finalmente con mamma

Marisa non era più giovane, né rappresentava il prototipo della bellezza: 60 anni portati neanche troppo bene, corpo decisamente soprappeso, le due tette enormi risultavano appesantite così come l’ampio culone e il viso paffuto mostrava i segni del tempo con evidenti zampe di gallina intorno agli occhi. Inoltre non curava affatto il look, indossava abiti castigati e i capelli erano grigi e corti. Ma ciò nonostante c’era un ragazzo di 29 anni che la considerava la donna più eccitante della faccia della terra. Il suo nome era Paolo e la desiderava segretamente fin da quando aveva 12 o 13 anni, e con il passare del tempo questo desiderio era andato via via aumentando. Anzi, adesso che la donna era sfiorita la trovava decisamente più arrapante, e gli bastava vederla per essere preda di prepotenti erezioni. Ma questo ragazzo non poteva rivelare alla donna il suo desiderio. Questo ragazzo era infatti suo figlio. Paolo si era sposato a soli 24 anni proprio nella speranza che non vivendo più con sua madre questo insano desiderio andasse a sparire, ma si sbagliava. L’insano desiderio era sempre vivo e sempre più forte. Una mattina, mentre era al lavoro, ricevette la telefonata di sua madre che gli chiedeva di farle delle commissioni in quanto lei era influenzata e non poteva uscire. Lui sbrigò tali commissioni e nel primo pomeriggio si recò a farle visita. Entrò usando le chiavi che aveva conservato, e trovò la donna sotto le coperte. Si sedette sul bordo del letto e le chiese come stesse e cosa potesse fare. Marisa rispose “non preoccuparti, adesso sto meglio, ho preso un antipiretico e la febbre sta scendendo. Anzi adesso comincio a sentire caldo perché sta scendendo rapidamente”. E così dicendo abbassò le coperte fino a sotto il seno. Dal decoltè della camicia da notte Paolo non potè fare a meno di vedere un seno quasi completamente scoperto, e l’altro visibile fino al capezzolo circondato da una enorme e scura areola. Il cazzo si impennò e l’eccitazione che lo pervase divenne insostenibile. Paolo pensò di andare in bagno per farsi una sega che lo calmasse, ma poi si disse “questa può essere l’occasione che cerco da sempre”. Allora si tolse le scarpe e si distese accanto a sua madre. Non faceva altro che fissare quelle tettone di una senta abbondante e si stringeva sempre di più, fino a trovarsi con la mazza dura come il marmo appoggiata ad un fianco della mamma. Marisa sentì quella cosa dura e imbarazzata si spostò, ma lui si avvicinò di nuovo ricreando quel contatto. La donna era arrivata al bordo del letto e non aveva più spazio per spostarsi, così era costretta, con evidente imbarazzo, a sentirsi addosso quel palo che le premeva contro. Il figlio le mise una mano sulla fronte per sentire la febbre, poi fece scendere la mano sul viso, sul collo, fino ad arrivare all’oggetto del suo desiderio: le tette! A quel punto Marisa non poteva più fingere indifferenza e chiese “Paolo, ma che ti prende, cosa stai facendo?”. Il ragazzo, ormai con la mente ottenebrata dalla libidine, rispose “mi prende che sei troppo eccitante, non resisto più. Hai un seno fantastico”. La donna non sapeva come comportarsi, si rendeva conto che quella situazione era a dir poco immorale, ma nello stesso tempo non voleva scacciare in malo modo il figlio. Così cercò di dissuaderlo con calma “ma Paolo…sono tua madre…e poi sono vecchia…non mi sembra il caso…”. Ma il ragazzo non solo continuava a palparle le tette, ma le stava anche baciano e succhiava il capezzolo. Marisa capi che ormai era tardi per farlo recedere, e cercò di limitare il danno, così portò una mano alla patta del figlio e disse “sei troppo teso per ragionare, però ti calmo solo con la mano”. Si illudeva che facendogli una sega avrebbe sborrato e si sarebbe calmato lasciandola stare, e magari pentendosi dell’accaduto, ma la poverina non immaginava quanto forte fosse il desiderio che covava suo figlio e da quanto tempo lo reprimeva. Paolo si sfilò pantaloni e mutande e diede il cazzo in mano alla madre. La donna strinse quel palo duro e teso allo spasimo e cominciò a muovere la mano nella più classica delle seghe. Paolo a quel contatto gli sembrò di impazzire dal piacere, e godendosi quel lavoretto manuale cominciò a palpeggiare la mamma su tutto il corpo, fino ad arrivare con la mano sotto le mutande e infilarle dentro due dita facendogliele scorrere avanti e indietro. Inevitabilmente la donna cominciò a godere, e muoveva il bacino assecondando i movimenti delle dita del figlio che la penetravano. Paolo la masturbava riempiendosi la bocca con le enormi tette che leccava, succhiava e baciava. Sentì montare un orgasmo che gli prendeva il cervello, e interminabili schizzi di sborra eruttarono violentemente dal duo cazzo andandosi a schiantare addosso alla donna imbrattandola sulla pancia, sul fianco e sulle cosce, oltre che naturalmente nelle mani. Rendendosi conto che la madre stava godendo, Paolo continuò a farle scorrere le dita dentro e gli sfilò le mutande. Marisa sollevò il bacino per facilitarlo, e lui immediatamente passò alla mossa successiva: si catapultò con la testa tra le sue gambe e cominciò a leccarle la fica: lappava, stuzzicava il clitoride e la penetrava usando la lingua come un cazzo. Ormai anche la donna era in preda al piacere più sfrenato, quella lingua le stava regalando un piacere da troppo tempo represso, e poco importava che quella lingua appartenesse a suo figlio. Dopo averle regalato almeno due orgasmi, Paolo montò su quel prosperoso e tanto agognato corpo, si posizionò tra le gambe aperte e finalmente penetrò sua madre. Entrò con tutto il cazzo fino alla base, stette qualche istante immobile e completamente immerso in lei, come per assaporare quel momento, e poi cominciò a scoparla. I due amanti incestuosi erano allacciati l’uno all’altra, erano uniti carnalmente e si baciavano in bocca incrociando e succhiandosi reciprocamente le lingue. Marisa sussultava e si dimenava in un susseguirsi di orgasmi, fin quando il figlio si lasciò finalmente andare e sborrò nel ventre di sua madre. Marfisa era completamente stravolta. Confessò che erano tanti anni che non faceva più sesso e che mai avrebbe immaginato di farlo con un ragazzo giovane e per giunta suo figlio. Ci vollero solo pochi minuti perché la mazza di Paolo fosse nuovamente svettante e pronta all’uso. Mettendo una mano sulla testa della madre le chiese di prenderglielo in bocca. Lei non si fece pregare: prendendolo nella mano leccò bene la cappella e poi lo prese tutto fino a farselo arrivare in gola. Lo succhiava andando avanti e indietro con la testa, ma ad un tratto il figlio si sfilò, la baciò e disse “mamma, c’è una cosa che da sempre voglio fare con te – e toccandole il culo aggiunse – non immagini quante seghe mi sono fatto immaginando questo bel culone”. Marisa gli sorrise teneramente e si girò chiedigli solo di fare piano. La donna era su un fianco e il figlio dietro di lei. Appoggiò il glande voglioso al buco posteriore e spinse. La strada era già fatta, ma la via era stretta. Evidentemente la donna l’aveva sì preso dietro, ma da tanto nessuno ci entrava più. Paolo sodomizzo la madre traendone un piacere indescrivibile, e scaricò una terza sborrata nelle viscere della mamma.

Commenti [16]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *