la babysitter. Parte 9

Hits: 0

Il giorno seguente fu dedicato al relax al sole, ai bagni al mare e all’inserimento di Matteo al mini club seguito dalla baby-sitter ma anche dai genitori.
La sera i loro corpi erano già abbronzati, dopo essere arrivati lì con solo un velo di abbronzatura dovuto a qualche week-end di mare o piscina.
Lara scambiò solo qualche parola con Enrique ma non mancarono altri animatori o villeggianti che con qualche scusa si avvicinarono alla ragazza durante il giorno o la sera, lei, gentile con tutti, amava sentirsi desiderata ma non voleva certo intraprendere relazioni con più ragazzi.
Ora invece erano al terzo giorno del mese e della vacanza, Lara dopo aver portato Matteo al mini club era tornata in spiaggia, avrebbe avuto due ore tutte per lei e raggiunse Valeria che era stesa da sola a prendere il sole mentre Fabio stava parlando con altri uomini con i quali aveva già fatto amicizia.
La ragazza inizia a spalmarsi la crema, attirando gli sguardi nascosti degli uomini in spiaggia quando improvvisamente Valeria le sottrae la crema solare e le dice:
– lascia che ti aiuti io tesoro, non ci arrivi dietro la schiena e poi ormai già che tutti di nascosto osservano il tuo corpo sudato mentre spalmi la crema offriamo uno spettacolo ancora più bello no?-
La ragazza scoppia a ridere mentre l’amica ora ha le mani sulle sue spalle che lentamente scendono e le dice piano:
– Ma che intenzioni hai? Vuoi dare spettacolo?-
A quel punto Valeria la guarda sorridente e dice:
– Dai che cosa ci sarà di male nello spalmarti la crema… E poi veramente avevo in mente un’idea, che sarebbe tutt’altro che dare spettacolo- Lara la guarda perplessa mentre la donna continua – E se prendessimo il pedalò? Ce ne andiamo al mare aperto, facciamo un po’ di ginnastica alle gambe, magari un tuffo in questo bel mare e un po’ di sole tranquille senza avere occhi addosso –
Lara è entusiasta dell’idea e così dopo aver informato Fabio e chiesto al bagnino di mettere in mare
il pedalò eccole, dopo aver preso una borsa con cellulari e il necessario, muoversi in mare con la donna che propone di spostarsi verso il lato della scogliera dove non ci sono spiagge e saranno davvero completamente isolate.
Mentre pedalano e prendono il sole iniziano a parlare e confidarsi come ormai succedeva da tempo e Lara incalzata dalle domande confessa tutto sulla serata passata con Enrique, raccontando degli sguardi maliziosi, le provocazioni, il ballo sensuale e il bacio con un lungo contatto tra i due e Valeria ascolta silenziosa e divertita facendo delle domande a Lara che arriva a descrivere anche le dimensioni del ragazzo sentite attraverso il vestito e con una carezza al membro dell’animatore.
Infine aggiunge che è lusingata dal corteggiamento e tentata a cedere anche se, sapendo che si tratterebbe di solo una notte, vuole ameno farsi desiderare per vedere se lui continuerà a provarci o se mollerà la presa puntando altre ragazze, tra l’altro il giorno prima Enrique le aveva chiesto di passare la giornata insieme visto che era il suo giorno libero ma lei ha preferito rimandare e non cedere subito dopo pochi giorni.
Valeria ovviamente dice alla ragazza che ha fatto bene se sentiva di agire così ma la stuzzica e rimarca quanto sia un bel ragazzo e che lei non si farebbe scappare l’occasione.
Nel frattempo decidono di fermarsi, circondate da solo mare e della scogliera in una giornata tranquilla, era l’ideale per riposare e dopo un tuffo in quel mare meraviglioso si stendono nella parte posteriore del pedalò dedicandosi alla tintarella.
La donna prima di sdraiarsi slaccia il reggiseno e lo sfila con Lara che la guarda perplessa:
– Ohhhh almeno posso abbronzarmi evitando il segno del costume… E non fare quella faccia, chi può vederci qui? –
La ragazza si guarda intorno, in effetti erano circondate da mare aperto e scogli che spuntavano dal mare, erano anche nascoste dalla spiaggia essendo dal lato della scogliera quindi impossibile che qualcuno potesse vederle e allora, dopo un attimo di esitazione, slaccia il pezzo sopra del costume e si stende vicino a Valeria che la osserva soddisfatta e che aveva appena finito di spalmarsi la crema protettiva sui seni e la porge alla ragazza:
– Tieni, spalma questa o non vorrai che la prossima volta dovrai dire no al bel cubano perché hai le tette ustionate –
E Lara dopo aver riso ed averla spintonata per gioco inizia sensualmente a spalmarsi la crema mentre tra la brezza di mare e il contatto con la crema i capezzoli iniziano a inturgidirsi.
Le due iniziano a parlare mentre rilassate prendono il sole, stese in topless, ormai i corpi sono già asciutti dopo il tuffo e la crema unita al sudore rende quei due corpi sensualissimi e inevitabilmente inizia qualche occhiata sui seni mentre un lieve vento permette di resistere stese senza dover tuffarsi nuovamente in mare.
Dopo qualche sguardo silenzioso Valeria accenna un sorriso e dice:
– Comunque mi ero illusa fosse merito mio, invece ad eccitarti l’altra sera è stato Enrique –
A Lara si gela il sangue, che voleva dire? Il riferimento era abbastanza chiaro, allora quella sensazione che aveva avuto di essere stata scoperta mentre spiava la coppia fare sesso due notti prima…
– Vale scusa ma… Io veramente.. –
La donna si gira su un fianco verso la ragazza che stava balbettando quasi imbarazzata e la zittisce con un dito sulle labbra
– Shhhhhh è stato così eccitante sapere che ci guardavi, Fabio non si è accorto di nulla ma appena ti ho vista ero ancora più eccitata, però ora voglio sapere se me la sono cavata –
Lara, tranquillizzata almeno di sapere che era stata scoperta solo da Valeria, mentre la bionda ora le stava accarezzando il viso, fissandola negli occhi le dice:
– Eri stupenda, ok sarò stata eccitata già prima ma vederti, vedervi… ho avuto due orgasmi sensazionali guardandovi e tu eri così bella e sensuale –
Valeria continua ad accarezzare il viso della ragazza mentre ascolta quelle parole e ormai eccitata, mentre scende con le dita sul collo le dice provocante:
– E il mio maritino? Hai visto come è bravo? Me lo sono scelta bene vero? –
Anche Lara tra quella dolce carezza e al pensiero che l’amica si era accorta ed era eccitata sapendo di essere vista mentre faceva sesso col marito, inizia a sentire salire la voglia ma non riesce a sbilanciarsi su Fabio, pensando che la donna non sa che lei quell’uomo lo ha conosciuto molto più a fondo di quanto creda e che nudo lo aveva già visto e sentito dentro di lei:
– Beh…è un bell’uomo…eravate belli da vedere –
Valeria ormai ha abbandonato ogni freno e ora con le dita stuzzica i capezzoli della baby sitter, le da un bacio sul collo e le sussurra all’orecchio:
– Fai la timida ora? Da quel che dici non avrà le dimensioni del tuo nuovo corteggiatore, ma direi che si difende bene e poi ci sa fare mio marito vero? –
e ansimando le inizia a leccare il collo. Lara chiude gli occhi e si abbandona a quelle attenzioni, dopo qualche secondo allunga la mano per accarezzarle i capelli e poi li stringe delicatamente e fissandola tremante a pochi centimetri dal viso le mormora:
– Lo vuoi proprio sapere? Fabio ha proprio un bel cazzo e ti scopava divinamente…Chissà quanto ti ha fatto godere, lo vedevo entrare e uscire dal tuo culo quel palo di carne così duro… E ti ho desiderata tanto mentre godevi, ma desideravo anche quel bel cazzo e ho rimpianto di averne rifiutato uno pochi minuti prima –
Le ultime parole furono pronunciate con ormai le labbra a contatto, i loro corpi nudi, il sudore, l’eccitazione che aumentava e quei desideri proibiti confessati furono un mix esplosivo, la passione tra le due non era certo mai svanita ma ora mentalmente si erano spinte oltre, la donna aveva spinto la ragazza a fare commenti sul marito che aveva visto nudo e la baby sitter si era lasciata andare mentre ormai le mani non potevano stare ferme e le lingue travolgersi in un lungo, voglioso ed eccitante bacio con i corpi ormai avvinghiati e con tutta la sensualità che solo due donne riescono a trasmettere anche in un bacio che in realtà era solo di desiderio e quasi volgare con continue leccate fuori dalle labbra e piccoli morsi pieni di voglia.
I seni nudi erano a contatto e scivolavano tra loro in un misto di crema e sudore che rendeva ancora più eccitante il tutto e con i capezzoli diventati duri da far male, tanto che Valeria prende con decisione la testa dell’amica e la spinge verso il basso ed ecco ora la calda lingua della ragazza leccare e succhiare quelle tette piene e desiderose di essere quasi maltrattate, mentre con le mani graffiava la schiena della mora fino a palparle le natiche con i bacini che premevano ormai l’uno contro l’altro come a volersi scopare tanto era il desiderio tra le due.
– Mi fai morire..Quanto ti voglio…basta…fermati…-
E detto questo Valeria allontana la testa di Lara che le stava torturando i capezzoli e di colpo le tira via lo slip e inizia a leccare la giovane ragazza che ora era in ginocchio e abbandonata a quella lingua che già mesi prima l’aveva fatta impazzire.
La voglia però era troppo forte per far sì che le due potessero donarsi il piacere alternandosi come su quel letto e così ora è Lara a spingere la donna per farla stendere e senza un attimo di attesa le si siede sul viso e inizia a scendere col busto e dopo averle tirato via gli slip le due iniziano un sensualissimo 69.
Le lingue girano sui clitoridi, ormai durissimi, mentre tra le gambe colavano dal desiderio mentre tanta era la voglia che le due amiche si incitavano quasi volgarmente a non smettere, nei momenti che non erano impegnate a darsi piacere con la bocca, tra sospiri strozzati tra le gambe e ora Valeria affonda per prima un dito nel culo della ragazza che quasi grida da piacere e si sente scossa essendo sicuramente meno abituata della donna al rapporto anale, a sua volta di colpo infila prima uno e poi due dita nel culo della bionda, che aveva visto sfondato da Fabio due notti prima, mentre le lingue continuavano a scoparsi le fiche e dopo ancora qualche minuto ecco Lara urlare il proprio orgasmo tra le gambe della donna che a sua volta venne tremante e ormai stremata.
Le due amiche, dopo quegli attimi nei quali si abbandonarono solamente alla passione, ora erano stese, abbracciate, con Lara sul corpo della donna, col la testa sulla spalla e si accarezzavano dolcemente, coccolandosi quasi a compensare quegli attimi quasi volgari per quanto era stato intenso il sesso tra le due.
Le mani di Valeria accarezzano i capelli della ragazza che solleva la testa per abbandonarsi a un dolcissimo e intenso bacio per poi staccarsi e dirle con un filo di voce:
– Valeria…sei stupenda –
La donna quasi emozionata guarda Lara e a propria volta sorridendole le dice:
– Così mi emozioni…Senti come mi batte il cuore, sto ancora tremando…Mi scappa quasi di dirti che…Ma ho paura di come potresti prendere la cosa –
– Provo le stesse tue emozioni e so benissimo cosa intendi e il senso che avrebbero quelle parole –
Le labbra si posano una sull’altra per un breve ma dolce bacio mentre Valeria quasi con gli occhi lucidi in un sospiro mormora dolcemente:
-Amore….-
Lara a questo punto la guarda intensamente e quasi come se fosse la più matura tra le due si sbilancia per prima dicendole:
– Ti amo…Ti amo Valeria-
– Ohhh sìììì ti amo cucciola mia….ti amo ti amo ti amo ti amo…….-
E dolcemente si abbracciano per un lungo e intenso minuto.
A interrompere quel dolce momento fu Valeria che disse:
– Siamo due pazze – e insieme scoppiano a ridere – Pensa se fosse arrivato qualcuno, persa in te non mi sarei accorta di nulla –
Quasi istintivamente le due si staccano e si guardano intorno.
Appena alzano lo sguardo, proprio dietro a uno scoglio che spunta dal mare vedono nascosta una canoa con qualcuno a bordo, stanno quasi per urlare spaventate quando una voce prova a fermarle.
– Ferme… scusate… Non ho resistito… Non arrabbiatevi… Vi prego… –
Era proprio Enrique, che chissà da quanto si era posizionato lì dietro nascosto a spiarle….

Commenti [21]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *