la cagnolina

Hits: 39

Un giorno di qualche anno fa , avevo 19 anni , facevo la dog sitter , portavo a passeggiare il cagnolino di una nostra vicina in un prato confinate con un boschetto.
Era il mese di Luglio , un caldo insopportabile, avevo una magliettina leggera e una gonna leggerissima , avevo tolto perfino le mutandine per sentire un po’ di frescura tra le cosce.
Davanti a me il cagnolino correva nel prato saltellando e ogni tanto si fermava ad annusare dove le cagnoline hanno fatto pipi e io felice lo rincorrevo.
Il cagnolini entrò nel boschetto e io non vedendolo continuai a chiamarlo ma lui non arrivava, in quel mentre vidi venire verso di me mio zio fratello di mamma , un uomo alto 1,70 cm biondo di circa 42 anni.
Un giorno mentre faceva pipi , ero nascosta dietro un albero , vidi il suo cazzo, era enorme , una cappella piccola ma dietro era 3 volte, a occhio e croce aveva un diametro di 5 cm.
Casa stai cercando Annetta ?
Zio stavo cercando il cagnolino della Maria , è entrato nel boschetto e non è piu ritornato, aiutami a cercarlo.
Entrammo nel boschetto e dopo alcuni minuti la trovammo che stava leccando il culetto ad una cagnolina, per poi sormontarla, la stava scopando.
Corsi presso di lui ma inciampai e mi feci male alla caviglia.
Zio , hai che male, mi sono slogata una caviglia, aiutami.
Lo zio arrivò , mi prese in braccio e mi adagiò sull’erba dove era asciutta.
Si mise davanti a me mi sollevò la gamba e mi massaggiò la caviglia.
Annetta, sei fortunata , non è slogata cammina solo piano che ti porto a casa.
Zio aspetta che forse mi passa, sto ferma.
Nel sollevarmi la gamba lo zio vide sicuramente che sotto ero nuda, mi si avvicinò e mi massaggiò la caviglia risalendo con le mani fino all’interno coscia.
Era bellissimo sentire la sua mano massaggiarmi la gamba.
Sai Annetta, qui hai la pelle bellissima e morbida, sei perfino piu bella della tua mamma, posso massaggiarti qui.
Zio , continua pure , mi piace essere toccata e massaggiata da te.
Senti Annetta, seduta li ti bagni tutta la gonna , guarda io mi siedo su quel tronco li e tu ti siedi su di me girata di spalle, cosi che riesco a massaggiarti bene le gambe.
Lui si sedette sul tronco e io mi sedetti sopra di dandogli le spalle.
Sollevai la gonna e mi sedetti sulle sue gambe , nel sistemarmi mi muovevo come per cercare la posizione migliore , sentivo che qualcosa diventare duro, sapevo cosa era.
In quella posizione mi attirò a se e incominciò a massaggiarmi le gambe, poi risali con le mani e mettendole sotto la mogliettina mi prese le tette a piene mani.
Cara , ti piace cosi , posso massaggiartele,
Si zio mi piace non smettere , massaggiamele è molto bello.
Mi strizzò le tette per poi scendere ancora a massaggiare le gambe ma questa volta me le fece un po’ aprire e mi mise le mani sulla pancia scendendo fino a toccare la mia peluria.
Non capivo piu nulla, mi stavo bagnando e desideravo che mi toccasse il clitoride e mi facesse un ditalino.
Mi massaggiò sulla pancia , poi introdusse il suo indice nella mai patatina e muovendolo piano mi stava facendo godere.
Amore ti piace, posso continuare ?
Zio ti prego non fermarti è troppo bello , senti come sono bagnata.
Amore ,questa posizione è un po scomoda, alzati un attimo che mi sistemo ,poi ti siedi ancora.
Mi sollevai un po e sentii lo zio che si sistemava, quando mi risedetti qualcosa era cambiato.
Non sentivo piu la stoffa dei pantaloni toccarmi il sedere , ma sentii contro il mio buchino la punta
mi bloccai, stavo per dirgli di smettere , la sua dimensione mi faceva paura ma dopo un attimo capii che era quello che desideravo e mi abbassai lentamente facendo entrare il glande nel culetto.
Sentivo un po di dolore e mi fermai , lo zio spingeva in su e io ero ferma, lo sentii entrare un po di piu.
Passato l’anello dello sfintere scivolò dentro fino alla base.
Stettimo fermi un alcuni secondi facendo abituare il buchetto all’intruso per poi muoverci all’unisono iniziando una scopata che durò alcuni minuti.
Mentre stavo per avere il mio primo orgasmo anale sentii il cazzo di mio zio ingrossarsi, stava per eiaculare, io cercai di stringere lo sfintere ma non ci riuscii , il cazzo era troppo grosso.
Mi sborrò dentro ma non ci staccammo , lo zio mi massaggiava il seno a piene mani.
Il cazzo dello zio stava per ammosciarsi ma io non mi alzai , lo volevo sempre dentro ,era troppo bello ,una occasione cosi non sapevo quando si sarebbe ripetuta.
Annetta ti è piaciuto fare la cagnetta ?
Si zio è stato bello , però adesso stai fermo non toglierlo, lascia fare a me.
Sentivo che il suo cazzo era diventato molle , non mi sentivo piu tirare la pelle del culo, sentii che riuscivo a stringere e rilasciare i muscoli dello sfintere e cosi iniziai a stringere e rilasciare il cazzo col culo dando dei colpetti di muscolo.
Dopo alcuni minuti sentii che si ingrossava ancora , divenne piu duro e grosso di prima, zio incominciò ancora un su e giu in sintonia con me.
Adesso scivolava avanti e indietro che era una meraviglia , era lubrificato dal suo sperma che non era uscito, lo faceva quasi uscire del tutto per poi fargli toccare il fondo.
Non so quante volte godemmo , sta di fatto che quando mi staccai non avevo piu la forza di stare in piedi da tanto che ero stanca, però la caviglia non mi faceva piu male.
Stanca mi sdraiai a pancia in su sul’erba a gambe larghe agitando la gonna per farmi aria alle gambe, zio mi stava guardando il boschetto biondo in mezzo alle gambe.
Vieni zio , leccami li sotto il ciuffetto di peli , puliscimi con la tua lingua.
Si avvicinò e mi leccò tutto i miei succhi vaginali, leccò cosi bene ed ero cosi pulita che sembrava che avessi fatto il bidè.
Tornammo alle nostre case stanchissimi ma felici.
La mamma ci lasciò per sempre , se ne fuggi in America con un uomo piu giovane di lei e non la vedemmo ne sentimmo piu.
Economicamente non stavamo male e ci permettevamo tutto quello che desideravamo.
Io non avevo il ragazzo e cosi si andava sempre in vacanza assieme.
Amavo mio padre ma non osavo farmi capire , non volevo rovinare tutto , avevo solo lui.
Una d’estate , eravamo in salone a vedere la televisione , seduti sul divano e discutavamo sul film che scorreva sul video.
Papa, senti – dissi – hai solo 45 anni , come mai non ti cerchi una brava donna che ti faccia compagnia ? Sei nel fiore della vita , sei anche un bell’uomo.
Cara Annetta, non sento il desiderio di legarmi a un’altra donna, io nonostante tutto sono ancora innamorato della mamma anche se ci piantati, e poi che me faccio di una donna, ho te cosa vuoi di piu, a me basta l’amore di mia figlia.
Mi avvicinai a papa e lo abbracciai, lo baciai sulla guancia e gli dissi- papa io ti voglio tanto bene e non ti lascerò mai.
Amore io desidero che tu ti sposi e ti fai una famiglia, io desiderei avere dei nipotini.
Lo baciai ancora sulla guancia, ma in quel momento si girò verso di me e ci trovammo bocca a bocca.
Ci siamo guardati negli occhi per alcuni attimi e poi senza nemmeno accorgerci ci siamo trovati con le labbra incollate e le lingue che si cercavano.
Fu un bacio non da padre e figlia ma da amanti, non ci staccavamo piu, era come se quel momento se ci staccavamo sarebbe svanito , volevamo stare incollati.
Cara , cosa stiamo facendo, siamo due pazzi, siamo padre e figlia.
Papa io ti amo e aspettavo questo momento da tanto, amo solo te.
Bambina mia hai solo 19 anni , non si può, tronchiamo subito.
Si alzò e andò in camera sua, io rimasi li a riflettere su cosa era successo.
Al mattino mi alzai e lo trovai che preparava la colazione, i nostri sguardi non si incrociarono mai, mi teneva il muso e appena finito senza nemmeno salutarmi andò al lavoro.
Non ritornò nemmeno a mezzogiorno.
Ritornò tardi quella sera , io ero già a letto, mi alzai piano e sbirciai attraverso la porta semi aperta cosa faceva.
Era seduto sul letto con la testa tra le mani e piangeva.
Entrai e mi avvicinai a lui, dissi – papa perché piangi ?
Bambina mia , mi sento un verme a pensare a quello che ho fatto.
Papa , non abbiamo fatto nulla di male , io ti amo e anche tu mi ami, amarsi non è peccato.
Ma cara siamo padre e figlia , sangue dello stesso sangue, non ci si può amare, torna a letto , ne parleremo domattina quando avremo le idee piu chiare.
Tornai malvolentieri a letto , non riusci nemmeno a dormire, mi alzai e ritornai da lui.
Faceva caldo e dormiva , o meglio era sveglio sdraiato di fianco.
Salii sul letto di fronte a lui, gli feci una carezza sulla faccia e lo baciai sulle labbra a bocca chiusa.
Mi avvicinai di piu a lui col corpo e lui mi abbracciò e mi attirò contro lui facendomi sentire il suo membro duro, mi desiderava.
Senza parlare mi tolse i pantaloni del pigiama e io gli tolsi i suoi, mi sollevò la gamba e me la mise su un suo fianco , sentii il suo membro appoggiarsi alla vagina e appoggiare il glande sull’ingresso , sentii una scossa e mi spinsi contro lui che prontamente mi tirò sopra di se.
In quella posizione il suo membro entrò tutto dentro di me, lo baciai e gli dissi – papa sono la tua donna ti amo.
Quella volta feci tutto io, mi gustai il suo amore per quasi tutta la notte, lui aveva una resistenza incredibile, io avevo avuto 3 orgasmi e lui non eiaculava ancora .
Papa , dai vienimi dentro .
No Amore , vieni sotto che ti godo sulla pancia.
Venne sopra e eiaculò sulla mia pancia , io avrei voluto dentro ma forse è stato giusto cosi.
Ci siamo addormenti stanchissimi abbracciati.
Da allora abbiamo dormito sempre nello stesso letto e vivevamo come due amanti.
Di giorno ci comportavamo come padre e figlia , uscivo con le amiche e lui usciva con amici ma alla sera eravamo l’uno per l’altra, facevamo sesso, veramente il nostro non era sesso ma amore.
Facevamo sesso solo davanti , il culetto non me lo aveva chiesto mai e io lo volevo anche li , dovevo prendere io l’iniziativa e una sera che eravamo stati al ristorante dopo che avevo visto papa che guardava con insistenza il culetto a mandolino di una donna al vicino al nostro , pensai che era il momento giusto.
A letto papa mi abbracciò e stava per salirmi sopra per infilarmi il suo bestione, quella sera era piu grosso del solito, si vede che pensava a quella, gli dissi – papa mi brucia la patatina, ieri sera sei stato troppo violento, dai proviamo dietro , ho letto che è bello ugualmente e poi non c’è pericolo di rimanere incinta , puoi godermi dentro.
Ma Annetta sei matta ? come può entrare dentro il tuo buchino il mio pene ?
Non preoccuparti papa, vengo sopra io e mi abbasso per farlo entrare, se fa male smetto.
Mi spalmai un po’ di crema sul buchino e mi posizionai sopra il suo bestione, scesi lentamente e con non poca fatica e dolore entrò fino alle palle.
Mi sono fermata qualche attimo col bestione tutto dentro per farlo abituare e poi incominciai ad andare su e giu.
Papa era estasiato a vedere il suo bestione entrare ed uscire dal mio buchino.
Ero felice e godevo come non mai , sentii lo spruzzo del suo sperma nell’intestino e godetti ancora, a papa non si ammosciava e continuava a tenerlo duro mentre io impazzivo sopra il suo cazzo.
Fu una scopata indimenticabile, da quella volta lo facemmo piu spesso.
L’anno dopo la mamma ritornò piangendo da papa e lui la perdonò ma dovette accettare la realtà che io ero l’amante di papa.
Papa dormiva con la mamma e ogni tanto di notte veniva a trovarmi , il piu delle volte dopo avere scopato la mamma.
Prima di andare via da casa la mamma non aveva mai concesso il suo sederino ma ora forse per una competizione con me , glielo concedeva assai spesso.
Da quando è tornata mi sono fidanzata e adesso che ho compiuto 24 anni mi sposerò il mese prossimo, sicuramente nonostante mi riproponga di non fare piu l’amore con papa appena mi verrà voglia ci riproverò.
O forse no.

Commenti [70]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *