la babysitter. Parte 8

Hits: 0

Tra la ragazza e la coppia, dal giorno della decisione del viaggio, non era più successo nulla…
Ed ora eccoli felici in un lussuosissimo villaggio turistico in Sardegna prendere visione del loro bungalow con una camera con letto matrimoniale, una stanza con 2 lettini dove avrebbero dormito Matteo e la sua baby sitter e un ampio soggiorno, il tutto circondato da piscine, attrezzature sportive e a 200 metri da un mare stupendo.
La giornata trascorre con la presentazione dell’animazione, comprensiva di mini club dove Matteo potrà giocare con animatori e altri bimbi 2 ore la mattina e 2 ore il pomeriggio e un giro per le strutture del villaggio con un’inevitabile tuffo in mare prima che arrivi sera.
A cena eccoli a tavola vestiti eleganti, le due donne con vestito corto che risaltava le gambe e Fabio in camicia estiva e jeans.
A Lara non sembrava vero, eccola lì in un ristorante a iniziare una vacanza con quella famiglia con la quale ormai aveva stabilito un’unione particolare e intorno altre famiglie, comitive di ragazzi e ragazze e l’animazione che girava tra i tavoli a intrattenere gli ospiti e invitava tutti all’Arena, un palco tra il ristorante e la spiaggia dove si svolgevano le serate e attività dell’animazione, dopo la cena, per uno spettacolo di presentazione e musica con balli per chi voleva proseguire la serata.
Valeria iniziò piano a fare commenti sugli animatori dicendo a Lara che non mancavano i bei ragazzi e entrambe concordarono che Enrique era decisamente il più affascinante, un ragazzo cubano alto circa 1,85 e con un fisico scolpito, istruttore di fitness e balli latino-americani e che, forse non casualmente, si soffermò molto più degli altri al loro tavolo a scherzare con il bimbo e parlare con le 2 amiche e con Fabio.
– Avessi la tua età non mi perderei nemmeno una lezione di balli latino-americani con Enrique – commentò Valeria appena il ragazzo si allontanò facendo ridere la ragazza leggermente imbarazzata.
Dopo un’ottima cena eccoli a vedere lo spettacolo di presentazione degli animatori e appena finito Fabio e Valeria dicono a Lara che, stanchi del viaggio, sarebbero andati a letto portando Matteo e la invitano a restare ancora fuori a godersi la serata, lei, giovane e non avendo una settimana di lavoro alle spalle ne avrebbe avuto certamente le forze.
Alla ragazza spiaceva non rientrare con loro ma poi si lasciò convincere e rimase lì e mentre i villeggianti iniziavano a prendere posto sulla pista per ballare, andò al bar a prendere un cocktail, per poi tornare sui gradoni, vicino al palco, ad ascoltare la musica sorseggiando una vodka lemon.
Mentre era lì, sola e seduta, ecco però che si avvicina improvvisamente proprio Enrique, l’animatore cubano al quale aveva dedicato più di qualche occhiata durante la presentazione e mentre guardava tutti ballare.
Dopo aver già scambiato due parole a cena, l’animatore, torna a chiacchierare con la ragazza e i due ridono e scherzano e ovviamente si lanciano qualche sguardo malizioso ed il ragazzo cubano fa i complimenti alla baby sitter che non si tira indietro ma gli sottolinea che è certa che lui li fa perché è obbligato a essere gentile per il suo lavoro e poi ribadisce che con lei non attacca perchè è sicura che ci prova con tutte le ragazze.
Tra i due allora inizia un gioco di sottile seduzione che però il ragazzo deve interrompere perché per lavoro deve stare più possibile sul palco e allora prova a convincere la ragazza a ballare con lui.
– Dai mi hai detto che non sai se riuscirai a venire alle mie lezioni perché devi tenere il bimbo, un ballo almeno concedimelo ora –
E allora Lara si alza e si lascia convincere, d’altra parte le faceva piacere ballare e con lui sarebbe stato sicuramente piacevole, così si fa prendere la mano e lo segue tra i villeggianti e gli animatori che si stanno già muovendo a ritmo di musica.
Ed eccoli a ballare, occhi negli occhi, con Lara che sapeva muoversi sensualmente ma era quasi bloccata dalla prestanza fisica e dei movimenti del corpo del ragazzo cubano che dopo averla fissata intensamente si avvicina a lei appoggiando le proprie mani sui fianchi della ragazza che si sentì scossa dalla decisione e sensualità di quel gesto.
A quel punto non le rimase altro che farsi guidare muovendo le anche sensualmente mentre le mani di Enrique salivano lentamente e di colpo una scese più in basso, sull’anca, con la punta delle dita che finivano su una natica della ragazza e l’altra mano passò dietro la schiena attirandola a sé.
I corpi a quel punto erano uniti, gli sguardi ancora più vicini e le mani di Lara si aggrapparono al collo del ballerino come a voler avvinghiarsi in quella tempesta di emozioni che stava riuscendo a farle provare semplicemente con un ballo.
Se non fossero stati nella situazione animatore-villeggiante, probabilmente non sarebbe tardato ad arrivare un bacio ma di sicuro non poteva avvenire sul palco davanti a tutti e la ragazza questo lo sapeva e per questo si sentiva tranquilla di continuare senza cedere al corteggiamento e quasi passò all’attacco provocandolo e avvicinandosi all’orecchio per sussurrargli:
– Non pensi che siamo troppo attaccati e così rischi un richiamo da parte del capo animazione?- E lo disse con le labbra che gli sfioravano l’orecchio, questo contatto, unito al movimento sensuale del bacino e il tono chiaramente provocante non fecero che aumentare l’eccitazione del ragazzo, il quale istintivamente reagì facendo scendere la mano che era sulla schiena fino alle natiche della ragazza per attirarla a sè ancora di più e muovendo il bacino le sussurrò a propria volta:
– Alcune volte ne vale la pena rischiare – e dopo averle fatto sentire il proprio fiato eccitato sul collo da una piccola leccatina per poi staccarsi riprendendo una distanza adeguata.
Lara sentì un brivido di eccitazione percorrere il suo corpo e un calore improvviso di desiderio, non solo il ragazzo con quelle parole e gesti del corpo e la piccola leccatina la avevano sedotta divinamente, ma con quel contatto prolungato con il bacino del ragazzo….
…Sì, lo aveva sentito tutto, Enrique indossava la divisa dell’animazione con pantaloni leggeri e già durante il ballo aveva sentito il sesso di lui premere, avendo anche lei un vestito leggero, ma dopo quello scambio di parole sussurrate evidentemente lui ha avuto un’erezione e dopo averla stretta a sé muovendo il bacino il contatto è stato prolungato e Lara ora era quasi paralizzata pensando fra sé e sé quanto poteva essere grosso il pene di quel ragazzo che aveva sentito contro di lei e pur se in un contatto non troppo lungo poteva scommettere che mai aveva visto o sentito nulla di così grosso e probabilmente non era nemmeno al massimo dell’erezione…
Mentre Lara cercava di uscire da quella fase di shock mista a forte eccitazione lui riprese a muoversi fissandola ma si rese conto che doveva svolgere il suo lavoro di animatore e non poteva stare troppo tempo con la stessa ragazza ma prima le prese la mano e la tirò fuori dall’Arena in un angolo isolato, lei lo seguì incapace di reagire e si trovarono soli, lei spalle al muro e l’animatore con le mano appoggiate con i palmi al muro appena ai lati del viso della ragazza e con i corpi nuovamente a contatto
– Senti, io starei tutta la sera incollato a te ma purtroppo non posso, ma se mi aspetti fra 2 ore smonto e possiamo stare insieme – lo disse d’un fiato fissandola a pochi centimetri dalle labbra ma Lara non voleva concedersi così, per di più un animatore conosciuto il giorno stesso:
– No scusa ma no, non posso… Non devo… Non ora… Non stasera… E poi devo andare a letto…-
Lui mentre lei parlava fece scendere una mano sulla parte posteriore della coscia nuda della ragazza dove finiva il vestitino e fece salire la mano alzandolo appena e con le labbra incollare tra collo e orecchio e quasi baciandola mormorò
– Ma tu vuoi… Lo vuoi… Mi vuoi… Lo avverto… Lo vedo.. Lo sento..-
E dicendo queste parole spinse deciso col bacino in avanti, premendo ancora il suo sesso, sempre più eccitato, contro il bacino della ragazza, che andò quasi in estasi e non riuscì a far altro che premere le mani contro il culo del ragazzo sentendo che era decisamente sodo, anche se aveva pochi dubbi a riguardo, dopo averlo osservato a lungo ma quel contatto, quell’affare enorme che sentiva premere contro di lei…
– Oddio… Ma quanto è grosso…- Si lasciò scappare quasi sospirando
A quel punto lui le leccò il collo prima una volta, poi una seconda in modo intenso e voglioso e facendo salire la mano fino quasi al culo della ragazza e sollevandole appena la coscia le disse:
– Lo vedrai dopo… Te lo farò vedere e sentire quanto è grosso… E sarà tutto tuo..-
E a quel punto lei chiuse gli occhi, sentendo quell’erezione tra le gambe che ormai erano un fuoco e schiudendo appena le labbra si abbandonò a un lungo e intenso bacio mentre con una mano premeva sul sedere del ragazzo come a non volersene staccare mentre l’altra accarezzava la testa mentre le lingue ormai erano in estasi in una lunga e sensuale danza piena di desiderio mentre i corpi sembravano scoparsi lì al muro nonostante i vestiti di mezzo.
La mano di lui arrivò ad accarezzarle una natica, ma fu un rumore a far tornare i due giovani con i piedi a terra, svegliandoli quasi da quella fase di estasi.
Si staccarono ansimanti guardandosi intorno, ma forse era stato un gatto tra i cespugli ed erano ancora soli, però lui non poteva trattenersi oltre e la guardò quasi implorandola ma lei nonostante gli intensi attimi vissuti non voleva cedere quella sera e poi avrebbe dovuto aspettare troppo e non voleva fare tardi, così avvicinandosi a lui sussurra:
– Starò qui 10 giorni e avremo tempo… Se farai il bravo… Vado a nanna mio ballerino-
E appena pronunciate quelle parole si concesse la libertà di tastare con la mano quella bestia che sentiva contro il bacino e dopo averlo accarezzato e quasi stretto attraverso i pantaloni confermando l’impressione avuta di dimensioni che sicuramente non aveva mai visto dal vivo, diede un dolce ma sensuale bacio e una leccatina a quelle labbra carnose e poi si diresse verso il bungalow.
In quella camminata fu attraversata da molti pensieri, l’eccitazione era forte ma era convinta ad aver fatto la scelta giusta non aspettandolo e anzi temeva di essersi spinta troppo oltre, anche se in fondo c’era stato solo qualche contatto tra i corpi e un bacio e poi lui era così bello e sensuale nel ballare e aveva un fisico incredibile e… Probabilmente era vero quello che dicono dei ragazzi di colore e pensare che lui era solamente mulatto… Rise da sola per quel pensiero stupido mentre era già arrivata nel retro del bungalow, la sua camera aveva una portafinestra e da lì sarebbe entrata per non farsi sentire. Doveva fare comunque piano perché lì c’era anche Matteo ma conosceva bene il sonno profondo del piccolo e così, dopo essersi comunque tolta le scarpe fuori dalla porta per sicurezza, era all’interno della stanza a sfilarsi il vestito.
Una mano però istintivamente si posò sul perizoma ed era certa di essere eccitata ma scoprì che il perizoma era completamente bagnato, afferrò allora uno slip, il necessario per struccarsi e la camicia da notte per andare in bagno e forse tra i suoi pensieri c’era quello di restare lì il necessario per darsi piacere e poi tornare in camera tranquilla a dormire.
Appena arrivata in bagno posò tutto ma si fermò come se avesse avuto una visione, il bagno era accanto alla porta della camera di Valeria e Fabio che era socchiusa e le era sembrato di vedere del movimento e ora che era ferma dei leggerissimi rumori.
L’istinto fu forte e con il cuore a mille con i piedi nudi tornò davanti alla porta e….
I due sposi probabilmente si erano risvegliati per il caldo o forse, semplicemente, avevano aspettato per essere sicuri che Matteo stesse dormendo, ma la visione che era agli occhi della ragazza era incredibilmente eccitante, l’uomo era completamente nudo e steso sul letto e Valeria accucciata tra le gambe gli stava impugnando il cazzo e roteava la lingua sulla sua cappella, poi partì dalle palle per risalire e infine iniziò a succhiarlo in modo deciso e sensuale.
La prospettiva di Lara era perfetta infatti la porta si trovava da un lato e dalla parte del fondo del letto e così poteva godersi l’immagine lateralmente, in più subito a sinistra c’era l’armadio che copriva un angolo del letto, quello nel quale c’era adesso il viso di Fabio che sicuramente quindi non avrebbe potuto vederla, in più nella stanza c’era accesa una lampada mentre il resto della casa era completamente buio quindi lei si sentiva quasi al sicuro in quella posizione e si fermò ad ammirare l’abilità di Valeria nello spompinare il marito.
Quella scena non fece che risvegliare l’eccitazione di Lara che probabilmente non era mai svanita dopo il ballo e il bacio con l’animatore e così senza accorgersi si ritrovò con una mano sul perizoma e una sul reggiseno ad accarezzarsi lentamente mentre era spettatrice di quella scena altamente erotica.
Essendo già completamente nudi probabilmente non avevano appena iniziato ma Lara era sicura che lo spettacolo non l’avrebbe delusa e infatti poco dopo la mano di Fabio che accarezzava la folta chioma bionda della moglie afferrò i capelli in modo deciso e scese verso di lei per una lunga e vogliosa slinguata e un attimo dopo lei si girò mettendosi a 4 zampe sul letto con ancora la mani del marito tra i capelli, nel farlo ruotò dal lato della porta e per un attimo a Lara le sembrò che la stesse fissando e si fermò quasi paralizzata con la mano che solleticava un capezzolo dopo aver scostato il reggiseno e l’altra sotto al perizoma.
Ora però Valeria era rivolta verso il muro e la visione era di nuovo quella laterale di quella splendida donna a 4 zampe, con le tette che si muovevano perché il marito dietro aveva iniziato a leccarla e poi dopo aver impugnato il cazzo lo appoggia quasi sulla punta della schiena per far aumentare il desiderio della moglie inconsapevole del fatto che stava facendo provare piacere anche alla ragazza che stava ammirando quel cazzo che tanto piacere le aveva dato, teso e gonfio.
Fu inevitabile affondare 2 dita nella propria fica e dopo averle assaggiate, come sempre, tornò in basso con la mano quasi di fretta, come se la propria fica non potesse fare a meno di essere riempita.
Nel frattempo, nella stanza, ecco lui che la penetra, mentre lei inizia ad ansimare, cercando di non fare rumore, ma con il viso eccitatissimo che era ben visibile agli occhi della spettatrice nascosta che ebbe un altro sussulto quando la donna si voltò da quel lato mormorando al marito:
-Mi stai facendo impazzire, ora ti prego, inculami –
L’uomo non se lo fece ripetere e lentamente eccolo riempire l’altro buco della donna e progressivamente aumentare la spinta offrendo la visione del proprio cazzo che entrava e usciva da quel culo e che provocò a Lara, fuori dalla porta della stanza, a un’incredibile orgasmo tanta era l’eccitazione provata fuori e quella provocata dalla scena alla quale stava assistendo.
Dopo aver goduto ed essersi accertata di non aver fatto rumore, la baby sitter, sentiva ormai cedere le gambe, sempre più tremanti, ma non aveva nessuna intenzione di rinunciare a quella visione che ormai l’aveva ipnotizzata, così, lentamente, si lascio scivolare a terra ed ora era seduta con le gambe larghe, il perizoma abbassato alle cosce e il reggiseno leggermente alzato, sicuramente uno spettacolo delizioso, che però nessuno per sua fortuna poteva vedere.
Su quel letto, nel frattempo, Valeria aveva afferrato un cuscino per soffocare il proprio godimento e non fare rumore, da quanto la stava sfondando nel culo il marito e da sola giocava col proprio clitoride.
Il vedere quella coppia, che aveva immaginato più volte far sesso e con i quali aveva fatto le migliori esperienze sessuali della sua vita, era così eccitante che la ragazza riprese a masturbarsi, stavolta seduta a terra mentre Valeria decise di cambiare posizione ed eccola scendere dai piedi del letto mentre l’uomo si mise seduto sul letto con i piedi a terra, non era difficile immaginare che la donna aveva appena soffocato un orgasmo tra quel cazzo che le penetrava il culo e la propria mano a stimolare il clitoride ma, ancora vogliosa, eccola sedersi in braccio a Fabio per cavalcarlo lentamente mentre ora si baciavano con più sensualità e delicatezza sussurrandosi parole che stavolta Lara non riuscì a sentire.
Passò alcuni intensi minuti a cavalcare il marito, prima dolcemente, poi fermandosi e lasciandolo tutto dentro di lei e muovendo sensualmente i fianchi e infine aumentando il ritmo fino a raggiungere anche un orgasmo vaginale che stavolta soffocò mordendo la spalla dell’uomo che stremato e voglioso a quel punto indietreggiò stendendosi nel letto e segandosi da solo dalla voglia che aveva, mentre Lara, sempre più eccitata, stava muovendo le proprie dita dentro di lei e Valeria ripreso fiato fissava il suo uomo in quella erotica visione e poi si abbassò a leccargli prima il buchetto posteriore e poi le palle mentre lo penetrava con un dito.
Fabio a quel punto aumentò l’intensità e poco dopo esplose tutto il suo godimento che la moglie fece in tempo a catturare nella propria bocca per poi berne ogni goccia.
Proprio mentre uscì il primo schizzo di sperma prima che la bocca di Valeria andrò ad avvolgere il cazzo del marito, Lara ebbe il suo secondo orgasmo, mai aveva goduto due volte masturbandosi da sola e poi a distanza così breve l’una dall’altra e ora era stesa a terra con il respiro corto e il cuore che batteva a mille mentre i due sposi erano stesi e abbracciati sul letto.
Lara però sapeva che probabilmente avrebbero raggiunto il bagno e allora cercando di fare più silenzio possibile si alzò, afferrò le cose lasciate in bagno e tornò stremata nella propria stanza e senza nemmeno struccarsi, infilata la camicia da notte, crollò nel letto ripensando a quello che aveva appena visto e addormentandosi sfinita.

Commenti [20]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *