i fumi dell’alcool

…signorina, per l’ordine dei 2 moijto… Veda che prendiamo quelli alcoolici… Se facciamo in tempo a cambiarli…
-certo!
Stasera, dopo la cena a base di pesce e vinello bianco, fresco e frizzante, che so che lei adora, voglio farla disinibire…
Splendida nel suo abitino bianco, super trasparente, mette in mostra i colori del suo micro perizoma… Un tenue giallo con piccoli fiorellino rosei. Le bordature cucite a mò di pizzo aperto che corrono da sotto le ascelle fino al bordo dell’abito, sono di almeno 4 cm e lasciano intravedere le rotondità’ del seno… Poca cosa, in confronto ai turgidi capezzoli che fanno capolino sotto la scollatura, ogni qualvolta s’alzava un fil di vento.. aria calda, ma sempre efficace…
Valeria, quando beve, diventa molto allegra ma alterna anche ( purtroppo) dei momenti di lucidità’ che la portano ad essere razionale… ma stasera, nella città antica , nel castello della cittadella di Ibiza, voglio farla davvero esagerare….
Mezz’ora ed abbandoniamo anche questo locale. Lei ha poca voglia di camminare, ed allora ci indirizziamo verso le mura antiche del porto…angoli nascosti ai più’ ….. parla molto, devo farla parlare perché so che poi si perde via…
Mentre blatera, io le alzo il già cortissimo abito, fino a scoprirle il bordo elastico del perizoma…. Le seguo le rotondità dei seni con le dita, stimolando le ancor di più i capezzoli…
-dai che passano i turisti. E mi vedono!
-e allora?? vedono cose belle! E poi.. Io adoro metterti in mostra… Ed anche a te non dispiace… Ti ricordi quella volta sulla nave, quando ti sei accorta di avere qualche spettatore che osservava mentre mi facevi un pompino???
Era soddisfazione nel vedere che 2 coppie presero spunto e cominciarono anche loro a spompinarsi??
– certo!! ed una, era una coppia di gay!!! fantastico !!!
Intanto, con 2 dita, iniziò ad aprile le grandi labbra, la stimolo sul clitoride ed infilo dentro la punta di un dito… Continuamente… lei parla d’amore, sentimenti, ma ogni tanto un ansimare a lento respiro, mi lascia intendere che siamo sulla buona strada.
Poi, all’improvviso, l’eccitazione la fa esplodere. Si zittisce, mi guarda negli occhi con lo sguardo un po stralunato dai fumi dell’alcol ma anche con lo sguardo della vogliosa di cazzo, mi prende la mano ,spalanca le cosce e spinge il mio palmo contro la sua figa aperta.
In quel momento, viene!! E sento il suo uomo re caldo corrermi sulla mano.
Valeria, a forza di usare falli di ogni materiale e misura, ha ormai la fugherà che è molto larga. E subito, le mie dita, si uniscono per entrare a ravanarla.
Inizia a gemere come una cagna in calore!!
Eccola, come piace a me!! Quanto ti infila la lingua in bocca ed inizia a limonarti fino in gola, vuol dire che la cagna che è’ in lei, ha voglia della monta….
Scende dalla murella e senza preoccuparsi delle sparute persone che ogni tanto passano, si inginocchia davanti a me!
Io osservo gli astanti, uomini e donne.,. Son 7, al massimo 8 persone. alcune oltretutto , sedendosi accorte già prima del giochino che abbiamo messo in atto, si sono appollaiate vicine, molto vicine….
Valeria, ubriaca, non si cura di loro. Ne osserva uno in particolare. Intensamente.
Poi, apre la mia cerniera , prende in mano il mio cazzo che è pronto, duro. Turgido.
Si volta verso il ragazzo, lo osserva fisso negli occhi, lui scorre con sedere, senza alzarsi, verso di noi.
Lei non lo molla! Lo fissa, e girando leggermente la testa verso il mio membro, inizia a lavorarlo von sapienti colpi di lingua.., sul glande.. Ci gira intorno… Lecca il membro fin tutta la sua lunghezza…. sempre guardando il ragazzo…
Poi si volta di scatto e me lo prende tutto in bocca.
Lei adora ingoiarlo tutto, fino a farsi mancare il respiro. La sua babà scende lungo l’asta del mio cazzo mentre lei lo estrae violentemente con un urto di vomito, fa un forte respiro, e se li infila di nuovo, violentemente in gola….
Il ragazzo, eccitatissimo, si prende il proprio cazzo tra le mani ed inizia lentamente a masturbarsi.
Valeria s’accorge.gli prende una coscia, e lo tira a fianco a me.poi, senza estrarre il mio cazzo dalla propria bocca, inizia a fargli una sega.tirando su la pelle, coprendo gli il prepuzio e scappellandolo, andando con il palmo della mano messo a cucchiaio, fino a prendergli ed accarezzargli i coglioni.
Poi Valeria si alza, si sfila le mutandine si riaccuccia proprio davanti a me ed allo spagnolo, con entrambi i cazzi tra le mani.ed inizia a dare colpi di lingua sia ad uno che all’altro…
Siamo seduti sulla murella e lei arriva comodamente a succhiare. Nel contempo anche un altro spagnolo amico del fortunato spompinato da mia moglie, si attiva e si mette seduto a fianco di lei, le alza il già’ corto vestito ed inizia a palparle la figa. È’ facile per lui, essendo lei messa accovacciata a gambe aperte…
Sentendosi toccata, Valeria si stimola ancora di più e si impegna ancora di più’ arrivando a leccare i coglioni di noi 2 e toccando solo a me , lo sfintere, sapendo che mi stimola …
La preparo alle sborrate, abbassandole l’abito dalle spalle, per evitare che si imbratti tutto.
Appena in tempo, infatti il ragazzo spagnolo emette un verso, le prende la testa, affonda il cazzi in bocca a Valeria e gemendo forte, le viene in bocca. Tenendola attaccata, le viene direttamente in gola!! E lei,ha un rigurgito di vomito che le spalma tutta la sborra mista a saliva , sull’abbronzato seno.io a tale vista, ho una eccitazione incredibile che mi porta a sborrare subito, anche grazie a quel durino che mi sta ravanando il buco del culo….le vengo direttamente sui seni. Valeria, nel frattempo si è’ accovacciata sulle gambe del secondo ragazzo che a schiena appoggiata al muretto, mi sta scopando la moglie.lei raccoglie a piene mani le colate di sperma di entrambi i cazzi ed avidamente se le porta alla bocca, bevendo il miscuglio di nettare umano.
Poi si dedica alla chiavata! Essendo lei sopra, comanda il gioco penetrandosi a più’ non posso .
Il ragazzo si ferma! Lei capisce la paura di lui e gli dice
< riempimi>. .,.. Lui riprende a fotterla ritmando i colpi, lei ha un sussulto, e viene sul cazzo dello sconosciuto che a sua volta, quasi nello stesso momento viene in figa, riempiendola.
Poi, pochi secondi di relax. Io ed il primo spagnolo ci siamo già’ ricomposti e stiamo esprimendo considerazioni sulla mia cagna, e lei si sfila dal cazzo dello sconosciuto che prontamente se lo asciuga..
Valeria e’ tutta fradicia. Di sudore. E di sperma….
La aiutò ad asciugarsi le tette sborrate, ma oramai le gocce sono colate suo ventre, fino alla fighetta tutta rasata.
È’ anche fradicia di ubriacatura … Si alza in piedi, e cerca di fare colare goccioloni di sborra che ha interni alla figa che il ragazzo si è scopato. Poi si avvicina ai 2 spagnoli, sussurra loro qualcosa all’orecchio, che so già essere dei complimenti, poi un bacio sulla bocca ad entrambi e li saluta..
Rimaniamo li, a cercare le mutandine che sicuramente uno dei 2 si è’ preso come ricordo, è noto che Valeria si mette a gambe aperte e con i fazzoletti i si passa continuamente le cosce…il ragazzo ha sborrato a litri nella figa di mia moglie, tanto che lei decide di togliere le scarpe e lasciare colare lo sperma lungo le sue sinuose cosce, fino si piedi.
Ci incamminiamo verso l’hotel in talamanca.
Per raggiungere l’hotel si percorre un lunghissimo camminamento che segue la spiaggia sin dalla città, passando a fianco di alcuni ristoranti sempre pieni di clienti. Oramai è notte è l’unica luce che rischiara un po, e’ la luna…. Valeria ne approfitta per entrare in acqua e sciacquarsi via tutta quella appiccicosa sborra. La seguo, non si dai mai.., e’ ubriaca…. Si toglie il minidress… Non avendo più’ addosso la mutandina che le hanno rubato, rimane nuda. La luna la illumina di penombra. Il suo sinuoso corpo, le curve perfette di quei seni tondi , il fantastico e sodo sedere… È’ solo un’ombra, ma appagante…. Si accuccia in acqua bassa, e si lava tutto il corpo. L’acqua calda dell’estate ti incentiva a rimanerci dentro.poi esce… la seguo sempre da breve distanza…non ha voglia di parlare.. La barchetta capovolta li, in battigia, fa da ottimo appoggio per sedersi, aspettare che la calda aria notturna la asciughi per poi rivestirsi…..
solo in questo momento, ci accorgiamo che una giovane coppia di italiani sta amoreggiando proprio dietro alla barchetta… Valeria, forte della ubriacatura, si siede al loro fianco e li osserva… Loro due, si eccitano ancor di piu’e si mettono a fare porcate spinte… Il ragazzo e’ seduto appoggiato di schiena, la sua donna lo sta spompinarsi, e Valeria si pone in piedi a gambe aperte sul viso del ragazzo. Comincia a leccarle la figa…Valeria appoggia le braccia alla barca, spalanca le gambe e mentre riceve le leccate, si muove su e giù per farsi penetrare di lingua.in quel mentre, la ragazza italiana, senza mai mollare il cazzo che ha in bocca, dalla posa in ginocchio, si mette a gattoni… e spompina tutta eccitata. Un filo di vento le alza il gonnellino..
mi avvicino e dolcemente le sposto la mutandina… Ha la figa fradicia…. apre le cosce… La mia mano si perde in mezzo…poi con tre dita, la penetro. È’ bagnatissima , tanto che potrei farle un fisting … Tirò fuori il mio cazzo, duro e turgido ed iniziò a scoparla con colpi violenti. del resto la cagna fradicia, lascia intendere chiaramente che le piace essere presa senza tante sdolcinatezze…. Il ragazzo viene in bocca alla sua compagna mentre Valeria scarica i propri umori ed anche quelli che aveva dentro degli uomini della chiamata precedente, tutti sul viso del ragazzo che con fare godurioso, non si perde manco una goccia…. io, forte di quanto mi sto’ visivamente godendo, sto per venire.. chiedo alla ragazza se posso riempirla, ma lei di sfila velocemente…mette una mano sotto i miei coglioni ed accarezza.. Con l’altra, mi fa una sega…. Colpetti di lingua e…. sborro copiosamente anche se è’ gia la seconda della serata… poi si ferma… Mi guarda fissa negli occhi… Emette uno sputo di sborra… Poi prende una bottiglietta di acqua che ha in borsa e si fa dei gargarismi…. poi vi presentiamo tutti quattro, qualche chiacchiera, e rivestendoci , si va verso l’hotel…entriamo dalla scalinata fronte mare… Devo sorreggerla.. Valeria e’ sfatta, sfinita, ma soddisfatta.
Entriamo in stanza, nessuno dei 2 ha voglia di docciarsi, una pizciatina veloce e via… Tra le braccia di Morfeo… E nel pomeriggio ci riprenderemo la vita…

Commenti [6]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *