la cuginetta

Quando ero piccolo passavo il tempo libero dalla scuola a casa dei nonni, ai margini del paese dove coi cuginetti correvo per i campi o giocavamo a nascondino tra la stalla la cantina ed il pagliaio. Gino era piu` grande di me di due anni sua sorella Pia era piu` piccola di quasi due anni e Giorgio era ancora piu` piccolo. Siamo cresciuti insieme ed andavamo molto d`accordo. Mi consideravo adulto perche`avevo rapporti completi col ciabattino di casa che preferiva il mio sfintere a quello di mia madre e collo zio il quale adorava fottermi in bocca. Io ero fiero di questi privilegi e morivo dalla voglia di parlarne con qualcuno. Un giorno sull`aia c`era un mucchio di pannocchie di mais in attesa di essere sgranate e per proteggerle dalla pioggia era stato steso un tendone. Coi miei cugini ci siamo nascosti sotto e al buio ho sfiorato il pistolino di Gino ed ho sentito che era duro. Ho ritratto la mano temendo la sua reazione. Invece lui me l`afferra e l`avvolge attorno all`asta ritta che aveva estratto dai pantaloncini. Gli feci la stessa cosa che ero uso fare allo zio quindi glielo menai fino a che sborro` un fiotto di crema collosa. Io all`epoca non godevo ancora anche se il pistolino si induriva e sentivo un certo solletico alla base dei coglioni che si placava solo dopo avermi smanettato. Gino aveva ansimato e sia Giorgio che Pia vollero sapere perche`. Sollevai il tendone e mostrai loro le dita impiastricciate del sugo del loro fratello. Prima guardarono curiosi poi scoppiarono a ridere. Mi pulii alla bella e meglio e tornammo a giocare. Dopo un po` sento Gino ansimare ancora e sollevato di colpo il tendone vedo Pia che gli sta facendo lo stesso servizio che gli avevo fatto io. Anche lei ebbe le dita colorate di crema gialla e densa mentre Giorgio guardava cogli occhi sgranati. Ci ricomponemmo alla svelta perche` si stava avvicinando il nonno e per stare tranquilli ci rifugiammo nel pagliaio. Giorgio era l`unico tra noi a sborrare e ci incuriosiva molto. Gli facevamo delle domande alle quali rispondeva dandosi delle arie mentre morivo dalla voglia di confessar loro le mie esperienze. Gli insegnai pero` la sodomia. Abbassai i pantaloncini e lo invitai a fottermi nel culo. Sotto lo sguardo degli altri due mi scivolo` dentro. Mi chiavo` a lungo ed alla fine mi allago` l`ano. Mi piaceva prenderlo nel culo, solo che finallora non lo avevo mai infilato da nessuna parte per cui appena ebbe finito gli chiesi di mettersi a pancia sotto e sostenere lui la parte passiva. Non volle. Obbligai allora Giorgio, il piu` piccolo, a farsi inculare. Dapprima rifiuto` per paura di restare incinta ma poi la curiosita` lo fece stendere sulla paglia con me che cercavo di aprirgli il buchino ancora intonso. Quella volta non ci riuscii ma nei giorni successivi passammo ore a fotterci a vicenda e col solo Gino che ci annaffiava gli sfinteri. Pia partecipava ma solo come guardona ed il massimo che concedeva era di aprire le gambe e mostrarci le mutandine che coprivano la fichetta. Avra` avuto nove anni e si vedevano solo dei pelini appena scuri che uscivano fuori dalla stretta striscia di stoffa a protezione della sua natura. Da parte mia chiavai nel culo sia Giorgio che Gino con sommo piacere anche se non emettevo liquido. Giorgio e Pia erano gli unici a non godere in alcun modo perche` troppo piccoli ma si prestavano volentieri a ricevere le attenzioni mie e di Gino. Pia arrivo` a farsi penetrare la fichetta dalle dita di Gino che, per quanto ne sapppia, mai l`ha penetrata col pistolino. All`epoca ero abituato a spiare mia madre penetrata dai vari amanti e spiegavo ai miei amichetti l`arte di fottere. Pero`, ripeto, che io sappia mai Gino ha chiavato sua sorella come un maschio fa con una femmina. Quando in giro per l`aia o nei locali c`erano i nonni o altri adulti noi giocavamo a nascondino per rifugiarci poi nel pagliaio a fotterci. Piu` di una volta mi ero accorto che la sola vicinanza di Pia mi eccitava e mi veniva un cazzo duro che mi faceva male. Mentre eravamo nascosti dietro la tina la presi alle spalle e spinsi contro il culetto il cazzo e lo strofinai fino a che ebbi il mio sfogo. Ricordo che godevo ma senza emissione di liquido. Sentivo i sensi placarsi per riaccendersi da li` a poco. Lei rideva nel vedermi col viso paonazzo mentre le frugavo il petto alla ricerca di bozze inesistenti. Ricordo il suo culetto sodo di cui sentivo il calore attraverso mutande e vesticciola. Provai a baciarla in bocca. Che schifo, la sua bocca piena di saliva e la lingua viscida. Non la baciai piu`. Preferivo di gran lunga i baci del ciabattino che mi succhiava la lingua e mi piaceva. Un giorno mi sentivo strano, mi tremavano le gambe ed incespicavo nel parlare, mi sembrava di essere ubriaco e le mie parole rimbombavano nelle orecchie come se fosse un altro a parlare. Il cazzo duro e le palle che mi facevano male come mai finallora. Avevo paura perche` non capivo quale fosse il mio male. Mia cugina era attratta da me specie da quando aveva capito quanto piacere mi dava a farsi carezzare a farsi spingere contro il culetto il cazzo duro e cercava sempre di baciarmi mentre io rifiutavo. Cercai di averla vicino nei nascondini e la palpavo dapertutto ma mai mi son permesso di toccarle la fichetta per tema di metterla incinta. Nemmeno di metterle in bocca il cazzo come facevano i miei amanti con me. Eravamo in piedi tra il muro e la tina, mi misi dietro di lei e le infilai le mani nella camicetta per palpare quelli che solo alcuni anni dopo sarebbero diventati due bei seni ma al momento non sentivo che le ossa del torace. Neanche i capezzoli si notavano, era piatta come l`acqua di un pantano. Io ricordo che mi piaceva molto palparla ed immaginare di avere tra le mani dei seni come quelli che gli amici succhiavano a mia madre. Le spinsi il cazzo duro contro le chiappette fino a farla reclamare che le facevo male. La feci girare e spinsi contro il pancino, era piu` bassa di me per cui dovevo inginocchiarmi per farle sentire l`erezione contro l`inguine. Spingevo e le gambe tremavano, sbavavo, sentivo la bocca piena di saliva che colava lungo il mento. Ero trasognato e non mi accorgevo che lei piangeva perche`le facevo male contro il pancino. Alla fine riusci` ad allontanarmi quel tanto che prese in mano il cazzo duro come un pezzo di ferro e lo smanetto` come era usa fare con suo fratello e mentre mi sentivo svenire sentii l`eruttare di un vulcano, un getto di sperma maleodorante e bollente le colpi` il viso e le inondo` i capelli. Io stavo male e le gambe tremavano, mi sorreggevano a fatica. Ricordo che mi appoggiai al muro col cazzo che comtinuava ad eruttare mentre lei lo reggeva ed io lo fissavo esterrefatto ed inorridito. Quanta sborra avevo visto finallora zampillare ma non dal mio pistolino. Pistolino gonfio peraltro ed indolenzito, pistolino che non smetteva di eruttare con Pia che rideva e lo fissava estasiata. Rimasi a lungo colle spalle appoggiate al muro e col rischio di afflosciarmi sulle gambe come un sacco vuoto. Avevo voglia di vomitare. Mi girava la testa ma una strana beatitudine simile a quella che dovrebbe invadere le anime in presenza del loro Dio. Mi sentivo felice senza saperne il perche`. Le palle non mi dolevano ed il cazzo era piu` duro di prima ma non mi faceva male. Sentivo le dita di mia cugina scorrere lungo l`asta ed uno strano piacere ben diverso da quello che avevo sentito negli anni precedenti, quando ancora non sborravo. Presi la testolina bionda di Pia e la spinsi in giu` mentre sollevai il bacino perche`la bocca fosse all`altezza del cazzo. All`inizio volse il viso per evitare il contatto ma quando si accorse dei miei occhi imploranti e del mio sguardo allucinato avvolse la nerchia tra le labbra e sentii la lingua ticchettare sulla cappella. Ahhhh che piacere, ahhhh ce bello. Mai avevo gustato un piacere simile. Sentivo per la prima volta di essere un Uomo e di godere di una chiavata. Ecco cosa fa impazzire gli adulti, ed hanno ragione. Se la bocca da` di tali sensazioni piacevoli chissa` penetrare la fica. Sentivo la bocca calda ed il cazzo che spingeva. Le gambe ripresero a tremare e la base del pistolino a dolere. Pia fece per ritrarsi perche` senza volere le ero entrato in fondo alla gola. Mi accorsi che stavo per godere per cui le strinsi la testa tra le mani e la contrinsi a tenermi in gola. Ancora un fiotto di sperma che rischio` di soffocare la bambina. Estrassi il cazzo appena in tempo, il volto di Pia era cianotico, gli occhi fuori dalle orbite mentre tossiva per ingoiare il seme. Finalmente si riprese, le afferrai il volto e le baciai gli occhi mentre le chiedevo scusa. Pia capi`, si rese conto che era la mia prima eiaculazione e che lei era stata l`artefice del passaggio dallo stato di fanciullo a quello di uomo. Gli altri due compagni di giochi ci raggiunsero e si accorsero di cosa era successo e mi presero in giro a lungo. Giocammo ancora ma mai ho chiavato mia cugina riservandomi le sue mani ed il culo dei maschietti per godere. Ne` ho visto Gino chiavare sua sorella se non colle sole dita. Poi le vicende mi portarono lontano da loro ma per qualche anno ho riversato litri di sperma nelle mani di una bambina sorridente dal culo sodo ma senza tette. Mitana

Commenti [18]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *