la mamma del mio amico

Febbraio, in un piccolo paesino è un giorno come un altro, fa’ molto freddo, tra 3 giorni abbiamo la verifica di latino, devo andare a studiare a casa di un mio amico, telefono a casa sua mi risponde la madre mi dice :
“ Francesco è in bagno, ma dice che puoi venire” termino la telefonata, tempo un 20 minuti sono sotto casa sua, salgo la madre mi dice
“guarda quello stronzo del mio ex marito, ha avuto un incidente con la macchina, Francesco tra una mezzoretta è qui”
io:”allora ritorno dopo”,
lei :”ma scherzi aspettalo qui, c’è troppo freddo, entra, dai accomodati”
io:” grazie, ma non vorrei disturbare”, andiamo in cucina, lei era davanti a me, una donna di 55 anni, origini del sud mora carnagione, scura, stranamente non aveva un capello bianco, alta 1, 62 un seno esagerato( con un suo reggiseno si può fare un paracadute), comunque ha una 6a, un culo proporzionato al seno, giuro una donna che non attira molto il sesso maschile.
Francesco e sua madre e sua zia, abitano in centro, ed hanno una casa, che si distribuisce in più piani, arriviamo in cucina, lei mi prepara una cioccolata calda, le chiedo se posso andare in bagno, devo fare pipì, entro vado a chiudere la porta, ma non si chiudeva bene, mi metto davanti la tazza abbasso la zip, il mio sguardo cade nel cesto della biancheria sporca(purtroppo ho una attrazione per intimo di donna sporco), era aperto, sopra spuntava un tanga nero, sporco di umori biancastri, mi venne istintivo prenderlo, era una macchia abbastanza copiosa, al tatto delle dita era ancora umido, lo avvicino al naso per annusare la fragranza di figa, lo leccai, mmmm magnifico sapore, lo strofino sul mio cazzo, mi diventa duro mi stavo masturbando, da dietro la porta si sente:
“ti serve una mano, dai sbrigati, la cioccolata è pronta” mi giro verso la porta, e vedo che tra la porta e il telaio c’è dello spazio, creato penso per l’usura, lei era li, mi guardava da quella fessura, sentendomi osservato spruzzai lo sperma caldo tutto nel tanga, lo metto nella stesso posto, ed esco, lei era li, per farmi sicuramente capire che mi aveva visto, prendo la cioccolata, le mi dice:
“questo freddo, stimola molto la vescica, devo fare pipì anche io, ” va in bagno, e lascia la porta socchiusa, ora ero io a spiare lei, si stava togliendo i pantaloni che indossava sotto la vestaglia, si siede sulla tazza, io vedevo i suoi peli, sparire sotto le abbondanti maniglie dell’amore che la sua pancia creava, aveva il tanga abbassato alle caviglie, era uguale a quello che io avevo usato, le sue gambe pelose, mi arrapavano un casino, dopo aver fatto la pipi si alza per asciugarsi, allungando la mano prese il tanga da me usato per contenere lo sperma, io ero eccitatissimo, lei da prima leccò tutto lo sperma, poi inizia lo inizia a strofinare nella sua enorme figa, per farmi vedere meglio si sistema verso la porta, aprendo le gambe ed infilando l’indumento dentro la sua abbondante figa, non resisto più, apro la porta del bagno ed entro,
mi avvicino, mentre tiro fuori il mio cazzo già duro, lei era alla sua altezza naturale, non ci furono parole lei lo prese in bocca senza fiatare, la sua testa andava avanti e indietro la sua bocca avvolgeva il mio membro, le mie mani tiravano i capelli forzando ancora di più la velocità, un pompino con i fiocchi, la faccio alzare, lei tenendosi al lavandino, mi porgeva il culo, io la volevo penetrare la sua figa da dietro, ma non fu cosa facile, l’unica cosa che potevo fare era provare il suo ano, appena lo spingo dentro la cappella, bussano la porta, lei si ricompone senza neanche mettere le mutande, esce dal bagno chiude la porta va ad aprire, Francesco era tornato, io esco dal bagno dopo aver scambiato due parole iniziamo a studiare, dopo una ventina di minuti entra sua madre, si in fila tra le nostre due sedie, parlando con il figlio mi porgeva il suo fondo schiena, infilo la mano sotto la vestaglia, voglio controllare se per caso aveva rimesso le mutande, la mia mano sale, dall’interno coscia arrivo alla sua figa toccandola, non aveva rimesso le mutande, le inizio un ditalino, appena iniziano i suoi umori a bagnare le mie dita, passo al buco che avevo la sciato subito, il culo doveva essere rotto due dita entrarono come se un coltello cado taglia il burro, mi fermo, lei si sposta per forza, il telefonino di Francesco suona, lui va in camera sua a rispondere, era un suo amico la madre appena sente il nome di questo viene da me e mi dice:
lei:”ma tu lo conosci a questo Michele, si sentono anche cento volte al giorno, mai una ragazza solo ragazzi”
io:”si, ma lo avrò visto una o due volte”
lei:” ora almeno mezzora di telefonata, poi quando mi avvicino o parla piano o sta zitto, ora addirittura sale in camera sua”
io:”ma noi quando, finiamo il nostro bel discorso”
lei:”tanto tra poco vedrai che con una scusa esce, e torna dopo un paio di ore”, lei si era avvicinata a me le alzo la vestaglia iniziando a in filare la lingua nella sua figa, si sente lui, che scende le scale, ci fermiamo, appena tre minuti mi dice che deve fare una commissione, deve perdere un po’ di tempo e ci vediamo domani, lui deve scappare, non aspetta neanche che esco con lui, sale la madre ed andiamo in camera da letto, mentre salivamo le scale le alzavo la vestaglia toccandola tutta lei voleva arrivare sopra per essere più comodi, appena sopra lei si toglie la vestaglia, era sotto nuda sopra un maglione, appena lo sfila rimango esterrefatto dall’immensità delle sue tette, il reggiseno era viola, tutto traforato, appena le libera dal reggiseno scesero giù dal eccessivo peso, le sue areole erano grandissime riempivano la mia bocca, i capezzoli due tasselli da 8, mai viste tette così enormi, si sdraia sul letto, io appena nudo la seguo, la prima cosa che faccio mi metto la testa tra le sue gambe pelose, per poterla leccare dovevo cercarla mezzo tutta quella carne, lei voleva subito il mio cazzo dentro la figa, doveva sentirlo dentro, adagiandomi sopra di lei faccio quello che lei desiderava, iniziai la penetrazione, mezzo la sua ciccia sparivano anche le mie palle, non so quante volte può avermi inondato la cappella, stavo quasi per venire, le volevo spargere il mio seme sopra i suoi seni, lo appoggio tra le sue tette, lei inizia una spagnola da brividi, si ferma una sua mano inizia a muovere il mio cazzo masturbandomi, la mia cappella strofinava i suoi capezzoli, il mio sperma usci a fiotti finendo sul suo corpo, lei avvicina la sua bocca per pulire gli ultimi residui, ma lei non voleva solo pulire, perché il suo scopo era di rinvigorire il mio cazzo, non ci volle molto, lei pretese che le leccassi i piedi godeva come una troia, dopo la mia lingua doveva salire dalle sue caviglie alla sua figa, si giro sotto mostrando la schiena, le mie palle e il mio cazzo passarono sopra tutta la sua schiena, mentre era così lo introdussi nel suo culo, era una viziosa assatanata di cazzo, i suoi orgasmi erano continui, io avevo un culo gigante davanti i colpi sopra le sue chiappe risuonavano in tutta la casa, il mio cazzo riempi presto il bel culo della signora,
appena ripresi le forze mi apprestai ad andare a casa, lei mi disse:
“quando vuoi, capito mio giovane stallone” le do uno schiaffo al culo evado via.

Commenti [5]