la suocera di mio nipote

Hits: 0

Io e mio nipote sono 2 anni che non ci vediamo lui abita e studia a Firenze ci sentiamo spesso per telefono,così due mattine fa.. ciao zio, sono Enzo sono arrivato da tre giorni sono a casa con la mamma(mia sorella),ho voglia di vederti per salutarti…allora vieni qui,vuoi che venga a prenderti?…si zio se vuoi e se non ti crea disturbo…ok di alla mamma che oggi pranzo con voi mezzora e sono lì,ho voglia di vedere anche gli amici..Informo Carla che è venuta anche lei per l’estate con sua figlia e i nipoti,li faccio alloggiare a casa di Marina salgo in auto e parto per il mio paesino in montagna 30 minuti di auto e sono lì,anche io voglio vedere mio nipote lo considero come un figlio quello che non ho mai avuto,poi ho voglia di incontrare gli amici di una vita che sono ritornati,sono molto contento.Sono arrivato suono a casa di mia sorella che vedendomi mi saluta calorosamente,io sono sempre il loro fratellino anche adesso che ho quasi 40 anni,mi porta sul terrazzo dove mio nipote mi salta addosso come quando era bambino adesso ha 22 anni,mi porta verso il tavolo dove c’è una ragazza carina che Enzo mi presenta come la sua ragazza Alessia anche lei studentessa di Firenze si sono conosciuti a casa di amici si sono piaciuti ed ora stanno insieme,sono scesi per due settimane e vogliono andare al mare,le dico che sono miei ospiti per il periodo che vogliono,lui mi dice di non voler disturbare anche perchè non sono soli,le dico che non mi importa li voglio da me,mia sorella è d’accordo,così dopo un pò d’insistenza accettano ma Enzo tiene a precisarmi che oltre a lui ed Alessia c’è Federica sua suocera,le dico che per me non c’è differenza avendo una casa molto grande,stiamo chiacchierando che arriva mio cognato in compagnia di una donna non molto bella,alta 170,una terza di seno,non grassa ne magra ma in carne nei punti giusti,labbra carnose,un bel sorriso,insomma piacente ci presentiamo,lei è molto simpatica chiacchieriamo,noto il suo sguardo è malizioso c’è qualcosa che mi attira,viene informata dalla figlia che passeranno dei giorni da me,durante il pranzo chiacchieriamo e mio nipote mi fa il terzo grado,mi chiede come stò,cosa faccio,se ho una donna,quando l’informo che ho comprato una barca nuova gli si illuminano gli occhi e mi dice che vuole vederla,le rispondo che è a sua disposizione.Il pomeriggio siamo pronti per partire,dopo avermi fatto i complimenti per l’auto le consegno le chiavi e le dico di guidare,quando giungiamo alla cittadina dove abito le donne sono incantate dal mare,siamo davanti al cancello che aziono con il telecomando siamo in casa le indico le camere,i due piccioncini scelgono la più isolata con servizio attiguo,mentre Federica prende l’altra,dopo aver visitato la casa ricevo i complimenti da tutti,le dico che la spiaggetta è privata,glie la indico,poi mi porto a bordo piscina dove vengo raggiunto da tutti. Mio nipote mi chiede della mia vita in questi anni,le racconto tutto così anche loro con me,Federica ha 47 anni,sua figlia Alessia ne ha 19,ed il marito è a Firenze che lavora essendo lui un ristoratore,ci organizziamo per la sera si decide per una pizza nella città vecchia.La sera era passata con i due piccioncini che tubavano,e con me e Federica che conversammo di noi per conoscerci meglio,la mattina mi svegliai e Maria la cuoca aveva già preparato la colazione e il caffè,io avevo addosso solo il costume in giardino Maria aveva preparato il tavolo,stavo gustando il caffè che Enzo mi raggiunge..buongiorno zio..ciao dormito bene?..si zio benissimo io e Alessia siamo stati sul terrazzo molto tempo prima di andare a letto,qui è bellissimo..sono felice per te,ricorda questa è casa tua,quindi,lei è Maria se volete qualcosa di speciale da mangiare chiedete a lei…arrivano anche le due donne,Alessia con una mini da sballo,imitata da sua madre,si siedono Maria le porta la colazione..Ho dormito come non mai,sei davvero fortunato a vivere qui…mi dice Federica,guardo Alessia..e tu hai dormito bene?..si grazie,è davvero bello..le dico di fare quello che vogliono,io devo assentarmi,c’è da fare la spesa Maria mi ha consegnato la nota,Enzo vuole accompagnarmi mentre le due vogliono sfruttare la piscina con la spiaggia,usciamo passo per il bar dove Daniela mi aspettava la sera prima per consegnarmi l’incasso,le dico di non preoccuparsi le presento mio nipote,poi passo da Roberta che mi dice che oggi arrivava un corriere che bisognava pagarlo consegno i soldi a Roberta ed andiamo al centro commerciale a fare la spesa,carichiamo l’auto e ci avviamo al molo,lo porto sulla barca le uniche parole che riesce a dire..zio è bellissima,è grandissima,..le dico che per stasera facciamo una sorpresa alle donne le portiamo a cena a Capri,chiamo Emilio dicendogli di formare l’equipaggio,mi dice che oltre lui servono altri due, le dico di trovarsi al molo per le 17,00.Quando rientriamo con le borse della spesa le due sono in piscina sono in un costume a due pezzi,Alessia ha dalla sua l’età che la rende bella (e lo è),Federica nel suo due pezzi ci sta bene,ha due belle gambe,il seno strizzato,ed il filo tra le natiche sode è affascinante e eccitante.Mentre pranziamo Enzo da la notizia della serata a Capri le due accettano,così il pomeriggio partiamo,ceniamo in un ristorante,mi accorgo dai loro discorsi che gli piacerebbe vistare l’isola,le dico che potremmo dormire in barca,ma c’è anche l’equipaggio,e che magari in questi giorni veniamo di mattina,il ritorno lasciamo i due ragazzi da soli,..volevano restare soli..mi dice Federica…si sono chiusi in cabina..le rispondo…beati loro..mi dice guardandomi con il suo sguardo da ammaliatrice.Nei giorni seguenti tra mare e piscina hanno una abbronzatura dorata che le rende belle,con Federica ci siamo conosciuti ancora meglio,una sera l’ho sentita mentre parlava a telefono con suo marito dicendogli che stavano benissimo,il mare,la casa,la barca era tutto bellissimo ma ..mi manchi tu amore,ho bisogno di te,è gia una settimana che non ci vediamo,mi manchi a letto,vorrei sentirti dentro di me….Una mattina Enzo mi chiese se poteva usufruire della barca con Alessia,e se c’era un posto dove sarebbero potuti stare da soli,gli dissi di si,e che Emilio sapeva cosa fare e dove portarlo.Così la mattina seguente presero il largo dicendo che sarebbero rientrati la sera,io e Federica condividemmo la mattinata tra il centro città dove comprammo un bel Branzino,e la cucina,infatti mandata a casa Maria io e lei ci mettiamo ai fornelli,..io faccio il pesce..io preparo l’insalate..essendo tutte e due in costume ammiravo le sue curve ormai era più di una settimana che non toccavo una donna,tanto che il mio fratellino ogni tanto pulsava alla vista di lei,così nello spazio della cucina ci sfioravamo spesso,così quando lei mi ha chiesto l’aceto balsamico senza malizia mi sono portato dietro di lei ed allungandomi per prenderlo in alto ho sentito lei sotto di me tremare,ho guardato e mi sono reso conto che senza volerlo gli avevo fatto sentire la mia erezione sul suo sedere,lei ha cercato dopo un brivido del suo corpo di buttarla sul ridere,ma mi sono reso conto che le era piaciuto,ci sono stati altri sfioramenti dove lei non si è sottratta,anzi mi dava la sensazione che li cercava,come il piegarsi spesso mostrando il sedere toccandomi la coscia,guardarmi spesso senza dire nulla,per poi quando veniva scoperta spostare lo sguardo,ho parlando spostare il suo sguardo tra le mie gambe,siamo a tavola gustiamo il pesce,mentre parliamo i nostri piedi si toccano,li scostiamo,ma dopo una risata per una battuta i nostri piedi si toccano ma non si scostano,il suo sguardo quando parliamo va dai miei occhi alla tavola,non riesce più a tenere il suo sguardo su di me,ma il suo piede adesso gioca col mio,poi alzandosi…faccio un caffè..la guardo mentre rientra in casa,noto che cammina molto lentamente ma sculettando,ammiro le sue natiche sono eccitato,ritorna con i caffè mentre lo sorseggiamo sento di nuovo il suo piede vicino al mio,stavolta libero da scarpe,sento impercettibilmente la danza che comincia con le dita del suo piede sul mio,si parla dei due ragazzi,si allude al sesso che sicuramente faranno,le dico che sicuramente Emilio li ha portati dove possono farlo in santa pace,in una piccola baia dove si può raggiungere solo via mare,dopo un sospiro..beati loro..si lascia scappare,io faccio finta di non capire,poi cominciamo a sparecchiare,riempendo la lavastoviglie si ripetono gli sfioramenti,penso che non posso resistere alla mia eccitazione devo fare qualcosa,andiamo a bordo piscina con lei che sdraiandosi a pancia sotto si sgancia il pezzo del costume che contenevano i suoi seni…mi spalmeresti un pò di crema? Guarda è lì sul tavolino,..mi alzo prendo la crema e comincio a spalmarla sulla sua schiena,sono di fianco a lei..la spalmo anche davanti?..le chiedo..no,grazie lo faccio io ..mi dice girandosi e dandomi visione di due seni belli pieni dritti,si spalma la crema ci incrociamo spesso con lo sguardo,ho il bozzo ben visibile..salgo a farmi una doccia,voglio fare un bagno in piscina…le dico entrando subito in casa,tolgo il costume mi fiondo sotto la doccia ho una erezione che è all’apice,comincio ad accarezzarlo,ho gli occhi chiusi,l’acqua che mi scorre addosso,sento una voce che chiama il mio nome,apro gli occhi con lei che entrando..il telefono..mi giro dandogli la schiena..scusami..no scusa tu il telefono suonava,ti ho chiamato visto che non rispondevi..ok le dico,poi sbadatamente mi giro per prendere il telefono uscendo dalla doccia e le dò la visione della mia erezione,il suo sguardo è fisso sui miei 20 cm,la vista del suo seno contribuisce ad alimentarla,cerco di nasconderla con le mani ma non ci riesco…ahahaha..lei ride..non preoccuparti non sono così giovane ne ho visti sai, anche se così ne ho visti pochi..mi dice ridendo ma senza togliere lo sguardo,siamo vicini io fisso i suoi occhi,leggo in lei la mia stessa eccitazione,mi piego quel tanto che basta per sfiorarle le labbra con le mie,lei non si scosta anzi resta lì,sento una sua mano spostare le mie dal mio membro,la sua lingua inumidisce le mie labbra cercando di aprirle,lo faccio ed un intreccio di lingue che lottano tra di loro,le mie mani sui suoi seni,i suoi capezzoli tra le mie dita,la sua mano è sul membro si muove,adesso l’altra sua mano è sulla mia nuca a tenermi fermo sul suo viso,le mie mani lasciano i seni e scendono sulle natiche di lei,un mio dito si intrufola sotto il filo che le divide,tocca il suo buchetto,la sua mano accarezza il mio membro salendo,quando è sulla cappella il suo pollice gioca su di lei passando e ripassando sul buchino per poi riscendere,la sua mano che teneva ferma la mia testa adesso accarezza il mio petto,la sua lingua non mi ha dato un attimo di tregua,ci stacchiamo dal bacio guardandoci,la sua mano lascia il mio membro sale sul mio petto ci attacchiamo di nuovo con le bocche,la prendo in braccio e mi dirigo verso il letto,la rimetto a terra ai piedi del letto mi stacco dal bacio ed con la bocca mi lancio su un suo seno e gli ciuccio il capezzolo..ahhh..sento il suo gemito,le tiro giu il costume che lei allontana con un piede,mi guarda..ti voglio..comincio a baciarla scendendo verso la sua vagina ben curata con un piccolo ciuffetto di peli sul Monte di Venere,la mia lingua è sull’entrata e salendo percorre la fessura fino ai peli,la faccio girare e dall’interno cosce sale attraversando il solco,la schiena per finire sul collo,un suo lobo e tra le mie labbra,il mio membro è sul solco una sua mano lo raggiunge lo stringe,ci lasciamo cadere sul letto la mia testa è tra le sue gambe,lecco le labbra,poi l’interno,vado alla ricerca del suo clitoride,dopo averlo trovato comincio a torturarlo,mi aiuto con le dita,i suoi umori colano copiosamente,un dito va a stuzzicare il suo buchino posteriore, il mio mignolo si fa strada in esso..sii ti voglio dentro ti prego..non l’ascolto,continuo il mio lavoro di lingua il suo clitoride adesso si e ingrossato di molto,la sua vagina ha un buon sapore..non fermarti continua così che mi fai morire..sento fremere il suo corpo,intuisco che tempo due linguate e raggiungerà l’orgasmo,allora la lascio e posizionandomi sfrego il mio membro sul suo clitoride ed affondo in lei con molta calma in modo che lei apprezzi ogni centimetro che entra in lei,le sue pareti vaginali aderiscono al mio membro catturandolo e alcune sue zone sono più strette ma alla fine sono tutto dentro di lei che ha intrecciato le sue gambe sulla mia schiena,muovendo i suoi piedi vuole che cominci a muovermi,lo faccio tempo due avanti e indietro che ..siii vengooo che belloo…si allaga,adesso comincio a muovermi più velocemente,la mia bocca si impadronisce dei suoi seni ,tintilla i capezzoli duri come chiodi,sciolgo il nodo formato dalle sue gambe intorno alla mia schiena e tenendole aperte a V la penetro sempre di più,lei comincia a gemere..ohhoo uhmm,si così più forte. una sua mano va sul suo Monte di Venere a lisciare i peli,per spingersi sul suo clitoride con un movimento circolare che aumenta sempre di più fino a..sii vengoo..con il suo bacino che si alza forsennatamente,in tutto questo ho dimenticato di indossare il profilattico,esco da lei che…aspetta si gira e lo prende in bocca cominciando un pompino,in pratica con me in ginocchio ed il mio membro nella sua bocca lei distesa sul letto con la testa a piè del mio membro a bocca aperta, la scopo in bocca,un mio dito è dentro di lei…voglio ancora stare dentro di te ..le dico,lei si rigira e si piazza a 4 zampe,con le mani si apre la natiche dandomi visione dei suoi buchi,opto per la vagina la penetro sempre molto lento..si così lo sento tutto..una volta che le sono dentro inizio una danza con sottofondo del mio inguine che sbatte sulle sue natiche,la tengo per i fianchi,il sudore scorre sulla mia fronte ed alcune gocce cadono sulle sue natiche,adesso la mie mani sono su di esse,l’accarezzano,a volte la colpisco a mano aperta su di esse,lei che adesso mi incita ..si è bellissimo non ti fermare continua… adesso un mio dito gioca sul suo ano si fa strada ed entra in lui andando a ritmo con il mio membro,la sento gradire molto,anzi me lo dice..si mi piace anche lì,non fermarti.. continuo imperterrito a pompare dentro di lei sento che è molto vicino al piacere,mi rendo conto di non poter resistere più per molto,aumento il ritmo con lei che mi avvisa che sta per godere..siiecco vengoo..senza perdere tempo indosso un profilattico che avevo a sua volta preparato e tento di incularla,lei si rende subito partecipe anche leccandomi col profilattico in modo che sfili meglio,è invitante entro dopo un po di resistenza nel suo sfintere,la pompo per una decina di minuti con pause dove vado a cercare con le mani il suo clitoride,che lei sta già strapazzando,le dico che sono al termine della corsa,mi fa uscire dal suo culo,mi toglie il profilattico..adesso riempimi con la tua crema ,la voglio sentire dentro di me..la penetro e dopo poco le riverso un fiume di sperma dentro di lei,che mi fa restare dentro fino a che diventi floscio,poi baciandomi mi dice..adesso tiralo fuori..lo faccio,con lei che alzandosi si mette una mano a mò di tappo ed entra in bagno,io sono in piedi davanti il terrazzo dopo aver fumato una sigaretta la raggiungo la vedo sotto la doccia che mi invita a raggiungerla lo faccio,ci accarezziamo,lei baciandomi..grazie ne avevo voglia,certo che anche tu però non scherzavi,mi è piaciuto molto..aveva incominciato a detergermi il sapone sul mio membro e dopo averlo lavato con l’acqua l’aveva imboccato ed iniziato un pompino,guardandomi negli occhi,con le sue mani sui miei capezzoli,dopo una decina di minuti mi poggio con le spalle al muro e prendendola sotto le gambe la penetro fino a che non mi riverso ancora dentro di lei,dopo averci asciugati ci accomodiamo nudi in terrazzo e fumando insieme una sigaretta mi dice..non ho tradito molte volte mio marito,ma questa volta e nei giorni che sto qui lo faccio con piacere,ti chiedo solo di non farlo capire ad Alessia,peccato che stiamo lontano altrimenti…la sera quando rientrano i ragazzi ci trovano in piscina con lei sdraiata su un lettino ed io in acqua,ci salutano sono felicissimi sprizzano gioia da ogni poro,quando esco dall’acqua Alessia si avvicina mi bacia sulla guancia..grazie zio…mentre mio nipote si avvicina e..domani vorremmo andare a Capri e Ischia cosa ne dite?..io e Federica ci guardiamo bene telefona ad Emilio e andate e divertitevi,…La sera ceniamo con allegria una cenetta preparata da Federica,mentre le due rimettono a posto chiamo Enzo e le allungo 1000 euro..questi ti servono per domani,prendi e zitto..dopo poco arriva Emilio che avevo chiamato precedentemente le dico l’itinerario dei ragazzi,le allungo delle banconote per lui e l’equipaggio anche per il pranzo,beviamo un limoncello in giardino ed Emilio a mio nipote..Allora domani mattina alle 7,00 vi aspettiamo al molo a lei e la sua ragazza..Federica mi guarda e sorridendo mi strizza l’occhio…………..

Commenti [8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *