Ed io tra di voi

Hits: 16

Mi chiamo Alberto T., 45 anni, sono allergico ai legami troppo stretti, perciò vivo solo e questa condizione mi è utile a godermela senza complicazioni, coltivando prevalentemente relazioni occasionali e trasgressive. La mia condizione di single impenitente mi ha consentito tra l’altro di andare spesso in missione per conto della mia azienda, e quindi di mettere da parte un buon gruzzoletto.
L’anno scorso sono stato inviato per motivi di lavoro in missione a Genova, dove sarei dovuto restare almeno tre mesi. Per trovare una sistemazione ho seguito l’indicazione di una mia collega, che mi aveva preceduto in quella missione, e perciò mi misi in contatto con una signora che appunto affittava camere ad un prezzo conveniente.
La signora Elvira era una donna di 50 anni che viveva insieme ad un fratello di anni 53, Vittorio, emiplegico, immobilizzato sulla sedia a rotelle. Era una donna alquanto normale Elvira, vestiva in modo anonimo e l’abbigliamento non valorizzava certo il suo fisico. Insomma non stuzzicava quasi per nulla l’attenzione e l’interesse maschile.
Sin dal primo momento che la contattai telefonicamente, mi volle precisare che aveva prima di allora affittato solo a donne, ma, anche per il buon ricordo che le aveva lasciato la mia collega, era disponibile a fare una eccezione. Mi aveva però subito raccomandato di uniformarmi allo stile serio di quella casa: massima discrezione, poco chiasso, niente donne in camera.
A prima vista, in effetti, quell’ambiente mi apparve un po’ da clausura e non mi piaceva affatto, ma il prezzo pattuito era molto buono, e poi non avevo voglia di mettermi a cercare altre soluzioni. Il clima che si respirava in quella casa era un po’ curioso, soprattutto i rapporti tra la padrona di casa e suo fratello handicappato mi apparivano un po’ particolari. Lei si mostrava con me molto evasiva e misteriosa, il fratello era addirittura un pò scontroso, come se avesse accettato di malavoglia la mia presenza. Ma, abituato a farmi i cazzi miei e sapendo che comunque in casa ci dovevo stare solo la notte per dormire, non ci feci gran caso.
Una notte, tuttavia, che mi alzai verso le due di notte per andare in cucina a bere un sorso d’acqua, mi accorsi che nella stanza del fratello in fondo al corridoio c’era ancora accesa la luce dell’abatjour e, tendendo un po’ l’orecchio, percepii delle voci.
Dopo un po’ di titubanza e facendo attenzione a non farmi sentire, mi avvicinai alla porta della stanza e colsi delle espressioni e dei gemiti molto sospetti. Per mia fortuna la porta era solo accostata e, quindi, spingendola impercettibilmente, riuscii a guadagnare una prospettiva visiva obliqua che mi consentiva di sbirciare dentro restando di lato nella penombra.
La scena che mi si parò dinanzi mi lasciò di stucco, senza fiato: Vittorio era seduto sulla sedia a rotelle, ma aveva i pantaloni del pigiama insieme alle mutande tirati giù fino alle ginocchia, mentre la sorella Elvira in camicia da notte, seduta sul bordo del letto, gli stava praticando lentamente una sega. I movimenti della mano della donna mettevano in mostra di continuo la grossa cappella del cazzo di Vittorio e, anche se non ho mai avuto interessi di tipo omosex, confesso che provai una certa ammirazione per quell‘arnese di tutto rispetto.
I due probabilmente, data l’ora e convinti che io stavo dormendo, si sentivano tranquilli e, difatti, si lasciavano andare a gesti e linguaggi di libera oscenità.
– Elvira, ti piace il cazzo, eh tesoro? ti piace l’uccellone di tuo fratello, sì?… mmmm…. lo senti come ce l’ho duro?… dai, fai più veloce, stringilo più forte!…..-
Devo confessare che quella scena mi lasciava sbalordito, per un attimo mi chiesi se stessi sognando. Elvira non mi sembrava lei, una donna così rigida e riservata ora mi si mostrava sotto una luce completamente diversa, stentavo quasi a riconoscerla. La camicia da notte, inoltre, lasciava indovinare forme non disprezzabili: due tette abbastanza sode, due fianchi e due chiappe arrotondate, niente di trascendentale, ma sicuramente non da buttare.
La scena era quanto mai eccitante. Ad assistere a quell’incrocio incestuoso cominciai a deglutire a fatica; in breve sentii la mia gola completamente asciutta, avevo il cuore che batteva a mille, il cazzo si era inalberato imperiosamente. I due fratelli si toccavano come due amanti perversi, Vittorio teneva una mano tra le cosce di Elvira e, man mano che cresceva il suo godimento, la apostrofava con epiteti sempre più sconci:
– Prendilo in bocca, troia!… dai, muoviti, succhiamelo ora! –
E poi, con il respiro che si faceva più affannato:
– Troia, sei una zoccolona, dai dai….. succhiami il cazzo!-
Poi, reclinando la testa all’indietro, l’uomo spalancò la bocca e cominciò a gemere in modo quasi animalesco. Elvira non parlava, ma si dava da fare con la bocca agitando velocemente anche la mano sull‘arnese del fratello, fino a che:
– Vengo Elvira, vengo… su, dai, ingoia, ingoia tutto…..troia troia, puttanaaaa!!! –
E, proprio mentre eiaculava, la teneva saldamente con una mano dietro la nuca costringendola ad ingoiare tutto il seme.
Finito di bere tutto, leccandosi ancora le labbra, lei si rivolse al fratello, come se lo facesse ad un bimbo, e gli sussurrò:
– Vittorio, amore, ti sei sfogato?… bravo, ora sei stanco… dai, rilassati e prova a dormire –
A quel punto, per timore di essere scoperto, mi tirai indietro e tornai in punta di piedi in camera mia. Ma quello che avevo visto mi aveva sconvolto e sentii il bisogno impellente di masturbarmi. Anche se cercai di trattenere il più possibile i grugniti di piacere, venni copiosamente come non mi succedeva da tempo.
Il giorno dopo, durante l’orario di lavoro, ripensavo continuamente alla notte prima, quelle immagini mi ossessionarono per tutta la giornata, tanto che non mi vergogno di confessare che, ad un certo punto, per placare l’eccitazione non resistetti dal masturbarmi di nascosto nel cesso dell’ufficio.
Da quel momento cominciai a controllare di più i loro movimenti in casa. Innanzitutto mi sforzai di essere più gentile e, in breve, stabilii con Vittorio un rapporto piuttosto amichevole. Tanto che, una settimana dopo, era domenica pomeriggio, mentre Elvira si era recata a messa ed io ero rimasto in casa col fratello a seguire alla tv una trasmissione sportiva, cominciammo a confidarci liberamente. Ad un certo punto portai il discorso sulla sorella e mi azzardai a chiedergli se avesse una qualche relazione con qualcuno. Lui, scrutandomi in silenzio per qualche secondo, mi domandò a sua volta con un sorriso malizioso:
– Perché vuoi saperlo? ti piace mia sorella? –
Io, fingendomi sorpreso:
– Mah… in che senso?-
– Nel senso se ci hai fatto un pensierino su … capisci cosa intendo? –
– Ma Vittorio cosa dici? non mi permetterei mai ….–
Ma aspettavo con ansia di ascoltare il proseguire del suo discorso.
– Lo vedi? tu mi piaci perché sei una persona a posto, sei uno giusto… ma non ti immagini che razza di troia si nasconde dietro quell’aria da santarellina di mia sorella… –
– Ma perché dici questo, Vittorio? Perché parli così di tua sorella? –
Stavo però intuendo dove volesse arrivare:
– Bando alle chiacchiere, dimmi la verità, ci andresti a letto con mia sorella? –
– Beh, Vittorio certo, tua sorella non è male, anzi direi che mi piace–
A queste parole il suo volto si illuminò come se avesse avuto una conferma per ciò che aveva in mente:
– Senti, mi sei simpatico…. se mi prometti che tutto quello che potrebbe accadere magari già stasera rimanesse poi un segreto …. se te la sentissi …-
E, vedendo me che lo osservavo con stupore, si decise e disse:
– Ascolta, se mi prometti di stare al gioco e di non crearti particolari problemi …. si potrebbe passare insieme, noi tre, qualche momento piacevole…. –
– Piacevole, in che senso? –
– Alberto, non fare il finto tonto…. vuoi fare sesso con Elvira? … purchè sia chiaro che il gioco devo condurlo io…-
E dopo aver esaminato l’espressione del mio volto continuò:
– Sta a sentire…. se sei d’accordo, io le parlo e vediamo cosa succede…. però, io dovrò essere presente, mi capisci? mica avresti dei problemi a chiavarla davanti a me? –
– Vittorio, io non so cosa dire.. è una situazione che mi prende un po’ alla sprovvista … e poi cosa ne penserebbe Elvira? –
Il discorso, mio malgrado, cominciava ad eccitarmi davvero perché pregustavo già il momento di poter combinare qualcosa con Elvira, e l’idea che dovesse partecipare anche il fratello mi dava un forte senso di trasgressione: tutte quelle fantasie che fino a quel momento avevo lette solo nei racconti erotici si stavano materializzando.
Elvira ritornò dalla Chiesa e preparò per la cena, me ne stavo nella mia stanza ad ingannare il tempo con la ‘Settimana enigmistica’, aspettando che mi chiamassero quando fosse pronto in tavola; li sentivo parlare fitto fitto, ma non riuscivo a captare il senso dei loro discorsi. Quando sedetti a tavola, Vittorio mi fece l’occhiolino facendomi intendere che la cosa poteva davvero andare in porto. Intanto notavo che Elvira aveva assunto un atteggiamento insolito, sembrava a disagio in mia presenza e mi chiedevo come avesse preso la proposta del fratello.
A tavola la cena si svolse apparentemente nella massima normalità. Passò un’oretta e, mentre si guardavano insieme i gol delle partite di calcio, ad un tratto Vittorio ruppe gli indugi e chiese alla sorella di accompagnarlo in camera sua. Mentre Elvira andò a preparargli il letto per la notte, lui mi chiese se mi sentivo pronto e mi avvertì che ad un certo momento mi avrebbe chiamato in camera.
Mentre si trovavano in camera, riuscii a sentire da parte di Elvira:
– Vittorio, ma cavolo! …. non me la sento proprio …. è sempre un estraneo!…. non mi fido…. –
Ma sentii che Vittorio insisteva e le spiegava che lei mi piaceva, e poi la implorava di accontentarlo: voleva assolutamente vederla scopare con me, era un piacere troppo forte e non voleva rinunciarci. Seguì un po’ di silenzio, ma poi sentii Vittorio che le diceva di spogliarsi ed indossare una sottoveste di seta. Elvira stava cedendo; difatti, dopo ancora qualche altra frase che si scambiarono, finalmente mi sentii chiamato da Vittorio:
– Alberto, vieni che Elvira ti sta aspettando! –
Quando entrai in camera Elvira rivolgendosi a Vittorio lo provocò dicendo:
– Se proprio lo dobbiamo fare, sarebbe meglio che tu te ne vada di là, non credi? –
E gli fece segno di smammare con la mano. Ma Vittorio contrariato ribattè:
– Accidenti Elvira! Non hai capito che ho voglia di vedervelo fare? voglio vedere come ti scopa …-
E, rivolgendosi a me che intanto ero già caricato ed eccitato, mi invitò a non perdere tempo. Guardavo Elvira ed ebbi l’impressione che non fosse molto convinta della cosa, ma a me non importava più di tanto, ero pronto, volevo scopare e per farlo mi andava bene anche la presenza del fratello. Per semplificare le cose cominciai col farle i complimenti per come fosse attraente; poi, senza preliminari, ci stendemmo sul letto e, mentre il fratello sulla carrozzella se lo tirò fuori e cominciò a masturbarsi, io le sollevai la sottoveste quasi fino al seno, portai il viso all’altezza del suo pube e con le mani le allargai delicatamente le cosce per osservarle la fica.
Lo spettacolo che mi si presentò fu notevole, Elvira aveva un ficone circondato da una folta peluria nera con il clitoride ben sviluppato, tanto da sembrare a sua volta una sorta di piccolo pene; le piccole e le grandi labbra erano di un colore violaceo molto sensuale, le passai la lingua partendo lentamente dal forellino del culo fino a fermarmi sul clitoride e constatai che, suo malgrado, Elvira fosse già ben lubrificata. Allora mi portai sopra di essa e la penetrai con facilità, dopo un po’ di su e giù Elvira inevitabilmente cominciò a sciogliersi e a collaborare.
Ma era una situazione stranissima, guardavo Vittorio che si menava l’uccello e mi eccitavo sempre di più prendendo un ritmo sostenuto. La cosa mi piaceva, sentivo che le pareti vaginali di Elvira mi accoglievano delicatamente regalandomi un bellissima sensazione, Vittorio intanto si gustava le smorfie della sorella mentre la stavo scopando, lei intanto emetteva degli urletti smorzati, sembravano quasi un singhiozzo.
Vittorio, al colmo dell’eccitazione, accelerando la masturbazione con voce roca le disse:
– Elvira, mamma mia che bello vederti fottere!……-
La donna ormai era presa dalla chiavata ed aveva superato ogni residuo pudore:
– Vittorio, oh sì che bello, mi piace, mi piaceeee!!! –
Mi sentii incoraggiato da quelle parole e cercai di affondare con forza crescente:
– Sfondala, Alberto, sfondala…. aaahh!! –
Mi ero accorto di essere solo uno strumento per il loro gioco perverso, e così mi concentrai solamente a ricavarne piacere personale; quando Vittorio, che godeva ad osservare come mi chiavavo la sorella, si accorse che stavo per venire, mi incitò:
– Sborrale dentro Alberto, riempila sta troia, riempile la fica, dai…..-
A quelle parole accelerai il movimento fino a che inondai con abbondanti schizzi la fica di Elvira, poi mi staccai da lei esausto e soddisfatto. Elvira nel frattempo sistemò Vittorio sul letto, si infilò la verga ben dura del fratello e prese a cavalcarlo con ardore e mi resi conto che la loro intesa sessuale era davvero profonda, chissà quante volte lo avevano già fatto. Alla fine anche Vittorio si sfogò dentro di lei, mischiando il suo seme con il mio; Elvira sentendo il fratello godere fu travolta a sua volta da un violento orgasmo.
Quella notte stentai a prendere sonno, ringraziavo il cielo e la trasferta che mi avevano data la possibilità di vivere quell’esperienza veramente fuori della norma; mancavano cinque giorni al mio ritorno a casa, ma avrei desiderato che ne mancassero mille.
Nei due giorni seguenti, a causa del prolungato impegno per il mio lavoro, non vi fu un seguito, né si ebbe il tempo e la possibilità di tornare sull’argomento come mi sarebbe piaciuto; Elvira del resto si comportava come se nulla fosse accaduto.
Il giovedì sera Vittorio dovette passare per controllo una nottata in un istituto medico ed io mi offersi di accompagnarli con l‘auto. Durante il tragitto Vittorio scherzava continuamente, mentre Elvira rimaneva abbastanza fredda nei miei confronti; ma al ritorno, quando io ed Elvira restammo soli, la vidi trasformata, recuperò tutta la sua loquacità, si manifestò gentile e confidenziale, anzi mi ringraziò calorosamente per quello che stavo facendo.
Era ormai tardi e le proposi di fermarci in pizzeria. Accettò di buon grado, nel locale mi fece dono di confidenze che mi fecero comprendere il perché del rapporto morboso col fratello: una storia di genitori morti prematuramente e di situazioni incestuose già presenti in persone facenti parti della sua famiglia. Io ascoltavo con interesse le rivelazioni che mi stava facendo, forse avendo avuto il tempo di ruminarle in quei giorni, non mi sembravano più così sconvolgenti.
Al rientro era ormai già molto tardi, ma comprendendo che quella sera tra me ed Elvira si fosse creata la giusta atmosfera, nel vederla andare verso la sua camera dopo avermi dato la buona notte, trovai il coraggio per dirle:
– Elvira, domani torno a casa, questa è la mia ultima notte qui da voi, ascolta: ora vado in bagno, se fra qualche minuto quando esco la porta della tua camera è ancora aperta, beh sarà per me un addio bellissimo…. –
Mi chiusi nel bagno ed aspettai qualche minuto cominciando a sperare. Quando uscii dal bagno la sua porta in fondo al corridoio era ancora ben aperta e, quando entrai nella sua stanza, Elvira mi accolse con un sorriso dolcissimo e, sbalordendomi una volta di più, mi disse con un sorriso malizioso:
– Alberto entra, ma mi raccomando, non lasciare tracce … Vittorio mi ha fatto giurare che in sua assenza non avrei fatto niente … lo prenderebbe come un tradimento –
Passammo una notte di fuoco, Elvira scatenò tutte le sue passioni represse, era più troia di quanto pensasse il fratello. La pistonai a lungo, facendola delirare e sbrodolare ripetutamente. Dormimmo abbracciati. Al risveglio mi ritrovai ancora una mazza dura tra le gambe e, cominciai a vellicarle il buco del culo. Lei si ridestò e mi disse subito a bruciapelo:
-Stai pensando di incularmi, vero?…
Gli soffiai in un orecchio, pieno di voglia:
-E tu che ne dici?
Sorrise, si mise a pancia in giù e, allargandosi le chiappe con le mani, mi invitò:
-Dai, il culo non gliel’ho dato a nessuno …. ho detto di no anche a Vittorio … ma è una verginità che non mi serve …. te la regalo volentieri… ma, mi raccomando, fai piano!-

Commenti [36]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *