la vendetta dell’amica Simona

Hits: 5

Mi ritrovai completamente nudo e una posizione scomoda: legato ai quattro gambi di un tavolo ovale nella stanza di sala di Simona.
Simona è, o meglio era stata una mia amica fin dal liceo, non era bella, ma le piacevo ed io me ne ero sempre approfittato scopandola di tanto in tanto.
L’ultima volta fu a casa sua, ma feci l’errore di non accontentarmi della solita scopata; gli chiesi e ottenni anche il suo didietro. Non fu semplice, ricordo ancora quel pomeriggio di qualche settimana fa; suonai come sempre il suo campanello, appena mi aprì la baciai voracemente trascinandola quasi di peso sul divano. Sapeva che per me le era puro divertimento, eppure non si rassegnava, credo che pensasse che prima o poi sarei caduto tra le sue braccia.
Iniziai a slacciarmi i pantaloni senza dire quasi niente, la presi per la testa gli infilai il mio cazzo quasi dl tutto in tiro in bocca. Mi rendevo conto che la trattavo come una troia, ma la cosa non mi toccava nel profondo.
Gli tolsi il cazzo di bocca la tirai su e baciandola iniziai a toccarle l’inguine scoprendone il vestito, scesi sul suo seno, poi la girai la misi a pecora, le alzai la gonna, gli tolsi le mutandine e inizia a leccarle la fica. Simona aveva i fianchi un po’ larghi, ma io stavolta volevo il culo.
Più di una volta glielo avevo chiesto ottenendo sempre un rifiuto, stavolta volevo andare fino in fondo. Inizia e leccarle l’orifizio massaggiandolo con le dita . Lei si scostò, ma da sopra le dissi: “Simo, proviamo – cercando di nascondere l’eccitazione che mi divorava – quando ti faccio male smetto.”
Annui, non attendevo altro, posi il glande all’inizio del buco, le dissi di aiutarmi tenendosi le natiche parte con le mani, e iniziai a penetrarla. Non fu facile, avevo ben lubrificato il buco, ma era contratta. La cappella entrò, Simona emise un urlo, dicendo di fermarmi, ma io colmo di eccitazione andai avanti e poco alla volta entrai dentro di lei. Sentii lo scorto accarezzare il culo di Simona ero arrivato in fondo, mentre lei era rimasta senza fiato per il dolore. “Il più è fatto” dissi iniziando a pompare; sentivo scivolare il mio cazzo dentro di lei, non durai molto ero troppo eccitato e godetti quasi subito. Simona si ricompose a fatica, gli avevo fatto male, mi resi conto che forse avevo esagerato, ma cercai di salvarmi con una battuta: “Dai, la prossima volta andrà meglio.”
“Non so se ci sarà un prossima volta – disse invitandomi a uscire – ci sentiamo”.
Nonostante le mie telefonate la mia amica era sbrigativa averle sverginato il culo aveva reso Simona fredda nei miei confronti. Ci fu poi quella chiamata, mi invitava a casa sua per riprovare la sensazione, si sentiva pronta a riprovare. Rimasi stupito, ma l’eccitazione prese il sopravvento, non riflettei e andai subito a casa.
Simona mi attendeva nuda e mi disse che voleva giocare un po’ con me legandomi; acconsentii anche per cercare di riconquistare la sua fiducia, avevo il timore di perdere il mio “divertimento”.
E qui ritorno all’inizio del mio racconto.
Guardavo con aria interrogativa mentre Simona prese a sculacciarmi: “Ok – dissi dopo un po’- lezione capita – rimettiamo le cose a posto e riprendiamo il nostro gioco preferito?”
Suonarono alla porta, io terrorizzato per chi potesse entrare e vedermi in quello stato dissi: “Ehi aspetta ad aprire slegami e fammi rivestire.”
“Non preoccuparti e una nostra compagna di giochi”
“Una tua amica?”
“Vedrai”
Apri la porta ed entrò una mulatta, capelli lunghi neri, alta quasi un metro e novanta, gran seno e un culo che stava a stento dentro una minigonna di jeans: riconobbi in quella figura un trans.
“Ciao mi chiamo Amanda”
Prima di poter connettere, Amanda era nuda, con Simona che accarezzava il suo cazzo; capii la vendetta escogitata dalla mia amica. “Voglio farti sentire – mi disse sorridendo – come mi hai fatto sentire donna”
Simona mi venne davanti, mentre Amanda mi fu dietro. Sentivo le mani che mi accarezzavano, alternando a piccole sculacciate, poi mi prese le chiappe allargandole, chiusi gli occhi, pensando al dolore che avrei provato; ed invece sentii solo una sensazione di umido: mi stava leccando il buco del culo con la lingua. Potevo sentire la punta della sua lingua cercare di penetrarmi, un brivido quasi di freddo mi percorse la schiena quando un dito cominciò a farsi largo tra le pieghe del mio orifizio.
Simona mi guardava divertita, poi ad un cenno di Amanda andò verso una credenza, apri, prese una cintura, e quando si rivolse verso di me aveva legato alla vita un fallo.
“Voglio essere io a sverginarti il culo.”
Si portò dietro di me, Amanda si spostò di fianco, mi aprì le natiche e Simona iniziò a fare entrare il fallo. Dolore, sentivo dolore, cercai di gridare, ma Amanda mi fu davanti mi alzò la testa e mi infilò il cazzo già abbastanza duro in bocca: mi trovavo quindi legato con un cazzo di gomma nel culo e uno vero in bocca.
Questa situazione andò avanti un minuto, poi Simona disse: “Amanda girati, fatti leccare il culo a lui piace.” Il trans si girò, si aprì le chiappe e Simona mi spinse tirandomi per i capelli verso il culo di Amanda che iniziai a leccare. Intanto Simona continuava a far uscire il suo cazzo di gomma dal mio sfintere finchè non si stancò. “Guarda Amanda – disse – gli piace essere inculato guarda come è in tiro il suo cazzo, non ricordo di averlo visto così!”
Il mio membro si era irrigidito, lo sentivo duro come non mai. “Voglio farti vedere come si scopa – ribadì Simona. Prese una sedia la pose di fronte a me, fece accomodare Amanda e poi dopo essersi tolta la cintura si fece scopare la figa. Vedevo le tette di Simona sobbalzare mentre era in preda ad un orgasmo. “Fermati – disse Simona – fammi vedere come scopi di solito un uomo.”
Amanda ritornò dietro di me, mi sculacciò cercando di far rilassare i muscoli, poi dopo avermi bagnato l’orifizio, appoggiò la sua cappella mulatta sul mio buco e iniziò a premere. Sarà che ormai avevo il buco allargato dal cazzo di gomma, sarà l’eccitazione, ma sta di fatto che il pene di Amanda entrò con più facilità e facendomi meno male.
Sentivo distintamente le palle sbattere sulle mie natiche, mi immaginavo il mio buco aprirsi e richiudersi al passaggio di quel tubo di carne. Sentivo Amanda cercare il mio cazzo e iniziare a segarmi. “Vedo che ti piace” mi disse Simona guardandomi. “E’ proprio una grand bella troia con un culo bello stretto” gli fece eco Amanda.
Un paio di minuti e non riuscii a trattenermi, venni in mano ad Amanda che disse: “Sta godendo”.
Non finì la frase che sentì il trans ansimare e sbattermi con più intensità e inarcando la schiena sentii il suo cazzo contrarsi dentro di me. Sfinito capì che era tutto finito, Amanda fece scivolare il suo cazzo fuori dalle mie viscere a cui seguiì parte del suo stesso sperma.
Mi slegarono e finimmo sul divano dove ci addormentammo.

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *