la conoscenza con Rita

Hits: 6

È il quarto giorno che mi trovo su questa ridente cittadina sul lago di Garda. Esco dall’ufficio dove mi hanno inviato per un mese e mi incammino sul lungolago. Da un bar esce un buon odore di caffè. Mi siedo e ne ordino uno. In attesa mi distraggo guardando dei ragazzini che giocano con delle barchette. Ad un tratto qualcuno mi tocca la spalla dicendo: “ma sei proprio tu? Pietro!”. Mi giro e riconosco Matteo. “Ma tu sei Matteo! Cosa fai qui?”. Mi alzo e ci abbracciamo.
Con Matteo ci conosciamo fin dalla scuola Media. Oltre alle medie abbiamo fatto insieme pure il Liceo. Con l’Università le nostre strade si sono divise e le poche volte che ci siamo incontrate è stato quando entrambi eravamo al paese natio. Non lo vedevo da almeno dieci anni.
Si siede pure lui e ordiniamo un altro caffè. Parliamo per un poco di noi, del passato e della nostra giovinezza. Ad un certo punto Matteo dice: “Pietro, tu mi sei amico, so che di te mi posso fidare, posso confidarti qualcosa di personale di me e di mia moglie? Penso che tu potresti darci una mano a superare un momento di stasi”.
Lo guardo negli occhi e dalla mia espressione lui intuisce che può aprirsi. Riprende: “devi sapere che amo mia moglie ed lei ama me. Purtroppo il nostro rapporto sta avendo una stasi dovuta alla monotonia del rapporto stesso. Abbiamo cercato di trovare un’altra coppia con la quale aprirci ma non ci sono stati i presupposti. Tralascio di tediarti con i particolari ma ti dico che abbiamo vissuto una spiacevole situazione. Rita c’è rimasta male. Lei, inoltre, da ragazza ha avuto delle esperienze con delle coetanee ed allora ha cercato di trovare una donna con la quale potere intraprendere una relazione. Pensava di averla trovata in una collega. Dire nuova delusione è poco. Costei ha riempito la scuola di dicerie e Rita è stata costretta a chiedere il trasferimento. Per questo siamo qui e non più nella cittadina dove eravamo. Ci resteremo ancora per poco qui. Tra un due o tre mesi io rientrerò in Sicilia e pure Rita verrà in quanto ha chiesto il trasferimento e sembra che glielo abbiano accordato”.
Ho ascoltato con interesse quanto detto da Matteo e a mia volta dico: “riguardo al rapporto coniugale ti dico che pure io e Lisa abbiamo gli stessi vostri problemi. Abbiamo pure pensato di aprirci come coppia ma abbiamo avuto timore a contattare qualche altra coppia. Pure noi ci troviamo in Sicilia dove siamo rientrati dopo che siamo rimasti soli. I nostri due figli si sono creati una famiglia e noi abbiamo deciso di rientrare. Detto questo dimmi come io possa darti una mano”.
Potresti essere tu, in questo lasso di tempo che sei qui per lavoro, ad essere il terzo nel rapporto tra me e Rita. Spero che non ti scandalizzerai della richiesta. Comprendimi, con mia moglie ci amiamo e desideriamo vedere che reazione abbiamo facendo sesso insieme a te”.
“Ma tua moglie sarebbe d’accordo?”. “Se accetti la mia proposta io oggi stesso ne parlo con Rita e domani ci vediamo qui e ti dirò i risvolti”.
Restiamo in tal senso.
L’indomani ci rincontriamo e Matteo mi dice: “Rita in linea generale è d’accordo. Ma è diventata diffidente ed ha manifestato una certa apprensione. Nondimeno ha accettato di incontrarti. Se tu vuoi possiamo andare pure adesso. Ti faccio una sola raccomandazione: farle capire che sei un amico serio in modo di tranquillizzarla”.
“Penso che se mi hai fatta la proposta mi reputi persona affidabile altrimenti non me l’avresti fatta.
Sappi una cosa però. Se tutto andrà per il meglio tu hai l’obbligo di rendermi il favore poiché pure io ho lo stesso tuo problema con Lisa. Questa mia richiesta dovrebbe tranquillizzare sia te che Rita”.
Matteo di rimando: “In caso positivo sarò a tua completa disposizione. Andiamo”.
Poco dopo mi trovo a casa degli amici-
“Pietro ti presento Rita. Amore, questo è il mio amico Pietro”.
“Piacere” fa lei.
“Piacere tutto mio” dico io.
Rita è una bella donna. Di carnagione chiara. Capelli biondi che accentuano il naturale colorito di castano grazie al colore biondo usato. Viso leggermente ovale. Una bocca con labbra carnose evidenziate dal passaggio di un leggero colore rosato di rossetto. Alta all’incirca 170. Seno una quarta piena e un corpo con le curve ben distribuite. Ha quattro piercing. Uno per ogni capezzolo, uno nell’ombelico e uno sul clitoride. Insomma una donna molto interessante. La descrizione usufruisce di quello che ho visto in seguito e non da quanto mostrato nel ricevermi.
Lei mi accoglie in vestaglia. Una vestaglia di seta di tipo orientaleggiante, una specie di kimono.
Dopo le presentazioni ci sediamo nel soggiorno. Matteo non ha il tempo di sedersi che Rita l’avvisa che lo vogliono in ufficio per un impegno improrogabile.
Scusandosi il mio amico si allontana lasciandomi solo con la moglie.
Appena soli lei mi si avvicina e dice: “di te non so niente, penso che Matteo ti abbia informato dei nostri problemi. Io però non sono convinta. Ho paura che appena cedo tu vai in giro a gloriarti della conquista fatta. Già ci siamo caduti una volta e a stento siamo riusciti a tamponare le dicerie che si stavano scatenando”.
Sentendo queste parole mi alzo e porgendole la mano in segno di saluto dico: “se le cose stanno cosi è inutile che io stia ancora qui. Sono venuto perché un mio vecchio e caro amico mi ha chiesto un favore, favore che possibilmente mi deve ricambiare poiché pure io e mia moglie abbiamo gli stessi problemi vostri. Se tu pensi, però, che io sia venuto da te per fare la conquista e poi andare a gloriarmene ti sbagli di grosso. Poi, di grazia, mi dici con chi dovrei gloriarmene se in questa città conosco solamente Matteo e con pochi altri ho solo rapporti di lavoro? Ciao Rita, piacere di averti conosciuta e salutami Matteo”.
Mi avvio verso la porta. Lei mi rincorre e dice: “fermati! Ascoltami!”.
Mi prende la mano e mi riporta verso il divanetto.
“Mi devi scusare, purtroppo abbiamo avuta una brutta avventura che pesa come un macigno su di noi. Sicuramente Matteo ha ragione quando mi dice che ci possiamo fidare di te. Lo stesso fatto che mi hai detto che pure tu hai gli stessi nostri problemi è per me un motivo in più per fidarmi. Le brutte avventure sono state due. Una è quella che ti ho detto, un’altra l’ho vissuta con una che credevo mia amica. Io ho tendenze bisex. Avevo trovata una collega che credevo amica e che diceva di avere le stesse mie tendenze. Lasciarmi andare con lei è stato il mio più grande errore. Faccio l’insegnante e sono stata costretta a cambiare istituto perché non riuscivo più a sopportare i sorrisetti maliziosi delle colleghe alle quali la “cara amica” aveva confidate le mie tendenze sostenendo con le altre che lei lo aveva fatto per vedere dove ero capace di arrivare. Capisci il perché dei miei timori?”.
“Sì! Cara, ti comprendo benissimo! Ora che ti sei sfogata calmati e se lo vuoi ancora, rilassati e abbandonati a me. Non devi fare nulla, devi pensare solamente al piacere che devi godere con tuo marito”.
Lei mi si avvicina dicendo: “mi sembri una brava persona. Le tue parole mi hanno tranquillizzata. Aspetta che chiamo Matteo e gli dico di rientrare. Avrai capito che eravamo d’accordo che lui andasse per potere stare io da sola con te e capire se potevo lasciarmi andare. Con lui presente non ci sarei riuscita”.
“Comprendo, vai ad avvisarlo” farfuglio comprendendo il suo stato d’animo.
Parla al telefono per qualche minuto e ritornando si sieda accanto a me. La vestaglietta è leggermente aperta e riesco ad intravedere il suo seno rigoglioso. La cingo con un braccio e lei si lascia andare su di me. Percepisco il seno turgido che pressa sul mio petto e un fremito mi percorre per la schiena. Lei tenta di slacciare il nodo della vestaglia ed io la fermo dicendo: “non fare nulla, lascia che sia io a farlo, se ritieni che faccio qualcosa che non ti garba fermami!”.
Lentamente il suo corpo sguscia dalla vestaglia. Con mia meraviglia scopro che sotto non ha nulla. Sui capezzoli troneggiano i due cerchietti del piercing. Faccio cadere la vestaglia ed ora posso ammirare la pallina che adorna il suo ombelico. Le sfioro il capezzolo sinistro che immediatamente si erge ancora più duro e teso. Il suo corpo vellutato mi estasia ed inizio a carezzarlo lentamente. Nulla trascuro. Quando le mie dita si posano all’inizio della fenditura di donna vengo a contatto con l’anellino che le attraversa il clitoride.
Come il capezzolo, al contatto con le mie dita, l’organo si indurisce e turgidamente si espone alla mia vista.
Sempre lentamente ma con più decisione continuo a carezzarla ed allora lei con voce labile simile a un lamento dice: “spogliati pure tu! Fammi vedere come sei fatto! Portami a letto e fammi godere!”.
Rimasto nudo lei mo osserva tutto e ammirando la mia erezione esclama:”hai una bellissima fornitura, prendimi e fammi tua!”.
Sdraiata sul letto continuo a carezzarla su tutto il corpo giocando con i suoi piercing. Quando le mie mani scorrono all’interno delle sue cosce ha un fremito. La sua natura di donna è umida. Ritengo che sia pronta ed inizio a strusciarli il mio sesso su tutta la fessura della fica. Lei sospira. Continuo per un poco ed il suo corpo inizia a vibrare. I suoi gemiti si fanno più intensi mentre dalla sua natura iniziano a trasbordare i succhi femminei.
“Prendimi!” sibila con decisione.
Lentamente la penetro fino in fondo. Poi inizio un dentro fuori che la porta alle soglie del godimento. Gode lei ma pure io. La donna mi piace e desidero darle e prendermi tutto il piacere che può darmi. Vengo dentro di lei nel momento stesso che sulla soglia della stanza compare Matteo.
Ci trova che gemiamo per il piacere ed un sorriso, per nulla imbarazzato, compare sul suo viso. Si spoglia ed in un momento e insieme a noi. Rita l’abbraccia e lo bacia con calore. Davanti ai miei occhi iniziano a carezzarsi e fanno l’amore. Il suo seme di maschio si mescola dentro alla sua donna col mio. Lei gli si mette sopra ed io allora, avendolo nuovamente duro prendo i succhi che colano dalla vagina, le lubrifico l’ano e dopo avere messo un preservativo la possiedo nel secondo canale.
Non so quanto stiamo a godere. Che abbiamo goduto non ci sono dubbi perché abbiamo tutti e tre gridato il nostro piacere. Siamo stanchi mentre rilassati giaciamo sul letto.
La prima a riprendersi è Rita. Va nella toilette e quando ritorna indossa nuovamente la vestaglia. Si avvicina a me e baciandomi in bocca dice: “grazie! Sei stato veramente bravo!”. Poi rivolgendosi al marito: “Matteo, da quanto non facevamo l’amore in modo cosi intenso? Avevi ragione! Ti voglio bene! Sbrigatevi che preparo qualcosa da mettere sotto i denti”.
Durante la mia permanenza con Rita e Matteo ci siamo incontrati altre volte e il rapporto tra noi si è sempre più rafforzato.
Nel lasciarci ci siamo dati appuntamento tra qualche mese nella nostra città d’origine. Sottinteso era chiaro che mi avrebbero, pure loro, aiutato nel rilanciare il rapporto con mia moglie: Lisa.
Pietro

Commenti [18]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *