Giamaica di sangue . capitolo 1

Hits: 1

Giamaica, 7 giugno 2003. All’epoca avevo poco più di vent’anni. Quell’età in cui, anche se non sei una gran bellezza, la purezza dello sguardo e la freschezza della pelle ti danno sempre una marcia in più. Ciononostante non avevo mai avuto un ragazzo. Ho sempre pensato di avere un bel viso mediterraneo, ma il mio fisico un po’ troppo tondo e la mia tremenda timidezza sono sempre stati un ostacolo. Per questo la mia adolescenza è stata dura. Vedere le tue amiche vivere storie d’amore, vere o anche solo presunte, e rimanere sempre sola, è stata una cosa triste e deprimente. Tutto questo fino a quando andai in vacanza con i miei genitori in Giamaica nel 2003. All’inizio non ero affatto entusiasta del viaggio. Spiagge meravigliose e paesaggi tropicali facevano a botte con la mia idea di un posto pericoloso, per via della forte criminalità. Dopo lunghe discussioni con i miei genitori, convinta dal fatto che i villaggi turistici erano isole felici dove non c’era grosso pericolo, decisi di seguirli. Mi bastarono poche ore in quel bellissimo posto per dissipare tutti i miei timori. Cominciai così a trascorrere le mie giornate, quasi in solitudine, sulla spiaggia prendendo il sole e facendo lunghi bagni in quell’acqua calda e accogliente. Dopo alcuni giorni cominciai però ad annoiarmi e l’idea di trascorrere tutto il tempo sola o, peggio ancora, a far da balia ai miei genitori mi sembrò troppo pesante. Decisi così di cercare qualche amico con cui passare il tempo rimasto. Di ragazze e ragazzi della mia età non ce n’erano molti. Ma con quei pochi non fu difficile incontrarsi e creare un piccolo gruppo, dato che tutti ci annoiavamo a morte. C’era una ragazza francese di nome Juliet della mia età, figlia di una giovane coppia di fricchettoni; una biondina olandese di 25 anni molto introversa ma simpatica di nome Ilma e due ragazzi Inglesi, compagni di università, poco più grandi e fin troppo sicuri di se, Tomas e Greg. Le serate presero una piega più sfrenata, per quanto possibile, tra una partita a carte sulla spiaggia e lunghe chiacchierate fino a tarda notte. Ma già dopo un paio di giorni la noia ci riprese inesorabile. Il tedio porto il gruppo a flirtare in modo sempre più esplicito. Juliet, la francese, e Ilma, l’olandese, erano decisamente più carine di me ed inoltre Ilma aveva una vistosa cotta per Greg. Così i due ragazzi decisero di tentare un approccio più hard con le due giovani. L’impresa era ardua dato che le due ragazze erano a dir poco puritane, ma Tomas e Greg decisero che valeva comunque la pena provarci per ammazzare il tempo. Mi ritrovai in un attimo di nuovo isolata mentre i quattro ragazzi portava avanti il loro teatrino di accoppiamento. Non invidiavo Ilma e Juliet, perché la situazione mi sembrava fin troppo finta ma mi rodeva nel profondo che anche a migliaia di chilometri da casa mi ritrovassi come spettatrice. Cominciavo a essere decisamente depressa e non vedevo l’ora di tornarmene in Italia quando una sera Tom e Greg schiavi del loro innocuo gioco d’amore, e in preda una frustrazione sempre più crescente per i continui rimbalzi, ebbero quella che si rivelò una decisione che ci portò tutti a vivere un’esperienza drammatica.
Già da diverso tempo un cameriere, nativo del posto, di nome Omar, con cui avevamo fatto amicizia, ci aveva proposto andare con lui ad una festa in un paese li vicino che si sarebbe svolta il 15 agosto. Noi avevamo sempre reclinato l’offerta, timorosi di quella terra fantastica ma molto pericolosa che, senza una fidata guida, poteva farci molto male. Cosa che io temevo in particolar modo. Ma il tempo passò inesorabile e arrivò l’ultimo giorno di vacanza di Ilma. Ah la malasuerte!!! Greg che ormai era in preda ai suoi ormoni impazziti vedeva così sfumare ogni possibilità di una notte di sfrenata passione con la timida olandesina. Cominciò quindi a dar di matto inneggiando alla sfiga e a tutto quello che gli passava per la mente. A quel punto Omar ci ripropose di andare con lui alla festa, che era proprio l’ultima notte in cui c’era anche Ilma, e ci assicurò anche che ci avrebbe riportato indietro sani e salvi prima dell’alba così che nessuno si sarebbe accorto della nostra breve scomparsa. Davanti all’ennesima proposta prima Greg poi anche Tomas cominciarono a cedere. Dopo un intero pomeriggio di discussione acconsentimmo tutti con l’acquolina in bocca all’idea di andare ad una festa di paese piena di musica balli e dall’atmosfera intrigante. Insieme a lui e al suo gruppo di amici, ci assicurò Omar, non ci sarebbe successo nulla di male. Anzi ci saremmo divertiti di sicuro.
Appena partiti in macchina l’entusiasmo cominciò a salire in modo direi sconcertante. Avevamo adrenalina repressa di 10 giorni di tediosa spiaggia ed eravamo pigiati in 6 in una macchina. In poco tempo ci convincemmo che ci aspettava quella che doveva essere una delle serata più belle della nostra vita. Un’occasione irripetibile, e quando anche le ultime sensazioni di pericolo furono annegate con il rum ormai eravamo lanciati. Ma non sapevamo ancora verso quale inferno. Non andavamo veloci, ma appena sentimmo lo scoppio la macchina decollò. Mentre le stelle si tramutavano in asfalto le nostre risate si tramutarono in urla. La macchina capovolta sul tettuccio strisciò per alcuni metri e finì in un fosso ai lati della strada.
Mi ritrovai aggrovigliata su me stessa e a testa in giu. Mi girava tutto per per via dell’alcol e sentivo una fitta alla tempia. Mi toccai e sentii colare qualcosa su di un occhio. Era sangue. Sentii gemere qualcuno, ma il mio istinto di sopravvivenza mi portò a cercare subito di uscire dall’auto. A fatica strisciai fuori. Mi alzai in piedi e sentendo un fitta incredibile al ginocchio crollai a terra. Rimasi inebetita alcuni secondi che mi parvero ore. Poi vidi una figura uscite dall’auto. Era Tom. In quel momento cominciai a tornare in me. Mi infiali subito in macchina. Davanti a me c’era Omar. lo tastai. Non rispondeva. Con una voce che mi parve provenire dall’oltretomba chiami il suo nome. Nulla. Semplicemente in preda al panico gli tirai uno schiaffo. Omar cominciò a mugolare e si mosse piano. Aprì un occhio e…
Bang Bang. Il sangue mi schizzò in faccia. Gridai d’istinto ma cominciai a tossire. Il sangue mi era scivolato in gola. Mentre cercavo di respirare sentii prendermi per una caviglia e tirarmi con forza. Cercai di imprecare contro Tom. Sbattei forte la testa sullo sportello aperto e finii con un arbusto sotto la maglietta che mi si strappò fino all’altezza del seno. Cercai di urlare per sfogare la rabbia, decisamene pronta a fare del male a Tom. Appena fuori alzai le testa ma un dolore lancinante alla tempia mi accompagnò verso il buio più profondo mentre cercavo di capire chi fosse quella figura davanti a me nel buio. Non era TOM.
Sentii qualcosa che mi scivolava sulla faccia. Inizialmente ne provai sollievo. Cercai di aprire gli occhi. Ma la luce mi faceva male. Spostai d’istinto la fronte verso l’acqua che scendeva e aprii la bocca, d’istinto, per cercare sollievo. Sentivo un sapore di rum e sangue che mi fece tossire e cominciai a ingoiare l’acqua per mandar via quello schifo. Ma quello schifo, invece di diminuire, aumentava. Cercai di aprire di più gli occhi nonostante la luce troppo forte e il mal di testa. L’occhio destro era incrostato di qualcosa e non riuscivo a vedere bene. C’era un figura davanti a me, in piedi. Vedevo delle gambe. Sentivo l’acqua calda sul viso e in bocca mentre bevevo, e mi ricordo che pensai “ma non dovrebbe essere fresca l’acqua per riprendersi?”. Cercavo di respirare ma continuava a piovermi l’acqua sul viso e in bocca, e cominciò a darmi una sensazione di claustrofobia.
“Basta” pensai “basta”.
Cercai di coprirmi con le mani, ma non riuscivo a capire perché fossero bloccate.
“Basta” gorgogliai con l’acqua in bocca “soffoco”.
L’acqua smise di defluirmi sul viso. Sentivo qualcuno biascicare in uno inglese dialettale “E’ finita tocca a te ora”. Mi sembrava che qualcuno ridesse.
“Erano contenti perché stavo rinvenendo” pensai.
Respirai a pieni polmoni e in quel momento sentii un male cane alla guancia. Spalancai gli occhi spaccando la crosta davanti all’occhio chiuso. Vidi arrivare una mano in faccia e sentii lo schianto di un’altro schiaffo.
“oooh, ecco la troia”
“troia?!” pensai, completamente sveglia.
Davanti a me, in piedi, si parò una figura nera, alta e nodosa, completamente nuda. Si portò le mani all’inguine, si prese l’enorme cazzo tra le mani e cominciò a pisciarmi in faccia.
Cominciai a Urlare.
Più gridavo e più bevevo. Cercavo di spostare la testa ma il piscio mi centrava sempre. Smisi completamente di gridare e tenni le labbra strette. Sentii un altro schianto. E un male tremendo alla guancia. Urlai dal dolore e l’urina mi inondò la gola. Cominciai a tossire cercando di tenere la bocca chiusa. Mi arrivò un’altro schiaffo. Più forte. Sentii una voce all’orecchio in un’inglese sgrammaticato.
“Se non bevi ti ammazzo”.
Mi si gelò il sangue nelle vene e aprii la bocca. Più bevevo più mi cominciava a salire la nausea. Dopo pochi secondi sentii dei conati di vomito. Cercavo di resistere, tenendo la bocca aperta, ma non ingoiando. Ma ogni tanto qualcosa scendeva e mi accorsi, dal sapore acido, che il liquido che avevo ingerito mentre mi stavo svegliando era urina anche quella. Non riuscii a trattenermi e cominciai a vomitarmi addosso.
Sentii delle imprecazioni di disgusto e delle risate mentre la pipì si mischiava al vomito e mi scivolavano entrambi addosso, caldi. Finalmente sentii il getto di urina diminuire e all’improvviso cessò del tutto. Sputai gli ultimi pezzetti di vomito, mentre aprivo gli occhi gocciolanti di urina. Davanti a me c’erano alcuni uomini dalla pelle nera e dai lunghi dred che mi guardavano e ridevano.
Uno disse “puliamo sta troia”, prese un tubo di gonna verde me lo puntò addosso e aprì il rubinetto. Era un getto gelido e potente. Sentii la pressione sul viso. Chiusi gli occhi, ma cercai di sciacquarmi la bocca. Sentii il getto scendere sul petto e scuotermi il seno. Fù in quel momento che, sgomenta, mi accorsi di essere nuda. Aprii gli occhi terrorizzata e per la prima volta dal mio risveglio mi realizzai, con un terrore cieco, che cosa mi stava accadendo. Sentii il getto di acqua che mi scivolava su tutto il corpo. Quando arrivò in mezzo alle gambe mi prese il panico. Ero sotto shock. Cominciai a sospirare “Aiuto”. Sentivo che il getto si era soffermato sull’inguine e sentivo le voci della gente nella stanza. Sentii toccarmi, e un brivido mi violentò tutto il corpo nudo e dolorante. Puro terrore.
“Senti come gode la troia.”
“Aiuto” dissi più forte.
Sentii ancora ridere
“Aiuto”.
“Che stai dicendo?! Troia” qualcuno mi si accostò alla bocca
“Aiuto”, sussurrai.
La sua risata mi invase i timpani, mentre pezzi di saliva mi schizzavano negli occhi.
Sentii qualcosa entrarmi dentro. Qualcosa di piccolo e viscido. Guardai meglio e vidi il tubo dentro la mia vagina. Feci per aprire la bocca per urlare fino a dio, ma il tizio che mi stava a 2 centimetri ridendo, mi serrò la gola con forza. Io lo guardai con le lacrime agli occhi.
Con uno sguardo di una crudeltà senza limiti, mi disse “Qui non hai bisogno di aiuto. Qui c’è solo da divertirsi. Ora sei a Disneyland” si voltò verso il tizio che teneva il tubo. “Apri”
Prima ancora di sentire l’acqua che mi violentava la vagina cominciai a urlare come una pazza “AIUTOOOOO”
La gola cominciò subito a farmi male, e ormai gracchiavo appena delle parole senza senso, piangendo lacrime che non avevo più, mentre loro continuavano a lavarmi l’interno della vagina come fosse una borsa vuota.
Quando mi tolsero il tubo sentii come se mi avessero tolto un tappo alla testa e il mio cervello, o quella poltiglia che ormai era diventato, fosse fuoriuscito. I nervi mi cedettero e sentii l’intestino e la vescica svuotarsi sulla sedia.
Sentii ancora grida di disgusto e risate a squarciagola che durarono per diverso tempo.
“Si è cagata addosso, CHE SCHIFO!”, “è proprio un cesso questa troia” furono gli unici commenti che capii mentre ormai ero quasi priva di sensi.
“Che tanfo di merda. Io non ci resisto qui. Dai una pulita a questo posto e dalle una lavata” disse quello che mi stava vicino, prima di uscire dalla stanza con gli altri.
Mentre l’unico rimasto puliva in terra, cercai di avvolgermi in posizione fetale ma non riuscivo a muovermi. Mi guardai. Ero legata ad una strana sedia, come quelle del dentista, ma con dei supporti di legno che mi tenevano ferme le cosce in una posizione oscena.
Alzai gli occhi e incrociai lo sguardo del tipo che puliva in terra con la pompa gli escrementi che avevo lasciato. Mentre rassettava vidi il suo enorme membro nero che si afflosciava. L’uomo si avvicinò. Mi prese per un seno, strinse forte, e mi disse all’orecchio “Se urli ti taglio a fette come una vacca al macello”, poi prese la pompa, me la infilò nell’ano e aprì di nuovo.
Mentre vedevo che il suo enorme pene tornava ad indurissi, persi conoscenza.
Mi svegliai diverso tempo dopo, sentendo delle grida. Mi guardai intorno. Un piccola lampadina era appesa al soffitto e illuminava appena la stanza. Davanti a me vedevo il tubo verde a terra, la porta chiusa, un divano lacero e strappato, un tavolo e alcuni attrezzi non identificati appesi al muro. Dietro di me non potevo vedere nulla.
Sentii ancora gridare. Era una voce femminile. L’urlo mi fece accapponare la pelle. Non riconobbi chi era. Ma sembrava venire dalla viscere di un animale.
Sentivo il cuore battermi forte. Mi guardai addosso. Ero ancora legata, completamente nuda, a questa specie di sedia. Non sentivo freddo. Anzi sentivo un’afa terribile. Provai a tirare le braccia e le gambe. Muovendomi sentii che mi doleva tutto. E soprattutto sentii come un vuoto in mezzo alle gambe. Cercai di capire se mi avevano violentata. “No. Ancora no!”
Sentii ancora gridare. Un grido acuto, prolungato. Sembrava non finisse più. Quando ebbe come un singhiozzo, e riprese fiato, mi venne da piangere. Sentii le lacrime rigarmi le guance senza freno.
“oh mio Dio” pensai.
Non so quanto tempo passò. Mi sembrava di essere li da ore. Mi ero addormentata un paio di volte e risvegliata tutta frastornata. Lo stomaco brontolava per la fame e, ancora, le tempie battere per il dolore. Le gambe, ormai, non le sentivo più e guardandomi avevo i viedi quasi viola per la circolazione assente. All’improvviso sentii come uno schianto da una stanza lontana. Come una botta sul muro. Sentii grida di giubilo mentre qualcuno fischiava e rideva, e poi il silenzio. Un un inquietante silenzio, denso come pietra. Poi sentii qualcosa che si muoveva, da qualche parte, in quella stanza lontana, che frusciava come un serpente. Non riuscivo a capire. Poi un altro grido. Era qualcosa di inumano; mai avevo sentito un uomo gridare con un tono così acuto. Una sola nota, alta, e si interruppe di botto, così come era iniziata, come quando si spenge la radio.
Ogni goccia di calore mi uscì dal corpo e sentii il tocco gelido della morte.
Ci fu come un boato di voci, e ancora di urla, che sembravano di vittoria. Poi iniziò questo rumore inquietante, sul muro. Come un orologio che batte inesorabile l’arrivo della fine. Cercavo di non sentire, di non pensare. Avrei giurato, ma non poteva essere, che fosse stato Greg, prima. Qualcuno correva lungo il corridoio. Mi parve di sentire un frase “ce l’ha fatta… incredibile” .
Chiusi gli occhi e cominciai a cantare una nenia infantile. E a piangere.
Passarono ancora ore. La porta si aprì ed entrò una figura. Una montagna di muscoli sotto una camicia a fiori e dei pantaloni di lino. Era scalzo e con i capelli ricci lunghi.
Prese una sedia e si mise a sedere accanto a me. Non rivolto verso di me, ma verso la stessa direzione verso cui ero voltata io.
Si stiracchio le braccia, distese le gambe, fece un sospiro profondo e si accese una sigaretta. Inspirò. Profondamente.
“Capisci la mia lingua?” mi disse senza guardarmi.
“si” risposi con un filo di voce.
Lui si voltò e mi fissò duro.
“Si” risposi con voce più alta e ferma.
“Come ti chiami?”
“lucia”
“sai da quanto sei qui?”
“no” risposi
“2 giorni”
“mio dio” pensai.
Mi guardò a lungo.
“a me non piace la violenza” fece una pausa “con una femmina”
Fece un lungo tiro di sigaretta. “E non mi piace la merce di seconda mano”
Ero paralizzata.
“le tue amiche sono da buttare e i tuoi amici… non sono di mio gusto”, aveva due occhi di ghiaccio, “per quel che ne rimane”
Sentii la pipì premermi sulla vescica.
“ho una proposta da farti. Te la farò solo una volta. Mi stai ascoltando?”
Feci segno di si con la testa.
Lui mi fissò. Sentivo il cuore battermi all’impazzata. Mi mancava l’aria.
“Si” risposi
“mi piaci. Mi piace il tuo corpo. E mi piace che sei vergine.”
Ebbi un brivido. Come faceva a saperlo?
“farai tutto quello che ti chiederò. Quando te lo chiederò e finchè ne avrò voglia. E in cambio…” fece un altro tiro di sigaretta “dormirai nella mia stanza, mangerai con me e nessuno ti toccherà”
Buttò la sigaretta in un angolo e si alzò.
Io lo fissavo con la mente annullata.
“hai capito quello che ti ho detto?”
“SI”
sentii le lacrime scendermi lungo le guance. Ma non riuscivo a parlare.
Mi fissò.
Accennò un sorriso.
“Femmine” disse mentre si avviava alla porta.
“Tra poco verranno di qua” disse “per te. Basterà che gli dici che sei di Jamal”
Uscì e chiuse la porta.
Cominciai a piangere copiosamente. Sentivo l’aria stantia e puzzolente di urina e la vescica esplodere. Avevo perso ogni speranza.
La porta si aprì di nuovo. Un paio di uomini neri come l’inferno entrarono.
“a me questa non è che mi sembra una gran figa”
L’altro si avvicinò e mi soppesò il seno “si ma ha due belle bocce”
“mmmmm?!”
“Senti, jamal ha detto che possiamo sbattercela. Quelle biondine ormai sono carne ciucciata” si voltò verso il suo compagno ”Senti Alton, io me la faccio. Se vuoi ci divertiamo in due altrimenti, cazzi tuoi”
“mnmfh, hai ragione, e poi lo sai che c’è: non mi piace fare la fila” e si mise a ridere “Però inizio io”.
Si avvicinò alla sedia. “Ma che puzzo. Diamogli una lavata. Prendi la pompa”
“Mi sa che il puzzo è nella stanza. Guarda in terra. Quella mi sembra merda o sbaglio?”
“Cazzo, è merda.”
“Allora slegala. Che la portiamo nell’altra stanza”
Presero un coltello e tagliarono lo scotch. Cominciai a scivolare in terra. Le gambe non mi reggevano.
Mi ripresero al volo “Sta troia non si regge manco in piedi” disse ridendo.
“forza in piedi” mi dette un ceffone.
“non ce la faccio” bisbigliai.
“queste puttane bianche non valgono un cazzo”.
Mi presero di peso e mi portarono via attraverso la porta. Era la prima volta che la oltrepassavo. Mi trovai in un corridoio con le pareti scrostate e arredata con vecchi mobili sbertucciati. Sentivo vagamente questi due parlare e ridere mentre, ormai sfinita, avevo smesso di provare qualsiasi tipo di emozione. Arrivati in fondo aprirono una porta e fui inondata da una zaffata di fumo e alcol. Mentre mi trasportavano all’interno sentivo la gente vociare. Mi sembrò di capire qualcosa tipo “è il turno della grassona” e poi “no, guarda ho le palle vuote come il tuo cervello”, e poi risate. Mi guardai intorno come in un film. Era una stanza immensa, con diversi tavoli e alcuni divani tutto intorno al muro. C’erano una decina di persone che ridevano e parlavano sguaiatamente. Mi portarono in fondo alla stanza dove mi accorsi che c’erano dei materassi in terra. Mi ci buttarono sopra.
“vado a prendere delle lenzuola pulite” disse uno dei due tizzi. L’alto se ne andò ad un tavolo dove alcuni uomini giocavano a carte.
Mi girava la testa e non riuscivo a muovermi. Ero inebetita. Raccolsi tutte le forze che mi rimanevano e cerca di tirarmi su con i gomiti. Cercai di mettere a fuoco, e quello che vidi non lo scorderò mai.
C’era un fagotto di coperte bianche buttate in un angolo. Erano sporche di sangue. Nel mezzo scorsi qualcosa. Mi trascinai a gattoni verso il fagotto. Sembrava si muovesse. Allungai la mano tremante e lo scostai appena. Come gonfiato d’aria scivolò via, liberando la figura che copriva. Greg stava rannicchiato in posizione fetale, ondeggiando come in catalessi. I suoi occhi erano due palle di vetro inespressive, sbarrate sul nulla. Sentii premere l’urina sulla vescica. Aveva un occhio pesto e un labbro spaccato, le gambe e i piedi sporchi di sangue. Mi avvicinai, cercando d’istinto di accarezzarlo per dargli conforto, e mi accorsi che aveva qualcosa sul sedere. Mi scostai inorridita scivolando sull’impiantito freddo e ento, con i piedi per aria. Al posto dell’ano c’era un enorme buco dalla forma indefinita, con la pelle spaccata fin sotto le palle. Il sangue incrostato era ovunque, a formare una stella di schizzi che si allargavano a raggera. Mi vennero i brividi.
Dovevo andarmene e SUBITO. In preda al panico e alla follia più totale cercai di alzarmi. Con tutte le forze che avevo mi misi in piedi. Sentivo i muscoli tramare e il ginocchio rotto scricchiolare. La stanza era piena di gente. Feci due passi e vidi rientrare l’uomo con i lenzuoli. Mi indicò col dito. “Altan la troia si è ripresa. Dai che ci divertiamo”
Altan rise e si spostò dal tavolo da gioco. Dietro di lui c’erano 4 uomini che giocavano a carte. Come un qualsiasi gruppo di amici, un po’ di Rum e qualche sigaretta. Erano tutti in mutande e canotta. Tutti tranne uno. Era il più agitato e non la smetteva di parlare con le carte in una mano e una sigaretta nell’altra. Se ne stava semisdraiato, con una buzza enorme e unta, su di una piccola sedia di legno. E tra le gambe teneva stretta ILMA. Completamente nuda e piena di lividi, lei se ne stava in ginocchio sul pavimento sudicio, con le mani a terra e la testa stretta tra le cosce del panzone. Ma la cosa più terrificante fu la sua immobilità. Sembrava una statua. Era ferma con due occhi rossi e cianotici fissi sul mento dell’uomo, tenendogli il pene in bocca. Dalla strana forma del suo viso capii subito l’orrore. Aveva le gote troppo gonfie, ma soprattutto, aveva qualcosa che le deformava il collo. Sembrava uno di quei serpenti che hanno ancora il coniglio a mezzo. Il mio primo istinto fu di vomitare. Ma per fortuna il fatto di non aver mangiato da giorni mi salvò dal farlo. Il panzone allargò le gambe e le stirò con noncuranza. Ilma allentò un attimo la presa. Il grassone senza nemmeno guardarla, come se si stesse scotendo delle briciole dalla maglietta, gli mollo un ceffone che la fece quasi volare in terra. In quel momento vidi la gola sgonfiarsi, e un cazzo di proporzioni enormi si liberò dalla sua bocca. Lo vidi come una scena a rallentatore perché sembrava non finire mai, come se un enorme braccio gli uscisse direttamente dalla gola, viscido e merdoso. Lui, continuando a giocare, con una mossa velocissima. tenendo sempre la sigaretta in mano. la riprese per la testa e la tirò a se.
Io sentii le lacrime scendermi sulle guance
Il suo enorme cazzo cominciò a scivolare, nella piccola e gracile bocca di Ilma, con una facilità innaturale. Vidi le guance riallargarsi e la gola gonfiarsi, mano a mano che quella piccola testolina si riavvicinava alla pancia abnorme di quell’uomo viscido e grasso. Quel movimento mi fece rizzare tutti i peli del corpo. Nell’istante in cui quel cazzo nero svanì del tutto nella gola di Ilma lei tornò immobile, con gli occhi sbarrati sulla faccia del mostro nero, e senza emettere un suono. Come se non fosse successo nulla.
In quel momento sentii la vescica cedere e aprirsi. L’urina calda cominciò a colarmi tra le cosce in un flusso abbondante, giù, sulle caviglie, fino a piedi. Guardai quel liquido caldo lavarmi le gambe, fino a formare una pozza viscida e puzzolente ai miei piedi, come stessi guardando il corpo di un’altra, e in quel preciso istante capii che il mondo in cui avevo vissuto fino a quel momento non esisteva più. Che non era mai esistito. C’erano nuove regole e una nuova porta da oltrepassare. Tentai di gridare. Ma avevo la gola secca. I miei due aguzzini si stavano avvicinavano. Tentai di nuovo. E una debole voce uscì dalle mie labbra arse dalla sete. Quando i due uomini mi furono davanti si accorsero che stavo dicendo qualcosa e si accostarono ridendo divertiti.
“che cazzo sta dicendo sta puttana?”
A quel punto urlai più forte che potei, mentre le lacrime mi scivolavano sul viso e l’urina tra le gambe,
“IO SONO DI JAMAAAAAAAAL”.

Commenti [15]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *