la babysitter. Parte 12

Hits: 0

Era sabato, già passata una settimana da quando era iniziata quella vacanza che si stava rivelando piena di sorprese, per Lara e la famiglia di Matteo restavano ancora 3 giorni di Sardegna per poi rientrare a casa, Valeria e Fabio avevano convinto la ragazza a fare un’escursione lungo la costa fuori dal villaggio che portava a spiaggette isolate e stupende, l’uomo invece partecipava a un torneo di carte organizzato dall’animazione che lo avrebbe tenuto occupato tutto il pomeriggio e così è Valeria ad accompagnare Matteo al miniclub e mentre torna verso casa sente Enrique che la saluta dal terrazzino del suo appartamento.
– Niente latino-americano oggi?-
– No oggi riposo, gli altri stanno preparando il benvenuto ai nuovi arrivati e scenette di cabaret e io mi rilasso a casa, senti Valeria, il fotografo ci ha lasciato le foto fatte ai bambini al miniclub, ce ne sono molte di tuo figlio se vieni su te le passo in una chiavetta usb e eviti di doverle comprare e spendere chissà quanto –
Valeria sorride felice, sarebbe stata l’occasione di avere tante foto di Matteo fatte da un fotografo mentre gioca con altri bimbi e grazie al rapporto tra Lara ed Enrique risparmierebbe un po’ di soldi, ma subito si frena.
– E’ il caso che salga su? Sai non vorrei…-
Enrique ride e le fa notare che non c’è nessuno e anche negli appartamenti non ci sono altri animatori, Valeria allora si guarda intorno e le sembra scortese rifiutare una gentilezza del ragazzo.
Arriva alla porta che si apre e il cubano è in pantaloncini e a petto nudo, le cade lo sguardo su quel fisico e ripensa alle parole di Lara che le raccontava nei dettagli cosa provava nel sentire dentro quell’arnese che ora nascondeva sotto al pantaloncino e che lei stessa aveva potuto vedere quel pomeriggio sul pedalò.
– Permesso –
– Accomodati e ovviamente scusa il disordine, ecco il pc siediti pure così le scegli –
Valeria ringrazia e si siede, il ragazzo è alle sue spalle, sente il suo fiato mentre si abbassa e appoggia quasi il petto sulla sua testa mentre prende il mouse e cerca la cartella e mentre appoggia l’altra mano sulla spalla sinistra di Valeria la apre dicendo:
-Ecco –
Valeria sente la mano accarezzarle la spalla, la sensazione è piacevole ma inizia a pensare che sta diventando troppo equivoca e mentre cerca di chiarire la situazione, cercando di farlo in modo elegante per paura che sia solo frutto di suoi pensieri, osserva quello che appare davanti ai propri occhi al pc.
Non ci sono foto di Matteo né di altri bimbi, ma mare e un pedalò e…. Quelle sono lei e Lara quel pomeriggio, apre subito le foto e i loro volti si vedono perfettamente mentre sono nude, si baciano, si leccano e fanno sesso.
– Belle vero? – sussurra Enrique accarezzandole ora i capelli.
La donna rimane interdetta, si sente crollare il mondo per quelle prove che chissà in che mani potrebbero finire, le si gela il sangue e rimane in silenzio, poi mentre sente la mano dell’animatore arrivare al collo di colpo reagisce e si gira di scatto
– Brutto stronzo che intenzioni hai !!!! Io te lo taglio quel coso che hai tra le gambe come hai fatto queste foto? Le hai solo tu vero? Cancellale subito o te ne pentirai !!!! –
– Calma Valeria… Tranquilla le ho solo io… per ora… Quel giorno avevo un marsupio e il cellulare con me e non mi son fatto sfuggire l’occasione mentre vi spiavo da dietro lo scoglio, guarda come siete belle ed eccitanti… Non immagini quante seghe guardandovi e guardandoti… Ma se vuoi le cancello… se farai quello che dico –
Lei lo guarda arrabbiata e gli chiede se vuole dei soldi e lui ride dicendole che vuole altro… vuole lei
– Lara è bella ma ho sempre desiderato te, e sul pedalò lo hai visto da come ti fissavo… e anche tu mi desideri, quindi non sarà un sacrificio, lo vedevo dai tuoi sguardi e da come ti toccavi guardandoci e guardandomi –
Valeria è ancora arrabbiata e pur avendolo desiderato non ha certo intenzione di cedere, si alza urlando e quasi spingendolo ma lui le blocca il polso e le dice che non ha scampo se non vuole che quella foto la veda tutto il villaggio.
La donna si calma come a voler ascoltare il ragazzo che le sorride e le dice:
– Fai quello che dico e vedrai che non sarà nulla di eccessivo e poi parola mia che cancellerò tutte le foto davanti ai tuoi occhi –
– Dimmi che intenzioni hai –
Valeria lo fissa quasi convinta a provare a vedere fino a dopo vuole spingersi Enrique
– Spogliati… non ti chiedo molto per ora, d’altra parte nuda ti ho già visto ricordi? –
Lei ora resta ferma e zitta, in fondo aveva ragione, nudi si erano già visti, anche se temeva potesse chiedere altro ma quelle foto dovevano essere cancellate e allora lascia cadere il pareo e si sfila velocemente il costume
– Ecco.. contento? Guardami sono nuda per te… Ora però cancella ti prego –
Il ragazzo la guarda, di nuovo nuda di fronte a lui, il corpo di quella donna così ben fatto e con quelle tette sode, lui era un bel ragazzo, non aveva problemi con quelle più giovani e per questo era fortemente attratto da donne più mature e magari esperte nel sesso
– Ora però mi è venuto caldo… che ne dici di spogliare anche me? –
Valeria prova a ribellarsi ma in fondo sapeva che non poteva bastare quello appena fatto e cerca di collaborare sperando che non voglia spingersi troppo oltre, così gli sfila la maglietta e si abbassa per sfilargli il costume, fa il tutto di fretta e cercando di mostrare l’insoddisfazione nel compiere quei gesti per non fargli venire strane idee, ma appena il costume si abbassa quasi le cade sul viso il membro del ragazzo che, per la situazione e avendola vista nuda ha già una discreta erezione.
Lei resta ferma, ha quel cazzo a pochi centimetri dal viso, dopo averlo visto scopare la sua amica e averlo immaginato mentre faceva sesso con lei, ora lo ha vicinissimo e ne può sentire l’odore e vedere la larghezza.
Cerca di tornare in sé e fa per alzarsi ma una mano del ragazzo le blocca la testa
– Guardalo… Lo so che ti piace e che lo desideri… Lo faccio anche per te, fallo diventare completamente duro e guardalo come quando lo fissavi mentre scopavo Lara –
Lo desiderava davvero, ma il ricatto non le andava giù e mai avrebbe voluto tradire il marito con un altro uomo, però sa che se vuole che quelle foto spariscano del tutto deve fare qualcosa, allora allunga la mano per tenergli fermo il fianco e quasi palpandogli il culo e con l’altra impugna il suo cazzo.
Lo sente caldo e si accorge che è tanta la differenza da quello di Fabio, non è ancora durissimo e fatica a tenerlo nella mano avvolgendolo, sente che si indurisce e questo le provoca un brivido, fa scorrere la mano in fuori verso la cappella, ancora coperta dalla pelle, sempre stringendolo e poi lentamente si dirige verso l’interno scappellandolo.
Mentre Enrique emette un sospiro di piacere ora Valeria può ammirare quel cazzo in tutti e 26 i centimetri di lunghezza, la cappella che pulsa davanti a lei con un odore forte che le entra nella testa, l’altra mano si sposta a palpare la natica soda da ballerino pur desiderandolo rivolge lo sguardo verso l’alto, fissandolo e implorandolo:
– Hai un fisico incredibile e…sì hai proprio un bel cazzo, puoi avere tutte le donne e ragazze che vuoi… ti prego fatti bastare questo, o se vuoi segati fissandomi ma non farmi andare oltre, non potrei mai perdonarmelo –
L’animatore la fissa dall’alto e sa che ormai di avere la donna in pugno e allora ansimando le sussurra:
– Sei così eccitante in ginocchio davanti al mio cazzo… Non gli dai nemmeno una leccatina? –
Valeria lo guarda, spera che sia l’ultima richiesta del ragazzo e pur essendosi spinta già oltre quel che avrebbe voluto gli dice:
– Ti prego.. Poi basta –
Abbassa lo sguardo e mentre gli accarezza il culo con una mano ora l’altra tiene quel membro enorme dalla base, toccando anche le palle e sollevandolo appena, e partendo da metà, nella parte inferiore, inizia a leccarlo, facendo scorrere la lingua lentamente verso la cappella.
Mentre sente Enrique ansimare e una mano del ragazzo accarezzarle i capelli ora la lingua ruota sulla cappella sentendone il sapore e poi si ferma e alzando lo sguardo verso l’alto lo fissa, con sguardo voglioso ma anche quasi implorandolo di non farla andare oltre e con la punta delle labbra bacia sensualmente la cappella, infine decide di fargli un regalo, o forse farlo a se stessa e schiude le labbra iniziando lentamente ad avvolgere la cappella del ragazzo che ora le accarezza la testa con più vigore, sente già la bocca quasi piena e succhia con forza quel cazzo e poi continua ad avvolgerlo cercando di prenderlo tutto, arrivata al limite ed avendone tre quarti in bocca succhia ancora con forza, eccitata, ma anche nella speranza di portarlo velocemente all’orgasmo in modo che poi possa essere lasciata libera, ma proprio mentre stava per tornare indietro sente la mano del ragazzo che le blocca la testa e spinge con forza con il cazzo fino in gola ed eccitatissimo le dice:
– Lo sapevo che eri una vera troia ora ti scopo come non ti hanno mai scopata –
A quel punto lei, per quella frase volgare che non gradisce e il modo di spingerle il cazzo fino in gola si toglie di colpo graffiandolo con le unghie della mano che teneva il culo e colpendolo all’addome con l’altra
– Brutto stronzo modera le parole e i modi e impara a saper trattare bene una donna –
Enrique rimane contorto tossendo per il colpo e cerca di riprendersi toccandosi il fianco dove il graffio gli ha portato via la pelle che ora sanguina leggermente e fissa con rabbia Valeria e si gira verso il pc minacciandola di mandare subito le mail a tutti, lei subito rimane ferma poi quando vede che evidenzia le foto e le mette in un allegato cerca di fermarlo, inizialmente trattenendolo e poi pregandolo, ma vedendo che lui stava iniziando a inserire i nomi degli altri animatori per inviare la mail si scusa e gli dice che avrebbe esaudito le sue richieste e prendendogli con la mano il cazzo gli dice:
– Lasciami continuare, ti chiedo solo di non usare certi termini –
Lui allora la fissa, mentre sente la mano di lei che inizia lentamente a segarlo le palpa i seni e con le dita, inizia a stuzzicarle i capezzoli già leggermente turgidi e che in un attimo diventano durissimi, Valeria è eccitata ma vuole liberarsi più velocemente possibile da quei momenti e inizia a muovere velocemente la mano ma Enrique mette la sua sopra e le sussurra all’orecchio:
– Piano, non avere fretta, goditi questo momento con me, intanto lo vedo e lo sento che mi desideri –
Lei sente le sue labbra sul lobo e dopo una leccata ora le labbra dell’animatore sono sui capezzoli, mentre le mani lentamente si muovono in basso e i capezzoli sono avvolti da lingua e labbra che succhiano e leccano sempre più vogliose.
Valeria in mano ha quel cazzo enorme e guidata dalla mano di Enrique ora lo accarezza lentamente, le lacrime sui suoi occhi per la consapevolezza che volente o no, dopo anni di fedeltà stava tradendo il marito, con Lara era sempre stata una cosa diversa ma ora era con un uomo, nuda e lo desiderava, quelle lacrime rendevano più offuscate le immagini e amplificavano le sensazioni, ormai era sempre più trasportata in un vortice di desiderio pronta a far godere il ragazzo, sperando che poi tutto sarebbe finito e lei avrebbe fatto in modo di placare quel desiderio che sentiva aumentare tra le gambe, a un tratto però vede il volto del ragazzo salire e avvicinarsi al suo, sempre più vicino e la lingua che sfiora le sue labbra.
No, quello no, non l’avrebbe baciato, per quanto fosse assurdo, il bacio andava oltre e sarebbe stata una cosa troppo intima e risvegliata nuovamente da quelle sensazioni eccitanti allontana il viso e spinge il ragazzo urlando:
– No, niente baci – poi, vedendolo nuovamente arrabbiato aggiunge con un filo di voce – ti prego –
Enrique è infastidito dal nuovo scatto della donna ma troppo eccitato per pensare ad altro e allora senza nemmeno voltarsi verso il pc e avendo capito che anche lei era eccitata, ma semplicemente doveva lottare con i sensi di colpa, le ordina:
– Ora però basta, ancora una reazione simile e quelle foto le avrà tutto il villaggio… Ora voltati –
Valeria si gira, controllando con la coda dell’occhio che non si diriga verso il pc, invece il ragazzo fa un passo verso di lei, la donna si tranquillizza e quasi rilassa mentre sente nuovamente le sue labbra sul collo e la sua erezione premere all’altezza dell’osso sacro , con la mano lui le sposta i capelli e la bacia ancora sussurrandole:
– Tu mi vuoi….mi desideri… –
e mentre la sua asta spinge e si adagia tra fondoschiena e natiche con le mani le accarezza le spalle e poi scende lentamente lungo le braccia mentre ora le lecca il collo.
Per Valeria è inevitabile emettere un sospiro di piacere, Enrique però vuole essere certo di non intercorrere in nuovi ripensamenti, sul mobiletto a fianco a loro c’è una corda elastica, di quelle da usare durante il fitness e che usa a volte durante le sue lezioni, a quel punto prende le mani della donna e le porta dietro alla schiena, facendosi accarezzare il cazzo, lei esegue e nel frattempo lui afferra quella corda, le blocca i polsi e in un attimo le lega le mani.
Valeria prova a opporsi ma il tempo che si renda conto si trova con le mani legate dietro alla schiena, prova a reagire e lamentarsi ma lui la tiene ferma, premendo col corpo sulla sua schiena, in modo che lei è costretta ad avanzare qualche passo
– Ora non potrai più fermarmi, ora sarai mia –
Sono davanti al divano e la spinge appena, lei senza il controllo delle mani è costretta ad appoggiare le ginocchia sul divano e il busto sulla spalliera, tenendo le gambe leggermente divaricate per un appoggio migliore.
Il cubano in piedi si gode la scena, quella donna incredibilmente eccitante era a pecora e completamente nuda davanti a lui, con le mani legate e la perfetta visuale della fica e del culo, resta fermo, come a godersi quel momento prima di agire e mormora nuovamente
– Sarai Mia…. Solo mia –

Commenti [16]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *