family sex

Hits: 17

Mi ero sposata giovanissima ed avevo deciso di seguire mio marito nel suo paese natale.
La sua era una famiglia numerosa e all’antica. Dopo un anno nacque Matteo, fu un parto difficile, rischiai di morire. Il medico ci disse che non avremmo più potuto avere figli.
Dopo la nascita di Matteo mio marito cominciò ad allontanarsi da noi poi, per poter guadagnare più soldi, si trasferì in Germania. All’inizio tornava ogni mese poi cominciò ad accampare scuse ed infine non tornò più.
Mi mandò una lettera nella quale mi diceva di avere un’altra donna e che avrebbe continuato a mantenermi, i soldi adesso non gli mancavano, purché non dessi scandalo ecc…
Mi cadde il mondo addosso. Sola, con un figlio piccolo, e senza nessuna possibilità di rifarmi una nuova vita.
Già il paese era piccolo e pieno di malelingue, in più la sua famiglia avrebbe fatto la guardia al mio buon nome. Ero diventata una vedova bianca.
A parte Luisa la moglie di uno dei suoi fratelli, con gli altri avevo solo rapporti formali e non intendevo certo modificarli adesso.
I soldi arrivavano regolarmente e riuscii a crescere Matteo senza che ci mancasse nulla.
Restava in ogni modo la mia rabbia per essere costretta ad una vita solitaria.
Con il passare del tempo Matteo era l’unico uomo che frequentassi e fra noi si era creato un bel legame, cementato dal disprezzo per un padre che ci aveva abbandonato entrambi.
Mi trovai anche a far i conti con la sua esuberanza che, data la giovane età ed il fatto in paese non era consentito che i ragazzi si frequentassero senza il consenso delle famiglie, faceva sì che spesso fosse un po’ su di giri.
Me ne accorgevo dal rigonfiamento nei suoi pantaloni e dal fatto che cercava il mio contatto abbracciandomi e baciandomi.
In quanto a me cercavo di mostrarmi affettuosa, ma senza esagerare.
Anche a me mancava il contatto fisico con un uomo e, per quanto mi facessero piacere le coccole di mio figlio, non volevo che la situazione prendesse una brutta piega.
Un giorno successe che si avvicinò per baciarmi sulla guancia proprio mentre io mi giravo verso di lui così finimmo per baciarci sulla bocca.
La cosa gli piacque perché da allora mi baciò sempre così, dato che anche a me non era dispiaciuto lo lasciai fare raccomandandomi però che non lo facesse mai davanti agli estranei.
Arrivata l’estate passavamo le serate a vedere la televisione e Matteo prese l’abitudine di infilarmi la mano sotto la maglietta e di carezzarmi la schiena cosa che mi facilitava il sonno.
Una sera, ero accoccolata mentre lui eseguiva il solito massaggio, quando in televisione si vide una modella con una camicetta trasparente.
-Starebbe bene anche a te una camicetta così, quando avrò i soldi te ne compro una-.
-Stai scherzando.- gli risposi. -T’immagini se girassi in paese con una cosa del genere? E poi non potrei mettermela. Quella è per ragazzine con le tettine piccole. A me dopo l’allattamento i capezzoli sono diventati grossi e scuri e si vedrebbero troppo…-
-Mi hai allattato per tanto tempo?-
-Fin quando hai voluto. Non ti stufavi mai. Ho smesso quando hai messo i denti perché davi certi morsi.-
Preso dal discorso mi passò una mano sul seno ed immediatamente ebbi un fremito.
-Buono adesso…- gli dissi togliendogli la mano. -Ora sei grande…-
Mi accorsi che era diventato rosso e che la patta dei pantaloni si era gonfiata, così mi alzai gli diedi un bacio e gli augurai la buona notte.
Il sonno mi era passato, quella carezza sul seno aveva acuito le mie voglie. Per Matteo ero l’unica donna con cui era in confidenza e capivo la sua curiosità. Ma dovevo fare attenzione a che le cose non precipitassero.
Forse avrei dovuto essere più severa e riservata ma non me la sentivo di togliere a me ed a Matteo il calore del nostro rapporto.
Qualche giorno dopo ero a casa di Luisa, parlavamo del più e del meno quando lei iniziò un discorso strano sui figli che crescono e diventano uomini e sul fatto che Matteo fosse ora il maschio di casa.
Quando se ne uscì con la frase che spesso i figli sono una consolazione per i genitori mi spaventai. Sembrava quasi che mi avesse letto dentro.
-Dai non fare quella faccia.- disse lei. -Non c’è niente di così strano sai.-
Non capivo dove volesse arrivare.
-Dai non fare così.- disse sedendosi vicino a me.
-Spesso nella vita capitano situazioni strane. Una donna sola…senza nessuna possibilità di rifarsi una vita… un maschio che ti gira in casa… che ti vuole bene. –
-Ma sarebbe… –
-Non diciamo paroloni. Capita a tanta gente anche qui da noi… e poi anch’io sai con Andrea… Mio marito lo conosci è uno stronzo, sempre in giro… è tanto che non si avvicina più, e così quando Andrea è cresciuto… sai come succede… la sua curiosità…l’intimità fra madre e figlio.-
Rimanemmo in silenzio.
-Non mi giudicare male…- continuò -Sai per me il contatto con uomo è importante e in questo maledetto posto ti controllano ogni momento…-.
-Sì certo! Non ti giudico e vista la situazione… Anche a me sai… Matteo è diventato curioso e devo fare i salti mortali per tenerlo a bada… E poi anch’io non sono di legno… -.
-Non credere poi che sia una cosa strana. – continuò lei. -Anche qui in paese più di qualcuno…-
-Davvero?- esclamai incredula. -Non l’avrei mai immaginato…-
-Ma sì- continuò lei prendendomi una mano -Sai Angelo il farmacista, è vedovo e sua figlia…Anche le sorelle della merceria, perché credi che vivano insieme? Certo bisogna essere molto discreti. Nessuno ti dice niente finché la cosa resta dentro le mura domestiche-.
Scoprivo un mondo nuovo.
Continuammo a parlare per un po’ poi ci salutammo e tornai a casa.
Ero turbata, aver scoperto quanta gente si trovasse nella mia situazione da una parte mi dava le vertigini dall’altra faceva sentire meno sola.
Ciò nonostante non volevo che succedesse anche a me. Non mi vedevo nei panni della madre incestuosa.
Nei giorni successivi continuai a rimuginarci sopra. Conoscevo le persone che Luisa aveva nominato e non erano certo mostri. Anche Luisa del resto era una madre affettuosa.
Inoltre c’era la rabbia di non poter vivere una vita normale.
Però sentivo che c’erano forti resistenze dentro di me a lasciarmi andare ad una cosa così grossa.
Con Matteo le cose andavano al solito, abbracci, bacetti ogni tanto una carezza al seno.
Spesso quando mi abbracciava sentivo il suo turgore che spingeva sulla mia pancia e lui si ritirava imbarazzato.
Allora, per consolarlo, lo tiravo a me e lo strapazzavo un po’.
Una sera mi ero appisolata sulle sue gambe, mentre lui mi accarezzava la schiena, evidentemente mi ero girata perché quando mi ripresi mi resi conto che le sue dita mi stavano stingendo un capezzolo.
Mi alzai di scatto e dopo averlo rimproverato me ne andai a letto.
Passai una notte agitata. Ero dispiaciuta per aver preso Matteo a male parole e in più non potevo nascondere di essermi eccitata.
Verso l’alba mi svegliai e vidi Matteo seduto sul letto.
-Amore! Cosa ci fai qui?- gli domandai meravigliata.
-Ho sentito che mi chiamavi…- rispose lui.
-Parlavo nel sonno… Scusa-.
-Figurati. Posso sdraiarmi un po’ qui?-
-Si vieni…-
Ci abbracciammo.
Mi baciò i capelli poi ci scambiammo dei bacetti sulle labbra.
-Scusami per ieri sera… Ho un po’ esagerato. Anche se ti sei preso un po’ troppa confidenza con il mio seno.-
-Ti stavo facendo male?-
-No… Non è che mi facevi male…Insomma non si fa…-.
-Scusami ma a me piaceva tanto accarezzartelo…-.
-Sei scusato.-
Le sue mani si infialarono sotto la camicia da notte mentre i baci diventavano più frequenti e le lingue cominciavano a toccarsi.
Sentivo la sua erezione contro la mia pancia e, senza pensarci, gli presi la mano e me la portai sul seno. Prima lo accarezzò timidamente, ma ben presto si impossessò del capezzolo e cominciò a strizzarlo.
-Ti piace?- gli chiesi.
-Sì! È bellissimo.-
Continuammo così per un po’ poi ruppi gli indugi.
-Senti tesoro- gli sussurrai all’orecchio -Vuoi venire dentro la mamma?-
-Davvero?- mi chiese eccitato.
-Sì. Spogliati.-
Non se lo fece ripetere. In un attimo era nudo e con una magnifica erezione. Mi sfilai le mutandine e lo attirai a me. Mi scivolò dentro dolcemente e io persi ogni controllo.
Quando s’irrigidì di scatto realizzai che ormai lo avevamo fatto e che non saremmo più potuti tornare indietro.
Non ero dispiaciuta, anzi mi era piaciuto parecchio.
Nel torpore che ci prese dopo l’eccitazione lo attirai a me e mi raccomandai -Questa è cosa che deve rimanere fra noi. Non devi parlarne con nessuno per nessuna ragione -.
-Stai tranquilla.- mi rassicurò -è una cosa solo nostra-.
Passammo un periodo bellissimo. La sera iniziavamo a coccolarci sul divano e ben presto ci ritrovavamo nudi allora trascinavo Matteo in camera mia e facevamo l’amore.
Feci con lui quello che mi ero sempre rifiutata di fare con mio marito.
Mi piaceva baciarglielo, all’inizio era solo un gioco, ma ben presto divenne una vera e propria pratica erotica. Anche a lui piaceva baciarmi fra le gambe e dopo i primi momenti d’imbarazzo finii per concedermi totalmente.
Una notte che eravamo particolarmente eccitati volli dargli tutto e, per la prima volta in vita mia, lo feci venire dietro.
Rincontrai Luisa qualche tempo dopo e lei vedendomi così felice e rilassata mi disse -Sei cambiata, in meglio. O ti sei fatta l’amante o hai seguito il mio suggerimento…-
-Si vede cosi tanto?-
-Ho l’occhio allenato a cogliere certi particolari…-.
Ci confidammo un po’ dei nostri segreti, di come, a differenza di me, fosse preoccupata di rimanere incinta e dell’aiuto che le dava il farmacista.
-Sei proprio sicura che anche lui…-.
-Sì me l’ha fatto capire chiaramente e poi sai… chi lo fa capisce quando gli altri sono nella stessa situazione e così ci diamo una mano.-
Cominciai anch’io a frequentare la farmacia di Angelo, compravo delle creme cose così, qualche volta c’era anche Mara, sua figlia, una ragazza magra e molto sveglia.
Non ci facemmo mai confidenze, ma c’era un’intesa del tipo “io so che tu sai che io so…” solo una volta, mentre sceglievo una crema, fece un’allusione su cosa non si è disposti a fare per piacere ai figli, io sorrisi e la cosa finì lì.
Passò qualche anno, Matteo cominciò a lavorare ed eravamo felici.
Fu la frase di una vecchia zia, detta tanto per dire, che mi mise di fronte alla realtà.
-Ora che hai trovato lavoro.- gli disse -Non ti resta che cercarti una brava ragazza da sposare.-
Avevo sempre evitato di pensarci, ma mi resi conto in quel momento che, prima o poi, sarebbe successo.
Matteo mi rassicurava dicendo che non aveva nessuna intenzione di sposarsi, ma io sapevo che comunque prima o poi sarebbe successo.
L’idea mi venne all’improvviso. Forse un modo c’era di risolvere le cose.
Una sera andai in farmacia prima dell’ora di chiusura e quando fummo soli iniziai a sondare il terreno.
Cominciai dicendo che i ragazzi crescono in fretta e che prima poi, quando meno te lo aspetti, ti lasciano per farsi la loro strada, per sposarsi.
Sembrava il solito discorso banale sui figli, ma Angelo aveva capito bene di cosa stessi parlando, infatti si rabbuiò in viso, segno che anche lui era preoccupato.
Fu quando gli dissi che forse una soluzione c’era che si rianimò di colpo.
-Aspetta un attimo.- mi disse e corse ad abbassare la serranda e chiudere la porta a vetri.
-Vieni di là. Staremo più tranquilli- e mi condusse nel magazzino.
-Non facciamo giri di parole…Tanto sappiamo tutt’e due come stanno le cose-.
-Bene- feci io. -Non possiamo continuare così all’infinito… anche la gente se continuassero a vivere con noi, si farebbe strane idee. Allora ho pensato che se una come tua figlia sposasse uno come mio figlio potremmo… continuare a gestire la cosa.-
Gli s’illuminò il viso. -Sì!- esclamò -Nessuno potrebbe dire niente e con un po’ d’accortezza si potrebbe…-
-Bisogna prima sentire loro… è solo un’idea.- precisai.
-Un’idea geniale.- continuò lui e si avvicinò, preso dall’entusiasmo, e fece per baciarmi ma si bloccò.
La sua euforia mi contagiò. -Dai baciami se vuoi.- e protesi le labbra.
Lui un po’ intimidito mi baciò le labbra. Era proprio felice.
-Senti- continuai scherzando -ti piacciono solo le ragazzine o anche le signore?-
Gli brillarono gli occhi.
-Prendo i profilattici?- domandò.
-No. Non servono-. Risposi sfilandomi le mutandine.
Fu una bella scopata.
Ci volle un po’ a convincere Matteo. Con molto tatto gli spiegai la situazione e gli feci notare come non ci fossero alternative possibili.
Così una domenica invitai Angelo e sua figlia a pranzo e piano piano i due ragazzi cominciarono a frequentarsi.
Si fidanzarono dopo un paio di mesi.
Una sera, dopo aver fatto l’amore, gli chiesi se l’avevano fatto.
Lui mi rispose di sì e che era stato bello.
Fui presa da un attacco di gelosia, ma passò subito. L’avevo voluto io e non c’era altra strada.
In fondo era meglio così se non si fossero piaciuti sarebbe stato tutto più complicato.
Arrivò il giorno del matrimonio. Fu una cerimonia semplice e ben riuscita.
Matteo e Mara partirono per il viaggio di nozze.
Invitai Angelo a pranzo una domenica e, dopo mangiato ci consolammo per la lontananza dei nostri figli.
Fu una scopata lenta e molto languida.
Dopo un tempo che mi parve infinito tornarono e, come avevamo stabilito, vennero a vivere con me.
La casa era grande e lo spazio non mancava.
Non vedevo l’ora di rimanere sola con Matteo e alla prima occasione sfogammo le nostre voglie.
Mara però tornò prima che avessimo finito e ci sorprese avvinghiati.
Mi sentii in imbarazzo e temetti di aver rovinato tutto, ma Mara fu splendida.
-Sappiamo tutti come stanno le cose.- disse -E se volete potete farlo liberamente senza fare caso alla mia presenza.-
Mi piacque molto il suo atteggiamento. Dovevamo però trovare un equilibrio, la domenica successiva invitai Angelo a pranzo.
Finito il pranzo chiesi ad Angelo se voleva riposare un po’ ed invitai Mara ad accompagnarlo in camera sua.
Si chiusero dentro.
Matteo accettò di buon grado la situazione, ma era un po’ agitato.
Girava per la stanza senza meta.
Mi sedetti sul divano e lo tirai a me.
Poi gli sbottonai i pantaloni e cominciai a giocherellare con il suo pisello.
Glielo baciai e infine me l’infilai in bocca facendolo venire lentamente.
Si acquietò e si sedette vicino a me e così ci trovarono Mara ed Angelo quando uscirono dalla camera da letto.
Gli inviti la domenica divennero abituali. Quando Matteo voleva stare con me mi accompagnava in camera per darmi la buona notte.
Tutto procedeva per il meglio.
Una sera eravamo sul divano a vedere la televisione io e Matteo.
Lui stava giocando con il mio seno, quando Mara, finito di sparecchiare venne a sedersi vicino a me.
Prese anche lei a farmi le coccole, mi accarezzò la spalla, poi cominciò ad accarezzarmi la gamba, dal ginocchio risaliva fino al bordo delle mutandine e riscendeva.
Mi stavo eccitando terribilmente.
Ad un certo punto Matteo, che il giorno dopo doveva svegliarsi alle cinque, mi dette la buonanotte, anche Mara si alzò ed andarono a dormire.
Passai una notte agitata, tanto che alle quattro e mezza mi alzai a preparare il caffé.
Speravo di coinvolgere Matteo ad un rapporto rapido.
Quando andai a chiamarlo mi accorsi però che erano tutti e due svegli, Matteo mi chiese di portargli il caffé a letto.
A malincuore accettai.
Preso il caffé però Matteo mi mise la mano fra le gambe e mi chiese se volevo farlo.
-Andiamo da me- gli dissi.
-Siamo qui, non perdiamo tempo.-
-Ma c’è Mara…-
-Non preoccupatevi per me…- rispose lei.
Ero un po’ in imbarazzo, ma Matteo mi aveva già sfilato le mutandine ed io ero veramente eccitata.
Mi mise a quattro zampe e me lo infilò dentro senza tanti complimenti.
Fu un rapporto veloce e molto appagante tanto che crollai esausta.
Matteo si alzò ed andò a prepararsi.
Io e Mara ci guardammo, poi lei venne ad abbracciarmi.
Mi coccolò un po’.
Mi baciò anche sulle labbra.
-Ti fai venire dentro?- mi chiese.
Le risposi che non c’era pericolo.
-Sei fortunata!-. fece lei.
-Insomma! Tu invece come ti regoli?-
-Nei giorni più a rischio li faccio venire dietro. Me l’ha insegnato mio padre. Finora ha funzionato.-
Continuammo ad accarezzarci ancora per un po’, poi le chiesi di come era cominciato fra lei e suo padre.
-Ero giovane e molto curiosa- rispose -Iniziai a spiare mio padre per curiosità. Avevo già le prime fregole e volevo vedere cosa avevano gli uomini fra le gambe. Un giorno, mentre lo spiavo in camera da letto, vidi che il suo affare era diventato enorme. Lui se lo strofinava e aveva la faccia estasiata. Dopo schizzò un mucchio di roba bianca e apparve contento e soddisfatto.
Dovevo capire meglio di cosa si trattava e volevo, soprattutto partecipare anch’io.
Così la domenica mattina, quando lui rimaneva di più a letto, mi infilai sotto le lenzuola.
Lo stuzzicavo, non perdevo occasione per toccarlo lì. Lui cercava di sviarmi, ma sai come sono le donne quando si mettono in testa una cosa. Gli dicevo che ero curiosa di vedere come erano fatti gli uomini, lo pregavo di farmelo vedere, ogni tanto glielo strusciavo con la mano finché un giorno acconsentì ad abbassarsi le mutande. Gli manifestai il mio entusiasmo e finii per accarezzarglielo. L’effetto fu immediato, cominciò a crescere, non resistetti lo presi in mano e cominciai a fare su e giù come avevo visto fare a lui. Cercò di protestare, ma piaceva anche a lui e, dopo poco, partirono gli schizzi.
Cercò di rimproverarmi, ma era evidente che gli era piaciuto. Mi disse comunque che non doveva succedere più ecc. Invece la domenica successiva era di nuovo nel suo letto. Feci le fusa, gli dissi che mi sarebbe piaciuto farlo ancora, lui protestò, ma si vedeva lo voleva anche lui. Non mi fu difficile tirarglielo fuori e farlo venire.
Divenne in breve un’abitudine, però anch’io volevo un po’ d’attenzioni così una mattina mi presentai in camera sua completamente nuda. Gli venne un accidente. Ero già formosetta e avevo una piccola selva di peli fra le gambe. Quando m’infilai a letto mi accorsi che l’aveva già duro.
Mi accarezzò le tettine dandomi un immenso piacere, poi mi accarezzò lentamente fra le gambe. Mi venne la voglia di baciarglielo e fra bacetti e toccatine venimmo tutti e due.
Andò avanti così per un annetto, poi decisi che lo volevo dentro. Lui all’inizio si rifiutò, disse che toccarci così era una cosa ma farlo avrebbe cambiato tutto ecc.. ma io non sentivo ragioni così aspettai che fosse eccitato lo attirai su di me e me lo mise dentro. Da allora abbiamo cominciato a dormire insieme… A proposito visto che siamo sole ti dispiace se oggi lo invito a pranzo?-.
-No fai pure…- le risposi.
La mattina era ormai diventata una piacevole abitudine che, uscito Matteo, si infilasse nel mio letto.
Ci abbracciavamo e coccolavamo un po’. Piano piano i baci divennero sempre più lunghi e profondi finché una mattina le carezze si fecero più audaci e mi sussurrò all’orecchio -Voglio sentirti venire mentre ti stringo fra le braccia-. L’abbracciai forte e aprii le gambe.
-Sarà il nostro piccolo segreto- . Aggiunse mentre le sue dita cominciavano a carezzarmi.

Commenti [35]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *