La prima volta in quel posto lì

Hits: 1

Negli anni settanta non era normale come oggi andare a convivere con la tua ragazza, il controllo delle famiglie era maggiore, si guardava molto alla morale e al “cosa diranno…?” (a questa domanda a piacere si poteva aggiungere “gli zii, i nonni, il parroco, i vicini di casa eccetera).
Comunque all’epoca io avevo 27 anni e una sorella più piccola già sposata e con una figlia nata a 4 mesi dal matrimonio, quindi di scandali in famiglia ce ne era già stato uno ben più eclatante…
Essendo poi la mia ragazza straniera non c’era il problema dei suoi genitori. Lei ovviamente preferiva convivere, anche se con iniziali sacrifici economici, piuttosto che continuare a fare la ragazza alla pari in una famiglia molto rigida, con libertà solo nei week-end (e non sempre tutti…) oltre a una sera ogni tanto.
L’occasione capitò quando un mio zio architetto fu inviato dalla sua ditta in Iran per progettazioni commissionate dallo Scià (Khomeini sarebbe venuto mesi dopo). Sapendo delle nostre intenzioni ci propose di vivere in casa sua per sei mesi, fino al suo ritorno. Ovviamente accettammo con gioia.
Stavamo insieme da oltre un anno, con una breve pausa estiva, ma le occasioni di scopare non erano moltissime, se si voleva evitare di farlo in auto. Essendo squattrinati entrambi ci si accontentava di qualche ora a casa mia quando non c’era nessuno (cioè quasi mai) o in qualche alberghetto sulla costa o ai castelli romani (ma non ce lo potevamo permettere troppo spesso).
Quindi trovarsi in una casa tutta nostra a 27 e 22 anni non era affatto male.
Ricordo la prima sera con un letto matrimoniale a disposizione senza dovere guardare l’orologio o stare attenti al campanello della porta: scopammo senza ritegno per un bel po’ di tempo, prima di addormentarci esausti.
All’epoca avevamo già fatto quasi tutto, ma a me mancava ancora non solo con lei ma in generale, la conoscenza del buco di solito più riservato, quello posteriore…
Non ne avevamo neanche mai parlato in quanto con le poche occasioni di stare soli in intimità ci limitavamo a rapporti “normali” e sesso orale, reciproco.
In più la mia ragazza non amava la posizione “alla pecorina”, in quanto, diceva, non avvertiva bene la presenza del cazzo dentro di sé come nella posizione classica, del missionario; al massimo le piaceva sedersi su di me, farsi impalare dal membro in piena erezione e muoversi su è giù per farlo toccare e spingere dove desiderava lei.
Quella sera io ero a letto a leggere quando lei usci dal bagno e si infilò sotto le coperte con indosso una corta camicia da notte e le mutandine. Le sue lunghissime gambe si mostrarono nella loro interezza prima che tirasse su il lenzuolo, quanto bastava per distrarmi dalla lettura. Posai il mio libro e guardai verso di lei: aveva cominciato a leggere un libro a sua volta. Strusciando il sedere sul letto mi spostai verso di lei fino a raggiungere il contatto fra la mia coscia destra e la sua sinistra. Mi fermai per un po’ e attesi se c’era una risposta. Non ci fu. Allora mi girai sul fianco e infilai una mano sotto la sua camicia da notte: partendo dalla pancia salii pian piano fino al seno e cominciai a carezzarglielo tutto intorno fino ad arrivare ai capezzoli. Qui cambiai leggermente posizione e usai entrambe le mani: prendendo i capezzoli fra pollice e indice delle due mani glieli stimolai delicatamente come se stessi arrotolando qualcosa. A questo punto chiuse il libro, spense la luce sul suo comodino e mi girò la schiena.
“Vuoi vedere che non vuole fare niente, stasera”, mi dissi. Si mise in posizione fetale a ginocchia e anche piegate e il suo sedere venne a toccare il mio inguine.
“No, forse, ci siamo” pensai, e con le mani cominciai a carezzarle il culo, tirandole prima giù gli slip, che arrivati all’altezza della ginocchia si sfilò da sola. Le tirai su la camicia da notte fino al collo e mi appiccicai a lei da dietro, petto contro schiena, cazzo fra le natiche e ginocchia nell’incavo delle sue, come fossimo due formine combacianti.
Le mie mani tornarono sulle sue grandi tette, lavorandole con delicatezza e decisione al tempo stesso.
Ad un certo punto sentii la sua mano che cercava, trovava e prendeva il mio membro guidandolo nella sua fica da dietro. La lasciai fare, ma la posizione mi eccitava troppo. Dopo che fui dentro di lei mi mossi avanti e indietro avvertendo che era tutta bagnata. Quando il mio cazzo fu umido a sufficienza lo estrassi e posi la punta sul buco del suo culo, poi ci entrai con il dito medio, tanto per saggiare l’apertura e poi con indice e medio insieme. Lei lasciò fare, ma quando riprovai a infilare il membro ormai turgido e duro al massimo nel culo si mosse, mi disse “Aspetta” e si pose alla pecorina con le spalle molto più in basso del sedere che svettava in cima al letto. Mi disse: “Ora entra, ma piano, e usa un po’ di saliva…”.
Devo dire che per l’emozione del momento la salivazione era quasi azzerata, alla Fantozzi, ma qualcosa riuscii a fare uscire dalla mia bocca e con le dita quasi tremanti bagnai il buco del culo che sembrava piccolissimo. Mi misi in ginocchio, poi accoccolato dietro di lei per trovare la posizione migliore e tenendo fermo il mio cazzo con la mano destra, lo guidai in quel foro che quasi per magia si aperse e lo accolse pian piano. Quando ero dentro per metà mi disse di fermarmi e aspettare un po’; lo feci, poi a un suo cenno ripresi a spingerlo dentro fino a trovarmi con le palle che toccavano il suo culo. “OK, ora dai…”, esclamò sospirando, e io… diedi!
Cominciai a spingere e ritrarre, spingere e ritrarre per un numero di volte che mi sembrò interminabile, fino ad avvertire l’orgasmo che montava imponente. A questo punto afferrai le sue anche dall’esterno, le tenni ferme e spinsi a fondo più che potevo mentre venivo dentro di lei. Un urlo di liberazione usci non solo dalle mie labbra ma anche dalle sue, associato a sospiri e gemiti tipici dell’orgasmo femminile. Ci rimettemmo sul fianco rimanendo infilati l’uno nell’altra finche dopo un po’ di tempo il mio membro perse l’erezione e uscì da solo. Lei prese un asciugamano sul comodino (ce l’aveva gia pronto?) e se lo mise sotto per raccogliere il mio sperma che le usciva dal buco del culo. Lo guardai, il buco, sembrava largo il doppio di quello che avevo visto poco prima, ma poi anche lui si richiuse come un fiore la sera.
Un altro traguardo era stato raggiunto nella mia vita sessuale. Non ebbi il coraggio quella sera stessa di chiederle se anche per lei era stata la prima volta (per un insieme di motivi avevo la sensazione di no).
Quando le posi la domanda qualche giorno dopo tergiversò un po’, fu evasiva e arrivai alla conclusione che l’aveva gia fatto. Vistomi geloso mi fece ripetere subito l’esperienza dicendomi mentre la penetravo “Che ti importa del passato, pensa al presente e il presente siamo noi…”.

Commenti [12]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *