la fata turchina – episodio 3

Hits: 7

Io mi avvicinai, le poggiai all’ano la punta del mio sesso, ormai turgido e rigido e cominciai a spingere dolcemente. Il suo buchino era stretto ed ebbi difficoltà, perché il mio pisello, dietro le mie spinte, scivolava fuori tra le sue natiche, senza decidersi ad entrare.
Visti i miei sforzi vani, Maria Elena, portandosi una mano tra le cosce, afferrò il mio attrezzo e lo puntò contro il suo buchino, chiedendomi di spingere e di avanzare con cautele.
La mia azione questa volta ebbe più successo ed il mio pene cominciò pian pianino a penetrare nel corpo della Fata Turchina.
Ormai vedevo il mio glande quasi sparito nel suo culetto. Era fantastica la sensazione che provavo in quel momento.
Mi arrestai un attimo notando la notevole tensione dei muscoli dello sfintere di Maria Elena.
Le diedi il tempo di rilassarsi, sussurrandole che era bellissimo quello che stavamo facendo e che le volevo bene sempre di più.
Lei tentava di dilatare i suoi muscoli per allargare il buchino del culo ed io percepivo con il mio pisello questo suo sforzo.
La incitavo, le dicevo che l’amavo e che era la mia Fata Turchina.
All’improvviso sentii come un cedimento del suo buchino ed il mio sesso continuò ad insinuarsi dentro Maria Elena. Ormai era dentro per quasi la sua metà del mio sesso. Provai ad indietreggiare e notai che la successiva manovra di avanzamento era ormai più semplice. Affondai completamente, ma notai che Maria Elena contrasse nuovamente i muscoli, quasi strozzando il mio sesso che sentivo fortemente costipato.
“Fai piano, amore mio!”, mi invitò la mia compagna di giochi.
Rimasi fermo per un po’, assaporando e centellinando tutto il piacere di quel momento. Era una sensazione nuova e bellissima.
Non avevo ancora completato lo sviluppo sessuale e quindi non riuscivo ancora ad eiaculare, ed era per quello che, come ebbi a capire in seguito, riuscivo a mantenere l’erezione per molto tempo.
La tensione e la sensazione di piacere che dai testicoli, come un fluido incandescente, mi saliva fino alla base della pancia, per poi irradiarsi per tutto il corpo, cominciava a darmi un’emozione immensa. Notai al tatto che lo scroto si era contatto e che i testicoli erano rientrati, sparendo quasi all’interno del mio corpo.
Quella sensazione mi spingeva ad andare avanti ed indietro nel culetto di Maria Elena, la quale a poco a poco cominciò a rilassarsi ed assecondare i miei movimenti.
Mi accorsi che con la mano sinistra si reggeva carponi, ma con la destra si toccava la fica. La lasciai fare ed invece le afferrai entrambe le tette, che dalla posizione in cui ero riuscivo ad impugnare completamente. Era incredibile quel doppio godimento: il culetto di Maria Elena, finalmente violato, ed il suo meraviglioso seno.
Provai a sfilarle il sesso dall’ano e notai come il suo buchino si era enormemente dilatato.
Affondai il viso tra le sue chiappette e cominciai a morderle e ad infilare la lingua per quel che riuscivo, anche se il sapore di quella specie di crema lubrificante che avevamo usato era alquanto disgustoso. Progressivamente lo sfintere cominciò a restringersi.
Decisi allora di infilare nuovamente il cazzo in quell’anfratto così voluttuoso e Maria Elena mi assecondò come al solito.
Continuai per un bel po’ ad entrare ed uscire dal suo culetto fantastico, rendendomi conto di come era sempre più agevole la penetrazione, anche se le volte successive che ripetemmo quel tipo di pratica sessuale, mi resi conto che ogni volta bisognava quasi ricominciare tutto dall’inizio, con qualche sofferenza da parte di Maria Elena, che comunque mi assecondava come sempre, senza lamentarsi.
A quella tortura che le stavo infliggendo, inserendo e togliendole il mio sesso dal culo, Maria Elena reagì chiedendomi un attimo di tregua.
Ci baciammo per un po’, le leccai la fica, ma il mio pensiero era sempre là, al suo culetto.
Le chiesi se potevo rientrarle dentro e dopo il suo consenso la feci riposizionare carponi ed avvicinai il mio sesso al suo buchino che si era chiuso completamente.
Provai a forzare la sua serratura, ma appena dilatai il suo ano con la punta del mio pisello, tutta l’aria che le avevo pompato dentro l’intestino con il mio andirivieni precedente, non più trattenuta dalla contrazione dei suoi muscoli, fuoriuscì rumorosamente.
Immediatamente Maria Elena si divincolò ricadendo sul letto e girandosi verso di me, quasi a voler nascondere il suo sedere. Si coprì la faccia con le mani, mentre con gli avambracci occludeva alla mia vista il suo bel seno.
“Che vergogna! Che vergogna!”, continuava a ripetere incessantemente.
A me la cosa invece era piaciuta: sentire le vibrazioni del suo sfintere su pisello, ma soprattutto percepire una così intensa intimità. Le comunicai questa mia impressione, ma lei sconfortata mi rispose, sempre celandomi il volto:
“Adesso chissà cosa penserai di me!”.
Mi sforzavo per fare anche io una scorreggina. Pensavo che così avrei potuto sdrammatizzare il momento, ma non ci riuscii perché evidentemente contratto.
Le dissi che l’amavo e che mi piaceva anche quella sua puzzetta e che anzi tutto ciò serviva a sentirci più vicini e più complici. Mentre parlavo le accarezzavo e le sbaciucchiavo la patata, il ventre e l’ombelico.
A quelle parole si riprese e mi abbracciò forte forte confermandomi quanto già sapevo: ”Ti amo anch’io, ma perdonami per quello che è successo. Non è stata colpa mia.”.
“Ma Fatina, non devi preoccuparti.”, la rassicurai cercando nuovamente di posizionarmi dietro di lei e ponendola in posizione favorevole. Ma anche questa volta, come esercitai una pressione sul suo sfintere anale, ci fu una nuova fuoriuscita rumorosa di aria.
Ancora una volta Maria Elena si abbatté sul letto e si raggomitolò, quasi a voler nascondersi e sparire.
Io, non comprendendo il motivo di quel suo disagio, scherzando per minimizzare l’accaduto e senza nemmeno pensarci su, l’apostrofai ridendo: “Da oggi in poi invece di Fata Turchina, ti chiamerò Fata Scorreggina”
Maria Elena si divincolò e scappò in bagno dicendomi: “Che scemo che sei! Adesso non ti faccio più fare niente e non ti parlo più, così impari a fare il cretino!”.
La raggiunsi e provai ad aprire la porta, ma la Fata Turchina aveva chiuso a chiave.
Le parlai a lungo cercando di scusarmi, ma lei non rispondeva.
Capii che piangeva perché la sentii singhiozzare.
Mi venne un nodo in gola. Avevo fatto piangere la mia Fata Turchina.
Mi crollò il mondo addosso. Avevo paura di averla delusa, di averla persa, di aver infranto la nostra intesa.
Non sapevo cosa fare …
Improvvisamente sentii scattare la serratura e Maria Elena uscì di corsa andando in camera sua, inveendo contro di me: “Adesso mi vesto e tu te ne torni a casa tua!”
Si infilò le mutandine, mentre io, preso dal panico, non trovai di meglio che sottrarle velocemente gli indumenti e scappare lontano da lei per impedirle di rivestirsi.
Mi corse dietro, mi raggiunse rapidamente e provò a riprendersi i vestiti, ma io resistetti alla sua presa.
Mi allungò uno ceffone che si abbatté senza troppa violenza sulla mia guancia.
Le afferrai il polso della mano destra con la mia mano libera per evitare che mi colpisse nuovamente e lei cominciò a lottare per divincolarsi.
Iniziò un serrato corpo a corpo.
Ero già più forte di lei e pian pianino la spinsi verso il letto. Lei era livida di rabbia e quasi ringhiava.
La spinsi sul letto e l’abbrancai impedendole i movimenti.
Lei cercava di liberarsi dalla mia stretta, ma non faceva altro che strofinare il suo corpo nudo al mio, ancora completamente privo di vestiario.
Cominciammo a sudare per lo sforzo muscolare ed il mio sesso cominciò ad indurirsi con quel nostro eccitante strofinio di corpi. Le presi un seno in bocca e glielo succhiai, ma lei riuscì a divincolare la sua tettina.
Mi trovai così con i miei occhi a pochi centimetri dai suoi. Ci guardammo intensamente negli occhi, e la rabbia che inizialmente percepii nel suo sguardo, lentamente si diradò, facendomi rivedere i begli occhioni nocciola che tanto amavo.
Tentai di baciarla, ma lei tenne le labbra serrate per un po’ … poi cedette, assecondò il mio bacio e si lasciò abbracciare.
Piagnucolando le chiesi di perdonarmi, di dimenticare quello che avevo detto e fatto. Continuavo a ripeterle che avrei preferito morire piuttosto che offenderla.
A mia memoria, quella fu l’unica volta che nella nostra vita vissuta insieme ci fu un diverbio ed un dissapore.
Lei si placò e mi spinse la testa sul suo cuore, fra i suoi due bei seni.
Glieli accarezzai dolcemente e glieli baciai con delicatezza.
I suoi capezzoli risposero immediatamente inturgidendosi tra le mie labbra.
“Per questa volta ti perdono,”, mi disse, “ma non provare più a mancarmi di rispetto.
Ti amo, ma certe cose non te le permetto!”.
La ringraziai e le promisi di non farlo più, mentre con la mano le raggiungevo le mutandine infilandomici dentro fino a raggiungerle il sesso. La toccai e la sentii come al solito umida.
Le sfilai nuovamente le mutandine e cominciai a leccarle il pube le grandi labbra. Spalancò le cosce per permettermi di baciarla e leccarla più a fondo.
Dalla sua patatina passai a leccarle il buco del culo, ma lo strano sapore di quel lubrificante usato per permettermi di penetrarla, mi fece ricordare quanto stavamo facendo prima del litigio.
Maria Elena intuì subito e si voltò per consentirmi nuovamente la penetrazione anale. Stavolta però provò prima con un suo dito a far uscire tutta l’aria. Quando fu sicura di essersi svuotata dell’aria, si offrì libidinosamente a me.
Accostai con cautela il mio membro al suo culetto e cercai di penetrarlo con molta dolcezza. Questa
volta fu un po’ meno problematica della prima. Il mio sesso scivolò questa volta con meno problemi fino alla radice.
Cominciai a stantuffare dentro di lei. Non riuscivo a stare fermo.
Le afferrai i due seni a piene mani, che da quella posizione in cui ero erano facilmente raggiungibili e abbrancabili.
Maria Elena intanto si era portata una mano tra le cosce. Dalla mia posizione, non riuscendo a vedere i suoi movimenti e non capendo cosa stesse facendo, portai la mia mano destra dal suo seno verso il suo sesso. Vi trovai le sue dita che si muovevano ed al mio tocco la Fata Turchina prese le mie dita tra le sue e me le appoggiò sul suo sesso.
Guidò i miei polpastrelli lungo le pieghe della sua vagina fradicia di umori.
Mi fece indugiare su quello che successivamente imparai a conoscere essere il suo clitoride e che trovai particolarmente turgido, mi fece toccare e sfregare le sue piccole labbra e poi, per vedere se avevo appreso la lezione, mi lasciò proseguire da solo.
Continuai a praticarle ciò che mi aveva mostrato e lei cominciò a mugolare come una gattina.
Le aumentò il ritmo della respirazione, fino a che sussultò più volte spingendo il suo sedere contro il mio sesso, cercando di farsi penetrare il più possibile.
Ansimò a voce alta gemendo: “Ti amo Pinocchio! Come sei bravo con quelle dita e che bel pisellino che hai dentro di me! Continua, non ti fermare!”.
Sentii il mio pisello come stretto in una morsa e non riuscivo quasi più a muoverlo dentro di lei.
Quello stato di tensione di Maria Elena durò a lungo fino a che, come sfinita, si abbandonò sul letto, cercando di espellere il mio pisello dal suo sedere.
Le chiesi incuriosito di quel suo comportamento che a me sembrava strano e che avevo notato spesso, ma di cui non avevo avuto il coraggio di chiederle spiegazioni prima.
Lei con dolcezza mi spiegò dell’orgasmo e mi disse che presto, da adulto, avrei provato anche io qualcosa del genere.
Mi disse: “Stavolta è stato proprio eccezionale. Sei bravissimo e instancabile. Hai sempre il pisellino durissimo e bellissimo. Ti amo anche perché sai farmi provare queste sensazioni incredibili!”.
Mi sentii fiero di quelle parole, anche se allora non capii bene il loro significato.
Mi stesi come al solito accanto a lei che mi poggiò la testa sul torace, accarezzandomi e baciandomi petto, pancia e pisello, come lei ben sapeva piacermi.
Quasi subito però si alzò di scatto quasi urlando:
“Che è successo al tuo pisello?”.
Avevo notato che con la penetrazione del suo culetto il mio pisello si era fortemente arrossato, ma non pensai che ciò potesse averla allarmata a quel modo.
Mi guardai e notai una macchia scura sulla punta del mio pisello. Era un pezzettino della cacca di Maria Elena, che si era appiccicato, quando l’avevo penetrata più a fondo.
Maria Elena cominciò nuovamente a stranirsi, ma stavolta fui io a precederla implorandola, quasi piangendo, e stringendola forte a me:
“Non ti arrabbiare Maria Elena, non è successo niente!
Picchiami pure se vuoi, trattami male, ma non ti arrabbiare con me. Sono stato troppo male prima, quando sei andata via. Voglio stare con te, dentro di te e ti voglio tutta per me.”.
Maria Elena, pur fortemente contrariata dall’accaduto, a quella mia reazione si calmò e cominciò a riflettere. Poi si decise: “Quanto sei dolce. Ti voglio un bene dell’anima!
E’ da tempo che ci penso, Andrea, e volevo parlarti, ormai sei grande e puoi capire questo mio discorso.
Io mi sono innamorata di te fin da quando ti ho visto piccolino e ti amo ancora di più, ma io era e sono già grande. Ed anche adesso, io sono una donna matura, dovrei avere un fidanzato, ma io amo te. Mentre invece tu sei solo un adolescente, che io, per amore, ho purtroppo strappato prematuramente dai giochi infantili.
Mi piacerebbe poterti amare e starti vicino per la vita, ma purtroppo non è possibile. E’ il destino che ha deciso per noi!”.
Protestai chiedendole perché non potevamo vivere insieme per la vita, ma lei tristemente ribattè: “Adesso io sono grande e tu sei ancora poco più che un bambino, poi io sarò vecchia e tu invece sarai nel pieno della maturità.
Abbiamo tredici anni di differenza ed ora che io avrei bisogno di un uomo adulto accanto a me, tu sei un bambino e questo per me va ancora bene, anzi mi fa tanto piacere, ma quando tu in futuro avrei bisogno di una donna giovane e forte accanto, io sarò vecchia e non potrò esserti più utile e questo non lo consentirei e non lo voglio.
Purtroppo il mio sogno d’amore con te non ha futuro e lo so bene, ma finché è possibile voglio starti vicino ed amarti e fare l’amore con te. Perdonami per prima, ma mi rendo conto che sto trattandoti da uomo adulto, quando ancora non lo sei. Quando mi rendo conto di questo ci soffro enormemente.
Vedrai che un giorno non potremo più stare insieme. Succederà anche presto, vedrai“. Aveva gli occhi velati di lacrime.
“Io starò sempre con te, Fata Turchina, non mi importa di niente e di nessuno. Voglio solo te!”, protestai ancora, ma Maria Elena non rispose, mi prese per un braccio, mi condusse in bagno e seduto sul bidet mi lavò il pene con molta perizia.
Mentre mi insaponava, io riflettevo alle parole di Maria Elena e pensavo a lei sotto una nuova luce ed alla donna che effettivamente era.
Ma l’idea che mi sconvolse di più fu pensare che non era una Fatina, ma faceva anche lei la pipì e la cacca come tutti. Non ci avevo mai pensato. E subito mi assalì la voglia di capire come Maria Elena facesse la pipì.
Quando fu sicura di aver lavato bene il mio pisello, mi asciugò e sentenziò:
“Vediamo se adesso è pulito!”.
Lo prese in mano, lo annusò e lo portò alla bocca, lo succhiò un po’, come per assaggiarlo, poi compiaciuta: “Si, direi che può andare!”, e fece per tornare in camera, ma io la fermai chiedendole: “Posso lavarti anche io la patatina? Tu l’hai sempre fatto con me, ma ora posso farlo a te?”.
Come al solito Maria Elena, senza neanche provare a contraddirmi, mi accontentò, si sedette al contrario ed a gambe larghe sul bidet , in modo da starmi di fronte.
Vedevo la sua vulva aperta al massimo ed il suo clitoride e le sue piccole labbra fare capolino impertinenti dalla grandi labbra. Cominciai a toccarla e ad insaponarla.
“Fai attenzione”, mi suggerì, “potresti farmi male!”.
Io fui molto accurato e delicato nella pulizia sia della patatina, sia del culetto ancora unta dall’unguento utilizzato per la penetrazione. Rimasi un bel po’ a massaggiare le parti intime di Maria Elena così in mostra e spalancate alle mie carezze.
Avrei voluto anch’io assaggiarle il sesso, come aveva fatto lei, per capire se era pulito, ma all’improvviso mi decisi: “Mi fai vedere come fai la pipì?”.
Rise di imbarazzo.
“Ma mi vergogno Pinocchio! Finché facciamo all’amore va bene perché piace anche a me, ma così ho qualche difficoltà! Però ci provo.”.
Si concentrò, mentre io l’osservavo, fino a che cominciò ad uscire qualche gocciolina dalla parte alta della sua vagina.
Pian piano il flusso aumentò e potei notare la presenza di un buchino tra le sue piccole labbra, che prima non avevo mai notato. L’osservai attentamente e non riuscii ad astenermi dal toccarlo.
Maria Elena arrestò subito il suo getto di pipì, per non bagnarmi la mano tesa, ma io invece volevo sentire anche la sua urina sulle mie mani.
La pregai di continuare e lei malvolentieri proseguì.
Le toccai la fica e cominciai a bagnarmi le dita. La sua pipì era bollente e mi eccitava enormemente.
Istintivamente mi portai un dito alla bocca per assaggiarla.
Maria Elena tentò di fermarmi, ma non vi riuscì. Aveva un sapore acre e forte, ma era la pipì della mia Fatina e mi piaceva.
Lei mi apostrofò: “Ma che fai. Che schifo!”, ma io la rassicurai: “E’ buonissima, mi piace tanto e voglio che il resto della pipì la fai addosso a me!”.
“Ma che maialino che sei!”, provò a rifiutarsi, ma mi accorsi che la cosa l’allettava, perché, senza troppe insistenze disse: “Come possiamo fare?”, ci pensò un po’ poi continuò: “Ci sono: stenditi nella vasca”.
Seguii il suo suggerimento dopo di che lei si accucciò su di me, si appoggiò il mio pisello al suo sesso e continuò ad orinare su di me.
Mi bagnò il pisello e la pancia e la sua pipì scorrendo lungo le mie natiche, mi produceva sensazioni di godimento e di calore intenso.
Quando finì aprì il rubinetto dell’acqua e cominciò a spruzzarsi ed a spruzzarmi con l’acqua calda.
Ci lavammo a vicenda, insistendo particolarmente sulle rispettive parti intime, poi ci asciugammo e ci rivestimmo.
Altre volte stemmo in intimità stretta, la volta successiva fu lei a proporre la penetrazione anale: “So che ti piace tanto, anche se a me fa un po’ male, ma voglio che tu stia bene con me, perciò aiutami ad ungermi il culetto ed entra dentro di me!”.
Altre volte la convinsi ancora al rito della pipì e lei mi accontentò chiedendomi che se volevo potevo contraccambiare, orinandole addosso, ma ci accorgemmo che quando ero eccitato, con il cazzo duro, non riuscivo a fare pipì.
Ma un brutto giorno accadde ciò che Maria Elena aveva previsto. Dopo che lei aveva raggiunto l’orgasmo col mio pisello nel culo e le mie dita sul suo clitoride, come al solito era con la testa riversa sul mio petto.
Improvvisamente la sentii singhiozzare, le sollevai la testa e vidi grossi e tristi lacrimoni.
“Cosa ti ho fatto per farti piangere. Perdonami Fatina mia. Non volevo farti del male!”.
“Non è colpa tua, Pinocchio! E’ che questa è una delle ultime volte che giochiamo insieme.
Fra un mese mio padre va in pensione e noi torneremo ad abitare al paese.
Non potremo più vederci, amore mio. Non potremo più amarci. Ma forse è meglio così!”.
“Ma che dici Fata Turchina, io non ti lascerò andare via e se lo farai starò con te anche alla casa nuova!”, le risposi risoluto.
“Vedrai che non sarà così!”, concluse rasserenandosi un po’.
Quando fu stabilita la data del suo trasloco, Maria Elena mi chiamò e mi comunicò che voleva fare l’amore con me, come disse lei, per l’ultima volta, ma fu un’esperienza molto penosa perché passammo quasi tutto il tempo nudi, a piangere abbracciati.
Inizialmente ci sentivamo spesso al telefono, chiamava sempre lei e mi chiedeva della scuola e delle mie cose, senza entrare nel personale, visto che eravamo al telefono. Io per molto tempo sentii la mancanza sua e dei nostri incontri amorosi.
Poi le telefonate si diradarono riducendosi agli auguri di Natale e di Pasqua, così anche il suo ricordo cominciò a diradarsi, sbiadirsi e divenire sempre più vago nella mia memoria.
Una volta mi fece sapere che aveva trovato lavoro presso una banca come ragioniera, che guadagnava benino ed era contenta dell’incarico che aveva. Seppi anche che il padre si era ammalato e che poco tempo dopo era deceduto.
Io intanto crescevo, avevo completato la maturazione sessuale ed avevo scoperto il piacere della masturbazione, che praticavo quasi quotidianamente.
Molto spesso, durante le mie autoerotizzazioni, con la mente rievocavo gli incontri amorosi con Maria Elena e provavo un profondo piacere, rammaricandomi che a quei tempi non fossi in grado di provare il piacere che invece riuscivo a sentire ore.
Un po’ anche per supplire alla assenza di Maria Elena avevo cominciato a suonare la chitarra e a far parte di un gruppo musicale.
Nel frattempo ero passato al liceo. Avevo amoreggiato con una compagna di scuola per quasi due anni. Stefania era una tipa chiusa, anche lei all’antica, con la quale riuscii ad avere solo approcci sessuali complicati.
Si lasciava toccare e leccare nelle parti intime, ma per convincerla a succhiarmi l’uccello ci volle un grosso sforzo di convincimento, anche se poi, una volta provato, Stefania ben presto cominciò ad apprezzare quell’atto ed il sapore del mio sperma, tanto che ben presto cominciò anche ad ingoiarlo.
La fica se la lasciava toccare, ma non mi permetteva di avvicinare il pisello, perché aveva paura e poi voleva arrivare vergine al matrimonio.
Anche del culo era gelosa e una solo volta riuscii a convincerla alla penetrazione anale, ma non appena le fui completamente dentro, si dichiarò delusa di quella pratica, intimandomi di smettere e di non farlo più, perché le faceva male e le dava molto fastidio, senza darle in cambio alcun piacere. Quella volta rimpiansi molto la Fata Turchina.
Poi la storia finì, come tutte le storie adolescenziali, per divergenze caratteriali e per diversità di modi di pensare.
Ebbi anche un’avventura prettamente sessuale con un’altra compagna di classe, molto più disinibita ed aperta, la quale mi fece perdere la verginità consentendomi finalmente di penetrarle la fica.
Vanessa, era aperta ed emancipata, non nascondeva la sua femminilità e si diceva che fosse anche molto disponibile. Ebbi modo di avere tale conferma un giorno che mi chiese di farle copiare il compito di matematica in cambio della possibilità di lasciarsi guardare le cosce da sotto il banco.
La cosa continuò per tutto il quarto e quinto anno del liceo e Vanessa, ad ogni compito di matematica, mi mostrava le sue grazie e le sue belle cosce, fino alle mutandine.
Per l’esame di maturità mi propose: “Se mi passi il compito ti do la fica!”.
Chiaramente le passai il compito e lei mi diede un appuntamento a casa sua un giorno che mancavano i suoi genitori.
Per me fu un battesimo alla fica alquanto squallido e deludente, perché Vannessa, senza nessuna femminilità e sensualità, mi si piazzò davanti a cosce larghe, levandosi solo le mutandine, e dandomi il consenso a penetrarla, ma di non sborrarle dentro.
Entrai facilmente e comodamente nella sua fica e vi stantuffai dentro per una decina di minuti, più che altro studiando le sensazioni nuove che provavo. Improvvisamente mi avvertì che era venuta, cosa della quale non mi ero affatto accorto, e che avrebbe continuato con le mani per farmi eiaculare. Mi segò per un po’, mentre io le toccavo il sesso, poi venni e lei tamponò il mio seme con un fazzolettino di carta.
Finito il tutto, quasi mi cacciò di casa sua.
Dopo la maturità mi iscrissi alla facoltà di ingegneria, e per lo studio sacrificai un po’ il mondo femminile.
Al compimento dei ventun’anni, età in cui allora si diventava maggiorenni, con i guadagni fatti suonando con il gruppo, mi regalai una cinquecento di terza mano.
Per Natale ci chiamò Maria Elena per i consueti auguri ed io le comunicai con orgoglio dell’acquisto della macchina. Contenta mi invitò: “Allora perché non mi vieni a trovare?”. Mi diede indirizzo ed indicazioni stradali, chiedendomi solamente di avvertirla quando avevo intenzione di visitarla.
Anche mia madre fu contenta dell’invito e mi spronò ad andare a trovare la mia vecchia amica.
Un giorno che non avevo molto da fare decisi di partire. Lungo la strada ripensai alla mia infanzia ed a quanto era stata importante per me la presenza di Maria Elena, a come era stato bello conoscere il sesso con lei. Mi chiesi se era possibile che Maria Elena ricordasse ancora quello che avevamo fatto insieme, ma capii che se ricordavo io che ero più piccolo di lei, figuriamoci lei se poteva aver dimenticato. Cominciai a pensare a come potesse essere cambiata e mi venne una voglia matta di lei.
Iniziai a sperare che non si fosse messa con nessuno, sapendo che comunque non era sposata, e di poter fare qualcosa di eccitante con lei.
Mi arrapai al solo pensiero di rivederla.
Giunto a casa sua bussai e mi venne ad aprire proprio Maria Elena.
Rimasi colpito nel vederla …
Era rimasta praticamente identica, solo che era piccolina di statura. La sovrastavo di quasi venti centimetri e mi sembrava essersi ristretta di dimensioni. La ricordavo molto più grande … ora mi appariva quasi come una bambolina.
Era sempre una bellissima donna, curata, ma sobria e aveva assunto l’aspetto della signora matura.
Riconobbi il suo neo sul collo, sempre bellissimo, i suoi occhioni, le sue labbra ed il suo visetto candido.
Doveva ormai avere trentaquattro o trentacinque anni, anche se dimostrava quasi la mia età!
Mara Elena rimase ferma sulla soglia a guardarmi a bocca aperta e non riusciva a parlare.
Vidi i suoi occhi riempirsi di lacrime di gioia ed il suo sorriso smagliante che ben conoscevo.
Per superare quel momento di imbarazzo reciproco le misi le mani sotto le ascelle sollevandola di peso e portandole il viso all’altezza del mio. Le diedi un bacione in fronte e sempre tenendola sollevata l’abbracciai stringendola forte a me.
Anche lei mi abbracciò forte e rimanemmo così per un po’, senza parlare.
Poi la riappoggiai a terra e lei mi ammonì: “Dov’è quel bambino Andrea che ho lasciato a Roma dieci anni fa? Che cosa ne hai fatto?”, poi continuò: “Sei diventato un uomo Andrea! Un bellissimo e fortissimo uomo.”.
“Sei tu che sei diventata più piccola!”, la canzonai.
Non smetteva più di complimentarsi del mio aspetto e del mio fisico e di dire che ero diventato bello e che era contenta per me.
Le chiesi come procedeva la sua vita e come stesse la mamma, ma mi freddò dicendomi che era morta anche lei ormai da tre anni.
Mi chiese dell’università e con molto imbarazzo, se avevo una fidanzata e come erano i miei rapporti con l’altro sesso.
Le risposi che lo studio procedeva, che ero libero da impegni con donne e che ero stato fidanzato con una ragazza, ma che la cosa non mi era affatto piaciuta.
Le nascosi volutamente l’altra mia avventura.
Poi, rattristandosi, mi chiarì che anche lei era sola e che non aveva nessun rapporto fisso con uomini, che il lavoro procedeva bene e che la sua vita era un po’ monotona.
Mi volle mostrare la sua casa conducendomi per le varie stanze.
Era una casa alquanto antica, arredata in maniera arcaica e sembrava una casa di anziani, ma estremamente curata ed aggiustata. Nulla era fuori posto o impolverato.
C’erano ninnoli, oggettini e foto dappertutto.
Poi mi portò nella camera da letto dei genitori, che ormai era diventata la sua.
C’era il letto matrimoniale e l’armadio dei genitori. Riconobbi però la sua scrivania e tutta la serie di oggetti che la ricoprivano e che ben conoscevo e ricordavo.
In quella casa sembrava essersi fermato il tempo almeno quaranta anni prima.
Guardandomi intorno, il mio sguardo si posò sul suo letto. Tra i due cuscini era appoggiato un animaletto di peluche. Ma certo, lo riconobbi … era Andy, l’orsetto che le avevo regalato da piccolo. Era ancora come nuovo.
Sorpreso le evidenziai la cosa: “Ma Fata Turchina è Andy quell’orsetto!”. Mi meravigliai io stesso per la maniera spontanea con la quale avevo usato quel nome.
“Certo!”, mi rispose stringendolo tra le braccia e baciandolo, evidentemente turbata per il modo in cui l’avevo chiamata : “Ormai è lui che mi tiene compagnia quando mi sento sola!”.
Si interruppe per un istante per soppesare le parole che stava pronunziando, poi: “Ormai non ho più nessuno con me, sono sola, Pinocchio!”.
Mi guardò negli occhi con uno sguardo che valeva come un milione di parole. Sembrava quasi chiedermi il perché l’avevo chiamata Fata Turchina e perché lei mi aveva chiamato Pinocchio.
Io non mi controllai. Mi chinai su di lei e la baciai sulle labbra. Dopo un attimo di esitazione mi passò le braccia intorno al collo e ricambiò il bacio aiutandosi con la lingua ad aprirsi un varco nella mia bocca.
Ci baciammo per un tempo infinito!
Non finivo più di dissetarmi della sua saliva e del suo respiro. Volevo quasi recuperare gli anni passati.
“Pinocchio mio, finalmente sei tornato dalla Fatina tua!”, provò a dire, ma io ormai in preda all’eccitazione più folle, avevo iniziato a sbottonarle il golfino che portava.
Le tolsi la camicetta ed il reggiseno, che notai essere nero come mi era sempre piaciuto, e mi tuffai sui suoi seni.
Trovai i capezzoli già turgidi, li baciai e li succhiai. Non mi saziavo più di quel sapore che mi riportava all’infanzia. I suoi seni erano come quelli di un tempo, forse un po’ meno turgidi, ma sempre bellissimi e perfetti nella forma e nelle dimensioni.
Maria Elena mi lasciò fare senza minimamente accennare alla benché minima reazione. Cominciò ad accarezzarmi le spalle ed il torace. Poi cominciò spogliarmi come faceva quando ero piccolo.
Mi denudò il torso e mi stampò il suo seno contro il mio petto e mi baciò nuovamente sulla bocca con tutto l’amore che portava dentro.
Mi baciò sul collo mentre io ero ancora chinato su di lei. Poi scese sul torace baciandomi e leccandomi i capezzoli appena accennati. Poi, chinandosi, scese sulla pancia e mi baciò l’ombelico, ci infilò la lingua e per un po’ rimase a lapparmelo.
Infine si decise: mi slacciò la cinghia dei pantaloni, mi aprì la patta e mi denudò fino alle ginocchia, sempre baciandomi l’ombelico.
Come fu libero, il mio cazzo già durissimo, andò a sbatterle contro il seno e lei lo prese in mano strofinandocelo sopra per un po’. Si scostò e osservò il mio pene, poi con meraviglia esclamò:
“Ma questo non è più un pisellino. E’ un signor pisellone! Come sei cresciuto Pinocchio. Sei un uomo adulto.”, e così dicendo cominciò a passarmi le dita tra la peluria del pube.
“Che bei peli folti che ti sono cresciuti!”, commentò agguantandomi finalmente il pene nel palmo della mano e cominciando a masturbarmi.
Toccandomelo mi osservava il pene in ogni suo dettaglio anatomico, riempiendolo di complimenti. Poi cominciò a sbaciucchiarlo, fino a che se lo infilò in bocca. Solo una piccola parte le entrava in bocca. Tentò di farlo penetrare il più possibile, ma presto un conato di vomito la fece desistere da quel tentativo.
Continuò a leccarmi la cappella ed a succhiarla per un po’, poi concluse: “Ha un sapore ancora migliore di prima, Pinocchio. E’ ancora più bello e più buono!”.
La presi per le braccia e la riportai nella posizione eretta, con il pisello che le toccava la pancia.
Restaemmo un attimo a guardarci negli occhi, poi mi sfilai i pantaloni e le sollevai la gonna fino a scoprirle le mutandine.
Non poteva essere un caso: aveva stivali, cale nere con reggicalze nero e mutandine di pizzo, anch’esse nere.
“Ma Fatina, ti ricordi ancora che mi piacciono da morire questi indumenti indossati da te?”, le ricordai con meraviglia.
“Si che mi ricordo Pinocchio, ma ormai piace anche a me indossare questo tipo di intimo e perciò indosso sempre e solo biancheria di questo tipo.”.
Si allontanò un attimo ed aprì un cassetto, che effettivamente era ricolmo di biancheria intima rigorosamente nera.
Mentre tornava da me si tolse la gonna e si sfilò gli slip, mostrandomi la sua bella cosina che da tanto non avevo modo di contemplare.
Come sempre era bellissima con indosso solo le calze, il reggicalze e gli stivali.
Guardandola continuai a denudarmi anch’io.
Quando fummo uno di fronte all’altra, nudi, Maria Elena iniziò a parlare: “Pinocchio, devi sapere che da quando ci siamo lasciati, non ho avuto nessuna relazione con altri uomini. Io ho amato te e continuo ad amarti come sempre, ma vedo che anche tu non ti sei dimenticato di me.
Qualche collega mi ha chiesto di uscire e ci ha provato, ma io non sono riuscita ad accettarlo e non riesco a pensare a me accanto ad un uomo che non sia tu.
L’ultima volta che ho fatto l’amore è stato dieci anni fa con te e solo con te io voglio e posso fare certe cose.”, disse seria, arrossendo leggermente a quelle parole un po’ crude per il suo modo di essere.
“Lo so che il nostro amore è impossibile, ma il fatto che tu sia qui con me, mi sconvolge e mi fa sentire in estasi. Voglio amarti per quanto è possibile. Del resto non mi importa nulla.
Mentre aspettavo il tuo arrivo ho riflettuto molto a quello che sto per dirti: io sono ancora vergine, visto che da allora non ho avuto uomini, e vorrei che fossi tu e solo tu il primo ed unico uomo della mia vita.
Per questo motivo voglio fare l’amore in maniera completa con te! In questo stesso momento!”.
Questo discorso mi spaventò un po’. Era una grossa responsabilità quella che Maria Elena mi stava addossando, conoscendo il suo modo di essere e di pensare.
Provai quasi a dissuaderla, anche se penetrare la sua femminilità era la cosa che desideravo da anni: “Ma Fata Turchina, sei una bellissima donna, potresti avere tutti gli uomini che vuoi.”, mi fermai un attimo a riflettere, poi continuai: “No, non puoi avere chiunque. Anch’io ti amo e ti voglio tutta mia!”.
Senza preavviso Maria Elena mi spinse sul letto mettendomi in posizione supina, con il mio cazzo che svettava ormai al massimo dell’eccitazione. Salì in piedi sul letto ponendo le sua gambe divaricate, una a destra e l’altra a sinistra del mio torace.
Tra le sue gambe godevo del un panorama fantastico della sua fichina, il cui interno era lucido dei copiosi umori che la bagnavano.
Maria Elena si abbassò pian pianino flettendo le ginocchia, fino a poggiarmi la patata sulla bocca.
La leccai avidamente, aveva sempre un ottimo sapore. Le infilai la lingua in tutti gli anfratti del suo sesso e del suo culetto fantastico.
Maria Elena cominciò a gemere dal piacere, a voce alta, come non aveva mai fatto e quando fu ad un grado di eccitazione massima, si alzò mettendosi accovacciata all’altezza del mio pene.
Mi prese il pisello tra le mani, poi lo leccò per inumidirlo.
Quando fu pieno di saliva, se lo portò verso la vagina, strofinandolo ben bene contro le sue piccole labbra ed il clitoride. Poi lo puntò verso il suo buchino ancora vergine.

Commenti [20]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *