guarda sorpreso: – Sono il tuo uomo…? Mi sbilanci, ti facevo lesbica, e per di più sposata…
– Mio marito non conta, è solo un assetto sociale. Ed è vero che preferisco le donne, ma gli uomini non mi fanno affatto schifo… Semplicemente, di loro non mi innamoro.
Lui mi tende la mano: – Bene, fiero di essere il tuo uomo, Pat… Allora ci siamo chiariti? Amici senza gelosie reciproche per la nostra adorabile Eva?
Glie la stringo con piacere: – Amici per la pelle e per il letto.
A quel punto, fatta un’altra pista, andiamo insieme a farci un bel piatto di cervo in umido con polenta della Valsugana e con un bicchiere di Valpolicella, e poi ce ne torniamo in albergo per il famoso riposino del dopopranzo.
Questa sera abbiamo entrambi appuntamento con la nostra Eva.
***
La Giusy è ormai saldamente ancorata a un nuovo gruppo di amici, e il Mauri ha trovato la sua routine fra la palestra, la biblioteca, il solarium, il thermarium e un paio di mariti noiosi quanto e più di lui. Sganciarmi la sera diventa sempre più facile.
Il vecchio Boris ci ha invitati tutti e tre a cena per festeggiare la conclusione dell’affare, e anche per salutare visto che loro tre devono ripartire. Fabio ci spiega che non si tratta di una cena di gala come la sera prima, ma di un evento informale… Per Eva e per me, “informale” in questo caso si legge “sexy”. Eva si presenta con una minigonna da sballo, tacchi alti e una camicetta apparentemente casta, ma scollata da paura; ha i capelli lunghi sciolti sulle spalle. Io mi sono infilata nei miei adorati jeans di ecopelle neri e aderentissimi, con stivali da cowboy e una blusa leggera e senza maniche che mi scopre braccia, schiena e spalle e che lascia intravedere il turgore dei capezzoli.
Più conservatore e attempato, Fabio porta jeans classici della Levi’s, scarpe Clarks e una camicia di seta scura che fa risaltare la sua abbronzatura e i capelli sale e pepe.
I russi sono meno alla moda, ma vestiti in modo assai più ricercato, tutta roba comprata a Londra…
Padre e figlio devono avere gli stessi gusti, o forse a Ivan non è permesso averne, perché indossano giacche sportive e pantaloni dello stesso disegno e tessuto, anche se Boris tende al marrone e Ivan preferisce il grigio.
Irina è stupenda, con una camicetta fumé scollata per far posto al pendente che a sua volta esalta il decolté da infarto, una gonna crema corta e stretta che le scopre con garbo le gambe, calze velate fumo di Londra e scarpe firmate con tacchi alti ma non troppo (ha rinunciato a rivaleggiare in altezza con Eva e con me). Ha anche trovato il tempo di andare dal parrucchiere, e sfoggia una messa in piega costosissima che le esalta il profilo aristocratico e l’espressione perennemente altera. Gli occhi di ghiaccio e il solito corredo di gioielli contrastano magnificamente con la pelle diafana, così diversa dal mio colorito abbronzato e da quello ambrato di Eva.
Siamo tutte e tre bionde naturali, ma le nostre tonalità sono diversissime: cenere per Irina, platino per Eva, oro (ammetto, un po’ corretto dal parrucchiere) per me, che sono l’unica a portarli corti, a spinacio col ciuffo sbarazzino che mi toglie (spero!) almeno dieci anni…
Il vecchio Boris deve essersi consigliato con lo chef per mettere a punto un menu afrodisiaco, perché tutti i piatti più “chiacchierati” della cucina italiana sono rappresentati alla nostra tavola, dove chiaramente il costo della cena non è stato neppure preso in considerazione.
Per non parlare della lista dei vini, chiaramente scelti fra i più costosi e non necessariamente fra i meglio abbinati alle portate.
Finiamo seduti come la sera precedente, con me e Ivan ai lati corti, e il vecchio fra me e Irina, con Fabio davanti e Eva fra lui e Ivan.
Penso che forse Fabio si sbaglia, e il vecchiaccio vuole scopare di nuovo me, piuttosto che gettarsi sulla carne fresca di Eva…
Irina non sembra di umore migliore rispetto alla colazione: dimostra una gelida freddezza verso i suoi uomini ed ignora completamente Eva e me; in compenso divora con gli occhi Fabio… Evidentemente il nostro maschio si è fatto valere, la notte precedente.
Ivan sembra del tutto sottomesso: tiene la testa bassa e pensa a mangiare (e a bere).
Ma non crediate che la cena sia meno gaia a causa del malumore dei due coniugi: Boris basta e avanza a ravvivare la serata. In qualche modo, col suo buffo inglese, riesce a tenere una conversazione allegra e brillante con tutti noi, senza far sentire nessuno escluso. Incredibile cosa possa fare un cazzo grosso all’autostima di un maschio, penso con cinismo. Poi, con cinismo ancora maggiore, aggiungo che naturalmente la consapevolezza di avere un sacco di soldi aiuta non poco…
Ad un certo punto, nel bel mezzo della conversazione, Boris abbaia una parola in russo, e Irina si riscuote all’improvviso.
Mentre il suocero riprende a parlare con me e Fabio, Irina si rivolge di punto in bianco a Eva e comincia a discorrere amabilmente con lei come se avesse smesso di farlo un attimo prima.
Che bella famiglia, penso con un brivido…
Boris mi fa piedino sotto il tavolo, e non ho più dubbi: il vecchio maiale vuole farmisi un’altra volta.
Dall’altra parte del tavolo, noto che il silenzioso Ivan non stacca gli occhi da Eva: evidentemente il rampollo vuole la rivincita con la mia bella olandesina.
Con Irina chiaramente innamorata di Fabio, ne deduco che andiamo a una riedizione della notte precedente.
Ma mi sbaglio…
Come la sera precedente, la conversazione gira su argomenti frivoli, questa volta centrati sulle località di villeggiatura e sul Mediterraneo in particolare. Fabio accenna alla sua barca, e Boris si fa subito interessato… Anche lui ne ha una. Naturalmente più grande.
Sì, normalmente la tiene in Grecia, ma ha anche un approdo riservato in Adriatico, non ricorda bene dove… Ci si potrebbe incontrare in mare da quelle parti la prossima estate? Sarebbe piacevole…
La manona del vecchio maiale si è posata sulla mia coscia, e si fa strada verso l’alto. Peccato che indosso i pantaloni, il tipo sarà un po’ deluso.
Mi ripropongo di ricompensarlo più tardi…
Al termine della cena, Boris ci invita tutti nella loro suite per un drink. Come se loro non avessero bevuto abbastanza… Questa volta è Irina ad essere decisamente alticcia, mentre marito e suocero sembrano semplicemente su di giri. Eva è semplicemente allegra, mentre Fabio e io siamo praticamente sobri.
La suite dei russi ha un soggiorno molto ampio, fornito oltre che di bar, di due divani, poltrone, un ampio scrittoio e un tavolino da cocktail.
Ivan prepara i drinks mentre noi chiacchieriamo ancora del più e del meno in piedi… Sembrerebbe tutto normale se Boris non mi palpasse il sedere davanti a tutti.
Irina è decisamente sbronza, biascica qualcosa in russo e si strofina contro Fabio, che sorride sornione. Eva chiacchiera sicura col suo inglese fluente, e passa in rassegna la merce disponibile: sono sicura che tutti i corpi umani presenti sono più o meno di suo gradimento, indipendentemente dal sesso o dall’età.
Ivan distribuisce i drinks a partire da me (cielo, mi rendo improvvisamente conto di essere la donna più vecchia!) e per finire con Fabio e con sé stesso, e brindiamo al nostro prossimo incontro.
Mi bagno appena le labbra, ma vedo che Irina ingoia tutto come un lavandino… La tipa è davvero nervosa.
Fabio deve essere ancora più curioso di me di capire cosa c’è nell’aria, perché prende l’iniziativa precedendo Boris: – Le ragazze sono davvero impazienti di divertirsi, amico mio… Ho quasi temuto che cominciassero prima ancora di cena!
– Sarebbe stato peccato, se tu già stanco ora.
– No, non hai capito. Non con me, ma fra di loro…
Lo sguardo di Boris si illumina: – Tu dice che loro…
Mi sento spogliare con gli occhi da entrambi i maschi russi, mentre Irina ci guarda schifata.
– Perché, non te l’avevo detto? Eva e Pat se la fanno insieme da più di un anno.
Boris ci scruta deliziato, mentre Eva istintivamente mi si avvicina con un sorriso malizioso.
– Oh, io capisce… Molto pratico per te, Fabio. Tu davvero astuto, e molto fortunato…
La libidine nello sguardo del vecchio è evidente. Lo ho già visto ingoiare una manciata di pasticche mentre gli altri non guardavano, subito prima di bere il drink…
– Ti piacerebbe assistere ad uno spettacolino?
Quel porco di Fabio ci vuole esibire come due attrici porno… Che idea piacevolmente perversa!
– Oh, certo. Sarebbe spettacolo molto sexi, sì?
– Non immagini quanto… Ragazze, vi va?
Io sono un’esibizionista: mi invita a nozze… Quanto a Eva, la mia piccola pervertita è sempre pronta a tutto, quindi non c’è problema.
E’ già accanto a me: si ravvia io capelli e sorride invitante, indifferente alla presenza degli altri.
Le carezzo il viso, poi la attiro a me e la abbraccio. Ci baciamo, e facciamo in modo che tutti vedano l’intreccio delle nostre lingue a bocca aperta, mentre ci scambiamo la saliva.
Io le stringo le chiappe, lei mi prende per le spalle e per i fianchi… Le sollevo la mini, facendo vedere a tutti il suo minuscolo perizoma nero, poi comincio a sbottonarle la camicetta.
E’ senza reggiseno, come me… Le scodello fuori una tetta e mi chino a baciarle il capezzolino già erto di desiderio.
Lei getta indietro la testa e si lascia sfuggire un primo sospiro di piacere mentre la mordicchio famelica. Dio, che voglia che ho di lei!
Mi stacco, e ora è lei a pastrugnarmi i seni attraverso il toppino bianco, facendone protrudere i capezzoli gonfi e durissimi.
Mi inginocchio davanti alla mia amante minorenne, e le accarezzo le gambe lunghissime, risalendo lentamente lungo le cosce, baciando la sua pelle calda e cremosa. Mentre la assaggio con la lingua facendola rabbrividire, le mie mani si insinuano verso l’alto, scivolando sotto la mini. Afferrano l’elastico del perizoma e lo tirano rapidamente giù.
Eva scavalca il suo minuscolo capo d’abbigliamento, io lo afferro e lo getto con una risatina a Boris. Il vecchio maiale sarà contento di aggiungerlo alla sua collezione feticista assieme alla mia giarrettiera rossa…
Infilo il naso sotto l’orlo della mini e annuso l’eccitante afrore della giovane vulva in bollore.
Soffio, e Eva freme tutta di anticipazione, aprendo un po’ le gambe per far posto alla mia testa.
Spingo in alto col capo sollevandole ancora la gonna, accarezzo con le guance l’interno delle sue cosce soffici e calde, e finalmente trovo con le labbra la peluria della fica.
Slinguo, e sento le labbra succose che si schiudono per me.
– Aahhh… – geme Eva – Sì, leccami… Ti prego!
Le lecco la fica, aggrappandomi alle sue chiappe ancora parzialmente coperte dalla mini, mentre lei mi accarezza i capelli, incoraggiandomi a divorare il suo sesso rovente…
Scopo la mia compagna con la lingua, raccogliendo il nettare che le sgorga dalle valve aperte e assaporandolo con passione. Poi raggiungo il clito e la faccio vibrare tutta di piacere.
– Hmmm… Mi piace, mi piace…
Intuisco gli sguardi di tutti puntati su di noi, anche se non vedo niente perché la mini nera di Eva mi copre il viso. Ma sento le dita di lei che mi accarezzano il volto e i capelli con ruvidezza crescente.
Accelero il lavorìo di lingua sul clito, e la sento vibrare sempre più forte.
– Sto per godere…
Mi sento bagnare il viso da un’improvvisa secrezione di umori perlacei e dolcissimi, poi lei ha come uno scatto, le sue cosce nude mi si chiudono intorno alla testa e le sue dita mi artigliano le orecchie.
– Vengo… Aahhh!
Raccolgo con la lingua la sborrata della mia compagna, gustandone il sapore intenso e la consistenza sottile… E’ il nettare degli dei.
Mi rialzo in piedi per sostenerla: venirsene in piedi non è molto semplice, e Eva si è aggrappata al banco del bar per non cadere.
La bacio, offrendole sulle labbra il succo del suo stesso piacere, che lei divora con passione.
Con la coda degli occhi vedo che gli altri ci fissano intensamente: Irina sembra sul punto di vomitare, ma i maschi stanno chiaramente apprezzando… Ivan ha già una mano sul pacco e si massaggia attraverso i pantaloni.
Sento le mani di Eva che mi allacciano i fianchi, mi palpano il culo e poi vanno in cerca dei bottoni per aprirmi la patta e calarmi i jeans…
In quel momento sento un ordine rauco in russo. Alzo lo sguardo e vedo che Irina si è fatta paonazza: getta uno sguardo al marito, che annuisce rapito, e allora fa un passo avanti, esitante. Si avvicina a noi, e ci guarda mentre continuiamo a baciarci e ad abbracciarci.
Eva mi ha aperto i calzoni e sta cercando di ficcarmi una mano fra le gambe mentre mi bacia nell’incavo del collo, e poi nuovamente in bocca. Irina ci scruta, e sembra sempre sul punto di vomitare.
Un altro verso brusco da parte di Boris, questa volta d’incitamento, e Irina mi poggia esitante una mano sulla spalla.
Io sono impaziente di assaggiare l’algida russa, e le cingo il fianco con un braccio, attirandola con forza a noi. Il suo viso si trova vicino al nostro, e io la stringo di più, coinvolgendola nel nostro bacio di lingua.
Sento le sue labbra fredde che contrastano con quelle roventi di Eva, e le schiudo con la forza, cacciandole la lingua in bocca.
La russa resiste, ma io sono più forte, e Eva mi aiuta, stringendola dall’altra parte e bloccandola completamente. Quella si divincola inutilmente, poi cede di colpo.
Ci baciamo a tre, e l’intreccio delle nostre lingue genera una secrezione di saliva che passa da una bocca all’altra, un cocktail assai migliore di quello servito da Ivan!
Mi sottraggo col viso, lasciandole a baciarsi fra loro, e mi dedico piuttosto al decolté di Irina, che mi affascina da quando l’ho visto per la prima volta.
Affondo il viso in quella morbida quarta misura e mordicchio le tenere carni bianche e delicate.
La sento fremere, e comincio a sbottonarle la camicetta di seta, scoprendo il reggiseno a balconcino (fuori moda!) e denudando un capezzolo rosa…
Lo succhio, e lei geme nella bocca di Eva.
Le accarezzo le rotondità posteriori, voluttuose quanto quelle anteriori che mi sto già godendo, e comincio a sollevarle la gonna, facendo scorrere le dita sul nylon delle calze fino a trovare l’elastico del reggicalze e poi le mutandine…
Mordo il globo di carne e avverto una consistenza diversa dal normale… Lo sapevo, Irina si è rifatta il seno! Silicone, che schifo… Beh, però il chirurgo sapeva quel che faceva, quasi ci cascavo anch’io.
Pazienza, rifatta o no, è sempre una gran topa… Mollo il seno e mi piego per sfilarle le mutandine. La zoccola sapeva di dover scopare, perché gli slip sono sopra la guepiére anziché sotto come dovrebbero, in modo da poterli sfilare facilmente.
Questi però invece di tirarli a Boris li tengo per me…
Eva e Irina continuano a limonare abbracciate una all’altra, e io mi dedico a sollevare la gonna della russa, scoprendole la splendida groppa. Hmmm… Che bel culo!
Le tiro un morso tanto per gradire, facendola sobbalzare, e Boris scoppia in una risata.
Apro le belle chiappe bianchissime, e mi godo la vista del buchetto scuro e della fica sottostante, che scopro essere accuratamente depilata e liscia come quella di una bambina.
Che zoccola…
Passo la lingua nel solco sudaticcio fra le natiche elastiche e cremose della russa, leccandole il buchetto e facendola scodinzolare di piacere.
Sempre abbracciata al culo di Irina, affondo la faccia fra le chiappe e raggiungo la spacca succosa della fica, mollandole la prima slinguata lesbica della sua vita.
– Hmmm! – bofonchia lei, la bocca occupata dalla lingua di Eva, che le sta sprimacciando di gusto le tettone mentre la bacia.
Irina si abbandona al piacere proibito, Eva le succhia le tette e io le lecco la fica, sempre all’impiedi davanti agli uomini che si godono lo spettacolo.
Non ho la soddisfazione di portarla all’orgasmo, perché quel bastardo di Fabio se ne esce con un’altra frase a effetto: – Allora, che ne dite di unirci alle ragazze? Non vorremo lasciare solo a loro tutto il divertimento?
Boris si riscuote dall’incanto dello spettacolo, e probabilmente le pasticche hanno ormai fatto effetto, perché il vecchio è il primo a raggiungerci. Spero che si rivolga a Eva, così che io possa finire di farmi Irina, ma invece mi accarezza la testa con fare allusorio.
Capisco l’antifona e mi alzo in piedi per abbracciarlo.
Lo bacio, offrendogli con la lingua il sapore di sua nuora, che il porco chiaramente gradisce molto, a giudicare dal turgore improvviso che sento contro lo stomaco.
Mentre lo bacio in bocca, mulinandogli dentro la lingua, vedo che gli altri due maschi si sono fatti sotto, e le due donne hanno smesso di baciarsi fra loro per controllare invece la merce a disposizione. Il patriarca è già soddisfatto, quindi ora c’è libertà di accoppiamento…
Irina è la più veloce a scegliere: ignorando completamente suo marito, getta le braccia al collo di Fabio e lo bacia con foga da amante consumata, strofinandoglisi addosso come una gatta in calore.
Ivan non sembra dispiaciuto dell’iniziativa di sua moglie… Forse è troppo brillo, oppure è davvero preso da Eva, fatto sta che si getta sulla ragazzina, che lo aspetta con rassegnazione.
Nel giro di un minuto, siamo tutte e tre in ginocchio e a bocca piena davanti ai nostri rispettivi maschi che, in piedi, si gustano i loro ben meritati pompini da parte delle amanti non propriamente legittime…
Succhio la cappella di Boris per dovere e per piacere, ma non ha alcun bisogno di essere intostato: è già pronto, dopo le pasticche e il nostro spettacolino…
– Uh! Hmmm…
Giro lo sguardo, e vedo che Fabio ha già infornato Irina contro la finestra, e la sta scopando all’impiedi senza neanche averla spogliata. La russa lo prende di gusto appoggiata al davanzale, con la gonna arrotolata attorno ai fianchi e le gambe inguainate di nylon aperte per dare pieno accesso all’amante.
Ingrifato dallo spettacolo della moglie scopata da un altro, anche Ivan è finalmente pronto a farsi Eva: la mia amica, seminuda dopo aver fatto l’amore con me, si offre oscenamente sul divano, distesa sulla schiena e con le cosce spalancate.
Possibile che io sia l’ultima?
E’ vero che anagraficamente parlando siamo la coppia più anziana, però…
Lascio andare la proboscide di Boris e mi tiro in piedi, guardandolo vogliosa.
Lui mi ammira un momento, poi si dà da fare per spogliarmi… Non è cosa facile, i miei jeans di pelle, benché già aperti dalle manine esperte di Eva, sono strettissimi.
Me li abbassa fino alle ginocchia, poi perde la pazienza e mi spinge rudemente contro il tavolo. Io mi appoggio, offrendomi da dietro come una cagna, e lui mi si piazza alle spalle, afferrandomi per i fianchi.
Sento la coda di Gozzilla che mi si appoggia all’entrata e stringo i denti, ripensando alla sera precedente…
Questa volta però sono rilassata e ben preparata. Il cazzone mi si abbocca alla fica umida e pronta, e mi penetra lentamente e con relativa facilità.
– Aahhh… – annaspo, sentendomi riempire – Sì, spingi! Mi piace…
Mi prende per i fianchi e comincia a fottermi di brutto.
Anche le altre due coppie ci stanno dando dentro: Ivan ha infilzato il suo cotechino nella calda frittola bagnata di Eva, e finalmente se la sta scopando con forza. La mia amichetta ha sgranato gli occhi nel sentire le dimensioni di quel coso larghissimo aprirle la giovane fichetta, ma in fondo la piccola ha preso il mio giocattolo preferito dozzine di volte, e il diametro è quasi lo stesso…
Sono stata l’ultima a prenderlo, ma sono la prima ad arrivare: il mostro di Boris non perdona… Annaspo in preda all’orgasmo, aggrappata al bordo del tavolo, mentre il vecchio mi sferra una serie di colpi devastanti fin dentro all’utero che si è aperto come se dovesse partorire di nuovo.
Ma sono troppo scomoda, con i jeans calati a mezza gamba, e glie lo dico.
Mi libero prima del cazzo e poi degli stivali, sfilo via i jeans gettandoli sul tavolo, poi rimetto gli stivali per stare più comoda. Boris finisce di spogliarsi a sua volta e mi sfila il toppino, così eccomi tutta nuda e pronta per il terzo round…
Anche Irina si è spogliata adesso, ed è rimasta in calze, reggicalze e giarrettiere, più tutta la gioielleria… Eva è la più nuda di tutte, con addosso soltanto i tacchi alti e il suo bel sorriso.
Boris ricomincia a scoparmi, questa volta stesa sul divano, testa a testa con Eva che si fa sbattere da Ivan.
Lei allunga una mano per accarezzarmi il viso, e io giro la testa per guardarla mentre ci facciamo fottere una contro l’altra… Ci baciamo, e il vorticare delle nostre lingue attizza ulteriormente i due maschi.
Non ci vuole molto: padre e figlio si stanno chiaramente avvicinando insieme al punto di non ritorno, si sente dai grugniti e dai rantoli sempre più accelerati…
E infatti tagliano il traguardo quasi contemporaneamente: Boris me lo tira fuori e mi rovescia una secchiata si sborra addosso, proprio come la volta precedente, inzaccherandomi le tette e lo stomaco con la sua venuta calda e biancastra.
Guardo ammirata quella spingarda ancora perfettamente erta e dura che mi punta contro minacciosa, e mi congratulo mentalmente con il produttore di quelle pasticche…
Accanto a me, Eva strilla e se ne viene un istante prima del suo montone, che fa in tempo anche lui a sfilarsi prima di scaricarsi le palle sul suo pancino piatto e fremente.
Boris mi guarda soddisfatto e ammicca, compiaciuto di come io gli sto guardando il cazzo.
Poi abbaia qualcosa in russo al figlio, che se lo sta menando per far defluire tutto il seme addosso a Eva.
Ivan risponde con qualcosa che deve corrispondere ad un assenso, e capisco che i due si devono essere accordati per uno scambio, perché Boris si solleva e va a sistemarsi fra le gambe di Eva, che sta ancora riprendendosi dall’orgasmo.
Io mi alzo a sedere, e sento tutta la sbroda di cui sono imbrattata che comincia a scolarmi in mille rivoli dalle tette verso lo stomaco. Ivan mi si piazza davanti col suo cotechino usato, e io sono ben lieta di succhiarglielo da seduta, anche perché gronda letteralmente della sbroda di Eva, che io adoro…
Eva strilla di dolore e io giro lo sguardo: Boris l’ha inforcata dall’alto, tenendole le gambe sollevate, e il suo ariete deve averle sfondato la cervice per aprirle l’utero.
Continuo a succhiare: ho ripulito il cazzone di Ivan da tutti i succhi di Eva, e lo sto anche segando a dovere, ma il cotechino, ancorché grosso, rimane molliccio.
Gli lecco le palle e provo perfino a ficcargli un dito in culo, ma il vitellone sovrappeso non apprezza, e i miei lavoretti di bocca non sortiscono l’effetto desiderato.
Accanto a noi, Boris scopa Eva come un treno.
Comincio a sentirmi un po’ frustrata, ma Ivan deve esserlo più di me, visto che si toglie con uno strattone e si dirige verso il bar.
Mi giro e vedo che Fabio si sta sbattendo Irina a quattro zampe sul tappeto. Ivan gli gira intorno per raggiungere il bar e farsi una vodka. Beh, buon per lui, cornuto e contento…
Eva si è voltata per farsi prendere da dietro, e adesso è anche lei a quattro zampe… Ne approfitto per finire di girarmi e offrirgli la fregna da leccare.
Lei sorride contenta e si tuffa fra le mie cosce spalancate mentre Boris la scopa sempre più forte.
Mi accarezzo i capezzoli mentre la linguetta impertinente di Eva s’intrufola fra i miei peli e scivola nella fica slabbrata per succhiarne il nettare che sgorga copioso.
– Hmmm… Sì, leccami…
Boris apprezza anche lui lo spettacolino: tiene Eva per i fianchi e la sbatte come una bistecca, mentre lei interrompe il connilinguo per arrampicarsi a leccare lo sperma che mi imbratta le tette e lo stomaco.
Che bello essere pulita così! Eva mi si strofina tutta contro, raccogliendo ogni goccia di sborra con la punta della lingua, scendendo dai capezzoli al pube, e quando ha finito di leccarmi tutta, torna a sleccazzarmi la figa, concentrandosi questa volta sul clito.
Sono in paradiso. Torno a tormentarmi i capezzoli mentre Eva prosegue il suo lavoretto, e ben presto comincio a contorcermi tutta dal piacere, stringo le cosce intorno alla sua testa a rischio di farle male con il tacco degli stivali, la afferro per i capelli, e infine le sborro in faccia con un grido gutturale: – Aahhh… Aahhh!!!
Mi affloscio come una bambola di pezza, piacevolmente stremata dall’orgasmo, mentre gli altri due continuano a scopare come conigli.
Eva gode anche lei, ma Boris continua imperterrito a fotterla alla grande.
Mi sollevo su un gomito.
Ivan è al bar, nudo come un verme, pancetta e pisellone a penzoloni e bicchiere in mano… Credo sia il terzo.
L’altra coppia si dimena ancora sul pavimento.
Ivan si avvicina a sua moglie e le porge un bicchiere pieno. Sempre impalata da Fabio, lei accetta e lo scola d’un fiato. Poi, come un automa, gli prende l’uccello moscio in bocca e comincia a spompinarlo.
Hai capito, la troia: si fa due cazzi alla volta, mentre io sono all’asciutto!
Con un ruggito, Fabio viene dentro Irina, che non fa niente per sottrarsi all’inseminazione.
Accanto a me, Eva viene per la terza volta (o è la quarta?)
Mentre Irina si dedica al compito ingrato di farlo rizzare di nuovo al marito, Fabio si alza in piedi barcollando e va a sua volta al bar.
Lo raggiungo tenendomi a stento sulle gambe, e mi faccio offrire una soda.
Beviamo con calma, osservando le altre due coppie: Irina è sempre alle prese col cazzone del marito che non vuole saperne di tornare duro, e Boris continua imperterrito a scoparsi Eva sul divano, cercando di farla godere un’altra volta.
Io strizzo l’occhio a Fabio: – Ti va?
Lui sorride: – E me lo chiedi?
L’altro divano è libero. Ci accomodiamo, e lui si china a leccarmi la fia. Io mi allungo per prenderglielo in bocca, e in breve ci ritroviamo a sessantanove.
Eva gode di nuovo, ancora più rumorosamente di prima, e io comincio ad essere invidiosa… Intanto però il cazzo di Fabio è tornato bello duro, e il maschio italico sembra pronto a fottere la sua femmina.
Visto che gli sto già sopra, mi rivolto per guardarlo in faccia, impugno il cazzo e me lo punto in fica prima di infilarmici sopra.
– Sìiii!
Lui mi afferra per i fianchi e mi incorna dal basso come farebbe un rinoceronte… Io lo prendo tutto dentro, annaspo per il piacere, poi mi risollevo e m’impalo definitivamente.
Siamo affiatati, e prendiamo subito il ritmo. Fabio allunga anche le mani e gioca con la mie tette mentre lo cavalco facendo rotolare i fianchi incavicchiata su di lui.
Irina intanto ha rinunciato a farlo rizzare a Ivan. La vedo avviarsi al bar per l’ennesima vodka, mentre suo marito se ne resta mestamente seduto per terra a testa bassa.
La russa si versa un bicchiere e lo sorseggia lentamente, guardando prima un divano e poi l’altro, dove l’azione ferve ancora.
Quando guarda verso di noi, incrocio il suo sguardo e le sorrido.
Lei esita, sorseggia ancora un po’ di vodka, poi si dirige verso di noi.
Io me la sto godendo, con quel bel cazzo conosciuto, che è lungo, grosso e duro appena un po’ più del normale e che mi riempie nel migliore dei modi e al giusto ritmo; sono appagata, e quindi ancora lontana dall’orgasmo, ma provo un piacere prepotente e costante. Insomma, una scopata coi fiocchi, ma anche un momento in cui posso sentirmi generosa: perfino con una che mi sta sulle palle, ma che mi fa anche un po’ pena per come si sono messe le cose per lei questa sera…
Così, quando Irina ci raggiunge e appoggia il bicchiere ancora mezzo pieno sul tavolino davanti al divano, le tendo le mano e l’attiro a noi.
Lei si accosta esitante; mi accarezza una spalla, e io le palpo il culo incorniciato dalla sua lingerie ricercata, per poi allungarmi col viso fino a baciarle la micetta depilata.
Lei sussulta, sentendo la mia lingua sul clito impreparato, e allo stesso tempo un mio dito birichino che le sfrugola il buchetto posteriore…
No, decisamente Irina non apprezza le donne. Pazienza… Le sorrido amichevole e le faccio cenno di unirsi a noi: se non le va la mia lingua, forse gradirà quella di Fabio?
Irina esita, poi quando anche Fabio la incoraggia, si decide a saltare il fosso. Scavalca il maschio disteso sul divano con la gamba sinistra, voltandosi verso di me che continuo intanto a cavalcare, e si accuccia lentamente sulla faccia di lui, lasciando il piede destro ben piantato a terra.
Fabio è in paradiso adesso, con me che lo cavalco sul cazzo e Irina che lo monta sul viso: afferra i fianchi torniti della russa e comincia a lavorarla alla base con la lingua, facendola miagolare di piacere.
Poi vedo Fabio sussultare sotto di lei, e mi rendo conto di aver dimenticato un particolare… Irina probabilmente è ancora piena di sborra, e come la maggior parte dei maschi dominanti, il Fabio non ama mangiare la propria creampie.
Devo rimediare. Strizzo l’occhio a Irina e le propongo di fare a cambio.
Lei sorride, piacevolmente sorpresa dalla mia generosità: annuisce con decisione, togliendosi da sopra il maschio, e anche io smonto di sella per cambiare posizione.
Questa volta Fabio mette Irina a pecorina e la prende con decisione dal didietro, facendola belare di piacere…
Io però non voglio restare all’asciutto, e mi piazzo a cosce spalancate davanti alla russa, che subito storce il naso, alla faccia della gratitudine…
Il Fabio mi viene incontro, allunga un braccio, la prende per il collo da dietro e le schiaccia la faccia sulla mia fregnetta affamata.
Irina annaspa, soffoca, e poi si mette a leccare, sottomessa.
Dev’essere la prima volta che la stronza lecca una fica… E’ proprio un’imbranata, ma comunque è meglio che niente. Quanto al Fabio, oltre a godersi di nuovo la sorcona della russa, si bea anche dello spettacolo del nostro connilinguo.
Sull’altro divano, Eva raggiunge l’ennesimo orgasmo: grida, annaspa, si agita un po’, e infine stramazza come morta sul cuscino, mentre l’inesauribile Boris continua a pistonarla senza pietà. Cazzo se sono invidiosa: la mia amica si sta beccando la scopata del secolo, e io ho dovuto anche rinunciare alla stanga di Fabio…
Irina è davvero negata, mi ci soffia pure dentro… Rinuncio e mi sollevo con l’idea di raggiungere Eva e lesbicarla un po’ mentre si fa sbattere da Boris, poi mi viene un’idea sconcia delle mie, e decido invece di aiutare Fabio a sfondare la russa.
Mentre lui continua a scoparsela a pecora, io mi chino su Irina e la bacio delicatamente in bocca, come per ringraziarla di avermi leccato la fica… Sì, come no!
…Poi la accarezzo sulla schiena, la bacio e la lecco lungo la spina dorsale, scendendo fino ai glutei, e passo a leccarle il sottocoda.
Mi godo lo spettacolo del cazzo che pompa furiosamente la fica, e scendo a leccare il punto d’unione dei due corpi che si stanno accoppiando davanti a me.
Adoro il sapore del cazzo appena uscito dalla vagina, e poi cerco quasi di accompagnarlo di nuovo dentro…
Anche Fabio apprezza molto, e mi accarezza i capelli.
Mi sollevo e lo bacio in bocca… Ne approfitto per sussurrargli la mia idea, e lui annuisce la sua entusiastica approvazione.
Torno giù e ricomincio il mio accurato lecchino, dal cazzo al coccige e ritorno, solcando beata il solco sudaticcio fra le chiappe di Irina, il delicato perineo, e soprattutto il buchetto occhieggiante dello sfintere.
Ho già avuto modo di saggiare il culetto di Irina nel corso della giornata, e non ho dubbi che sia già abbondantemente usato. Una leccatina però sicuramente non guasterà…
Irina freme e geme di porca lussuria, quando sente che le sleccazzo il buchetto palpitante. Lo insalivo per bene, e poi lo penetro con un dito, e poi ancora con due…
La russa probabilmente intuisce ciò che sta per accaderle, ma non è in condizioni di opporsi, sbronza e fottuta com’è. Così, quando Fabio estrae l’arma per trafiggerla, lei non si sottrae al suo destino.
Il maschio punta al buchetto accuratamente preparato con maestria dalla sottoscritta, e ci affonda con decisione il cazzo dentro.
– Aawww!!! – strilla la russa, sentendosi infilzare il culo praticamente a secco.
Io le accarezzo i capelli e la schiena per calmarla, poi torno a lavorarle di lingua la parte offesa, mentre con la mano sinistra raggiungo la sua fica improvvisamente vuota per consolarla con una buona sgrillettata.
– Ah! – geme Irina, piacevolmente sorpresa dal mio tocco, e da come questo le allevia il dolore al culo – Sì, toccami… Mi piace!
Che bella inculata! Peccato che non tocchi a me…
Eva emette un lungo lamento: riconosco il tono, la mia amica sta per crollare definitivamente. E infatti, dopo pochi altri colpi di ariete nelle viscere, la ragazzina emette un latrato straziante, viene dolorosamente per l’ultima volta, e si accascia come morta sul divano.
Boris le cade addosso, sorpreso dall’improvviso cedimento, e annaspa a sua volta dal piacere.
Io continuo a lavorare di dito e di lingua le parti sensibili della russa, che si dimena per il piacere e per il sottile dolore mentre Fabio la incula a tavoletta. Volgo lo sguardo al bar, e vedo che Ivan continua a bere, gli occhi fissi sulla moglie che si fa fottere il culo da un altro.
Un altro latrato, questa volta di gioia: Irina sta godendo con un cazzo nell’ano, difficile dire se per merito del cazzo stesso o delle mie dita esperte…
Le contrazioni incontrollate del corpo di Irina si ripercuotono sul cazzo di Fabio, che ormai al limite, eiacula nel retto della sua compagna, prolungandone l’orgasmo.
Boris sente le grida di sua nuora, e si solleva dal corpo esanime della sua giovanissima vittima per guardarci. Mi vede praticamente disoccupata, e si alza per raggiungerci.
Spossato, Fabio crolla ansimando accanto a Irina, e io prendo la russa per il collo, sibilandole un ordine secco in inglese: – Lui ti ha fatto godere, zoccola… Adesso tu succhiaglielo finché non gli torna duro, o ti tiro il collo.
Lei mi guarda con occhi sbarrati, ma ubbidisce.
Impugna il cazzo che le è appena uscito dal culo, lo mena un po’, lo guarda con evidente disgusto… Poi si china per prenderglielo in bocca come una schiava.
– E brava la mia zoccolona… – commento io, smettendo di tenerla per il collo. Mi giro, e mi trovo davanti Boris e il suo cazzone mostruoso, naturalmente ancora duro come un tronco.
Chi la fa, l’aspetti… Spalanco la bocca e ingoio l’enorme cappella, succhiando con gusto… Già, perché se a Irina tocca succhiare i suoi stessi liquami intestinali, io sto assaporando i succhi dolcissimi che Eva ha lasciato sull’asta che l’ha fatta godere mezza dozzina di volte.
Spompiniamo entrambe per un bel po’, io in ginocchio davanti a Boris che mi sovrasta da davanti, e lei piegata su Fabio disteso sul divano.
Io finisco prima, visto che il mio cazzo è già bello duro: mi alzo in piedi, abbraccio Boris e lo invito a prendermi di fronte.
Alzo una gamba per aprirmi meglio, mi porto il cazzo alla fica e gli getto le braccia al collo, mentre lui mi afferra per le chiappe e spinge forte.
– Ugh! – annaspo io – Oh, cazzo… Che botta!
Gli schiaccio le tette sul petto e lo bacio in bocca, mentre lui comincia a chiavarmi all’impiedi come fosse un ragazzino.
Irina alza lo sguardo, ci vede scopare come conigli, e le viene voglia di nuovo… Il cazzo di Fabio ormai è bello duro, pulito e lucido di saliva, nuovamente pronto all’uso.
La giovane russa scavalca il maturo italiano montandogli in arcione, si punta il cazzo in fregna e s’impala con un gemito di soddisfazione.
A differenza della loro, la nostra posizione non è delle più facili, e né io né tantomeno Boris siamo più abbastanza giovani per dedicarci a lungo a pose acrobatiche. Così, dopo cinque minuti di sesso da circo, Boris mi lascia andare, e io scivolo nuovamente ai suoi piedi per spompinarlo un po’.
Mentre mi smascello e slappo quella fava gigantesca, accanto a me Irina continua a sgroppare allegramente sul Fabio, abbracciandolo e baciandolo con foga sotto lo sguardo intontito del marito, ormai completamente ubriaco.
E’ allora che mi viene l’idea più perversa di tutta la serata.
Anche Boris è intontito dalla vodka, per non parlare di Irina, che ormai non capisce più niente che non sia il suo piacere animale… Mi alzo in piedi, lo bacio nuovamente senza smettere di segarlo, poi gli indico la coppia che sta fottendo sul divano davanti a noi.
Lui sorride, e io ammicco indicando la splendida groppa di Irina, impegnata a prendere nella fica il cazzo del Fabio.
Mi piego su di loro e accarezzo il fianchi della donna, come per aiutarla a impalarsi meglio, e così facendo le apro le chiappe, esponendo lo sfintere violato di fresco.
I tessuti non si sono ancora ricomposti dopo la recente sodomia, e il buchetto appare malamente slabbrato e sgocciolante…
Impugno nuovamente la bega di Boris e la accosto al bersaglio. Gli occhi del russo si illuminano di comprensione, e lui si arrampica sul divano alle spalle della donna più giovane che continua ignara a sbattersi sul suo amante.
Io mi ritraggo per favorire l’incesto e Boris afferra Irina per i fianchi, costringendola a fermarsi un momento. Poi le appoggia il glande (da me insalivato a dovere) sul buco e glielo caccia dentro con un grugnito di soddisfazione animalesca.
– AARGGHHH!!! – urla Irina, sventrata con un colpo solo da quel cazzo asinino, per di più mentre aveva già in pancia un altro cazzo.
Gli strilli proseguono in russo, ma Boris non se ne dà per inteso, e continua a riempire il culo di sua nuora senza dare alcun segno di resipiscenza.
Soddisfatta della mia opera di perversione, lascio i tre al loro sandwich osceno e vado a controllare sull’altro divano le condizioni della povera Eva.
Un rumore mi distrae prima che possa chinarmi sulla mia ragazza: Ivan è finalmente crollato sul pavimento, dopo aver assistito alla scena di suo padre che gli incula la moglie… Il bicchiere ancora mezzo pieno rotola sul tappeto accanto alla sua testa, e l’odore della vodka si spande per l’intera stanza… Chissà se domani si ricorderà di qualcosa?
Scrollo le spalle: non sono affari miei.
Mi chino piuttosto su Eva e le accarezzo amorevolmente le spalle. Lei sospira, e io le bacio i bellissimi capelli biondi.
Sull’altro divano la bestiale ammucchiata prosegue rabbiosa, con i maschi che grufolano infoiati come maiali, e la baldracca che urla a squarciagola mentre si fa fottere in quel modo osceno.
Noi invece ci baciamo delicatamente, accarezzandoci con amore, abbracciandoci con tutto l’affetto sincero che ormai ci lega indissolubilmente.
Mi stendo accanto a Eva e la abbraccio forte; le nostre bocche si uniscono in un lungo, profondissimo linguainbocca alla francese; più in basso i nostri seni si baciano delicatamente, e i nostri sessi ardenti ma soddisfatti si accarezzano mescolando i cespugli e scambiandosi le ultime gocce di nettare femminile.
Irina ulula come una cagna, scossa dal suo orgasmo più violento, e i suoi maschi si svuotano dentro di lei prima di stramazzarle addosso stremati.
Eva ed io ci baciamo appassionatamente, prima di sussurrarci il nostro amore e di socchiudere gli occhi, esauste e appagate.
Riposiamo un po’, poi Fabio riesce a tirarsi in piedi e ci costringe a fare altrettanto.
Irina è andata, come suo marito, ma Boris si alza insieme al nostro uomo, e i due si stringono la mano mentre io aiuto Eva ad alzarsi in piedi.
Ci rivestiamo a fatica, poi il vecchio patriarca ci costringe a un ultimo drink (io accetto un’altra soda), stampa un bel triplo bacio in bocca a noi ragazze, e un’energica stretta di mano a Fabio, estorcendogli la promessa per l’appuntamento in mare per la prossima estate.
Preso questo impegno, e gettato un ultimo sguardo di compassione a Ivan e Irina ormai al di la’ del bene e del male, ci avviamo faticosamente alla suite di Fabio e Eva, dove alla fine crolliamo tutti insieme sul lettone, esausti e sessualmente appagati.

Commenti [13]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *