la trasformazione di Gianni parte 1

Hits: 1

L’aveva conosciuta in discoteca, e se ne era subito invaghito, Gianni non era nuovo a queste “cotte” fulminee, ma quella volta ciò che gli successe, non l’avrebbe mai più dimenticato.
La sera stessa, l’aveva invitata a casa sua, tanto ormai viveva da solo, da quando la moglie lo aveva lasciato per andarsene con quello stronzo del suo vicino di casa, ma lei non aveva accettato – Corri troppo- gli aveva detto, e lo aveva lasciato con un palmo di naso.
Ma Gianni non si era dato per vinto, ed era tornato e ritornato in quella discoteca, fino a che una sera l’aveva rivista: bella, alta con quei capelli corti nerissimi, truccata come un’attrice, gambe lunghissime, ancor più evidenziate da una minigonna che non lasciava molto alla fantasia, insomma una dea, davanti alla quale Gianni si sarebbe inginocchiato volentieri….
E si era nuovamente buttato a capofitto, anche se lei era circondata da una moltitudine di maschietti sbavanti. Si era ricordata di lui, e della sua corte insistente, ed aveva riso, quando lo aveva rivisto, una risata di quella che lo facevano impazzire, quando alzava la testa, allungando la gola e lui l’avrebbe baciata a lungo su quella pelle liscia come la seta….
E nonostante, già la prima volta gli avesse detto che lei non era un tipo per lui, Gianni, nuovamente si era gettato, sicuro che prima o poi lei avrebbe ceduto.
Era troppo bella, Gianni non aveva mai conosciuto una ragazza come lei, sensuale e provocante come Ryan, si perché il suo nome era Ryan, strano, e particolare come lei.
Ma quella sera, complice forse la luna, Gianni l’aveva avvicinata e l’aveva baciata, in bocca, a lungo.
E le lingue si erano incrociate, avevano giocato, e le mani di Gianni si erano incollate su quei magnifici seni, duri e sodi, per poi scendere fino a toccare quel culo perfetto, due chiappe che lo facevano impazzire.
E lui sarebbe sceso fino a baciarle i piedi se ancora una volta , quando si erano staccati, Ryan gli aveva detto di lasciar perdere, perché lei non era il tipo per lui. Ma non c’era verso, Gianni la voleva ed in un modo o nell’altro….
Trascorse diverso tempo, fino a che, una sera durante la quale Gianni l’aveva tampinata per ore, Ryan gli disse: -Se vuoi stasera possiamo andare a casa mia, ma ricorda il rischio è solo tuo….- Gianni credette di svenire.
Allora ce l’aveva fatta, quella sera sarebbe stata sua, se la sarebbe scopata fino a farle dire basta!
Pensò anche a cosa avesse inteso con quelle strane parole…ma non troppo, l’eccitazione era tanta…
Erano appena le undici, e di solito non si usciva dal locale prima delle due… Tre ore di attesa, tre ore lo separavano dal paradiso….Alle due, Ryan si alzò, e passandogli davanti per uscire gli fece, o almeno così gli sembrò, un cenno d’intesa…. Gianni era fuori di sé per la gioia, ed appena Ryan uscì, le fu subito dietro.
Ryan non abitava molto distante, ed in dieci minuti giunsero a casa. Mentre parcheggiava, Gianni ebbe modo di notare che si trattava di una villetta circondata da un giardino.
Ryan lo attese sul cancelletto, poi entrarono insieme, percorrendo il vialetto di ghiaia attraverso al giardino.
Gianni era eccitatissimo, ed anche agitato, tanto che inciampò due volte prima di entrare in casa.
Ryan buttò le chiavi sul mobile dell’ingresso dicendo: – Vado a farmi una doccia, a fra poco, se vuoi versati da bere..-
Gianni rimase in piedi accanto al mobile bar – Ma si – pensò – Un goccio è proprio ciò che ci vuole -, e si versò un’abbondante dose di whisky.
Era una bella stanza, arredata con gusto, e sicuramente anche senza badare a spese…
C’erano soprammobili etnici un po’ ovunque, ma certamente non carabattole da mercatini..
Dopo un po’ sentì Ryan muoversi e girandosi verso la porta rimase fulminato: lei era apparsa sulla porta, con una vestaglia trasparente che ne esaltava ancor più le forme, si vedevano sotto il tessuto trasparente i seni che pur non sorretti, si ergevano sodi contro la stoffa, indossava solo gli slip, sotto i quali si intravedeva una macchia scura.
Gianni ebbe un’erezione immediata, la salivazione gli si era azzerata, accidenti se era bella….
Lei si sedette sul divano e con un gesto della mano lo invitò a fare altrettanto.
Gianni, senza staccarle gli occhi di dosso, le si sedette vicino, respirandone il provocante profumo.
– Ecco, finalmente sei qui, ci sei riuscito a venire a casa mia..- gli sussurrò, sorridendo in tono quasi provocatorio – .
Gianni, risvegliandosi dallo stupore le si avvicinò, fino a posare le labbra sulle sue, Ryan schiudendole, gli rispose al bacio, che si trasformò quasi subito in un gioco di lingue.
L’eccitazione di Gianni era alle stelle, il cazzo gli doleva, ma ora finalmente avrebbe raggiunto il suo scopo….
Le sue mani iniziarono a scorrere lungo tutto il suo corpo, il seno sodo e profumato, sgusciò, come per incanto dalla vestaglia, e Gianni, subito vi si tuffò, con voluttà, senza mai fermare le mani, lungo la curva dei fianchi, sul morbido ventre, giù, fino ad incontrare..un cazzo!
Gianni fra lo spaventato ed il sorpreso, ritrasse di botto la mano, e si staccò da Ryan…
Nella sua testa esplosero mille fuochi d’artificio, un’alluvione di pensieri gli travolse il cervello: ma come? La più sensuale delle ragazze della discoteca, la più affascinante femmina che lui aveva conosciuto aveva il cazzo! il cazzo! il cazzo!
Non poteva essersi sbagliato, quello che aveva toccato era proprio un cazzo, il cazzo di un maschio, ed anche duro e teso….Ryan lo guardò negli occhi, e gli disse: – Non te lo avevo detto che non ero tipo per te? –poi, quasi in un soffio , mordendogli il lobo dell’orecchio, mentre con la mano gli stava entrando nella lampo dei pantaloni :- E’ un grosso problema per te?- Gianni si riebbe dalla sorpresa, soprattutto sentendo la mano calda di Ryan che aveva iniziato a masturbarlo dolcemente, ma non rispose..
Socchiuse gli occhi, mentre lei prendendogli la mano, gliela appoggiò sul suo cazzo…Gianni non ebbe alcuna reazione, ed afferratolo dolcemente, iniziò a sua volta una lenta masturbazione…
In fondo, lei era lì, bellissima, sensuale e desiderabile più che mai, ed il desiderio di lei era ancora fortissimo in Gianni.
Dopo qualche minuto, Ryan avvicinò la bellissima bocca a Gianni e lo baciò appassionatamente, poi gli guidò il capo , offrendogli il turgido seno.
Gianni era inebetito, ancora la sorpresa lo stava rimescolando, ma il profumo ed il contatto di quella pelle setosa, lo risvegliò, ed iniziò a succhiare avidamente quel seno come fosse un lattante..
Ryan lo lascò fare, per un po’, poi, con dolcezza, lentamente,ma con fermezza, appoggiatogli le mani sul capo, lo gli spinse in basso.
Gianni si trovò ad un centimetro dal viso quel cazzo, duro e gonfio, lo guardò da vicino come mai aveva avuto occasione di guardare così da vicino un membro maschile.
Sentì Ryan che disse, dolcemente, ma con un tono diverso da come l’aveva sempre sentita, quasi fosse più un ordine che un desiderio: – Succhialo! -.
A questo punto, Gianni, che mai e poi mai avrebbe pensato di fare una cosa simile, aprì la bocca, e con un sol colpo, con l’esperienza di una vecchia puttana, lo ingoiò.
Tutto no, perché era grosso, -Forse più grosso del mio – pensò, ma ben oltre la metà…
Poi assecondando il movimento che le mani di Ryan stavano dando al suo capo, iniziò a pomparlo, con le labbra ben strette a quel bastone.
-In fondo non aveva un cattivo gusto – pensò- in fondo le ragazze lo fanno abitualmente- ed a questo pensiero iniziò a mordicchiarlo leggermente intorno, poi lo tolse di bocca e lo leccò come fosse un cono gelato, facendo lo stesso di ciò che gli piaceva facessero a lui.
Ed in effetti ci stava riuscendo, perché sentiva Ryan che gemeva, e con le mani sul suo capo, lo stimolava a velocizzare il movimento – Sei meglio di una puttana! – la sentì ad un tratto dire- Questo, chissà come, e perché lo eccitò ancor di più, era felice di dare piacere alla sua Dea…Si impegnò maggiormente, lo ingoiò fino a sentirlo in gola ed addirittura ebbe anche qualche conato di vomito, poi lo toglieva di bocca e lo masturbava, lo leccava, prendendosi dolcemente in bocca tutto lo scroto, e sentendo chiaramente i testicoli…
Ryan scivolò ancor di più sul divano, con le gambe oscenamente aperte, posizionandosi meglio, e sussurrò, anzi sembrò più un ordina che una richiesta: -Leccami anche il culo!-
Gianni ormai senza freni, non se lo fece ripetere due volte, ed anche se con un po’ di titubanza, scese con la lingua ad esplorarle il buchetto, anzi le allargò un po’ più le gambe, e riuscì arrotolando la lingua a picchiarla, come la volesse penetrare..Era perfettamente pulito ed anche profumato, e contrariamente a quanto si sarebbe potuto pensare era proprio un piacere… …
Finalmente, Gianni si inginocchiò davanti a lei, ed iniziò a baciarle i piedi, salendo piano piano, fino a giungere a lambire le increspature del buchetto, ancora salendo poi, fino a farsi scivolare in bocca quel cazzo duro e svettante..
-Sei bravissimo! – gridò ad un tratto Ryan – Una bravissima puttana! – Lui era fiero di ciò che stava facendo, e con più lena prese leccarla, sempre partendo dai piedini curatissimi, salendo e soffermandosi sul buchetto, poi su per i coglioni, lungo l’asta, fino ad imboccarla nuovamente.
E fu proprio durante questo rito, che ad un tratto Ryan gli premette il capo, mentre lo aveva appena imboccato e sussultando gridò:- Bevi, bevi tutto, fammi godere nella tua bocca! –
Mentre così urlava, Gianni si sentì riempire la bocca di una crema calda, fra il dolce ed il salato, e non ebbe scelta, fra il soffocare, trattenuto dalle mani di lei, e l’inghiottire per poter respirare.
Tutto questo durò per un tempo che a lui sembrò interminabile, fino a che Ryan esausta lasciò la presa e si abbandonò sul divano.
– Sei stato meraviglioso – gli disse, – Proprio bravo! E’ la prima volta? –
Gianni annuì, mentre con la lingua fermò un’ultima goccia lungo quel cazzo che ancora si ergeva fra le gambe di lei.
– Vedrai, ti insegnerò e diventerai sempre più bravo!- Queste parole rintronarono nella testa di Gianni- Cosa voleva dire? –
Certo, in fondo non gli era proprio spiaciuto, sentirla godere nella sua bocca, anzi, lo aveva riempito di orgoglio, in fondo lui voleva, in ogni modo ad arrivare a compiacere quella dea…. e ci sarebbe riuscito…
Con questi pensieri Gianni si rialzò da quella scomoda posizione, e le si sedette accanto.
Ryan, anche se un po’ sudata e stravolta dal piacere era sempre bellissima, e Gianni sentiva di essere stregato da quella creatura. Lei lo guardò con quei profondissimi occhi verdi, e lui si sentì rimescolare il sangue -_Ti è piaciuto? –gli chiese – Da morire – fu la risposta di Gianni, che si stupì da solo per queste parole spontanee.
Lei sorrise, si alzò in piedi davanti a lui, sollevò il cazzo e glielo posò sulle labbra – Allora succhialo di nuovo, succhialo bene, fammi vedere che ti piace il mio cazzo, fallo godere.. –
Gianni, che non si aspettava una richiesta del genere, rimase un attimo interdetto, ma Ryan glielo appoggiò sulle labbra, e lui le aprì, docile.
-Succhialo bene – . ripetè lei e Gianni obbedì, Ryan capì che lo aveva in pugno, e sorrise trionfante.
Ancora una volta Gianni si trovò nella condizione di farla godere, ma non si sottrasse, anzi , messole le mani sul culo se la tirò ancor più a se, per sentire più a fondo il suo cazzo in gola.
Ed ancora una volta Ryan gli venne in bocca, chiamandolo puttana, ed ancora una volta Gianni bevve tutto il suo piacere, pulendole anche il cazzo, fino all’ultima goccia.
Finito che ebbe il suo compito, Ryan con lo sguardo cattivo, lo guardò e gli disse: -Bravo, ora che hai fatto godere la tua padrona, ora puoi menartelo, ti permetto di godere!Ah..ah..ah…-Gianni era frastornato, cosa era accaduto? Perché, ora l’atteggiamento di lei era cambiato.
Ormai aveva capito che Gianni era in suo potere, e che gli avrebbe fatto fare ciò che avesse voluto.
Lui aveva il cazzo durissimo, da un po’ e la voglia di dargli sollievo era tanta, e per un attimo lui aveva sperato che fosse lei a farlo, e glielo disse.
A questo punto Ryan si alzò in piedi, e con atteggiamento minaccioso gli rispose: -Senti piccolo stronzetto ciuccia cazzo, te lo avevo detto che non ero tipo per te, ora se ti và di restare qui, e di tornarci, farai esattamente ciò che ti dirò, altrimenti fuori, e non farti più vedere….cosa credevi? Di venire qui a sbattermi? Ti sei sbagliato, mio caro, sarò io a sbatterti, sarò io a fare di te la mia puttana, intanto ho capito che ti piace il cazzo, e non negarlo, perché quel coso che hai in mezzo alle gambe è più di mezz’ora che è duro, e testimonia che quello che dico è vero….Quindi se ti va di essere la mia troia, ora fai quello che ti dico e ti scarichi le palle, qui, davanti a me, altrimenti te ne vai, e chi si è visto si è visto.., allora?-
Gianni era rimasto sconvolto da queste parole, anche se del vero, in fondo c’era..Lui , pur di starle vicino, avrebbe accettato tutto, in fondo anche prendere il suo cazzo in bocca, non era poi stato tanto male, esitante, prese il suo cazzo fra le mani e con pochi colpi, tanta era l’eccitazione venne sul pavimento davanti a Ryan, che sorrideva…..
Ebbe così inizio un periodo della vita di Gianni, che non avrebbe dimenticato molto presto.
Ryan ne fece veramente la sua puttana, a sua disposizione, fino a costringerlo a dedicare ogni momento libero dal lavoro a lei, precipitandosi ogni volta che lei lo chiamava.
Iniziò anche a farlo vestire con una minigonna, ed a volte solo con un grembiulino, scarpe dal tacco alto, e truccarlo labbra ed occhi proprio come una puttana, ed iniziò a sbatterlo come una puttana.
Gianni ricordò per diverso tempo, la prima volta che lei glielo mise in culo, grosso e duro, gli fece un male boia, nonostante gli avesse già preparato l’ano con tanta crema ed un piccolo fallo finto.
Lo sbattè, chiamandolo puttana e troia, e gli venne dentro, inondandolo di sperma caldo, che poi gli fece ripulire dal cazzo, con la bocca.
Trascorsero così diverse settimane, ormai il cazzo di Ryan gli entrava senza più dolergli, e Gianni aveva imparato a camminare abbastanza veloce con i tacchi da dodici centimetri che lo obbligava ad usare, gli faceva fare le pulizie di casa, e non era raro che appena rientrata lo chiamasse per usare la sua bocca, o il suo culo, e Gianni doveva essere sempre pronto.
La ricompensa per lui erano le seghe, che lei, a volte gli permetteva di farsi, davanti a lei, o quando la accompagnava in bagno.
Gianni era ormai diventato un oggetto nelle mani di Ryan che lo usava a suo piacimento, ma lui accettava tutto di buon grado pur di starle accanto.
Una sera Ryan rientrò a casa accompagnata da un amica, una stangona mulatta, più alta di lei di almeno dieci centimetri, con un fisico da sballo, e forse per il color cioccolata della pelle, se possibile ancor più eccitante di Ryan, anche se con un atteggiamento che nulla faceva presagire di buono.
-Allora sarebbe questa la puttanella di cui mi dicevi? Vediamo se funziona! – e così dicendo fece scivolare la minigonna, scoprendo un paio di slip neri, molto fini che coprivano a stento un cazzo, ancora floscio, ma già di dimensioni notevoli…Si sedette sul divano, accanto a Ryan, attirando a se Gianni – Forza , fammi vedere cosa sai fare-.
Gianni esitò, e la mulatta gli diede un ceffone che gli fece fischiare le orecchie, poi rivolgendosi a Ryan: – ma non glielo hai detto, che deve obbedire subito? Subito!- Forza schiavo, – sentì dire da Ryan – Succhia quel bel cazzo nero della mia amica –
Gianni la guardò, e Ryan, ancora una volta senza dolcezza gli indicò il cazzo di Andrea, questo era il nome dell’amica.
Con la guancia rossa, ed ancora dolorante per il ceffone, Gianni si inginocchiò davanti alla mulatta, e scese a bocca aperta su quel cazzo nerissimo. Era ancora floscio, ma ben presto Gianni se lo sentì indurire, ed ingrossare in bocca.
Aveva un sapore molto particolare, un che di selvatico, ma fortunatamente si capiva che era pulito. il problema era che ingrossandosi, la bocca di Gianni a fatica riusciva trattenerlo, – Ma che fai? – grido Andrea,- Non sai fare un pompino ben fatto? Dentro, devi tenerlo, dentro! – e così gli dicendo gli chiuse, pizzicandolo, il naso.
Gianni sentì che stava soffocando ed aprì a dismisura la bocca, per poter respirare, ed il cazzo del trans vi entrò decisamente – Ah! Ecco, così, adesso pompa, troia!..-
Finalmente gli lasciò il naso, e Gianni riprese a respirare..Ed iniziò il suo lavoro..Intanto Andrea e Ryan avevano preso a baciarsi e da sotto vide che Ryan aveva aperto la camicetta di Andrea, facendone uscire il bel seno color cioccolata che si apprestava a mangiare..Nonostante l’umiliazione, nonostante la situazione, Gianni stava provando un certo senso di eccitazione, infatti il suo cazzo premeva sotto gli slip a fiori che Ryan gli aveva fatto indossare…
A volte Andrea, allontanava le mani da Ryan, per afferrargli la testa e dargli il ritmo, finchè ansimante, la sentì dire: – Ora vengo, dai bevi tutto, guai se ti fermi..- Mentre sentiva queste parole Gianni si sentì invadere la bocca e la gola da un getto denso di sperma salato, che non pareva avesse mai fine, Andrea gli spinse l’uccello fino in fondo alla gola e Gianni rischiò quasi di soffocare.
Finalmente finì, e mentre masturbava lentamente il cazzo di Ryan, la sentì dire: – E’ bravino, ma ha ancora bisogno di imparare qualcosa, gli hai già pisciato in bocca?Pensa che io avevo trovato un tipo , avrà avuto una 50ina di anni, un manager sporcaccione che oltre a prenderlo in culo, adorava che gli pisciassi in bocca.
Quando passava la notte da me, al mattino lo trovavo vicino al letto con la bocca aperta, glielo mettevo dentro e mi svuotavo la vescica, e lui…mi ringraziava..ah..ah..ah.. Poi, aveva una dolcezza incredibile nel pulire fino all’ultima goccia, potrei dire che..fosse innamorato del mio cazzo, era una sensazione bellissima vedere un uomo che ti fa da cesso..ah…ah..senza contare i soldi che mi dava, era diventato il mio bancomat..poi l’hanno trasferito, ma ha giurato che verrà ancora a trovarmi, perché non può starmi troppo distante…ah…ah..Vedi Ryan, noi abbiamo questo…- disse sollevando il cazzo, e con una mano sulle tette di Ryan – e queste che piacciono tanto a tanti uomini, ed allora? Se ci vogliono che paghino per averci!Non sei d’accordo? – Forza, tu – rivolgendosi a Gianni,-Non vedi che il cazzo della tua padrona è pronto? Cosa aspetti?-
In quel preciso momento capì che ormai aveva sceso ogni gradino e che era diventato lo schiavo, non solo di una , ma forse anche di due trans. Gianni si spostò, e si mise con impegno al lavoro sul cazzo di Ryan che ormai conosceva alla perfezione.
Confrontandolo con quello di Andrea, notò che forse era di diametro leggermente inferiore, in quanto lo accoglieva bene nella bocca, e che il sapore era diverso da quello della mulatta, forse meno salato…
E dopo qualche minuto, deglutendo in fretta, potè constatare che anche lo sperma aveva un sapore diverso..
Finito che ebbe di servire le due trans, Ryan lo mandò in cucina, per rimanere sola con Andrea.
Gianni obbedì, e non appena si trovò da solo diede sfogo all’eccitazione che aveva accumulato.

Commenti [16]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *