il verginello sverginato

Hits: 18

Sono Giulia ho 35 anni sono una libera professionista mi occupo d’assicurazioni, sono una bella donna e sono alquanto trasgressiva… Vivo una relazione amorosa. con Carlo è un uomo di bello aspetto 40 enne stiamo insieme da alcuni anni, non siamo sposati e forse mai lo saremo. La nostra relazione non saprei come definirla… Casualmente alcune settimane ho incontrato una mia vecchia amica. poverina era distrutta, separata da due anni e con un figlio grande. Mi parlò della sua separazione con quello stronzo del marito e di suo figlio…decisi così di invitarla a cena, chiamai anche Carlo. Il giorno stesso vado al supermercato faccio la spesa ritorno a casa tutta di fretta, inizio a preparare la cena, tutta sudata vado di sopra a prepararmi, faccio una doccia calda. Decido di vestirmi leggera fa caldo è inizio estate.. indosso un reggiseno a coppa, non metto gli slip, poi scelgo un vestitino nero ‘ sexi ed un po’ trasparente dove si intravedono le mie dolci forme. Mi tiro i capelli indietro, li bagno, metto dei tacchi alti neri e scendo giù. La sala e pronta ho aparecchiato una bella tavola tutto in ordine era da Natale che non invitavo gente, ci tengo a fare bella figura. Sono eccitata, vado di la in cucina… Ma suonano il campanello vado ad aprire edè Carlo,bello ed elegante, entra e mi bacia appassionatamente… Mi spinge contro il muro e me lo appoggia sulla figa..gli diventa subito duro..io mi divincolo e gli dico di smetterla che stanno per arrivare gli ospiti, lui si ferma, mi risistemo il vestito e vado di la in cucina. Gli dico di preparare degli aperitivi. Suonano nuovamente, chiedo a Carlo di aprire, è Giovanna con il figlio. Entrano lei è vestita sobriamente in Tailleur il figlio invece è davvero un bel fighetto in TShirt e Jeans ed ha anche un bel pacco oltre ad un bel sorriso. Si sente fuori posto è impacciato, saluto Giovanna e poi lui, mi accorgo che arrossisce per il mio vestito e la mia scollatura si chiama Andrea Li faccio accomodare sul divano mi siedo accanto a Giovanna e di fronte ad Andrea, mentre Carlo serve gli aperitivi. Beviamo l’aperitivo, guardo Andrea che è turbato, parliamo di lui con la Mamma, mentre continuiamo a chiacchierare mi ricordo che ho dimenticato di acquistare il vino Chiedo a Carlo di fare un salto a prenderlo, nello stesso tempo anche Giovanna si ricorda di essersi dimenticata di prendere le sigarette che sbadata. Decidono in fretta di andare entrambi a comprare il vino e le sigarette, visto che la cena non è ancora pronta. I due vanno via velocemente, resto da sola con Andrea gli chiedo di darmi una mano in cucina, silenzioso è impacciato mi segue in cucina Apro il frigo ed inizio a cercare qualcosa, mi abbasso sono senza slip il vestito si alza quel po’ e mostra il mio culo e le mie gambe sode.. Mi giro, lui è rosso in viso mi ha visto il culo, faccio finta di niente. Gli chiedo, che scuola fa, risponde che va al linguistico, gli chiedo se va bene a scuola e lui risponde di si. E’ impacciato si sente a disagio, provo a rompere il ghiaccio gli offro un altro aperitivo e gli chiedo di darmi una mano ad aprire una bottiglia, mi avvicino con le tette proprio davanti al suo viso. Continuo a porgli domande, gli chiedo se ha una ragazza, lui risponde imbarazzato di no. Mi accorgo che continua a guardarmi le tette. Mi avvicino lo guardo in viso e gli sorrido e a troia gli domando se gli piacciono, lui mi guarda e mi risponde da morire. Gli prendo la mano e mi lascio toccare le tette, mi appoggio al frigo… Lui si gira verso la porta, gli sorrido per tranquillizzarlo. Gli chiedo se è mai stato a letto con una ragazza. Lui fa cenno di no con la testa.. Io sorrido pensando all’idea di farmi un sveltina con un verginello, visto che ho una voglia da matti. Ha gli occhi sbarrati sulle mie tette, inizia a sfiorarmi mi eccita. Inizio a sfiorare il suo viso con le mie tettone belle indurite vogliose di farmele succhiare da questa lingua di ragazzino comincio a sentirmi eccitata sento brividi nella fica. Abbasso il vestito le tette escono come due mozzarelle imbustate, sono enormi e dure pronte all’uso gli prendo una mano e piano piano gliela infilo sotto, ora però lo vedo sempre più imbarazzato vorrebbe non farlo ma io insisto gli prendo la mano e gliela metto sotto alla mia fica bagnata glie la faccio massaggiare piano piano lo dirigo devo insegnargli a toccare la fica poi gli prendo la testa fra le mie tette. Mentre la sua mano continua a toccarmi gli sbottono i jeans infilo le mie mani con le unghie smaltate l’ha duro e grosso, comincio a stuzzicarglielo finche non lo tiro fuori e comincio ad assaggiarlo con al punta della lingua e me lo infilo in bocca ed inizio a succhiarglielo tutto quello che posso succhiare fino alle palle Dopo averlo spompinato come una bagascia smessaaaaaa decido che tocca a me. Sono troppo bagnata e arrapata, mi appoggio al frigo.. metto una gamba su di una sedia, apro con le dita la mia figa e gli prendo la testa e gli faccio leccare con forza la fica di una bella donna arrapata piena di venuta, con la voglia di un bel cazzo giovane da sverinare come una mania. Lo prendo e lo sdraio sul tavolo monto sulla sedia e sul tavolo e su di lui. Quasi lo soffoco inizio a ballarci sopra salto impazzita lui inizia a muoversi arrapato, questo mi piace e mi arrapa e lui lì a farsi scopare lo voglio possedere, faccio ruotare le tettone. Gli dico di spingere e di fare presto e gli chiedo sborrarmi in fica Lui ha il cazzo gonfissimo dentro la mia fica non ce la fa più a trattenersi deve sborrare in tutti i modi sente le mie labbra che gli stringono il cazzo all’impazzata, glielo risucchio completamente mentre lo cavalco a più non posso sento che è lì è pronto si è gonfiato al massimo basta un colpo ne basta e mi esploderà in fica Ecco lo sento sta per godermi dentro, che viene riesco a sentire gli schizzi dalla fica in gola continuo a muovermi ancora e ancora deve sentire un po’ di dolore il ragazzo questo mi eccita sto per venirgli sul cazzo eccomi non resisto sto venendo come una troia, una vera donna troia. Sono spompata sudatissima dappertutto, scendo dal tavolo e gli ordino di leccarla di nuovo, per pulirla lui si abassa e inizia a leccarla. Appagati tutte e due di questa ricca scopata mi alzo, lui si sdraia a terra tramortito sverginato. Vado in bagno mi risistemo i capelli e mi rivesto. Lui si riveste velocemente corre in bagno di sopra. Sentiamo infilare le chiavi nella porta Stanno tornando velocemente rientro in cucina e lui scende le scale. Entrano il ragazzo è seduto davanti al televisore acceso,io sono di là in cucina a pulire il tavolo Carlo gli chiede se si è annoiato tutto questo tempo…Io di là sorrido come una troia Mentre Giovanna e Carla entrano in cucina gli dico che è un ragazzo simpatico, intelligente è molto bravo. Ma dentro di me sorrido e di sicuro la mia fica non l’ho dimenticherà mai. Ci mettiamo a tavola ed iniziamo a cenare. Sarà una serata piacevole per tutti in particolare per me. Resto in contatto con Giovanna ci frequentiamo spesso ultimamente Andrea suo figlio ha deciso di iniziare a fare jogging con me tutte le mattine.. Continuiamo a farci delle belle sudate ogni mattina d’estate.

Commenti [32]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *