la prima di Am

Mi piaceva molto. Non sapevo perché, ma il padre di Francesco mi attirava; mi piaceva sentirlo parlare e mi ero ritrovata a segnarmi domande da fargli e argomenti per essere sicura di non trovarmi senza niente da dire in sua presenza. Avevo paura di sembrare infantile.
Una sera, andai al cinema dell’oratorio ed ero seduta tra Francesco e suo padre. Immaginavo nella mia fantasia che non si trattasse di un caso, ma che avesse scelto di essere presente per stare vicino a me. Durante la proiezione, sentii la sua mano che si appoggiava al mio ginocchio, più o meno dove finiva la gonna a portafoglio che indossavo; mi sentii fremere. Misi sulle le ginocchia una felpa perché Francesco non si accorgesse di nulla.
Persi completamente la trama del film perché le sensazioni che quella mano mi davano erano fortissime! Avevo persino l’impressione di sentire i suoi battiti attraverso le dita. Finì il primo tempo e andammo a prendere una bibita, ma non potevo pensare ad altro: mi avrebbe rimesso la mano sulla gamba nel secondo tempo? Speravo tanto di sì!!
Le luci si spensero e quasi immediatamente sentii nuovamente la mano sul ginocchio; questa volta però lo sorpresi alzando la gonna per permettergli di muoversi sul mio interno coscia. Sentii un suo dito che arrivò a sfiora le grandi labbra attraverso gli slip; ero imbarazzatissima perché sapevo di essere bagnatissima: che figura stavo facendo? Poi indossavo delle mutande da bambina e non degli slip sexy come quelli che avevo visto nelle vetrine dei negozi, ma i pensieri svanirono perché le sensazioni cominciarono ad essere fortissime; pensavo che non dovevo farlo, ma era tanto bello!!
Sempre restando sopra lo slip, il dito trovò il clitoride e incominciò una carezza rotatoria; non ce la feci più ed esplose l’orgasmo più forte che avessi mai provato! Era il paradiso!!! Trattenermi fu durissimo, volevo urlare di gioia!
Si accorse del mio orgasmo e quando fu finito tolse la mano. Come ricambiare? Ci pensò lui: prese la mia mano e se la appoggiò tra le gambe: sentivo quella cosa dura e cercavo di massaggiarla ma non sapevo se gli faceva male; e se premevo troppo?
Aprì la cerniera dei pantaloni e io gli infilai la mano sotto le mutande. Era duro e liscio; toccarlo mi piaceva.
Lo sentii godere e mi ritrovai la mano bagnata; prese un fazzoletto e mi pulì, nel buio della sala.
°°°
La sera successiva trovai il modo di farmi accompagnare a casa dalla palestra in macchina dal padre di Francesco. Non avevamo ancora parlato di quello che era accaduto al cinema; lui parcheggiò l’auto nella penombra e spense il motore; forse voleva parlarne, ma non fu così: appena fermo mi prese il viso con una mano e se lo avvicinò alla sua bocca, la sua lingua mi aprì le labbra in un succoso bacio che non mi faceva per nulla schifo, la mano scese su un seno e lo strizzò. Ero piena di fremiti e lui le chiese: “ti va se ci vediamo domani con più calma?”.
“Certo che mi va, – risposi – non vedo l’ora!”
°°°
Questa volta mi ero preparata: indossavo una gonna con uno spacco molto aperto, per facilitargli il lavoro, una camicia bianca abbastanza spessa, ma senza canottiera e senza reggiseno e un paio di college senza calze. Il pezzo forte però erano gli slip di pizzo bianco che mi ero comprata al Coin nel pomeriggio. Prima di uscire mi fermai davanti allo specchio, allargai lo spacco e mi guardai lo slip; in trasparenza si vedeva l’ombra del pelo; per la prima volta in vita mia si sentivo sexy e la trovavo una sensazione bellissima.
Con la macchina percorremmo una strada sterrata in mezzo ai boschi e ci fermammo in uno spiazzo dove sicuramente non ci avrebbe visti nessuno.
Lui incominciò a baciarmi, toccarmi il seno, poi mi slacciò la camicia e incominciò a succhiarmi il seno; quando mi mise la mano tra le cosce era già fradicia, quando il dito le sfiorò il clitoride esplosi in un orgasmo e lanciai un urlo liberatorio.
Il respiro rallentò.
“Scusami per l’urlo…”;
“è bellissimo sentirti godere”.
Si abbassò i pantaloni mostrando un membro duro e dritto che già pulsava per l’eccitazione; lo presi in mano e avvicinai la testa per guardarlo bene; mi piaceva.
“Prendilo in bocca” disse.
Incominciai dapprima a leccarlo e poi a succhiarlo obbediente, sperando di essere abbastanza brava; mi piaceva succhiare quel coso, ma quando incominciò a spruzzarmi in gola rimasi leggermente sorpresa. Ebbi un conato che trattenni a stento, ma riuscii a evitare di vomitare. Poi ci ricomponemmo e tornammo verso casa.
°°°
Erano già due settimane che ci vedevamo in macchina; lui aveva incominciato a farmi godere baciandomela e io avevo imparato bene cosa fargli per farlo godere, ma quella sera avevo deciso di chiedere di più. Quando lui incominciò a slacciarmi la camicia lo fermai, mi tolsi completamente la camicia, la gonna e gli slip.
“Stasera mi trasformerai in una donna!” gli dissi decisa.
Fece una faccia meravigliata e felice: me l’ero rasata!
Un sorriso gli percorse il viso, prese i miei piedi uno alla volta e mi tolse le scarpe; ero imbarazzata; non avevo mai tolto le scarpe di fronte a lui; sapevo di avere dei bei piedi, ma non avevo pensato a mettere lo smalto! Li portò alle labbra e me li leccò dolcemente. Non me l’aspettavo. All’inizio fui un po’ imbarazzata, poi incominciò a piacermi.
Lasciò i miei pedi e non mi fece più molti complimenti. Pensavo che me l’avrebbe baciata un po’ e invece si abbassò i pantaloni in tutta fetta. Abbassò lo schienale del sedile si mise sopra; lo sentii farsi strada dentro di me, sentii un dolore abbastanza forte, poi una sensazione strana e un bruciore, poi un liquido caldo.
“Che scema, pensai, non vorrei essere rimasta incinta come è successo a mia sorella…”.
Avevamo finito. Tutto qui? mi sentivo confusa….
Scesi dalla macchina e mi accovacciai per svuotarmi il più possibile, c’era anche del sangue; poi mi rivestii e tornammo a casa.
°°°
Le serate successive furono molto meglio. Lui portava i profilattici e durava molto più a lungo; avevamo sperimentato tutte le posizioni possibili in auto. Quando andavano da qualche parte lontana lo facevo godere con le mani mentre lui guidava e se eravamo in autostrada glielo prendevo in bocca perché mi piaceva che i camionisti vedessero e ci suonassero il clacson!
Inoltre, ora che la mia porta principale era aperta, avevo incominciato a farci entrare quelli che mi piacevano, in fondo il mio uomo era sposato e non aveva certo smesso di andare con la moglie … quindi mi sentivo libera di fare quello che volevo.
Il mio abbigliamento era cambiato: tutte le gonne avevano ampi spacchi perché non si sa mai, i reggiseni erano del tipo che si può aprire dal davanti e le calze erano tutte autoreggenti. Mi era successo una volta di avere degli imbarazzantissimi collant davanti a un uomo e avevo deciso che non sarebbe mai più successo…
Stavo diventando consapevole che quella cosetta che avevo tra le gambe mi avrebbe dato tanta gioia e inoltre aveva già capito che bastava allargare leggermente le gambe per ottenere qualunque cosa.
Però su un principio era sicura: la porta di servizio sarebbe rimasta inviolata; sarebbe stato il mio regalo di nozze per quello che mi avrebbe sposata!

Commenti [3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *