la mia prima volta

Ciao a tutti voi che mi leggerete, mi presento sono Elena ho 23 anni e da quando ne avevo 16 sono la schiava di mia cugina, zia e matrigna. Nata per caso, orfana subito dopo la nascita, mi sono ritrovata adolescente con una matrigna giovanissima 10 anni più di me attirata solo dai soldi di mio padre, un padre sempre indaffarato e in viaggio per affari praticamente inesistente e una zia trentenne  con una figlia di 3 anni più di me.
A 16 anni ho cominciato il mio cammino di schiava, ora vi racconto:
Tornando da scuola nel primo pomeriggio di un novembre freddo e uggioso, mi ritrovai zia, cugina, e matrigna in salotto riscaldato dal nostro bel camino con un fuoco scoppiettante e ben alimentato, tanto che per  la differenza di temperatura mi sentii quasi mancare.  Gli occhiali che all’epoca portavo si appannarono all’istante creando intorno a me una specie di nebbia che in pochi secondi mi impedì di vedere esattamente le tre che mi aspettavano. Subito il calore di un ceffone e l’appellativo di puttana mi riportarono alla realtà.
La mia matrigna indossando i soliti succinti abiti mi apostrofava con disprezzo  prendendomi per i capelli  e buttandomi  a terra, io  alzando gli occhi vidi zia Patrizia  e mia cugina Adriana  che si spogliavano e con la poca voce che mi rimaneva chiedevo spiegazioni, e quelle arrivarono immediatamente, prima un calcio nello stomaco poi sui presa per un capezzolo e brutalmente strattonato tra le dita un  ordine imperativo spogliati cagna!
Zia e cugina completamente nude mi presero e in un baleno ero nuda, le mie grandi tette (porto una quarta coppa B) e la mia fighettina erano esposte alla visione delle tre aguzzine che con poco tatto mi coricarono sul divano allargandomi le gambe in modo osceno svelando il mio sesso ancora vergine e il mio buchetto piccolo e roseo.
La mia matrigna mi sventolava una lettera che avevo scritto a mio padre dove lamentavo i soprusi che ogni giorno dovevo sopportare e del fatto che in casa dovevo fare tutto io mentre lei passava le giornate tra massaggi shopping e parrucchiere.  Per questa, indicando la lettera, da oggi non sarai solo la mia cameriera sguattera ma anche la nostra puttana cagna e schiava sessuale senza dignità, cominciò con un tono minaccioso e ora vediamo santarellina come te la cavi con i nostri cazzi di silicone ribattè.
All’improvviso mi accorsi che le tre indossavano delle cinture falliche con dei grossi cazzi attaccati di cui uno nero minaccioso che ciondolava in mezzo alle gambe di mia zia aveva dimensioni veramente gigantesche.
Ah  dimenticavo da oggi andrai da tua zia a studiare pianoforte e se non sarai diligente lei saprà come raddrizzarti esplose la mia matrigna, mia cugina che pensavo fosse mia amica cominciò ad insultarmi mostrandomi il suo cazzo di gomma rosa “ Elena vedi questo lo dovrai adorare come un dio e ti spaccherà quella tua fighetta vergine  voglio sentirti urlare mentre te lo pianto dentro”  e prendendomi per i capelli me lo mise in bocca sculacciandomi sul culo.
La zia mi perlustrava con una mano tra le cosce e  pizzicandomi il clitoride con le unghie emisi un urlo di dolore, poi  ridendo disse “ questa cagna è già bagnata fradicia è proprio una puttana in calore”, in effetti mi sentivo impaurita violata ma anche molto eccitata, fino a quando un dolore acuto e improvviso mi fece urlare di nuovo, la mia matrigna con un cucchiaio di legno mi batteva da dietro tra le cosce proprio sul mio sesso tenuto spalancato dalle dita e soprattutto dalle unghie della zia, cercando di divincolarmi il cazzo di gomma che avevo un bocca mi usci e mia cugina cominciò ad insultarmi e a sculacciarmi violentemente mentre mi ricacciava il suo cazzo fino in gola facendomi quasi vomitare.
Bhe aggiunse la zia, mentre io mi dimenavo come una cavalla per le continue percosse al mio sesso che lo sentivo dolorante e gonfio, cosa vuoi fare Tiziana (la mia matrigna) questa cagna è ancora vergine la vuoi sverginare senza farle godere un bel cazzo di carne ? Certo rispose, perché mai dovrebbe godere dopo che mi ha insultata la voglio sentire urlare mentre si impala sui nostri cazzi ahahahahah .
A questo punto mi sentii persa e cominciai a protestare del fatto che non volevo essere sverginata ma a poco servirono le mie proteste anzi di tutta risposta presi due bei ceffoni da mia cugina che mi disse  “vedrai cagna come di piacerà, del resto mi hanno sverginata prima di te!!!”. Mi legarono le caviglie alle gambe del tavolo, un grosso tavolo di noce pesantissimo   mia zia mi succhio avidamente il capezzolo che diventò turgido e dritto e mentre passava all’altro Tiziana mi legava il capezzolo con una sottile cordicella facendomi urlare per la stretta del piccolo nodo che martoriava la mia tenera carne, non contenta mi tirava con la cordicella il mio pesante seno che si allungava come un palloncino facendomi piangere dal dolore, stessa cosa toccò all’altro seno le cordicelle vennero teste fino a che il mio seno restava quasi a mezz’aria,  legate alle estremità del tavolo,  così quel dolorosissimo marchingegno non mi permetteva di rialzarmi da quella posizione se non strappandomi i capezzoli ma il sol pensiero mi bloccava dal dolore.
Mia cugina salì sul tavolo allargò le gambe e tenendomi per i capelli mi fece cenno di leccarle la figa bagnata e odorosa di umori, all’inizio rifiutai mi faceva letteralmente schifo, ma ogni volta che alzavo la testa i miei capezzoli mi facevano urlare e mia zia ad ogni mio rifiuto mi sculacciava, insomma dovetti soccombere. Non avevo mai assaggiato una figa umida e bagnata, quella di mia cugina era depilatissima senza nemmeno un pelo, gonfia dal piacere e grondante di umori, il sapore acidulo mi entrava nelle narici e mi sentivo svenire mentre con la lingua cercavo di dare goffamente piacere,  lei mi insultava” cagna lecca leccami voglio inondarti la faccia, fammi godere” e mentre diceva così sentii un fiotto di piscio caldo e salatissimo lavarmi la faccia e un urlo graziato di mia cugina annunciava il suo orgasmo.
“Sei mediocre come cagna da lecco ma vedrai che imparerai “ disse alzandosi poco dopo dal tavolo e tirando meschinamente le cordicelle facendomi urlare.
Il silenzio regnò per qualche minuto nella sala e il mio panico aumentava come un uragano dentro la mia pancia,  poi Tiziana mi fece vedere le foto di come leccavo dicendomi” il tuo paparino sarà felice di vedere che ha una cagna come figlia” e così scoppiai a piangere e capii che dovevo fare tutto quello che volevano senza fiatare.
Dissi:”Ho  capito sarò la vostra schiava ma non dite nulla a papà” ora va meglio puttana hai finalmente capito chi comanda fu la risposta.
Come vuoi essere sverginata disse zia con un colpo secco o lentamente puoi scegliere ma sappi che sia in un modo che nell’altro ti sfonderemo il tuo così prezioso pertugio.  Lentamente per favore dissi bene allora farai tutto da sola !!!! Io non capii ma ci volle pochissimo per rendermi conto che forse era meglio un colpo deciso e tutto finiva.
Mi slegarono e in ginocchio leccavo Tiziana che quando perdevo il ritmo mi sculacciava con un bambù sfilato dal vaso dietro il divano i miei capezzoli erano rossi e gonfi oltre che doloranti.
Poco dopo vidi la mia sorte … Un cazzo non lungo più di 20 cm a forma di cono troneggiava al centro del sedile della sedia e con un gel venne unto, mia cugina mi sussurrò all’orecchio ”cagna ora ti sverginerai impalandoti su quel cazzo … che sembra così innoquo ma ti assicuro ti si spaccherà inesorabile sotto il tuo stesso peso, ah dimenticavo per non farti godere la tua amatissima matrigna l’ha cosparso di quel gel che da un po’ di pizzicorino “ e ridendo se ne andò, mi presero e mi legarono le caviglie alle gambe della sedia poi le braccia ai braccioli, zia mi schiaffeggio i seni fino a farli diventare di un bel rosso poi tutte e tre si sederono sul divano e cominciarono a toccarsi tra di loro.
Io ero in piedi appoggiata sulle braccia terrorizzata sapendo che il coso sotto di me non mi avrebbe dato scampo. I pensieri passavano veloci e ipotizzavo se mi fossi lasciata cadere mi sarei impalata in un sol colpo, oppure piano piano forse faceva meno male, ad un tratto zia poso il suo uccellone nero contro la figa di mia cugina che la implorava di non farlo mentre Tiziana la teneva ferma per le tette, un colpo deciso e sentii mia cugina urlare mentre zia la pompava come uno stantuffo di una locomotiva  infischiandosene dei lamenti  insultandola “ ti piace puttanella ti piace il mio cazzone senti come ti riempie tutta” mentre  Tiziana le schiaffeggiava le tette ballonzolanti  quel cazzo nero entrava e devastava la figa a mia cugina e lei si torceva dal dolore mentre io cominciavo a sentire la stanchezza e il mio bacino più volte cedette sfiorando con la mia figa la punta del cono sotto di me.  Soddisfatta così mia zia Adriana cadde a terra dolorante e piangente, Tiziana prese in bocca il cazzone nero gustando gli umori misti a sangue  di Adriana.
Il mio peso sembrava aumentare ogni secondo di più fino a quando sentii la punta del cuneo appoggiarsi alla mia fighetta, subito Tiziana Adriana e zia Patrizia si guardarono e Tiziana mi disse “puoi scegliere cagna, sfondati il culo o la figa ma ricorda che non sarai liberata fino a quando il cuneo non sarà entrato devastatando la tua verginità” a questo punto mi disarmai e singhiozzando cominciai a cedere fisicamente e il cuneo cominciò a sentirsi prepotentemente. Solo dopo pochi istanti che si appoggiò al mio sesso sentii un bruciore fortissimo tra le gambe una sensazione di bruciore e pizzicore intensissima che mi portò a singhiozzate come una matta, Adriana rideva rideva “schifosa mi apostrofava brucia il gel al peperoncino tra le tue cosce “ ed alzandosi mi prese per i capezzoli torcendoli, zia la riprese non spingerla si deve impalare da sola così potrà solo incolpare se stessa di essere una cagna in calore. Io chiedevo pietà supplicavo avevo la figa in fiamme ed a un certo punto iniziai a sentire distintamente le mie carni dividersi.
Cercai di resistere ma inesorabilmente cedevo cedevo fino a che un crampo al braccio mi fece scivolare impalandomi per un buon 10 cm. Credo di non aver urlato tanto in vita mia sentii una fitta partire dalla mia figa fino al cervello mentre il bruciore si intensificava a dismisura, caddi e tutto il cuneo mi si piantò dentro procurandomi un dolore atroce mi sentivo squartata come se due mani mi aprissero in due una pozzettina di sange colava sulla sedia e subito venne raccolta in un bicchiere urlavo mi contorcevo fino a che una pallina mi chiuse la bocca e una striscia di cuoio martoriava i miei seni in modo da lasciare segni rossi trasversali.
Mi lasciarono li impalata forse un quarto d’ora, a me sembrò un’eternità poi mi liberarono mi fecero alzare e il dolore lancinante mi provocò un ultimo soffocato urlo e mi accasciai a terra tenendomi la figa sporca di sangue tra le mani, mi portarono a letto io piangevo gemevo il bruciore era quasi scomparso ma il dolore era fortissimo. Patrizia mi preparò un bidet caldo che feci volentieri e poi mi rivoltò sul letto guardando il mio sesso spaccato allargò le mie grandi labbra ed esclamò “ sverginata ti sei sverginata non c’è dubbio ora bisogna farti il rodaggio, domani dovrai depilartela tutta, ora dormi cagna”.

Commenti [12]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *