Federico mi inizia alla sottomissione

Hits: 8

Una sera ci siamo visti come al solito in trattoria, era tardi e lui mi chiese, con quel fare seduttivo che è solo suo, se potevo aiutarlo a sistemare casa, visto che sarebbero arrivati i suoi genitori. Rimasi colpito dalla richiesta, mi chiesi perché non lo avesse chiesto a Manu, che era femmina e viveva da sola, e dunque avrebbe saputo farlo meglio di me, ma la stranezza della richiesta mi indusse ad accettare. E da li ha iniziò tutto. Mi diede appuntamento alle 9, normalmente fedrico dormiva fino alle 12, ma l’occasione imponeva un cambio di abitudini. Mi diede un paio di chiavi perché il campanello era rotto e temeva di non sentirmi suonare. Avere le sue chiavi di casa mi fece piacere, e lo ringraziai. Più tardi mi chiesi perché l’avessi ringraziato e soprattutto di cosa. Ma non posso negare che tenere le sue chiavi mi faceva piacere.
Alle 9 ero al portone provai a suonare, nulla. Così utilizzai le chiavi di casa. La casa era silenziosissima. Con voce flebile chiamai federico. Nulla. Dormiva in camera sua. Provai a chiamarlo. Rispose con un tono stizzito, di fare silenzio che aveva scritto fino a tardi, di iniziare dalla cucina e preparare un caffè. Un po’infastidito dal tono e dalla situazione mi avviai in cucina, residui di cibo nei piatti non puliti da una settimana almeno, macchie di grasso. Sedani e carote marciti ed ammuffiti. Era esattamente come ci si può immaginare la casa di uno scrittore squattrinato che vive da solo. Non sapendo bene che fare cominciai a buttare gli avanzi di cibo in un sacchetto fortunosamente trovato. Era un sacchetto con un volto stampato, e dopo aver tolto il grosso dalla cucina misi il caffè sul fuoco. Cominciando a pulire i piatti. Il caffè usciva lentamente, ma spegnendo e riaccendendo sotto la caffettiera riuscii ad avere una tazza di caffè che portai a federico che continuava a dormire. Glielo portai, mi disse di posarlo sul ripiano vicino al letto che l’avrebbe bevuto di li a poco. Intanto che io continuassi pure con la cucina. Alle 10 e 30 tornai nella stanza il caffè era ancora lì. Svegliai federico per la terza volta, mi chiese di dargli il caffè. Iniziò a berlo: «mi disse fa schifo. Portami caffè caldo». Pensavo scherzasse, ma andai sforzandomi di fare un buon caffè, e glielo portai. Prese la tazzina dal piattino e sorridendomi mentre lo guardavo sperando che il caffè gli piacesse disse: «bene vedi che hai imparato come si fa il caffè. T’insegnerò tante altre cose. Adesso prendimi le pantofole». Non so neanch’io perché il complimento del caffè mi fece cos’ tanto piacere e immediatamente mi misi a quattropiedi per cercare le pantofole mentre lui portava fuori dal letto i suoi piedi. Non avevo mai notato quanto fossero grandi, le mani si, lo sapevo che erano grando e le muoveva in modo assai pittoresco, era come se danzassero, ma i piedi non li avevo mai notati del resto non usava sandali. Istintivamente, avvicinai la mano e ne presi uno, forse con troppa decisione e passandogli la mando sotto, scatenai una reazione violenta ed improvvisa: una pedata in faccia. «Che cazzo fai!?» Immediatamente disse federico. Neanche una parola di scusa per la pedata. Situazione imbarazzante, guancia dolorante, non trovai di meglio che dire: scusami. E lui pronto: «non preoccuparti, imparerai». Il mio cazzo era inspiegabilmente in erezione, ancora più confuso andai in bagno. Mi sciacquai il cazzo sotto il rubinetto del lavandino e feci pipi nel lavandino. Il bagno di federico non aveva una vera porta che si poteva chiudere, ma una specie di tendina Senti un fruscio, mi girai col cazzo gocciolante e vidi federico alla porta. Con lo sguardo di ghiaccio: non esci da questo bagno se non ripulisci tutto. Abbozzai un sorriso. Lo sguardo rimase gelido. Mi sentivo prigioniero di una situazione assurda, divenni tutto rosso non capivo nulla, forse volevo essere altrove. Ma ulteriore scorno il pene s’inturgidì di nuovo. “ma che fai? Guai a te se vieni nel mio bagno” proprio in quel momento due goccioline fecero capolino dal mio pene su un asciugamano posato su una sedia. E contemporaneamente mi arrivò uno schiaffo in faccia: Non farlo più. Di nuovo dolorante umiliato, gli occhi bassi, non vidi arrivare un altro schiaffone: mai più. La danza di quelle mani, poteva essere una danza di guerra. Il dolore l’umiliazione di nuovo dissi: scusa.
«Dai sbrigati a ordinare pulire, che è tardi, devo andare in bagno e qua è uno schifo, il tuo odore, poi, di prima mattina è nauseante». Buttò un fazzolettino a terra, e mi disse: «pulisciti». I pantaloni ancora semi abbassati il cazzo turgido fuori, piegarmi era faticoso, stavo per tirarmeli su, ma federico capendo il problema di riporre un cazzo turgido, mi disse: «spogliati starai più comodo». Mi tolsi i pantaloni e le mutande, m’inginocchiai per prendere il fazzolettino, lo ringraziai e cominciai a pulire per terra. In ginocchio davanti a lui nudo con il fazzolettino in mano per pulire le gocce che mi erano cadute, ebbi una stranissima sensazione ero a sua completa disposizione, avrei avuto voglia di dirglielo, ma non ci riuscii.
Si sedette sul bordo della vasca, con voce affettuosamente paternalista mi disse, «vieni baby», non mi aveva mai chiamato così. «Sei stato gentile a venire da me» finalmente la frase che mi aspettavo, ma subito il seguito stupefacente, «ma sei proprio un disastro.» Il mio sguardo di stupore lo divertì. «È inutile spiegarti perché, ma se vuoi posso insegnarti», non capivo bene cosa, «del resto hai capito cosa voglio da te e mi pare di capire cosa vuoi tu, il tuo cazzo in erezione è abbastanza eloquente, ma devi affidarti a me, completamente», il mio cazzo era in erezione piena, il suo era ancora moscio, lo scroto davanti alla mia faccia. Il mio sguardo inebetito e inespressivo. “TI prego” dissi non sapendo come continuare. Senza alcuna ragione posai la mia faccia sui suoi piedi senza dire una parola. Ero ormai il suo schiavo.
Come se quell’omaggio fosse la cosa più naturale del mondo, mi disse: «girati, allarga le gambe, e alza il culo e non muoverti». Lo feci. Si alzò con un piede prese le mie mutande, e non vidi più nulla nella mia posizione, ma senti distintamente le parole ben scandite: «Da me devi venire pulito», in effetti quella mattina non avevo fatto la doccia e le mutande erano dal giorno prima. ancora una volta dissi: «Scusa».
«Bene vediamo se le scuse sono sincere. All’inizio sentirai un certo bruciore, poi capirai» e cominciò a frustarmi con un oggetto che solo dopo capi essere un frustino da equitazione alla seconda frustata sul sedere, gettai un urlo e mi alzai. «tranquillo, è solo un po’ di bruciore, se ti rifiuti adesso, te ne vai. Inginocchiati immediatamente» Il culo mi bruciava, ilcuore mi batteva a mille, ma il cazzo era in erezione.Di nuovo ,mi scusai, mi inginocchiai e lui ricominciò a frustarmi. Al decimo colpo di frusta, credevo di non capire più nulla obnilubilato dal dolore. Smise e con voce paternalista:« regola n.1. è molto importante essere puliti. Il rispetto di sé passa sempre attraverso la pulizia. Lo schiavo poi vuole essere pulito per il padrone. Ricorda. L’igene prima di tutto!».
Non l’ho mai dimenticato.

Commenti [23]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *