io , mia moglie e il trans Genny

Hits: 12

Fotografare mia moglie mentre è montata da altri maschi, suscita in me una libidine indicibile. È una sensazione che non ha nulla a che vedere con quella di un comune voyeur che osserva una coppia sconosciuta. Mentre il voyeur si eccita per ciò che guarda, un marito innamoratissimo della propria consorte, che la fotografa mentre lei fa sesso con altri, succhia il godimento dal tormento provocato da gelosia e amor proprio umiliati. È una sferzata di sofferenza che muta la mente in un delirio di emozioni e trasforma lo stomaco in liquido languore che si propaga alle membra diffondendo una goduria tanto intensa da lasciare frastornati. Forse bisogna essere un po’ masochisti per giungere a questo, oppure maschi che celano una latente omosessualità e si rispecchiano in ciò che consentono alla moglie di fare? O forse soltanto dei libidinosi che ricercano nel sesso un divertimento ai limiti della sopportazione emotiva? Nel mio caso… leggete e lo scoprirete.
Mia moglie Lara, che ho sposato quattro anni fa, oggi ha ventinove anni, ed è alta un metro e sessantacinque scalza. Ha capelli biondi naturali, lunghi e leggermente mossi. I suoi occhi sono di un azzurro chiaro, espressivi e sensuali. Ha labbra vellutate, ben disegnate e quando si aprono per sorridere fanno vedere denti regolari e bianchissimi. Ha seni procaci e sodi, con aureole di un bel colore rosa antico, sormontate da capezzoli ben pronunciati e tanto turgidi da sembrare che vogliano dire “succhiaci”. Le sue forme sinuose fanno voltare persino gli ottantenni quando indossa jeans attillati. Ovunque ci rechiamo i maschi, e spesso non solo loro, squadrano il suo misurato ancheggiare indugiando lo sguardo su quel suo splendido lato B.
Non vi ho svelato ancora quali siano i due migliori pregi che madre natura le ha donato. Essi sono attributi che non tutte le femmine possiedono perché eiacula una sostanza biancastra quando raggiunge il primo orgasmo, un po’ meno densa dello sperma maschile. Vi assicuro che quando gode geme e mugola con un tale trasporto emotivo da far sembrare che tutta la sua intimità si sia trasforma nel mitico punto G.
Mi è sempre piaciuto, fin da quando eravamo fidanzati, fotografare le bellezze anatomiche di Lara, dapprima in bikini, poi in topless, quindi in posizioni sempre più audaci e ravvicinate. Avevo acquistato una fotocamera digitale di tipo semiprofessionale, adatta a riprendere sia video, che immagini singole di dettagli dei soggetti scelti.
Andavamo in aperta campagna e la fotografavo nelle posizioni che giudicavo particolarmente erotiche: con la gonna sollevata perché mostrasse le cosce ma con gli slip, poi a mano a mano che lei acconsentiva, anzi che la eccitava l’idea di fare esibizione erotica, la riprendevo in posizioni sempre più audaci. Iniziai a riprenderla mentre sfilava gli slip, oppure con la camicetta aperta e una sola mammella fuori del reggiseno, o inginocchiata mentre, con la gonna sollevata, si allargava i glutei per mostrare il suo buchetto posteriore e la sua favolosa fica depilata vista dal retro. Poi la montavo in ogni posizione o indugiavamo a cimentarci in un centellinato sessantanove. Una volta seguitammo a leccarci i genitali sebbene avessimo scorto un guardone spiarci.
Lei cominciò a volere che le dicessi parole indecorose mentre la riprendevo, allora capii quanto la mia mogliettina avesse un’indole lasciva. Non passò molto tempo perché capissi che il sesso era sempre al centro dei suoi pensieri, che pensava quanto il mondo fosse colmo di opportunità da cogliere e che lei non voleva perderle perché la vecchiaia sembra lontana, poi ti frana addosso improvvisa. I nostri desideri collimavano.
In seguito cominciai a riprendere le sue particolarità anatomiche: il suo bellissimo sfintere stellare, le montagnole formate dai capezzoli, l’ingresso buio che si estendeva oltre il suo imene sverginato e slabbrato, il suo clitoride gocciolante liquido lubrificante. E ancora l’interno della sua vagina, con l’accesso dell’utero, che illuminavo dopo averla dilatata con un particolare divaricatore acquistato in un sexy shop.
Poi decidemmo di frequentare club scambisti, quindi ricercammo avventure erotiche in altri modi più sorprendenti come gli appuntamenti al buio, in cui mai non sai chi ti possa capitare.
Oggi per noi il sesso aperto ad altri è divenuto un modo edonista per sfuggire alla banalità abitudinaria che fiacca la libido, ma abbiamo sempre mantenuto distinto il sentimento che ci lega perché ciò che pratichiamo è solo questione di sesso. Per questo, sia per me, sia per lei, la goduria che proviamo è moltiplicata da una sottile gelosia che ci pervade durante i nostri rapporti extramatrimoniali.
Adesso voglio raccontarvi, tra i tanti, un episodio riguardante un incontro intimo durante il quale potei fotografare Lara mentre faceva sesso con un trans di nome Jenny. Fu in quella circostanza che scoprii che cosa m’inducesse a donare la mia femmina ad altri.
Lara mi suggerì di avere un’esperienza con un trans e fu così che conoscemmo Jenny in un sito d’incontri “particolari”.
Jenny ci informò di avere 27 anni, di essere molto femminile nell’aspetto, di avere mammelle che riempivano reggi seni della quinta misura, glutei torniti e lisci. Ci scrisse di essersi depilata il pube e di avere un cazzo che in erezione raggiungeva la lunghezza di 22 centimetri. Insomma un trans femminilissimo ma superdotato. Ci comunicò inoltre di avere capelli bruni che le scendevano sulla schiena in morbidi boccoli. Si vantò di avere uno guardo malizioso e che i suoi occhi scuri e profondi, avrebbero invogliato chiunque a raggiungere il nirvana erotico assieme a lei.
Le risposi che amavo riprendere mia moglie mentre faceva sesso con altre persone ma che non l’avevo ancora ripresa assieme a un trans. Jenny mi rivelò di essere versatile sessualmente, aperta a qualsiasi esperienza e che trovava particolarmente intrigante fare sesso con una vera donna, e interpretare la parte del maschio trasformato in femmina lesbica.
Decidemmo di incontrarci in un motel a mezza strada tra la sua città e la nostra. In verità sia io che Lara non credevamo molto alle vantate femminilità di Jenny accompagnate dalla sua poderosa virilità. Pensavamo che lei avesse esagerato a descriversi particolarmente muliebre ma con un cazzo quasi asinino. Eravamo convinti (se pur determinati ad avere quell’incontro) che ci saremmo trovati di fronte il solito travestito con zigomi pronunciati, polpacci muscolosi e spalle che tradivano la sua mascolinità, invece, con nostra sorpresa, Jenny aveva veramente l’aspetto di una bellissima ragazza. La pelle del suo volto era levigata e olivastra. Indossava una camicetta bianca nella quale premevano quelli che sembravano essere seni superbi. La sua gonna a pieghe ampie, corta sul ginocchio, metteva in mostra caviglie e cosce ben tornite. Si era fatto un trucco leggero, sul quale spiccava un rossetto fiammante. Io e mia moglie rimanemmo sbalorditi da tanto fascino muliebre. Soltanto qualche inflessione della sua voce tradiva accenni di mascolinità. Pranzammo nel ristorante del motel. Conversammo affabilmente, poi facemmo una passeggiata e ci addentrammo per qualche centinaio di metri in una stradina di campagna contornata da biancospini in fiore. Jenny ci confidò di chiamarsi Vincenzo.
Lara appariva affascinata dall’aspetto e gli atteggiamenti perfettamente femminili e raffinati di quel maschio. Lo guardava con occhi meravigliati e siccome spesso riesco a penetrare i suoi pensieri, sono convinto che pensasse come potesse essere possibile che un uomo tanto effeminato celasse un cazzo di ventidue centimetri piuttosto che un insignificante pisellino. Persino a me sembrava impossibile perché Jenny, benché avesse un tacco undici, procedeva con eleganza e ancheggiando sobriamente: troppo femminile perché sia un superdotato. Pensavamo sia io che Lara.
Rallentai il passo per consentire a mia moglie e a Jenny di precedermi. Volevo dare loro l’impressione di sentirsi sole. Le loro mani si cercarono e procedettero per un’altra decina di metri, poi si fermarono e si misero l’una di fronte all’altra. Si fissarono dicendosi qualcosa a bassa voce. Al pensiero che da lì a poco si sarebbero date un bacio in bocca, il mio cazzo ebbe una poderosa erezione. Fu Jenny a prendere l’iniziativa. Le sue labbra si schiusero alla bocca di Lara che rispose con ardore. Mi avvicinai e immortalai con la fotocamera le labbra che si univano, le loro lingue che fuoriuscivano da esse per lambirsi, leccarsi a vicenda, ripresi le loro bocche aperte l’una sull’altra come fossero incollate e immaginai le loro lingue intrecciarsi dentro di esse in un rimescolio di saliva. Ripresi persino un filo di saliva schiumosa che fece da ponte, tra le loro labbra, quando si staccarono.
Il mio cazzo era divenuto duro come il granito. A un tratto Lara mise la mano sotto la gonna di Jenny. Dalla faccia sorpresa che fece, capii che dovesse rendersi conto di quanto la nostra ospite avesse asserito la verità riguardo alla sua grossa virilità. Le trasse la gonna in alto perché, pure io, me ne rendessi conto. Jenny non portava le mutandine e tra le sue cosce, tanto tornite da fare invidia alle miss dei calendari sexi, mi apparve un supercazzo.
Lei era stata sincera, anzi adesso che pure io potevo vedere la sua mazza, avevo l’impressione fosse addirittura più lunga di 22 centimetri. Ripresi sequenze molto ravvicinate a quel bastone di carne bollente e seguitavo a sbalordire nel costatare che a un corpo così femmineo appartenesse tanta virilità. Incominciai ad avvertire il mio sfintere contrarsi stranamente. Seguitai a riprenderle mentre mia moglie, rossa in viso per l’eccitazione, stringeva tra le mani quella clava. Pensai a quanto fossero complesse e molteplici le variabili delle tendenze umane, e quanto gli ormoni e il cervello giocassero con le personalità degli umani.
Un vocio ci consigliò di rientrare ma il primo approccio era stato tale da preludere a un pomeriggio di sesso campale.
Appena fummo nella nostra camera matrimoniale, mia moglie e Jenny ripresero a baciarsi con ardore, poi si spogliarono vicendevolmente quasi con impeto come se non vedessero l’ora di gettarsi l’una sull’altra e assaporare l’odore della loro pelle. Erano entrambe di una magnifica femminilità ma il cazzo di Jenny, che faceva somigliare il mio a un cazzetto mignon, era l’ultima pennellata di un capolavoro dell’eros. Mi liberai anch’io degli abiti.
Eccitato al punto di sentirmi la bocca arida, ricominciai riprendere la scena. Loro presero a baciarsi le mammelle reciprocamente. Capii che Jenny era addirittura più sensibile di Lara alla delicata stretta dei denti sui capezzoli.
Un buon quarto d’ora durò quel loro appassionato preliminare, poi entrambe si sdraiarono sul letto capovolgendosi. Stavano per iniziare un focoso sessantanove. Con mia sorpresa non si misero l’una sull’altra ma poggiarono i rispettivi fianchi sul letto allagando una coscia. Lara prese in bocca il cazzo di Jenny e incominciò a succhiarlo avidamente. Io riprendevo le scene che si susseguivano: quando Lara succhiava la cappella di Jenny, quando leccava l’asta per tutta la sua lunghezza, quando addentava la pelle dello scroto per poi prendere in bocca un testicolo, oppure quando cercava di infilarsi in bocca tutto quel magnifico cazzo. Ci riusciva, per pochi istanti ma ce la faceva. Quanto mi appariva troia mia moglie quando il suo volto si alterava per lo sforzo di infilarsi in gola quella mazza fino a farla scomparire nella sua bocca. Scoprivo moglie gola profonda del terzo millennio.
Lasciai Lara a seguitare il pompino e cominciai a riprendere Jenny mentre le leccava la fica. Gliela allargava con le dita per intingere la faccia in quell’umida e rosea alcova del sesso. La videai mentre succhiava le escrescenze delicate e carnose delle piccole labbra. Faceva guizzare la lingua alla ricerca del clitoride.
Mia moglie incominciò a gemere. Essere giunta vicino all’orgasmo la obbligò a sfilarsi di bocca il cazzo di Jenny per dare sfogo ai suoi mugolii di goduria.
Jenny, accorgendosi che Lara stava per avere l’orgasmo, accelerò la leccata. Improvvisamente vidi il suo volto bagnarsi di un’abbondante sostanza biancastra. Mia moglie le stava eiaculando in faccia. Ripresi in modo molto dettagliato la lingua di Jenny che leccava quella sorta di nettare femmineo con avidità. A un tratto pure lei cessò di leccare la fica di Lara per prepararsi a dare sfogo a un mugolio nasale e farlo diventare orale. Capii che Jenny stava per eiaculare perché mia moglie aveva ripreso a succhiarle il grosso cazzo con foga, aiutandosi nel movimento con la mano destra che faceva roteare attorno all’asta.
A un tratto i gemiti del trans aumentarono di tono, il suo corpo sussultò e dalla bocca di Lara colarono lungo l’asta del cazzo di Jenny due lattei rigagnoli di sperma che le giunsero a bagnare i testicoli. A quel punto posai sul letto la fotocamera e iniziai a masturbarmi fissando Lara che leccava avidamente lo sperma colato. Sborrai addosso a entrambe emettendo sordi muggiti di goduria.
Se qualche lettore pensasse che quel pomeriggio di sesso fosse terminato si sbaglierebbe perché… Beh se volete conoscere che cosa accadde ancora seguitate a leggere perché l’attenta lettura moltiplica l’immaginazione molto più di un video.
Ci sdraiammo sul letto e ci appisolammo.
Quando mi destai, Lara e Jenny avevano ricominciato a baciarsi e succhiarsi i seni. Rimisi in funzione la fotocamera. Jenny bisbigliò qualcosa a mia moglie che assentì, poi trasse dalla sua capiente borsa un oggetto in lattice di colore nero. L’oggetto non aveva la forma anatomica del cazzo umano, bensì era costituito da quattro settori arrotondati e di grandezza variabile. Ognuno di essi si restringeva un po’ per poi dare forma al successivo settore di volume maggiore, insomma un cuneo di dimensioni variabili che giudicai lungo non meno di 23 centimetri, la cui ultima sezione non doveva misurare meno sei centimetri di diametro. Inoltre il cuneo era dotato di una base ampia corredata di cinture da allacciare in vita. Jenny si era organizzata proprio bene ma quando Lara se lo allacciò in vita e vidi sporgere dal suo pube quello strumento rimasi impressionato dalle sue reali dimensioni e mi parve impossibile che sfintere e intestino di Jenny fossero in grado di ospitare una simile nerchia artificiale purché morbida che fosse.
Jenny diede a mia moglie un tubetto di crema lubrificante, poi si pose alla pecorina ai bordi del letto. Lara si mise dietro di lei in piedi, m’inviò un intrigante sorriso, spalmò la crema sul buco del culo di Jenny ed abboccò quello strano cuneo allo sfintere della sua (suo) amante poi iniziò a spingere. Ripresi lo sfintere di Jenny mentre faceva passare con facilità lo strano cuneo fino a che anche l’ultima sezione non fu inghiottita dal suo “allenato” orifizio anale.
Mia moglie, eccitata come mai, iniziò il movimento a stantuffo e quell’enorme e bizzarro oggetto affondava e si ritraeva dagli intestini di Jenny con una facilità incredibile. Rabbrividii nel pensare che quel coso potesse essere usato per sodomizzare il sottoscritto. Spesso quando Lara si dedicava a farmi un pompino, m’infilava un dito nel retto e lo rigirava dentro per aumentarmi il piacere dell’orgasmo, ma da lì a prendere in pancia uno strumento di quel genere ce ne correva. Eppure, stupendomene, avevo ricominciato ad avvertire il mio sfintere contrarsi e rilassarsi stranamente, come se inconsciamente qualcosa mi dicesse che i miei intestini desideravano provarci. Cominciai a pensare che i maschi, compiaciuti di donare la propria femmina ad altri coltivassero, veramente, desideri inconsci omosessuali.
Allontanai il pensiero e seguitai a riprendere le varie fasi della sodomia anche con immagini ravvicinatissime, fino a che Jenny non mi disse di sdraiarmi sul letto in una posizione tale che potesse farmi un pompino mentre Lara seguitava a sodomizzarla. La bocca della trans era caldissima quanto una fica in calore.
Il pompino che mi fece durò poco perché lei stessa mi chiese di mettermi dietro di lei e sborrarle negli intestini. Disse a Lara di toglierle in cuneo dallo sfintere e a me di mettermi al suo posto ma non di penetrarla bensì di masturbarmi ed eiacularle nell’intestino senza incularla. Non riuscivo a comprendere perché non volesse che la sodomizzassi, poi quando vidi quanto fosse stato dilatato il suo buco del culo dal cuneo, compresi: l’aggetto le aveva talmente ampliato lo sfintere che se l’avessi sodomizzata nemmeno avrebbe sentito la massa del mio cazzo. Guardai eccitato quella caverna anale. Poi chiesi a mia moglie di succhiarmelo, attendere che stessi per eiaculare, poi terminare di farmi venire con la mano perché potesse indirizzare gli zampilli del mio sperma verso lo sfintere dilatato di Jenny.
Il gusto che provai, nel vedere mia moglie indirizzare gli schizzi del mio seme verso l’ano dilatato di Jenny, mi annebbiò la vista. Immaginai però il mio liquido seminale mentre era inghiottito da quella grotta le cui pareti erano formate da carne pulsante e ciò mi moltiplicò il piacere.
Ci sdraiammo sul letto e facemmo un altro pisolino. La sera stava calando quando mi svegliai. Riconobbi il modo di respirare di Lara mentre dormiva. Sentii una mano prendere la mia. Era Jenny che, già desta, me la tirava verso di lei. Capii che voleva trascinarmela verso il suo cazzo e quando glielo toccai, la ritrassi istintivamente, tuttavia lei insisté fino a quando non mi arresi. La sentii calda e pulsante quella grossa mazza. Ebbi un’erezione immediata, segno evidente che mi stavo eccitando. Jenny approssimò le sue labbra al mio orecchio e mi sussurrò:
«Voglio possederti!»
Non risposi ma il mio cazzo divenne ancora più duro dopo quella proposta.
A sua volta fu Jenny a prendermi il cazzo in mano. Ci accarezzammo l’uccello a vicenda quindi lei mi fissò con quei suoi occhioni profondi poi avvicinò di nuovo le labbra al mio orecchio per bisbigliarmi:
«Hai il cazzo durissimo che tradisce il tuo desiderio di essere posseduto ed io ho una gran voglia di incularti».
La sua proposta mi fece venire i brividi. Quale situazione stavo vivendo! Un maschio trasformato in bellissima femmina (tranne il cazzo) voleva mutarsi in maschio attivo per trasformarne un altro maschio, fino a quel momento etero, in soggetto passivo bisex.
Una girandola di pensieri mi attraversava la mente: desiderio di provare, timore di sentire troppo male, preoccupazione che mi potesse piacere troppo, al punto che mi sarei potuto trasformare in un vero bisex. Da qualche parte avevo letto che maschi virilissimi cimentatisi in quest’esperienza, l’avevano ripetuta. Le risposi che non lo avevo mai fatto e che lei era troppo dotata.
«Questo significa che ti sentiresti di provarciۚ se il mio cazzo fosse più piccolo?» m’incalzò Jenny.
«Sì», le risposi.
«Potremmo in ogni caso tentare», insisté Jenny. «Sei un gran bell’uomo e muoio dalla voglia di sverginarti.» Poi aggiunse:
«Ti prometto che rinuncerò se tu dovessi sentire troppo dolore.»
Rimasi indeciso. Strinsi il suo cazzo tra le dita. Quanto mi sembrò grosso! Poteva avere un diametro alla base di non meno di sei centimetri, una dimensione devastante per il mio culetto vergine. Sospirai pesantemente. Sentii la lingua di Jenny leccarmi l’interno dell’orecchio, poi cercarmi le labbra. Un attimo dopo la sua lingua esplorava le mucose della mia bocca e mi titillava l’ugola. Accettai quel risucchio passivamente poi risposi al bacio abbracciando quell’uomo dall’aspetto di una splenda femmina. Le baciai il collo e i seni mordicchiandogli i capezzoli. Sentii il suo corpo arcuarsi. Udii che mi sussurrava ancora di volermi sodomizzare. Capitolai.
Mi suggerì di mettermi carponi sul letto, nella medesima posizione che aveva assunto lei quando si era fatta inculare da Lara. Le ubbidii. Si mise in piedi dietro di me. Sentii che mi spalmava nello sfintere il lubrificante. Poi la cappella del suo cazzo premette contro il mio buchetto immacolato. Emisi un gemito sommesso quando avvertii che essa premeva per entrare.
«Ti faccio male?» mi domandò Jenny.
«Un po’» risposi.
«Posso continuare?»
«Sì ma adagio.» Strinsi i denti per la dolenza che mi provocava il glande mentre mi dilatava lo sfintere. Sentii che quel cazzo di 22 centimetri riusciva a dilatarmi il culo con più facilità di quel che avessi immaginato. Avvertii Jenny imprimere un colpo di reni e il suo cazzo penetrarmi. Emisi un altro gemito di dolenza.
Jenny si fermò per avvisarmi che almeno metà del suo uccello aveva conquistato il mio retto ma che voleva gli dessi il consenso di imprimere il colpo di reni finale. Gli risposi con un sì mugolato. Lo fece e la penetrazione totale fu tanto repentina che mi tolse il respiro. Jenny rimase ferma dentro di me, il tempo necessario di lasciarmi passare il dolore che immaginava provassi. Poi iniziò a stantuffarmi nell’intestino il suo arnese avanti e indietro, dapprima adagio, poi aumentando il ritmo. A ogni affondo di quel cazzo, che sembrava spaccarmi in due le viscere, emettevo sommessi gemiti di goduria e dolenza assieme. Un cazzo di ventidue centimetri affondava nei miei intestini ed io godevo, godevo, godevo! Immaginai i suoi seni procaci dondolare al ritmo del movimento. L’inculata durò un tempo che non riuscii a determinare e quando Jenny, aumentando ancora di più il ritmo dell’inculata, mi fece capire che stava sentendo il suo orgasmo avvicinarsi gli sussurrai:
«Ancora, Jenny ancora! Dilatami, sfondami, spaccami il culo. Sì così, così, non venire ancora e non ti fermare! Mi ritrovai ad assecondarla spingendo il bacino verso di lei. Il letto adesso ballava al ritmo del nostro movimento e sicuramente Lara si sarebbe destata ma la goduria che mi penetrava nel cervello era tale che non me ne importava più se avesse visto suo marito sodomizzato da un altro maschio dall’aspetto femminile.
Jenny Iniziò a gemere in modo prolungato. Capivo che stava per eiacularmi in pancia. Venne emettendo mugolii strozzati, poi si accasciò sulle mie spalle, il cazzo ancora piantato nel mio intestino. Poco dopo sentii il suo randello di carne perdere consistenza quindi sfilarsi dal mio culo. Eravamo entrambi sudati ma lei, evidentemente ancora infoiata da quel pomeriggio di sesso parossistico, come se il suo cervello ignorasse il periodo refrattario, mi prese il cazzo in bocca e me lo succhiò fino a che non le riversai in gola tutto il carico di sperma che i miei genitali contenevano ancora.
Tornati a casa, mia moglie mi rivelò di essersi destata e, vedendo che mi stavo facendo inculare da Jenny, si era masturbata, poi mi aveva confidato di non essersi turbata, anzi sarebbe stata una variante piacevole da praticare eccitantissima.
Eravamo divenuti una coppia veramente affiatata, non c’è che dire, ma questo è uno dei tanti episodi che abbiamo vissuto. Qualche giorno dopo andammo a fare compere in un sexi shop per acquistare un cuneo a grandezze variabili, come quello di Jenny, per esercitarci entrambi. Non c’eravamo mai stati e rimanemmo sorpresi nel vedere quanti oggetti ci fossero per dare piacere sessuale. Vedemmo cazzi anali enormi, rosei e neri, alcuni dei quali erano lunghi 35 centimetri e larghi otto, oppure cunei a forma di braccio, dotati di mano stretta a becco d’uccello. C’era persino la perfetta imitazione di un cazzo, con tanto di vene sanguigne disegnate attorno ad esso, lungo ben 45 centimetri e 16 di diametro. Ci domandammo com’era possibile che ci fossero persone in grado di ospitare nelle viscere quella roba gigantesca senza timore di lacerarsi le interiora. Forse c’era qualcuno che vi si sedeva sopra e lo lasciava premere sullo sfintere evitando tuttavia la penetrazione? Forse c’era chi lo usava come soprammobile a mo di totem a rappresentazione della virilità maschile? In ogni caso, se li esponevano nelle vetrine, c’era qualcuno che li comprava.
Acquistammo un cuneo simile a quello di Jenny e una crema lubrificante. Iniziammo a usare l’oggetto quella sera stessa vicendevolmente e con prudenza, ma con l’intenzione di dilatare i nostri ani.
Una decina di giorni dopo, mettemmo un’altra inserzione nel web:
Siamo una coppia di coniugi bisex di bellissimo aspetto. Cerchiamo un maschio sulla trentina, vero superdotato, serio, riservato e amante del sapone, il cui cazzo sia lungo non meno di 23 centimetri e con diametro non inferiore ai 5-6 cm. È gradito anche un suo conoscente che abbia un carattere mite, ma un cazzo XXL.
Tra le risposte che ricevemmo, ce n’era una in cui era scritto:
Siamo due maschi trentenni, entrambi bisex, riservati, amanti del sapone e tanto dotati da esaudire, per eccesso, le vostre richieste. I nostri cazzi misurano rispettivamente….
Ma questa è un’altra storia.

Commenti [27]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *