la babysitter. Parte 5

Hits: 1

Si apre la porta di casa, Matteo corre verso l’entrata, sapeva che erano la mamma e la nonna, Lara resta sul divano guardando la scena mentre il piccolo corre ad abbracciarle, Valeria le aveva detto un ora prima al telefono di non portarlo a dormire dopo pranzo ma di vestirlo perché sarebbe andata prenderlo con la nonna che l’avrebbe portato via a dormire da lei.
– Dai su prendi la giacca e lo zainetto che hai preparato che il nonno vi aspetta giù con la macchina – Matteo esegue gli ordini della mamma e dopo averle dato un bacio ed essere corso ad abbracciare e dare un bacio anche a Lara esce con la nonna.
Lara si alza e va a prendere la giacca come per uscire anche lei ma Valeria la ferma
– Eh no tu mi servi, e poi stamattina ti avevo detto che dovevi fermarti fino alle 3 quindi sei pagata ancora per un ora – la ragazza scoppia a ridere
– Tu sei matta e cosa dovrei fare? Mi fai fare anche le pulizie di casa ora? – Ormai tra loro c’era sempre più confidenza, dopo la giornata con Fabio subito Lara temeva di sentirsi a disagio e la volta dopo per qualche minuto era stato così, ma pian piano aveva cercato di dimenticare e tra le due donne aumentava la complicità e oramai erano come due amiche e scherzavano spesso insieme.
– Ma che pulizie, ho bisogno di un parere femminile, seguimi che ti spiego- e mentre andava verso la camera da letto con Lara che incuriosita la seguiva continua – Fabio è via da 3 giorni, torna stasera e voglio fargli una sorpresina, prenderci una serata per noi, da sempre mi lamentavo quando andava via e ci lasciava soli ma sto iniziando a pensare che un po’ di lontananza ci faccia bene, l’ultima volta che è stato via, tre settimana fa, il giorno che quando è rientrato ti ha conosciuta, poi la sera abbiamo avuto una notte di fuoco, sembrava tornato quello dei primi tempi, mi ha fatta impazzire per tutta la notte, era scatenato….e non guardarmi così, non farai la timida ora, non fare la santarellina che con quel corpo da favola che hai chissà cosa combini con i ragazzi, beh insomma ora che torna dopo qualche giorno via per lavoro spero che si ripeterà la notte di passione ma per sicurezza ho pensato ad alcune sorpresine – Lara la ascolta mentre come un fiume in piena raccontava tutto e incuriosita e un po’ preoccupata chiede
– E io in tutto questo che c’entro? – Valeria ride e la prende da un braccio e la trascina di forza verso il letto
– Beh voglio fare le cose per bene e voglio fare le prove della serata, quindi ora togli le scarpe e siediti sul letto, io mi preparo e arrivo e mi dirai che ne pensi – Lara ora ride divertita
– Sì sì tu sei proprio matta – e si siede sul letto stendendo le gambe dopo aver torto le scarpe mentre Valeria abbassa la persiana per fare buio e accende una lampada grande che crea più atmosfera lasciando comunque la stanza illuminata e poi esce chiudendo la porta.
Lara rimane lì, su quel letto da sola e il suo primo pensiero non può che andare a Fabio, a quel pomeriggio insieme e al fatto che probabilmente in quella notte di fuoco appena raccontatale da Valeria, lui aveva in mente ancora lei e il loro incontro, questo pensiero non fece che eccitarla e forse anche rassicurarla pensando che magari quel pomeriggio lo aveva avvicinato in qualche modo a Valeria e immediatamente pensa a quel che sarà successo quella notte proprio sul letto dove si trovava adesso.
Mentre quei pensieri le passano per la testa con le solite foto lì sul muro quasi a fissarla e che le provocavano sempre dei brividi sente la voce di Valeria
– Sei pronta? – e all’immediata risposta affermativa di Lara eccola entrare, aprendo la porta e facendo 2 passi decisi posizionandosi ai piedi del letto fissandola.
Lara non può che ammirarla in tutta la sua bellezza e sensualità, slanciata da un tacco 12 e collant con reggicalze, un perizoma nero in pizzo e una camicetta scura completamente trasparente tenuta da tre bottoni, il più in alto slacciato, che arriva fino all’ombelico a risaltare quel seno stupendo, una quarta con capezzoli che sembravano già duri e la chioma bionda lasciata libera con capelli leggermente mossi con effetto bagnato e un filo di trucco a risaltare gli occhi chiari.
– Beh dimmi qualcosa, sono abbastanza sexy così? Forse eccessiva? –
– Sei…Sei stupenda Valeria – Lara la guardava anche con un goccio di invidia per quanto la vedeva donna e per quei seni sodi e pieni in confronto alla sua seconda.
Valeria si avvicina ora dal lato laterale del letto e tenendo i tacchi sale sul letto mettendosi in ginocchio e sorride
– Grazie tesoro, allora dici che va bene? –
– Oh sì, immagino che sarà un’altra notte di passione, non potrà certo resisterti – e mentre lo diceva continuava ad ammirarle i seni
– Ehi !!! Ma dammi un giudizio generale non concentrarti solo su loro – e mentre lo dice muove le tette con le mani mentre ride.
Lara rimane un attimo imbarazzata ma sorridendo aggiunge
– Davvero, sei perfetta, e permettimi di guardarle con un po’ di invidia per come sono belle in confronto alle mie più piccoline e poi sembrano anche belle sode – Valeria allora sorride divertita e fissa la ragazza e slaccia un altro bottone con le tette che sembrano pronte a esplodere e le dice
– Dai su, con quel corpo stupendo che hai non avrai il coraggio di lamentarti e poi pensi che quel culetto perfetto non lo abbia mai notato? – e ridendo aggiunge – Però non ho capito quel “sembrano” sode, lo sono eccome, slaccia l’ultimo bottone e sentilo con le tue mani – Lara la fissa perplessa, ma in fondo tra amiche le era capitato spesso di guardarsi e magari qualche palpatina senza nessuna malizia e poi ora non voleva fare di certo la timida o bacchettona e allora sfoggia un sorriso malizioso dicendo
– Ok verifichiamo – dopo aver sbottonato e allargato la camicetta e averle fissate ancora allunga la mano destra sulla tetta sinistra di Valeria e la stringe con tutto il palmo alzandola appena e intanto un dito della mano sinistra sfiora il capezzolo destro e poi ci gira intorno riservandole poi lo stesso trattamento stringendola con il palmo.
– Complimenti, direi che sono perfette – e sfiorandole solo con le dita con un ultima toccatina sui capezzoli molla la presa mentre Valeria trattenendo un sospiro di piacere ringrazia
– Troppo buona, ma sono contenta di aver superato la prova e…che manine delicate che hai, sono sempre più convinta che tu li fai impazzire gli uomini – e scoppiano a ridere insieme.
Parlano e scherzano mentre ora sono sul letto una di fronte all’altra e a un tratto Valeria dice
– Comunque non ho ancora finito – e prende un sacchetto che aveva portato in camera appena entrata e da quel sacchetto spuntano delle manette.
Lara scoppia a ridere, divertita dalle intenzioni della donna, che però decisa le dice che non vuole lasciar niente al caso e che vuole provare quelle manette, la ragazza si ribella e ridendo si spintonano un po’ con qualche manata che sfiora nuovamente i seni di Valeria ormai liberi ma alla fine ecco che riesce a bloccare la ragazza e ammanettarla al letto con le mani dietro alla testa.
– Bene bene, direi che funzionano – mentre si mette a cavalcioni su Lara – E siccome hai fatto la ribelle potrei punirti – le due continuano a ridere e Valeria a un certo punto le mette le mani sui fianchi
– Vediamo un po’ questi seni dei quali ti lamenti tanto – e le alza la maglia e reggiseno – Beh saranno più piccole delle mie ma sono fatte benissimo – e intanto le osserva vedendo i capezzoli che ormai sono duri tra i pensieri fatti prima sulla notte di fuoco e questo strano gioco iniziato e che sembrano ignorare a dove potrebbe portare.
Ma non contenta dopo averle dato una leggerissima pizzicata con pollice e indice a entrambi i capezzoli di colpo le abbassa i leggins che indossava dicendole che sarebbe stato corretto trovarsi nella stessa situazione e rimane ad ammirare la coulotte nera e molto sexy che Lara indossava.
La ragazza subito rimane stupita, poi le due tornano a scherzare e Valeria le dice che un motivo per questo ultimo gesto fatto c’era ed era l’ultima sorpresa e si gira a prendere dal sacchetto un vibratore
– Scherzando Fabio me lo proponeva sempre anni fa e con un po’ di ritardo ho deciso di fargli questa sorpresa, però non vorrei essere impacciata stasera – Lara subito è stupita poi la guarda divertita
– Beh sembra che hai intenzioni serie per una notte davvero indimenticabile stasera, però…non capisco come posso aiutarti io, anche perché è la seconda volta che ne vedo uno dal vivo e l’altra volta ero con amiche e ci siamo limitate a scherzarci ma senza usarlo, anche se non penso ci sia bisogno di un libretto di istruzioni – e scoppia a ridere.
Valeria allora accetta la provocazione
– Bene allora mi dirai quale dei 3 tipi di vibrazione ti sembra il migliore – e puntandole il vibratore sulla coulotte lo aziona
– Vediamo… Preferisci questo tipo di vibrazione continuo…..questo a interruzioni regolari…O questo continuo con piccole interruzioni ???? – E mentre cambia e commenta le regolazioni all’altezza del clitoride di Lara la fissa divertita mentre la ragazza non riesce a trattenere un piccolo sospiro iniziale e all’ultima regolazione un lungo respiro, chiaro segno di eccitazione e con un filo di voce dice
– Questo sicuramente – Valeria allora lo allontana da lei e le dice
– Se lo provassi senza slip per provarne e sentirne l’effetto ti dà fastidio? –
Lara dopo un attimo di silenzio accetta ma chiede di essere liberata e ora eccola a gambe incrociate sul letto che osserva Valeria che è in ginocchio con le natiche appoggiate ai talloni e inizia a slacciare le autoreggenti, sfilarsi il perizoma e mostrare la sua fica completamente rasata mentre aziona il vibratore e lo passa sul clitoride, cambiando le 3 vibrazioni come fatto prima e anche lei non trattiene un respiro di eccitazione e continua facendolo scivolare lentamente dentro con gli occhi socchiusi.
Lara ipnotizzata la fissa, sente brividi di eccitazione, era iniziato tutto come un gioco tra amiche e risate ma ora l’atmosfera era seria e quasi tesa, Valeria si penetra con metà vibratore e lo tira fuori e compie lo stesso movimento un’altra volta con ormai il fiato corto e di colpo si ferma, cerca di recuperare il fiato e dopo un’occhiata profonda alla ragazza ride
– Beh prova fatta, direi che può bastare – Lara accenna un sorriso ma non nasconde le sensazione avute vedendo quella scena che non avrebbe mai pensato potesse essere così eccitante, poi cercando di rompere il ghiaccio la guarda mentre tiene in mano il vibratore e dice
– Come fai a resistere – Valeria la guarda perplessa senza capire e Lara ridendo – A resistere senza annusare il tuo sapore, io ogni volta che mi lascio andare da sola lo faccio, mi fa impazzire sentire i miei umori e assaggiarli – Valeria allora porta il vibratore verso il naso e poi lo porge verso Lara
– Visto che sei un’esperta, dimmi che ne pensi dei miei umori, non avevo mai approfondito questo aspetto – Lara annusa ma rimane perplessa
– Non si sente per via della plastica del vibratore, io di solito lo sento dalle mie dita e si sente molto meglio l’odore – Valeria la fissa ormai decisa
– Ormai mi hai messo la curiosità di sapere se ho un buon sapore, se ti di va di sentirli da un dito per me non è un problema –
Lara rimane ferma, si guardano e poi allunga una mano, gira il palmo verso l’alto e la socchiude tenendo l’indice teso e lo passa sul clitoride accarezzandolo e scendendo lo fa entrare dentro, Valeria manda giù la saliva trattenendo il respiro mentre Lara affonda completamente il dito muovendolo leggermente e poi lo fa uscire e immediatamente lo avvicina al suo viso.
Annusa il sapore e continua a farlo e poi ipnotizzata come se fosse sola schiude le labbra e lo avvolge succhiandolo. A farla tornare in sé è Valeria che sussurra
– Allora? –
– E’ fantastico, simile al mio ma più denso, più intenso come odore, sa ancora più di Donna, chissà cosa provano gli uomini quando sono tra le nostre gambe e la annusano e la leccano direttamente – Valeria mentre ascolta queste parole si accarezza con un dito e lo muove dentro di lei, ormai trasportata da una voglia che aumenta e poi annusa il suo odore come ha appena visto fare e forse per ringraziarla di averle fatto da spettatrice alle prove della serata, forse per la confidenza ormai instaurata o forse per l’eccitazione che stava facendole perdere il controllo dice
– Lara, se vuoi, puoi sentire il mio odore e non dal tuo dito… – Lara sente battere il cuore, non le sembra vero, non ha mai sentito il desiderio di fare sesso orale o lasciarsi andare con una donna ma l’odore degli umori femminili era da sempre stato un qualcosa che la faceva impazzire e resta un attimo attonita ma da subito nella sua mente aveva accettato la proposta, era solo da capire come farlo senza troppo imbarazzo.
Poi di colpo scende con il viso tra le gambe di Valeria che ora è seduta con le gambe divaricate e appoggiando le mani dove finiscono i collant scende a pochi centimetri dalla sua fica, la annusa quasi accarezzandola con il naso, sente quel sapore entrarle dentro, le sembra la sensazione più bella mai provata prima e senza inibizioni è decisa ad assaggiarlo per bene e sussurra con un filo di voce
– Posso? – in risposta riceve una carezza sui capelli come a invitarla ad andare oltre e la sua lingua esce timida a posarsi sul clitoride e inizia ad accarezzalo, a esplorarlo lentamente più decisa a girare intorno per poi scendere ed entrare dentro mentre Valeria chiude gli occhi ormai abbandonata al piacere e quando Lara stacca leggermente le labbra, quasi timorosa di esagerare, ormai Valeria non resiste più e riappoggia una mano sui suoi capelli schiacciandola contro la propria fica
– Non fermarti ti prego, sei fantastica – Lara non se lo fa ripetere e continua a leccarla e a torturarle il clitoride sentendola ansimare sempre più forte, sempre più vogliosa mentre ormai sta diventando un lago e lei mentre la lecca beve quel nettare e se ne riempie il viso mentre non le da tregua fino all’urlo finale che Valeria non riesce a trattenere mentre stringe i capelli alla ragazza.
Valeria trema e Lara è eccitatissima e si rendono conto di aver superato un limite che mai avrebbero pensato di varcare, ma tutto è avvenuto in modo naturale e piacevole, tra due che ormai erano da considerare amiche che scambiavano confidenze e si son ritrovate a lasciarsi andare abbandonandosi a un gioco, tanto che nessuna delle due fissandosi negli occhi ha un attimo di vergogna o pentimento e così si abbracciano e Valeria le sussurra
– Allora? Com’è stato sentire il mio sapore? Se hai provato almeno la metà di quello che hai fatto provare a me vuol dire che è stato fantastico – Lara sorride felice del complimento e le da un bacio affettuoso sulle labbra ancora bagnata in tutto il viso e così Valeria inizia a baciarle e leccarle il mento, le labbra e le guance sentendo i propri umori sul viso della giovane ragazza e infine si abbandonano a un lungo e appassionato bacio con le labbra che si schiudono e le lingue che iniziano a danzare muovendosi insieme mentre stese sul letto iniziano ad accarezzarsi e Lara si sofferma con le mani sui seni tanto ammirati già prima e ancora in preda all’eccitazione scende con i baci e dopo essersi presa cura del collo inizia a leccare e baciare i seni e poi i capezzoli succhiandoli e leccandoli con voglia e foga.
Valeria torna ad eccitarsi ma questa volta sente il desiderio di dare piacere e non solo riceverlo e mentre si sentiva torturare i capezzoli allunga le mani palpandole le natiche
– mmm sono dure come il marmo, dai ora girati che voglio vedere il tuo culetto –
Lara non se lo fa ripetere e si gira mettendosi a gattoni sul letto ormai nuda con solo la coulotte addosso.
Valeria ammira quella perfezione e inizia a palparlo nuovamente e poi con dolcezza e malizia tra le carezze sempre più provocanti inizia ad abbassare e togliere la coulotte mentre la sente respirare in modo sempre più affannato e voglioso e le dita ora si muovono fino a raggiungere la fica ormai fradicia.
Lara sente aumentare la voglia, non resiste più e si inizia a toccare il clitoride e poi a leccare con avidità i proprio sapori misti a quelli di Valeria ancora impressi nella sua mente e sulle sue dita e labbra, non aveva mai provato niente di più eccitante, sentiva i propri umori colare lungo le cosce con quelle mani che le modellavano il culo e le sfioravano le labbra della fica mentre era a gattoni nella sua posizione preferita sul letto dove un mese prima si era masturbata da sola fissando quelle foto che erano nuovamente davanti a lei e a venti giorni circa da quando nella stessa posizione in un’altra stanza della casa era Fabio a leccarla e scoparla.
Mentre questi pensieri le passavano per la testa sente la lingua di Valeria partire dal buchetto dietro e arrivare fino a immergersi nella fica e non riesce a trattenere un urlo di eccitazione, la lingua inizia a scoparla come mai nessun uomo aveva fatto e mentre ansima sussurra qualche parola di eccitazione mentre Valeria la tiene per i fianchi e continua fino a fermarsi di colpo.
Lara cerca di recuperare il respiro e mentre si sta per girare per capire che stava succedendo sente il rumore del vibratore e sussurra
– Che intenzioni hai? – e in risposta sente premere il vibratore contro la fica e talmente era bagnata che in un attimo eccolo tutto dentro con Valeria che lo muove e lo fa girare dentro e poi dentro e fuori come se fosse un cazzo che la penetra e la scopa con sempre più violenza mentre con la lingua continuava a baciarla e leccarla intorno e sul clitoride fino a quando dopo le urla sempre più forti Lara si abbandona a un orgasmo liberatorio, mai provato prima, crollando sul letto sfinita e rimangono abbracciate scambiandosi carezze e sguardi ridendo insieme mentre riprendono il fiato e recuperano le forze.

Commenti [20]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *