dopo 9 mesi

Dopo 9 mesi, con grande gioia nacque il piccolo Alberto, era stato un periodo lungo, soprattutto per la nostra vita di coppia che aveva dovuto fare non poche rinunce. Vivevamo a Roma in un appartamento di 80 mq, uno stipendio intero, uno part-time ed un mutuo da pagare. Non potevamo permetterci una baby sitter e per assistere mia moglie Clara e conoscere il primo nipotino erano venuti dal Sudamerica i miei suoceri. Lui sulla sessantina, lei un po’ più giovane 55 anni. Una coppia tranquilla, uniti, molto cattolici, sempre sorridenti e disponibili. Parlavano solo spagnolo, ma non avevamo problemi a capirci in quanto dopo tanti anni di convivenza con mia moglie lo avevo appreso e lo parlavo correntemente. Accettarono di buon grado di aiutarci per un paio di mesi, affinché mia moglie potesse recuperare ed io proseguire col lavoro senza troppe preoccupazioni.
Il nostro appartamento era pienotto con 4 adulti ed un bambino, però ci si arrangiava, noi nella nostra camera col bimbo, loro nella cameretta che un giorno sarebbe stata di Alberto sistemati su due letti singoli.
Spesso la notte il piccolo piangeva ed i miei suoceri sempre squisiti non mancavano di prendere il bimbo e cullarlo nelle ore notturne. Ogni tanto dopo mezzanotte in pigiama tutto assonnato, consegnavo Alberto in lacrime tra le braccia di mia suocera che in vestaglia lo prendeva ed iniziava a cullarlo per farlo addormentare. Poi mi rimettevo a letto ed immediatamente ricascavo nel mio sonno profondo. La vedevo sempre come una seconda mamma per me, premurosa e gentile.
Una notte poggiando il bimbo tra le sue braccia, strusciai involontariamente col gomito nel suo petto, lo sentii bello e consistente, lei non ci fece caso ed io nonostante il sonno mi sorpresi a notarlo.
Sapevo che mia suocera avesse un bel petto, era alta 1.65, formosa, ma non grassa, capelli e occhi scuri luminosi, spesso indossava degli abiti scollati che lasciavano intravedere un seno bello prosperoso ed abbronzato. Mano mano che iniziavo a frequentare mia moglie e la sua casa, varie volte l’avevo vista così ed essendo come una seconda mamma il mio sguardo si posava su di lei solo il giusto. Quella notte però averlo anche solo sfiorato mi rimase impresso, sarà stata la lunga astinenza per la maternità, ma nel letto continuai a pensarci a lungo prima di riprender sonno.
Il mattino seguente di buon ora ci svegliammo tutti per fare colazione. Alberto aveva dormito con i miei suoceri e quando lei me lo riconsegnò non potei mancare di andare a cercare col gomito il suo seno, lo sfiorai nuovamente di proposito, lei non se ne accorse nemmeno (almeno così credo) ma a me fece piacere dandomi quello strano gusto del proibito. Durante la colazione continuai inoltre a guardarla di nascosto, era con la sua solita vestaglia bianca e sotto, cosa mai notata prima, si scorgevano in trasparenza leggermente i suoi capezzoli scuri, apparivano come due chiodi. Non me n’ero mai accorto, forse perché mai ero stato interessato a guardarla. Andai in ufficio con quel pensiero, sorpreso sempre più di quello che mi passava per la testa.
Il fine settimana poi non mancavo di far loro da guida, portarli in giro per la città, fargli conoscere i posti più famosi, invitarli anche a pranzo fuori, qualche volta senza mia moglie che restava a casa col bimbo. Passato il primo mese, con la primavera alle porte, la natura che si risveglia, un sabato mattina mia moglie di buon ora decise di fare una passeggiata al parco vicino casa. Per me il lavoro era stancante, il sabato preferivo sempre dormire fino a tardi, così decidemmo di darci appuntamento per pranzo in una trattoria non lontana, nel frattempo potevo restare a letto.
Mamma e bimbo uscirono accompagnati da mio suocero, mentre mia suocera rassettava la casa. Dormii profondamente e quando mi alzai per andare in bagno lo trovai occupato. Mia suocera stava facendo la doccia, sentivo lo scrosciare dell’acqua, in quel momento mi venne come un lampo in mente: l’immagine del getto che scendeva lungo i suoi seni, era eccitante. Eravamo soli in casa e mi venne la curiosità di spiare dal buco della serratura, una follia! Mi chinai silenziosamente ed eccitato come un bimbo che sta per fare una birichinata: la chiave nella toppa non copriva tutto il campo e vidi sul lato della stanza, in piedi nella vasca, mia suocera nuda che passava il getto sulle sue gambe. Vidi la sua peluria scura ed abbondante, le sue tette appese mentre lei china si sciacquava, mi prese un’eccitazione folle! Mi sentivo tornato ragazzino, quando si spia dal buco della serratura, col cuore a mille, una locomotiva che corre in un terreno proibito.
D’un tratto il getto d’acqua si bloccò, fuggii via temendo che nel silenzio potesse sentire i miei passi dietro la porta, andai verso il salone, ballando sui miei piedi su quale fosse la cosa migliore da fare: forse mi aveva sentito! Che figura di m****! Poi mi dissi, tanto mai penserà che io ne sia capace e poi d’altronde avevo già tentato di aprire la porta per andare in bagno, non avevo fatto nulla di male. Decisi che la cosa migliore da fare fosse farmi trovare alla sua uscita bisognoso di soddisfare le mie esigenze fisiologiche. In tutto questo mi era venuta un’erezione che era difficile da nascondere sotto il pigiama. Vabbè figurati se mai se ne sarebbe accorta. Ero ancora indeciso sul da farsi, quando sentii la serratura aprirsi e partii di scatto come uno che ha urgenza di andare in bagno. Sovrastato dai mille timori non avevo considerato come si sarebbe presentata lei ai miei occhi, uscì con un asciugamano attorno al corpo che a fatica la copriva, era di spalle ed io ancora più nervoso di essere beccato nascosto dietro di lei, battei i miei piedi per terra per farmi notare, farfugliando: “discúlpeme voy al baño (scusami vado in bagno)”. Lei si girò di scatto, quasi sorpresa, nel movimento notai che l’asciugamano bianco stretto le copriva a mala pena i capezzoli, emergevano due seni grossi sodi, mi sorrise scusandosi di ostruirmi il passaggio, ma il mio sguardo era sulle sue tette e lei se ne accorse. Infatti il suo sorriso divenne quasi di imbarazzo ed un leggero rossore le apparve in viso, presa così di sorpresa bisbigliò: “discúlpeme, aproveché la oportunidad para refrescarme antes de salir” (scusa me, ho approfittato per darmi una rinfrescata prima di uscire)”. Io: “por favor no te preocupes (prego non ti preoccupare)” ma il mio era un modo per prendere tempo, per prolungare quel momento di piacere proibito a quella vista provocante, il mio sguardo era intenso, avevo paura fosse molesto, ma non mollavo, furono solo cinque secondi ma lunghissimi. Lei abbassando lo sguardo e rannicchiandosi per coprirsi istintivamente di più si fece da parte, io passai, continuai a scrutarla dall’alto del mio metro e ottanta, annusando il profumo del suo bagnoschiuma sapor violetta, a quel punto mi accorsi che forse nell’abbassare lo sguardo aveva notato la mia erezione ed un attimo con l’occhio nel muoversi era continuata su quella linea, come calamitata, forse sorpresa, forse disgustata, non so, io la guardai ancora un attimo da dietro, la schiena abbronzata, senza nei, forse non tonica, ma bella, scura e liscia. Lei sgattaiolò in camera con tre passi. Io sparii in bagno. Sentivo di aver fatto una figura di m**** (continua..)

Commenti [5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *