la ronda del piacere

Hits: 2

Scrissi questo racconto un bel pò di tempo fa, ora lo posto dato che ultimamente non ho avuto tempo di scrivere nuovi racconti, ma prometto (o minaccio, secondo i punti di vista) che domani ci provo a sfornare un racconto nuovo di zecca!
Rapine, stupri, assassini, ormai nessuno si sente più sicuro nelle nostre strade cittadine. Sicché Orazio aveva deciso di istituire una ronda di quartiere per contribuire alla lotta al crimine, ormai dilagante.
La notte della prima uscita della ronda, la moglie gli chiese: “Orazio, ma devi proprio?”
“Certo, bisogna farlo. Lo faccio per te e per nostra figlia, affinché non corriate il rischio di essere stuprate da una banda di Romeni!”, rispose pronto il nostro prode.
“Va bene, Orazio se senti di farlo…ma mi raccomando non correre troppi rischi, sii prudente!”
Moderno Ettore il nostro eroe salutò la sua Andromaca, diede la buona notte alla figlia e uscì fuori le mura dell’appartamento ad affrontare i feroci Achei.
L’aspettavano in strada i fidati compagni, reclutati per la ronda. Tutti bravi padri di famiglia, anche loro disposti, come Orazio, a opporsi agli sciagurati che minacciano la sicurezza pubblica.
“Bene, siamo proprio in tanti! Avete tutti lo spray al peperoncino?”
“Siiii!” risposero in coro i valorosi. “Io ho pure la mazza da baseball di mio figlio” aggiunse il solito esagitato, che non manca mai.
“Perfetto! Allora mettiamoci in fila per tre e cominciamo la ronda.”. Dato l’ordine, Orazio si mise in testa al gruppo, che partì disciplinato.
Nel frattempo in casa di Orazio, la moglie non aveva certo perso tempo. Subito aveva telefonato al bel giovane egiziano, che lavorava dal fruttivendolo,  ove era solita far la spesa.
“Pronto Amal, quel pirla di mio marito è appena uscito. Fai presto a venire che non abbiamo tutta la notte!”
“Cinque minuti e arrivo. Guarda che porto pure un amico!”
“Non sarà mica quel gran pezzo di negrone con cui ti ho visto parlare qualche volta?”
“Esatto, si chiama Iyabo ed è nigeriano”
“Perfetto! C’è mia figlia cha ha diciassette anni e ha l’ormone impazzito, lei va pazza per i bei negroni….del resto tutta sua madre”
La ragazza fece salti di gioia, quando la madre le diede la bella notizia. Le due donne decisero di ingannare l’attesa facendosi belle per i loro esotici amanti.
Quella notte era molto fredda e stava mettendo a dura prova il valore dei componenti della ronda.
Avevano incontrato solo un vecchio barbone e tre ubriachi polacchi.
Il vecchio barbone lo avevano  letteralmente preso di peso e l’avevano abbandonato nel quartiere vicino.  Con i tre ubriachi, avevano ingaggiato un’aspra battaglia, conclusasi con una tregua onorevole. Avevano, infatti, strappato ai tre appassionati di vodka la promessa che non avrebbero  
più lasciato in giro bottiglie dopo le loro sbronze.
Fu a questo punto della notte che dal gruppo si sentì una voce che disse ”Fa un freddo boia! Mi sono rotto, ma perché non ce ne andiamo a puttane…conosco un posto dove ci sono certe ucraine, che sono la fine del mondo”
“Chi ha parlato?” disse con tono inquisitorio Orazio.
“Io !” si fece avanti l’uomo della mazza da baseball.
“Bene! Facci strada!”
Con gran ardore la Signora cavalcava Amal, disteso sul divano del soggiorno. La figlia, data la giovane età, si divertiva a giocare alla povera ragazza bianca che viene violentata dall’assatanato africano. “Povera me…ti prego lasciami andare…un po’ di pietà” gridava e intanto spingeva il suo bacino contro quello del suo “assalitore”, per gustarne meglio il poderoso membro.
Nell’ombra, Redentor, il filippino di casa, si gustava lo spettacolo, che offrivano le sue padrone. Purtroppo a lui non restava che darsi piacere da solo. Nonostante gli appetiti sessuali delle due donne, il poverino non suscitava in loro il minimo desiderio, dato che è noto lo scarso sex appeal dei maschi del suo popolo.
Stanco di starsene sotto, Amal decise di avere un ruolo più attivo. Ordinò alla donna di succhiargli bene il cazzo, per renderlo bello vigoroso e pronto alla nuova impresa. Quando se lo ritrovò di nuovo in tiro e ben insalivato, con fare brusco girò la sua affezionata cliente e la inculò.
“Che bello mamma…mi sto proprio divertendo…però fai presto con Amal, ché lo voglio provare anche io!”
“Come sei impaziente amore…intanto goditi bene il tuo cioccalatone, che mamma ancora non ha finito!”
Orazio attendeva impaziente il suo turno davanti alla roulotte di Tatiana, che a detta di tutti era la più bella e la più richiesta. Quando finalmente poté entrare, constatò che la fama della ragazza era ben meritata. La tariffa era salata ma ne valeva la pena.
Tirò fuori l’uccello moscio e dopo pochi secondi Tatiana riuscì  a farglielo diventare bello duro.
“Non solo sei bella ma anche brava, anzi divina!” sussurrò Orazio, che per un attimo fu indeciso se godersi fino in fondo il pompino o provare anche la fica dell’ucraina.
Talmente era l’eccitazione che gli bastarono pochi colpi per venire. Avrebbe voluto, perciò, subito il bis, tuttavia il tempo a sua disposizione era terminato e fuori la clientela premeva. Dovette allora uscire e rimettersi in fila.
Dopo Iyabo, la figlia di Orazio si avventò con ingordigia sul cazzo di Amal, il quale di fronte a tanta foga non poté fare a meno di rivolgere alla ragazza parole tipo:”che gran puttanella che sei…troia succhiacazzi…”
La ragazza mostrò di offendersi:”Sporco marocchino non mi devi trattare così, chi credi di essere… adesso ti piscio sul cazzo. ”. E così fece, vedendola anche la madre seguì il suo esempio ”Bel negrone, pigliati anche tu un po’ della mia pioggia dorata, così ti ripulisco un pò”
Ma gli uomini non mostrarono di gradire molto la cosa e allora presero a infliggere lo stesso trattamento alle due donne, che viceversa godettero a essere umiliate in quel modo.
“Negracci di merda, siete solo capaci a violentare povere donne indifese”, ripeteva la ragazza, mentre si toccava la passera.
Quando l’orgetta finì, la Signora, da brava donna di casa qual era, pensò subito che bisognasse rimettere in ordine il soggiorno e perciò chiamò Redentor:”Red finiscila di menarti quel cazzetto che ti ritrovi e vieni a pulire sto schifo! Noi andiamo a farci una doccia e quando abbiamo finito, voglio vedere tutto a posto e i signori fuori!”.
Redentor, neanche rispose e si mise subito all’opera. Non gli era certo simpatica la Signora, ma non poteva spifferare niente al marito, perché in caso di cacciata della moglie fedifraga lui sarebbe stato sicuramente sostituito da una piacente colf polacca, conosceva bene i gusti del padrone.
Quando Orazio rincasò alle tre del mattino, trovò tutti a letto. Si sentiva stanco ma soddisfatto. Aveva fatto il possibile, per evitare che le sue amate donne finissero in balia di chissà quale balordo extracomunitario

Commenti [7]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *