la principessa e il pirata

Hits: 7

Si sta trascorrendo una bella domenica di primavera fra amici, nel parco del quartiere, le farfalle svolazzano sui fiori, gli uccelli sobbalzano ad ogni movimento.
C’è un bel praticello ed abbiamo ricavato un piccolo campo di calcio, con le borse ed i rami degli alberi utilizzati come pali delle porte.
Siccome io sono la signorina del gruppo, come al solito, mi hanno messo in porta. Non perché sia particolarmente bravo in quel ruolo ma, anzi, perché non so proprio fare nulla. Totalmente negato, mi mettono lì che faccio meno danni.
Sono ben altre le mie doti e i miei compagni lo sanno.
Tutto questo forse deriva dal fatto che sono geneticamente ed intimamente (ma non troppo) femminuccia passiva, gentile ed educata non posso essere certo portata per sport atletici e di scontro.
L’unico rischio e quello di rompermi le unghie!
Generalmente partecipo a queste cose per amicizia ma, vi confido, soprattutto perché in estate è un deliquio di calzoncini corti, natiche, cosce e pettorali. Non vi dico, poi… i pacchiiiiihhhhhh!
Sono sempre tutta un fremito! Costantemente eccitata, con la fighetta posteriore bagnata.
Amo così tanto il calcio che all’interno di uno stadio potrei succhiare il cazzo a tutte due le squadre e agli allenatori, ai vice allenatori, all’arbitro, ai guardalinee, agli stewards, agli inservienti ed anche ai raccata palle, senza il minimo sforzo.
Accontentare tutto il pubblico sarebbe un lavoraccio, ma con un po’ d’impegno…
Se poi volessero mettermelo tutti nel buchetto caldo sarebbe ancora meglio, sai che festa, che fuochi d’artificio, nemmeno la finale del mondiale!
Veramente, per lo stesso motivo, amo tutti gli sport maschili, soprattutto di squadra ma non necessariamente, con la palla e senza palla, l’importante è che sia presente “l’attrezzo”, se è bello grosso si va alle olimpiadi.
Frullo come un passero, applaudendo i miei compagni ed anche i miei avversari, alcuni li conosco molto bene, so cosa c’è “sotto”… tante belle fave madama dorè! Tante belle fave!
La particolarità del ruolo del portiere, poi, oltre a quella di raccogliere palloni in fondo alla porta (nel mio caso anche “nella” porta) è quella di rimanere solo quando il gioco si svolge nell’altra metà campo.
In questo modo posso tranquillamente conversare con quelli che stanno dietro.
Magari allungare la manina e toccargli il pistolino.
Vi confesso mi sto comportando, io, signorina raffinata e sempre inappuntabile, in maniera poco elegante.
Il fatto è che mi prude la farfallina.
Ora vi spiego: la serata precedente, che doveva trascorrere in maniera tranquilla come tante altre, si era trasformata in uno sfrenato ed incessante carosello di trombate. In breve, ero uscito a bere una cosa con l’intenzione di rientrare presto, invece ho incontrato Giacomino, un caro amico (che, fra l’altro, oggi è qui a giocare con me) che mi ha fatto bere ma ben altro liquorino, dopo avermi infilzato come un tordo con la sua lunga lancia. Ma non finisce qui, con la mia approvazione ha pensato bene di invitare un conoscente, grande amante dei culetti depilati, a partecipare alla nostra festicciola. E’ anzianotto ma è un toro ed ha un affare grosso come un paracarro. Non finiva mai, ho goduto e miagolato forte come una gattina in calore ma mi ha lasciato il nido dell’uccello tutto rosso ed aperto come una cozza, una piccola tana buia che stenta richiudersi, dove avrebbe potuto entrare a dormire la stessa gattina, con annesso fastidioso pruritino.
Con il movimento, il filo interdentale delle minuscole mutandine fucsia che poco opportunamente indosso, incastrato fra le chiappe sfrega e tende ad “infilarsi”, soprattutto quando sculetto avanti e indietro di fronte alla porta. Questa cosa mi induce a delle rapide, imbarazzanti grattatine. Non certo una cosa da ragazza per bene.
A palla lontana odo una vocina dietro di me: “Fuffi, amore, cara, ti prude il sederino? Se vuoi sarei disponibile per una ripassatina emolliente”.
Aiuto! Questo è Berny.
Casa sua è sulla strada che costeggia il parco e deve avermi visto, lì in porta.
Appena sento la sua voce un brivido mi percorre la schiena, mentre una spruzzatina di liquido anale mi bagna i pantaloncini attillati mi passo la lingua sulle labbra e rammento il sapore un po’ particolare della sua cappellona. Un dolcetto.
Inizio a zompettare come una capretta dalla felicità.
Sono un po’ innamorata, è veramente un bell’uomo, alto e muscoloso, con uno scettro che nulla ha da invidiare a quello dell’imperatore del Sacro Romano Impero. E’ sposato e con prole ma non disdegna affatto le maialine aristocratiche come me. Mi ha sbattuta a dovere già un po’ di volte, dopo che ci eravamo conosciuti in un bar vicino all’università.
Ma sarebbe ben altro che una ripassatina, le sue sfrenate cavalcate sono terribili, quando finisce sono sempre tutta indolenzita con il delicatissimo culo tutto sbragato.
Con un tono il più zoccolesco possibile: “Mhhhh… Berny caro, oggi non è proprio giornata, sono infiammatissima, un fuoco, mi sa che lo lascio riposare. Ce l’ho tutto slabbrato, sono stata cattiva”.
Pronuncio queste parole ma già non ne sono convinto, sia mai che io rinuncio a farmi aprire da una verga così maestosa ed importante, con un padrone così bello e cattivello.
Ma sono veramente indisposta.
Forse.
“Dai Fuffi, amore, mi dispiace per il tuo culino ma oggi ci possiamo divertire almeno con la tua famelica boccuccia, sai quanto mi piace. Su, fiorellino, fammi felice”.
La parola magiche, “amore”, “Fuffi” e “fiorellino” sono il mio punto debole, quando mi chiamano così vado veramente in orbita, è bellissimo e non riesco a dire di no. Mi smuovono l’ormone femminile.
“No dai oggi proprio no, amore, la mia passerina non ce la fa. Vado a rifarmi il trucco e dopo ci sentiamo per qualche altra volta”. Rispondo io, comunque civettuola e sul punto di cedere.
“Dai dolcezza, solo per qualche bacio all’uccellino”.
Mamma mia come voglio farlo cinguettare quell’uccellino! Ma è un condor, altro che uccellino.
Attende poco lontano, io lo osservo con la coda dell’occhio, la partita termina e si decide di tornare a casa, tutti si disperdono. Ricevo un paio di proposte per la cena, ma declino, con la scusa che sono stanco e la notte precedente ho fatto tardi, Giacomino mi strizza l’occhio, lui sa che è vero. Quando fa così provo un certo rimescolio, quasi mi bagno ancora, solo a ripensare alla strapazzata che ho ricevuto da lui e dall’attempato Superman.
Sono proprio una troia, c’è già un altro cazzone che mi sta aspettando. E pensare che mi brucia il culo! Figuriamoci se non bruciasse…
Fingo di dirigermi verso casa ma vado piano e Berny mi raggiunge.
“Su bella dai vieni con me”, mi afferra per un braccio e mi indirizza verso un piazzale che si vede in lontananza. Accenno una blanda resistenza anche perché mi piace farmi un po’ desiderare ma poi mi incammino. Lui è accostato a me, sento la sua grossa nerchia contro la schiena, sopra il culo perché lui è un palmo più alto, mentre mi struscio sbrodolo come una fontana spanata.
Mhhhhhhh… il cazzone che spinge mi manda in orbita, è già duro come l’acciaio.
Mentre protesto, squittendo come un topolino e sculettando come Tony Curtis e Jack Lemmon in “A qualcuno piace caldo” mi dirigo comunque verso il piazzale.
Sono già stato lì con Berny, è uno slargo un po’ nascosto dove parcheggiano anche i camper.
Lui ne possiede uno piuttosto grande, vecchiotto ma in buonissime condizioni. E’ il luogo dove mi ha infiocinato le altre volte.
Apre la porta e mi “trascina” (o io trascino lui?) dentro. Appena entrati, siccome io continuo con i miei femminili urletti di protesta e provo ad allontanarlo mentre saltello da una parte all’altra roteando le chiappette sode, mi tira giù i pantaloni ed il perizomino rosa, a metà gamba in modo che non possa più camminare, sparisce la maglietta colorata (io, ovviamente, collaboro).
Apre un cassetto ed afferra un rotolo di nastro isolante nero, con questo mi lega le mani insieme.
Io sono una cagnolina giocherellona e comincio a fantasticare, lui è il bieco comandante dei pirati, al quale hanno ceduto la Principessina dopo averne abusato ripetutamente quelli che il giorno prima hanno assalito il bastimento che la trasportava ed ucciso tutto l’equipaggio. Si è salvata solo lei assieme alla sue damigelle che sono rimaste fra le grinfie della ciurma, che le sta inculando a non finire (fortunatissime!).
Il comandante ha portato la poveretta nella sua cabina e si sta apprestando a scoparla dappertutto, a violare ancora i suoi teneri orifizi. Lei non può fuggire perché è legata ed è rassegnata a subire con dignità la propria sorte.
Meschina!!!
Decido di far partecipare anche lui al mio gioco e con un tono di voce decisamente femminile: “Ah, crudele pirata non avrete mai la Principessa!”, tento di muovermi ma cado lungo disteso sulla branda che lui ha nel frattempo aperto.
Lui, abituato, sta subito al gioco: “Invece farai tutto quello che voglio altrimenti ti butto in mare, in pasto agli squali!”.
Mentre dice questo si mette davanti a me e si spoglia completamente, quando vedo i pettorali, addominali, palle penzolanti, annessi e connessi e soprattutto il suo magnifico trofeo teso e grosso come l’albero dell’immaginaria nave mi vengono le lacrime agli occhi dalla gioia!
Che felicità! Non mi importa proprio nulla del bruciore, lo voglio assolutamente!
Vede che anche il mio fringuello è eretto come un pennone e sorride, poi: “Ora, Principessa, me lo succhi e io ti lecco la passerina”.
Si mette a cavalcioni sulla mia faccia, sono costretto ad aprire la bocca ed a lasciarlo entrare. Nel frattempo si abbassa e mi succhia anche lui, appena appena, anche con dei colpetti di lingua sulla punta che mi fanno impazzire. Un bel sessantanove.
Mi scopa la bocca come fosse un culo, piantandomelo fino in gola, riesco a stento a respirare. Gli massaggio le chiappe e le palle mentre lui inizia ravanarmi l’orifizio sensibile, accarezzandolo e penetrandolo piano piano con le dita umide.
Le crespoline infiammate rispondono subito al tocco, gonfiandosi come una figa che attende di essere usata.
“Fa..te pia..no gurgle… crudele pir..ata gasp che già in troppi ergh… hanno appro…fittato della mia… garg.. patatina!” cerco di protestare ma ho la bocca piena e mi escono dei versi strani.
“Non è nulla quello che ti hanno fatto fino ad ora, adesso assaggerai un vero uomo!” risponde lui, ridacchiando.
Si toglie da sopra, mi tira via del tutto i pantaloncini, il perizoma resta lì, totalmente inutile, afferra nuovamente il nastro adesivo, mi slega le mani poi tira su le gambe e me le attacca alle braccia. Sono lì, appoggiato sulla schiena, largo come un estuario, il buco arrossato si potrebbe vedere da un chilometro.
“Siii! Sfogate le vostre voglie, avrete il mio corpo ma mai il mio cuore!”, aspetto il colpo di reni mentre lui si masturba lentamente guardandomi in faccia.
Si lancia ed entra come un camion in una galleria, a tutta velocità, non me ne risparmia neanche un centimetro, mi arriva fino allo stomaco.
“Ihhhhh! Cattivone! Ahiaahi! Mi distruggete!” strillo come Vanna Marchi.
Faccio un po’ di scena, in effetti brucia, ma ovviamente il gioco vale la candelona. Rotea i fianchi come volesse farlo adattare perfettamente, iniziano le spinte, micidiali. Afferra le cosce e molla dei colpi da buttare giù un muro, rimbalzo come una palla sulla parete del camper, sembra un martello pneumatico.
“Tieni Principessa… puttanella, ti spacco in due!”, si è calato nella parte, forse un po’ troppo…
“Piratone, Piratone mio!” squittisco, con una vocina femminile: “Siete un fuoco, il vostro cazzone è una spada rovente, sono totalmente vostra, fate ciò che volete di me!”.
Continua a pompare come un forsennato, le mie grida potrebbero servire come allarme antifurto, fortunatamente il piazzale è deserto e nessuno può sentirmi (che peccato, mi piacerebbe che qualcuno si accorgesse di quanto godo).
Mi schizza dentro tanta di quella sborra da mettere incinta un intero convento di carmelitane scalze ninfomani.
Mi slega e mi fa girare: “Ora lavalo bene, o ti uccido!” ordina.
“Una principessa non fa queste cose!” ribatto ma lecco goduriosamente il batacchione appiccicoso, manco fosse un cono gelato.
Il bastone non si è abbassato di un millimetro, è ancora duro come un piolo, come se non avesse ancora fatto nulla.
Adesso io sono messo come una pecorella, belante e sottomessa.
“Adesso ti faccio sentire il nostromo!” minaccia lui.
“Ah, ancora una terribile punizione!” gli rispondo.
Adesso il comandante mi ha ceduta al crudele e terribile nostromo, è gigantesco, con la faccia deturpata dall’orribile cicatrice. Il cazzo enorme, gocciolante e puzzolente.
Brandisce un coltellaccio col quale mi sgozzerà se non faccio tutto quello che desidera.
Me lo schiaffa ancora nel culo, che ormai è largo come il tunnel della metropolitana.
Altro che baciare l’uccellino!
Ho le crespe del culetto talmente infiammate che neanche una cascata di ghiaccio infilata dentro potrebbe far diminuire il bruciore.
Dura così tanto che ad un certo punto mi domando se finirà mai.
Io vengo di culo, una cosa lunga, ho paura che mi viene un infarto.
“Ahiaaaaauuuuuuuoooooooiiiiiiiiiih! Muoio!” esclamo mentre sporco la branda con i miei schizzetti.
“Ah, troietta, sei venuta!” continua lui “Senza il mio permesso!” detto questo mi sculaccia con le su manone.
Che bello!
Sta per venire un’altra volta, si tira fuori e io rimango lì aperto come una scatola di sardine.
“Tieni, bevi principessa”. Ordina perentorio.
Mamma mia come è buona, è nettare degli dei, elisir di lunga vita, più dolce del zibibbo.
Oramai anche il nostromo è crollato. Si accascia sul pavimento.
Li ho distrutti tutti!
Mi sembra di sentire rumoreggiare la ciurma che mi si vuol fare, ma, ahimè, è solo un’illusione.
Berny mi fa la gentilezza di accompagnarmi a casa in auto, anche perché i pantaloni sono inutilizzabili, tutti strappati e ciò che è rimasto delle mutandine rosa non copre nulla, mi da lui un asciugamani che mi lego in vita quando esco dall’auto.
Caro!!!
Gli lancio un buffetto e mi fiondo in casa.
Mentre salgo le scale fino al terzo piano mi dico che devo fare gli impacchi al culo.
Mentre sono lì sdraiata con una bella dose di cremina spalmata nel buchetto aperto squilla il telefono.
E’ Giacomino: “Ciao bellissima, sono qui con due amici, sai, gli piacerebbe …conoscerti…”. Da come pronuncia la parola “conoscerti” si capisce che dietro c’è tutto un programma.
Oddio! E ora come faccio, un altro equipaggio sta abbordando la mia barchetta, mi sa proprio che mi arrendo e lo faccio salire.
Tre marinai in una volta, le forze nemiche sono soverchianti, non si può dire di no.
Al culetto ci penserò dopo…
Chissà come sarà rovente!

Commenti [11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *