la sauna

….era da un po’ di giorni che volevo prendermi un po’ di riposo e rilassarmi come si deve in una spa, cosi approfitto di un periodo di calma in ufficio per regalarmi due giorni di relax. Mi hanno consigliato questa spa sita all’interno di un ottimo hotel 5 stelle della zona, così mi inoltro per le varie stanze per farmi coccolare da mani sapienti e da trattamenti rigeneranti. A metà percorso dopo una serie di massaggi con oli essenziali mi consigliano di fare una sauna in modo tale da liberarmi di un po’ di tossine e riposarmi prima di passare ai trattamenti successivi. Non ho mai amato particolarmente le saune anche perché di solito sono luoghi molto piccoli dove a stento ci possono stare tre o quattro persone e il pensiero di sentire l’odore del sudore di qualcuno poco piacevole non mi attrae. Con mia grande sorpresa e diciamolo con sommo piacere in realtà si tratta di un bagno turco. La stanza è molto grande con piastrelle azzurre che ricoprono sia il pavimento che le pareti, il soffitto è parecchio alto ed al centro della stanza ce una modesta piscina fumante dove potersi immergere, cosi mi stendo su di un gradino mettendo sotto la testa uno degli asciugamani che mi sono portato dietro, e lasciando l’accappatoio appeso alla parete mi copro con un piccolo asciugamano bianco di soffice spugna, sono solo nella stanza anche perché essendo metà mattinata di un giorno feriale il centro è poco frequentato, chiudo gli occhi e mi rilasso cercando di non pensare a niente e nessuno lasciandomi cullare dal calore che proviene dalla piscina e dai vapori che la stessa emana.
Non so quanti minuti siano passati nel dolce cullarmi del far nulla non so se mi sono addormentato o meno fatto sta che ho un sobbalzo quando sento dei passi pervenire dalla parte opposta a dove mi sono disteso, e li ti vedo per la prima volta, una bellissima signora bionda penso sulla 50ina sicuramente ben portati, probabilmente non ti sei accorta di me o forse si ma discretamente scendi un paio di gradini e ti siedi con aria un po’ spaesata guardandoti in giro. Sei molto seducente lo ammetto avvolta in un grande asciugamano anch’esso bianco che ti fascia completamente non lasciando intravvedere nulla delle tue forme che spero ed immagino generose, l’unico particolare che noto sono le tue infradito rosa con un grande fiore bianco al centro quasi a fare pandan con l’asciugamano. Sono certo che mi hai visto anche perché guardinga hai girato il capo quasi a 360 gradi per renderti conto dell’ambiente e di chi eventualmente forse presente. Ammetto di non essere una figura minacciosa o dall’aria sospetta per questo mi pare di scorgere un tuo gesto del corpo rassicurante sulla situazione. Intanto mi sono girato di lato per meglio osservarti fingendo di continuare il mio dormiveglia con gli occhi socchiusi continuo ad ammirarti piacevolmente. Noto i tuoi folti e corti capelli biondi scivolare umidi sul tuo viso, non sei truccata se non fosse per un leggero eyeliner scuro intorno agli occhi, ti osservo iniziandomi ad eccitare mentre ti rilassi stendendoti sui gradini per godere anche tu del piacere dei vapori, l’asciugamano che prima ti copriva da sotto le ascelle sin quasi alle caviglie inizia ad essere di troppo, cosi con piacere noto che ora sei coperta solamente dello stesso asciugamano che ricopre me, steso sul tuo corpo a coprire i seni ed il basso ventre mentre l’altro ti fa da stuoia. Ammiro le tue belle gambe e la tua pelle lucida e senza il minimo segno di smagliatura, i tuoi piedini ben curati ed il tuo prosperoso seno che sebbene ricoperto dal piccolo asciugamano sembrano reclamare la luce e l’aria, immagino i tuoi capezzoli chiari e succulenti duri e turgidi, ed inizio ad eccitarmi. Ammetto è una situazione nuova per me ho sempre sentito parlare del piacere di guardare di ammirare di eccitarsi nello spiare una sconosciuta, ho sempre immaginato che si trattasse di situazione tipo commedia sexy all’italiana anni ’80 o di debosciati che spiano le coppiette dietro i cespugli ma mai la mai fantasia mi aveva portato ad immaginare una situazione tale. A quel punto vorrei vedere di più la fronte mi cola non solo per il caldo della stanza ma soprattutto per l’andrenalina che mi sta salendo su. Mi alzo e lentamente mi avvicino a dove sei stesa restando distante circa tre metri da te posizionandomi in tua direzione ma due scalini più in alto leggermente spostato sulla destra rispetto a dove sei. Di qui posso vederti in viso sei bellissima e con quell’aria spensierata mentre ad occhi chiusi ti gusti il calore dei vapori.
Sono sempre più eccitato tanto che a stento l’asciugamano che ho sulle gambe copre la mia erezione, continuo a spiarti cercando di aguzzare la vista il più possibile per godere di ogni parte possibile del corpo, ho la fortuna dalla mai quando un tuo gesto delle braccia fa scivolare via dai tuoi seni l’asciugamano lasciandoli completamente scoperti, non ti preoccupi di questo tanto è vero che non li corpi, mmm i tuoi capezzoli si sono come li ho immaginati duri e irti chiari e turgidi, li immagino mentre te li strizzo piacevolmente tra le mie dita mentre con la mano palpeggio il tuo seno e con le labbra li succhio, non resisto tiro via l’asciugamano ed inizio a masturbarmi senza ritegno continuando a spiarti.
Lo sento il mio cazzo duro nella mano vorrebbe di più vorrebbe scivolare sul corpo sentire la tua pelle morbida fiondarsi sui tuoi generosi seni sentire i tuoi capezzoli sul glande immergersi nelle tue dolci labbra, essere tintillato dalla tua lingua mmmmmm affondare nella tua fica, ma per ora si deve accontentare della mia non rude ma pur sempre semplice mano. Ancora un tuo movimento scomposto accavalli le gambe e l’asciugamano scivola giù per terra lasciandomi la visione del tuo biondo e quasi assente pelo, mmm che gran fica che sei bella signora penso tra me e me chiudendo gli occhi e velocizzando la mia sega.
Ma bravo porco!!!! mi sento urlare, nell’eccitazione e nella foga non mi sono accorto che hai aperto gli occhi per recuperare l’asciugamano e subito mi hai visto tre scalini sopra di te mentre nudo mi segavo davanti a te, sei in piedi con l’asciugamano recuperato ti copri e mi guardi con aria incazzata ma con un leggero sorriso sulle labbra, mmmii sccuussii fanfuglio mentre mi copro anche io il membro duro sotto il piccolo asciugamano, mi perdoni davvero signora non volevo e che lei è cosi bella e sensuale, sono le prime parole che mi escono quasi inconsciamente, a si certo mi rispondi tu e lei ogni volta che vede una donna bella e sensuale si tira un sega davanti a lei spiandola? A dire il vero è la prima volta che lo faccioooo e sa non so mi perdoni davvero ma… si ho capito segaiolo che non sei altro è la prima volta che vedi una donna bella e sensuale, noooo che mi faccio cioè che la vedo e, la confusione nella mia mente è totale, le parole che mi escono sconsiderate, la figura di merda totale, a si ho capito dici tu ma vaff….. e lasciando scivolare di proposito il piccolo asciugamano rimani completamente nuda per un’attimo sino a quando recuperi quello grande di copri e passandomi davanti vai verso l’uscita. Aspetti ti dico io timoroso prendendoti delicatamente per un braccio mentre mi passi davanti, mi permetta di scusarmi davvero, non so cosa accada in certi momenti quando da una situazione di imbarazzo totale per entrambi si passa di scatto ad una situazione diversa, per un lungo istante ci guardiamo negli occhi ci fissiamo, mi perdo nei tuoi occhioni chiari e forse tu nei mie occhi verdi, ci sorridiamo divertiti della situazione e poi contemporaneamente ridiamo, io mi chiamo Patrizia mi dici tu con un gran sorriso sulle tue labbra, io antonio ti rispondo, e Patrizia sei bellissima davvero, è un attimo i nostri asciugamani scivolano per terra ed i nostri corpi si sfiorano, il mio cazzo sempre più duro finalmente vede realizzare il sogno di quella mattina sfiorare la tua morbida e vellutata pelle, ti accarezzo il viso i capelli e poi le nostre bocche si incrociano le nostre lingue fanno conoscenza in maniera prima timida e poi sempre più passionale e avvolgente. Le mie mani sfiorano la tua pelle scivolano sulla tua schiena sino alle tue morbide e sode chiappe, sento le tue unghia graffiarmi la schiena e poi scendere per graffiarmi i glutei duri, sento il calore dei tuoi seni sul mio petto i tuoi capezzoli duri, la mia bocca scivola sul tuo collo la mia lingua lo percorre sino a giungere ai tuoi seni. Afferro un tuo seno con una mano lo stringo e strizzo nella mia bocca mentre le tue mani tra i miei capelli spingono il mio capo, lo succhio lo bacio mentre pervasi dalla passione scivoliamo lentamente per terra, continuo a baciarti scendo con la lingua lungo il tuo ventre ti bacio le cosce che generose si aprono offrendomi la visione della tua fica, mmm rasata rosea ed invitante, l’accarezzo con mano sfiorando le tue pulsanti grandi labbra, hai un sussulto per tutto il corpo e poi lentamente la mi lingua le accarezza mentre due dita la sfiorano, orami senza più pudori ne freni oscenamente a gambe aperte spingi il mio capo nella tu fica, la mi lingua percorre le tue grandi labbra, succhio la clitoride come fosse un piccolo cazzetto, due dita ti penetrano le sento inumidirsi e ardere dentro di te, continuo a leccartela e succhiartela sentendo gli spasmi del tuo corpo, assaporo avido ogni goccia dei tuoi dolci umori, sento le tue mani martoriare le mie orecchie stringerle ti vedo di sotto’occhio mentre ti mordi le labbra le tue cosce si aprono e chiudono sul mio viso quasi schiaffeggiandolo la tua fica ormai piena dei tuoi umori è come un fiume di montagna a primavera. Vengooo urli nella sala vuota e la tua voce eccitata rimbomba nel silenzio della stanza, adoro questo momento sentire nella mia bocca il tuo vorticoso orgasmo è uno dei piaceri indescrivibili che si possano avere, sentire il tuo corpo gemere di piacere la tua schiena inarcarsi e poi il tuo corpo lasciarsi andare a continui spasmi di piacere come fossero scosse di assestamento di un terremoto.
Alla fine del tuo piacere ti raggomitoli su te stessa, io mi sollevo e mi siedi godendo sulle mie labbra dei tuoi uomori ed ammirando la tua pace dei sensi. Poco dopo ti alzi rinvieni dal tuo coma del piacere mi guardi ti siedi al gradino sotto di me tra le mie gambe, come una gattina che fa le fusa ti sfrusci sulle mie gambe, il mio cazzo sempre più duro inizi ad accarezzarmi una gamba partendo dal polpaccio, allora che stavi facendo prima antonio? Mi dici con un sorriso malizioso iniziando a mastrubarmi, mi spiavi e ti segavi e bravo porco, sento la tua calda lingua sulle mie cosce salire salire, giocare con le mie palle succhiarle e sputarle via, mordicchiarle mentre mi seghi, e poi la tua bocca bollente mmmm la mia cappella sparisce nella tua bocca accogliente ed esperta. Siii Patrizia sussurro mentre mi sbocchini con vigore con le mani appoggiate sulle mie cosce in ginocchio mentre io sono seduto, siiii che bocca sento la tua lingua stilettare sulla mia cappella, le tue guance che succhiano il tuo capo che ritmicamente si muove mentre mi doni il piacere della tua bocca. Si sento il cazzo pulsare vedo i segni delle tue unghie sulle mie cosce sento la voglia di godere di te, ti fermi ti alzi ti siedi sopra di me, il mio cazzo scivola dentro la tua figa umida calda accogliente, sento il tuo calore tu senti la mia mazza, ti abbracci al mio collo limoniamo ed inizi a muovere sinuosamente il bacino avanti e indietro avanti e indietro, io muovo i miei glutei accompagnando la danza del tuo ventre. I nostri corpi uniti attaccati le tue tette spiacciate sul mio ventre, le nostre bocche infuocate le nostre lingue intrecciate, vengooo un fiotto di sborra bollente prepotente ti inonda la fica, sussulti anche tu godi nel sentirti riempita di sborra siiiiii tremolli dei nostri corpi sussulto nel venire più e più volte mi stringi limoniamo spingi il bacino sul mio corpo il mio cazzo è piacevolmente sparito dentro di te. Limoniamo ancora ho svuotato il mio piacere ma restiamo appicciati sudaticci ci guardiamo ridiamo con le labbra attaccate i nostri denti si sfiorano, devo andare mi dici, nooo ti rispondo io, vengo da te Patrizia in che stanza sei? È la numero 369 mi dici ma li ce mio marito che mi aspetta…. Ti alzi ti rivesti del tuo asciugamano, aspetta mi dici, torni dopo due minuti, è il mio numero chiamami guardone mi lanci un bacio con la mano e sparisci dietro la porta…

Commenti [22]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *