la babysitter. Parte 4

Hits: 0

Lara torna sul divano ancora sconvolta, scossa e ovviamente eccitata, sente il suo sapore sulle labbra, ha il suo profumo addosso e la sensazioni delle sue mani sul corpo, si siede e questi pensieri si mescolano con qualche senso di colpa e la paura che questa situazione possa crearle disagi in quella casa dove era sempre andata volentieri.
Certe voglie però spesso prendono il sopravvento e così si ritrova a pensare che Fabio probabilmente si starà spogliando per fare la doccia e le mani iniziano a scivolare sulla maglietta e salire dalle cosce quando improvvisamente sente vibrare qualcosa sul divano, Fabio aveva dimenticato il cellulare lì e senza pensarci lo prende e si dirige verso la camera da letto.
La porta è socchiusa, con un piccolo spiraglio dove può sbirciare e lei a bassa voce chiama – Fabio ti squilla il cellulare – eccolo spuntare improvvisamente, passando nel punto dove Lara può vederlo e accorgersi che è completamente nudo e ora mentre il corpo è coperto dalla porta allunga una mano e prende il telefono – Grazie, ma di telefonate di lavoro non ne voglio sapere fino a domani – e aggiunge – meno male che avevo messo la vibrazione sennò Matteo rischiava di svegliarsi, per fortuna invece nonostante il telefono di casa prima dorme ancora come un ghiro – non sente nessuna risposta o reazione allora spunta con la testa dalla porta – Lara tutto ok? – lei era ancora immobilizzata, quella visione anche se per un secondo l’ aveva bloccata, era passato un attimo e velocemente, non poteva averlo visto bene ma per un attimo davanti ai propri occhi era passato quel cazzo tanto desiderato e che prima sentiva duro attraverso i pantaloni.
Sentitasi chiamare in causa sorride imbarazzata – Sì sì tutto bene, meno male che il piccolo dorme – lui la fissa e vedendola imbarazzata immagina cosa possa essere accaduto e la reazione di lei gli provoca un’erezione e dietro a quella porta la mano afferra il suo membro stringendolo leggermente.
Lara cerca di riprendersi e dice – Vado un attimo in bagno, prima che entri per fare la doccia – lui annuisce mentre si accarezza e lo muove leggermente allunga il collo e la guarda mentre si gira e si dirige verso il bagno potendo osservare bene quel culetto che aveva sentito prima palpandolo con foga e voglia, mentre la mano continua a muovere il suo membro aumentando il ritmo.
Lara entra in bagno e appena chiusa la porta fa un sospiro come se non ne potesse più, sente il battito accelerato e cerca di calmarsi perché la reazione istintiva sarebbe quella di uscire, fiondarsi in quella stanza e farlo suo.
Si abbassa i pantaloni come a voler fare pipì e vede che ha il perizoma completamente fradicio, l’istinto è troppo forte e un dito scende e affonda dentro di lei, lo lascia dentro e lo fa girare sentendo che è completamente bagnata, poi di colpo avvicina la mano al viso e annusa il suo sapore come fa sempre, sentendo quel buon profumo arrivarle fino al cervello.
Il rumore di un messaggio la fa tornare con i piedi per terra, vorrebbe continuare ma sa bene che lui starà aspettando di entrare in bagno, allora appoggia il cellulare senza nemmeno leggere chi le ha scritto, apre l’acqua e si dà una rinfrescata per riprendersi, poi rialza i pantaloni, lo stimolo della pipì proprio non lo aveva ma ben altri, ma cerca di calmarsi e apre la porta ed eccolo lì, nudo con un asciugamano legato in vita che la aspettava per entrare.
Lara non resiste dal fissarlo in modo malizioso, ancora eccitata per quel dito che l’aveva esplorata e lo sguardo ovviamente era sceso sul petto fino a quell’asciugamano che ora copriva quella fantastica visione avuta poco prima. Ora però sembra lui cedere e apre la bocca come a dire qualcosa ma lei con tempismo perfetto porta un dito, proprio quel dito che poco prima la stava esplorando, sulle sue labbra e mormora – Shhhhhh fatti una bella doccia e poi dimenticheremo tutto – e a lui non resta che entrare, liberarsi subito dall’asciugamano e stringerlo forte per poi iniziare subito ad agitarlo, la voglia di godere era troppa e soprattutto se voleva far passare l’eccitazione e quindi evitare il rischio di peggiorare la situazione più di quanto lo fosse già doveva sfogarsi e godere svuotandosi per poi cercare di uscire da quella contorta e complicata situazione.
Mentre si sta masturbando però vede il cellulare di Lara e di colpo si ferma, lo fissa e tutti i buoni propositi sembrano svanire, cerca di calmarsi e riprendere un normale ritmo di fiato e prende quel cellulare, si riavvolge l’asciugamano in vita ed esce pur sapendo che facendolo c’è il forte rischio che stavolta non riuscirà a frenare gli istinti.
Arriva dalla porta della sala e vede Lara semistesa sul divano, con le gambe appoggiate a terra, leggermente scivolata in avanti e con la sola testa sulla spalliera del divano, forse doveva sospettarlo ma non pensava di poter vedere scena più eccitante, era lì ansimante con una mano sotto alla maglia che stringeva i seni e l’altra tra le gambe con i pantaloni abbassati fin sopra alle ginocchia.
L’istinto era quello di saltarle addosso ma voleva godersi ogni attimo di quella scena mentre lei ansimava con la bocca spalancata e la lingua leggermente fuori ma ecco che appoggiandosi alla porta fa un piccolo rumore e lei di colpo si gira e si accorge della sua presenza.
Lei si ferma improvvisamente come imbarazzata e Fabio la guarda sentendosi quasi in colpa per averla spiata e dice – Avevi lasciato il cellulare in bagno – lo appoggia al tavolino mentre lei non dice nulla, quella situazione eccitante a un tratto aveva creato in loro una sorta di imbarazzo ma lui cerca di tranquillizzarla dicendo – E’ normale quello che facevi, avrei fatto la stessa cosa in bagno, forse è l’unico modo che abbiamo per toglierci da questo vortice e far finta di nulla – aveva ragione, masturbarsi li avrebbe almeno in parte appagati e calmati evitando ulteriori contatti tra loro ma ora si trovavano nuovamente nella stessa stanza, vogliosi, dopo aver iniziato a darsi piacere, e con solo un asciugamano in vita lui e pantaloni abbassati lei.
Lara, ancora scossa dall’esser stata vista, ma soprattutto eccitata in modo incredibile, fissandolo riuscì solamente a dire con voce ancora spezzata dal fiato corto – Hai ragione, ma ora torna di là e fai quel che devi fare e lasciami continuare o impazzisco – ormai sentiva quasi un male fisico e non poteva smettere e non le rimaneva che essere diretta e sincera con quell’uomo che in poco tempo la aveva vista in ogni sua intimità.
Fabio a qual punto sentì un brivido lungo tutto il corpo e non riuscì a girarsi e tornare in bagno e probabilmente lasciandosi trascinare da quel vortice disse – E se lo facessimo insieme? Senza toccarci e nemmeno sfiorarci, ma già che ci dobbiamo masturbare pensandoci, tanto vale farlo uno di fronte all’altra – Lara lo guardò perplessa ma in quel momento il suo unico pensiero era godere e con voce ansimante, mentre la sua mano tornava a raggiungere la sua fica disse – Come vuoi…spogliati e segati davanti a me, ora so solo che ho voglia di venire – e mentre affonda due dita lo vede avvicinarsi alla poltrona di fronte al divano dove stava lei e lasciar scivolare l’asciugamano per poi sedersi, completamente nudo.
Ora il suo cazzo non lo immaginava mentre si masturbava con la sua foto davanti, non lo sentiva sotto di lei attraverso i pantaloni e non lo vedeva di sfuggita passare dalla porta ma lo aveva di fronte a lei, eccitato al massimo e dritto che sembrava quasi volesse puntarla e grosso come non avrebbe nemmeno potuto immaginare, lungo forse una ventina di centimetri ma sicuramente il più grosso mai visto e ansimando e lasciandosi scappare un – Sìììì – continuò muovendo le dita mentre lui lo impugnava e lentamente guardandola iniziò ad agitarlo ma non contento provocante le disse – Ma tu cosa ci fai ancora vestita? – Lara a quel punto non resisteva più al gioco di provare a trattenersi e vogliosa gli dice – Io mi spoglio ma tu poi riesci a resistermi e a non sfiorarmi? – e dicendolo si alza e di colpo leva la maglia e il reggiseno, accarezzando le tette con le mani e stuzzicandosi i capezzoli ormai durissimi quasi da far male e poi via pantaloni e perizoma e le scarpe e in piedi davanti a lui riprende a muovere le dita sul clitoride mentre la lingua si muove impazzita sulle labbra e non contenta aggiunge – forse volevi vedere anche questo – e di colpo si gira mostrandogli quel culetto che era stato oggetto di molte attenzioni maschili compresa quella di Fabio sia sul divano che nel corridoio pochi attimi prima.
Lui nel vederlo così sodo e perfetto e mentre lei si abbassava mettendosi a 90 appoggiata al divano smette persino di segarsi e Lara ormai senza freni rimarca – Che fai, non è di tuo gradimento? Continua a muovere quella meraviglia che hai tra le mani – e nel dirlo si mette ora in ginocchio sul divano, praticamente a gattoni con una mano sulla spalliera e l’altra che da sotto proseguiva a torturarle il clitoride.
Fabio ora inizia a segarsi veloce ma quella scena è troppo e senza smettere di agitarlo con la mano si alza facendo 2 passi e trovandosi a pochi centimetri da lei.
– E ora che fai? Non si era detto senza toccarsi e sfiorarsi? – Lui silenzioso si abbassa e le afferra deciso i fianchi e abbassando la testa dà una vogliosa e decisa leccata alla fica di Lara che ha un sussulto mentre con la testa girata lo fissa. Poi si ferma e guardandola le dice – E se avessi cambiato idea che mi dici? – e le da un’altra leccata, soffermandosi stavolta un po’ al centro e facendo girare la lingua per sentirne bene il sapore – Che ti dico ??! Che ti dico ??! Ti dico…. SCOPAMI –
Lui allora aprendole le natiche con le mani inizia a leccarla da dietro, poi allunga la mano per stringerle un seno, i capezzoli tra le dita e di colpo prendendola di peso la fa girare e Lara si ritrova stesa sul divano con le gambe verso l’alto e completamente spalancate, mentre ansimava cercando di fare più piano possibile ma ormai senza più controllo.
Fabio si accorge che stava per venire e decide di continuare a darle piacere con la lingua e mentre 2 dita la stavano scopando con l’altra mano inizia lentamente a penetrarle il culo e appena il dito fu completamente dentro lei prese un cuscino da mordere per evitare di urlare dal piacere, l’orgasmo arriva in un attimo fino quasi a farle perdere i sensi e lui quando si accorge che è esausta continua con baci su tutto il corpo fino a salire lentamente fino alle labbra.
Lei pian piano riprende il fiato e appena i visi sono vicini le lingue si abbandonano a un lungo bacio pieno di voglia e passione mentre le mani si muovono con carezze decise e vogliose, Lara tra queste carezze arriva tra le gambe di Fabio e gli afferra il cazzo, duro e voglioso più che mai, sentendolo finalmente pulsare tra le mani e dopo un’ultima leccata alle sue labbra si stacca e sussurra – Adesso stenditi, sei mio – e lo fa mettere seduto mettendosi in ginocchio per terra e senza perdere tempo inizia a leccarlo facendo roteare la lingua sulla punta e poi partendo dalle palle fino a salire, fissa il cazzo con tutta la voglia accumulata e ora le labbra avvolgono le palle per iniziare a succhiarle mentre lui le tiene la testa con la mano, dopo avergli succhiato le palle Lara riprende a leccarlo fino alla cappella e a quel punto fissa Fabio negli occhi, con sguardo eccitato quasi tremante e di colpo le labbra lo avvolgono tutto e inizia a pomparlo guidata dalle mani di lui che ora appoggia la testa al divano e si abbandona alla sua giovane amante.
Lei senza sosta continua a succhiare e gustarsi quell’asta che finalmente poteva tenere tra le labbra decisa a farlo godere, mentre lui ora abbassa lo sguardo e la fissa mentre sta per esplodere e ansimante la avverte cercando di far piano ma sussurrandole un – Sì, sìììì, oddio vengo – ma lei è decisa ad assaporarlo fino in fondo e non molla la presa sentendolo venire nella sua bocca che si riempe di sborra calda che tra arretrati, l’ interruzione avuta dopo il primo contatto e i momenti in cui si segava da solo in camera, in bagno e poi davanti a lei sembra non finire mai, al punto che Lara si stacca per bere tutto quel seme gustoso guardandolo e riceve ancora schizzi su mento e collo e lentamente mentre prende fiato con le dita lo raccoglie tutto per poi succhiarle una ad una e finire poi per ripulirlo bene leccandolo ancora e quando soddisfatta lo vede pulito sussurra fissando il cazzo – Con te non ho ancora finito – e risale lentamente con baci e leccatine sull’addome, sul petto, stuzzicandogli i capezzoli e sul collo, per ritrovarsi abbracciata a lui mentre si baciano con ancora il sapore di sperma tra le labbra di lei.
Restano qualche minuto nudi a baciarsi e poi lei gli sale a cavalcioni e inizia a strusciarsi sul suo cazzo che sta tornando duro mentre le mani di Fabio sono incollate a quel fantastico culo, palpandolo e modellandolo mentre lei va avanti e indietro e a un tratto si stacca da quei baci e leccandogli l’orecchio mormora – Sembra pronto – lui senza dire nulla la prende dai fianchi e la solleva appena permettendo al suo membro di puntare verso l’alto, ormai nuovamente duro e voglioso, le mani della ragazza lo afferrano e dopo essersi passata la cappella sul clitoride lo infila dentro, mentre lui la adagia penetrandola fino in fondo.
Lara lo sente entrare e trema dal piacere, si sente finalmente riempire da quel cazzo tanto desiderato e una volta dentro inizia a muoversi mentre lo fissa vogliosa e ormai priva di ogni freno inibitorio si passa la lingua sulle labbra graffiandolo sul petto mentre lui spinge verso l’alto facendole sentire tutta la voglia che ha.
Lei lo sente entrare e uscire mentre si muove e lo cavalca ma a un certo punto si ferma e si alza, lo fissa eccitata e dice – Vieni a prendermi e fammi sentire quanto mi desideri – e fa 2 passi verso la poltrona dove prima lui si stava segando e si mette a gattoni con le gambe divaricate.
Con quello splendido culo, sodo e perfetto e la fica lì in bella mostra lui non perse tempo e alzandosi e dopo averle afferrato i fianchi inizia a penetrarla con tutta la passione e la forza che aveva dando colpi che quasi facevano spostare la poltrona e che costrinsero lei a mordersi una mano per trattenere le urla di piacere, ormai senza controllo continuava a scoparla per minuti che sembravano infiniti, fino a quando la sente venire esausta soffocando il piacere con la faccia contro la poltrona e poi pur esausta girarsi in tempo per farlo esplodere ancora in quella bocca che insaziabile beve tutto il suo nettare caldo.

Commenti [14]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *