la data

Hits: 3

Suona la sveglia. E’ la mattina dell’11 novembre 2015. E’ una grande giornata, anche se un po’ triste. La coincidenza ha voluto che l’anniversario del fidanzamento con la mia attuale ragazza non si debba celebrare perché lei è impegnata all’estero. Parte il giorno successivo, destinazione Parigi; un colloquio di lavoro per una grande azienda, e lei, appena laureata, di certo non se lo lascia scappare. Starà solo qualche giorno mi dice, ma a conti fatti la data è ormai persa. Noi dovremmo festeggiare il 14, mentre lei starà via dal 12 al 15.
Luce dei miei occhi. Davvero, è da un anno che ci sto assieme ma sembra che invece il tempo trascorso con lei sia di cinque, dieci anni. Non ho mai sperimentato così tanta sintonia con una persona, che fosse un parente, un caro amico, o un’altra donna. E’ un anno più grande, ha appena completato gli studi come anticipato, a me invece tocca ancora un anno, un po’ rosico, ma alla fine è giusto così. Ci siamo conosciuti in biblioteca, come nella più classica serie tv americana; gruppo di studio mio, che incontra il gruppo di studio suo……la notai subito. Tipica bellezza dell’est, anche se in realtà è italiana 100%, forse qualche parente lontano, mi diceva; bionda e occhi azzurrissimi, sorriso che spezza le ginocchia, un corpo tenuto in forma da anni di pallavolo e qualche seduta in palestra. Fui folgorato immediatamente, anche se non potevo darlo a vedere, altrimenti avrei fatto la figura del solito, banale ragazzo che è attratto da lei fisicamente. Dato che l’università frequentata era la stessa, ma facoltà diverse, è stato facile fare amicizia con lei e gli altri suoi amici, e non era raro incontrarsi di sovente, specialmente nel periodo degli esami. Qualche volta capitava di uscire tutti assieme, o ancora di incontrarsi per studiare a gruppetti separati, se non per puro caso.
E proprio per caso, senza pianificare nulla, un giorno la incontrai in biblioteca. Io avevo delle date diverse dai miei compagni di corso, per questo avevo degli esami tutti miei da preparare; decisi di fare un salto in biblioteca per poter studiare meglio e, casualmente, la vidi seduta, da sola. Non mi era mai capitato di stare con lei, perché c’era sempre almeno qualcun altro, della sua o mia compagnia, quindi il problema non si poneva. A me piaceva da impazzire, ma ero tiratissimo nel chiederle qualsiasi altra cosa al di fuori dello studio, e poi, con tutti quegli esami, ero molto preso con l’università. Mi decisi e mi avvicinai, facendomi notare; lei di rimando mi salutò con un sorriso banale, che per me invece era la fine del mondo. Probabilmente ero già innamorato e neanche me ne ero reso conto, e anzi, poteva pure andarmi malissimo, qualora avrei rivelato le mie vere intenzioni….sempre se avessi avuto coraggio.
Quel pomeriggio trascorso assieme mi diede occasione di conoscerla ancora di più, perché chiaramente nelle pausa avevamo avuto modo di parlare. A fine giornata, dopo circa 15 minuti di riflessione, abilmente nascosti da un finto ripasso di pagine che sapevo già a memoria, le chiesi di uscire, la sera stessa. Nella mia mente avevo cercato anche le parole giuste, in sequenza “Senti ma…..” no no, troppo banale “Allora ma….” Neppure “Stasera che fai?” Bocciato “Che ne dici di….” Alla fine mi uscii un “Senti ma allora stasera che ne dici di uscire?” Un mix di tutto quanto in pratica. Lei rise, non so se per la stupidità della frase da me pronunciata o per altri motivi, ma poi acconsentì.
Io ero entusiasta, ma ancora coi piedi bene per terra; è un attimo pensare A, e poi invece è B….quindi, con calma, ho pensato. Fu la prima di tante uscite, come detto con lei il tempo volava e mi trovavo davvero bene, e non mancai di farglielo notare, ogni singola volta. Lei sembrava apprezzare, e dopo le mie parole mi ricompensava sempre con un sorrisone dei suoi. Era giugno/luglio, e io mi infuocavo come un fiammifero ogni volta che sorrideva; ovviamente facevo attenzione a tutto, come se fosse un film cercavo di curare ogni singolo particolare, e di apparire nel modo migliore possibile, ma giustamente mi riusciva poche volte. Lei con me rideva tanto, ed era una cosa che avevo notato fin dall’inizio; io speravo in senso positivo, ma ovviamente non avevo il coraggio di chiedere! Solo che la mia attrazione verso lei aumentava sempre di più, e sapevo che avrei retto ancora per poco.
Una sera, colsi il momento adatto; le confessai quasi tutto, riuscendo ad agganciarmi con un discorso banalissimo, dato che stavamo parlando di film romantici. Lei un po’ ci rimase, forse mi vedeva come un amico, e quello sì che sarebbe stato un fatale colpo di grazia! Ma per mia incredibile fortuna, riuscii a strapparle una mezza confessione: in sintesi, le piacevo anche io! Da quel momento mi sentii liberato come da un incudine sul petto, e la felicità trovò spazio in me. Quella sera ci baciammo, e fu anche la nostra prima volta insieme a letto. L’ufficialità della cosa tardò un po’ ad arrivare, e con le vacanze di mezzo, trascorse separatamente per previe prenotazioni, fecero scalare il tutto ai primi di novembre. In quel periodo, rispettivamente io conobbi i suoi genitori e lei i miei, e dunque scegliemmo il 14 novembre come data “ufficiale”, anche se in realtà stavamo assieme da luglio.
I nostri amici ci dissero che un po’ se l’aspettavano, e con mio enorme stupore scoprii che ero diventato oggetto di molte conversazioni tra lei e le sue amiche più fidate. Man mano che passavamo del tempo assieme, scoprivamo cose inedite dell’altro, ma io accettavo sempre tutto di buon grado, qualora fossero caratteristiche più o meno negative. Chiaramente aveva dei difetti, ma con lei non mi ero mai trovato male, mai una discussione accesa, al più qualche battibecco che poi finiva sempre col farci riunire, e soprattutto, farci fare sesso. Tanto sesso. Eravamo e siamo giovani, basta un attimo per farci travolgere, ogni momento era buono per divertirsi un po’. Potevo tranquillamente definirlo il periodo migliore della mia vita.
12 novembre 2015. Lei parte la mattina prestissimo, io ancora addormentato l’accompagno all’aeroporto e la lascio andare. Sono stato per diversi periodi senza di lei, ma quel colloquio di lavoro non so….mi spaventa. Magari si deve trasferire….chissà, meglio non pensarci. In quei giorni mi ha illustrato il suo programma; il 12 visita un po’ la città, si mette a suo agio e si rilassa. Il 13 colloquio al mattino, poi altre visite ed infine concerto serale in un locale di Parigi. Il 14 gita fuori porta e il 15 mattina ritorno in Italia. Io la aspetto con trepidazione, voglio sapere ogni dettagli e soprattutto, voglio tornarci con lei, d’altronde è o non è la meta degli innamorati?
Il 13 sera, sono tranquillo a casa che guardo una partita di calcio; è amichevole tra nazionali, nulla di che, manco gioca l’Italia. E’ giusto per passare il tempo. Sono le 21:20. Se avete colto i dettagli, allora saprete che venti minuti più tardi, in tutta la città, ma in particolar modo al “Bataclan” i terroristi dell’ISIS uccideranno 130 persone, sconvolgendo il mondo intero. Quella sera, nel locale, sono morti degli innocenti, nel dettaglio: 102 francesi, 3 belgi, 3 cileni, 3 spagnoli, 2 portoghesi, 2 algerini, 2 messicani, 2 romeni, 2 egiziani, 2 senegalesi, 2 tunisini, 2 tedeschi, 1 marocchino, 1 svedese, 1 inglese, 1 americano, 1 turco, 1 venezuelano……………e 1 italiano. O meglio, un’italiana. Buio.

Commenti [17]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *