Leo e la sua mamma

Hits: 7

Era l’estate del 1980, come ogni anno io e i miei genitori ci siamo trasferiti nella casa al mare.
Mio padre Andrea aveva solo venti giorni di ferie e nel restante periodo faceva il pendolare usciva la mattina in città e faceva ritorno il pomeriggio.
Io e mia madre Carla restavamo soli per quasi tutta la giornata. Sia io che la mamma avevamo, negli anni, avevamo conosciuto molte persone e le amicizie non mancavano. Le vacanze trascorrevano felici in compagnia.
Mio padre e mia madre erano due quarantenni molto affiatati, non avevo mai assistito ad uno screzio tra loro. Fisicamente erano entrambi attraenti, non molto alti abbastanza magri e ben curati.
Io, figlio unico, avevo quattordici anni, alto un metro e sessanta, mi assicuravano che ero simpatico e piacente.
Tutto iniziò una domenica, dopo pranzo dovevo uscire con gli amici per un piccolo giro in barca. Finito di pranzare salutai i miei e mi avviai verso il porticiolo.
Giunto a metà strada incontrai Gianni, un mio amico, che m’informò sul rinvio della gita perché si era rotto il motore della barca.
Decisi di rientrare per riposare un po’.
Entrato in casa non vidi nessuno, pensai che i miei genitori avessero avuto la stessa idea, mi diressi verso la mia camera. Passando davanti la camera dei miei udii qualcosa che sembravano lamenti, la porta non era della tutta chiusa e vi era un ampio spiraglio, guardai dentro.
Mia madre era tutta nuda e distesa sul letto matrimoniale, mio padre la stava possedendo steso su di lei.
Vedere mia madre a gambe aperte e mio padre che si muoveva in lei mi fece restare come di sasso, fermo immobile sulla porta. Non riuscivo più a muovermi e restai impassibile per un po’, mia madre aveva la testa rivolta verso di me e mi vide.
Invece di andar via la guardai. Mia madre, anche lei, credo, allibita spalancò la bocca ma non gli usci nessun suono. Continuavamo a guardarci e mio padre continuava a scoparla, passarono pochi secondi e godette dentro di lei. Sentendolo venire fu com’essere colpito da uno schiaffo, ritornai in me e scappai via nella mia camera.
Mi aspettavo che mio padre o mia madre venisse a sgridarmi per il mio comportamento, invece per tutta la domenica non successe nulla, forse non aveva detto nulla al marito.
Per tutta la giornata e l’intera notte avevo sempre davanti agli occhi quello che avevo visto. La cosa incominciò ad eccitarmi e per rilassarmi mi dovetti masturbare.
La mattina dopo, quando mi alzai, mio padre era gia partito per la città.
Ero seduto in cucina, per la colazione, quando mia madre si sedette vicino a me.
<< Non ho detto nulla a tuo padre, non ho voluto che soffrisse.>>
<< Grazie mamma, hai fatto bene.>>
<< Leo cosa ti è preso, fermarti lì a spiarci mentre facevamo l’amore. Siamo marito e moglie e naturale che certe cose accadono, scusaci se non abbiamo chiuso la porta, faceva molto caldo e tu eri andato via.>>
<< Non lo so cosa mi è preso, sono rimasto bloccato, eravate così belli mentre lo facevate. Tu, però, non ti sei scomposta e hai continuato come se non ci fosse nessuno.>>
<< Hai ragione, anche io sono rimasta per un attimo sorpresa non sapevo cosa fare. Poi vedendoti sulla porta fermo a spiarci, con tanta curiosità, mi hai intenerita e non mi sembrava giusto distoglierti e mandarti via. Spero che ti abbia fatto piacere vederci fino in fondo.>>
<< In principio ero un poco scombussolato, poi, ripensandoci, mi sono eccitato molto.>>
<<Ti sei masturbato pensando a noi che facevamo l’amore?>>
<< Si, mamma, soprattutto pensando a te.>>
Si avvicinò più a me e baciò sulla guancia.
Mentre si alzava, non so dove presi tutto quel coraggio e gli dissi.
<<mi faresti spiare ancora?>>
<< Perché vorresti guardarci ancora? >>
Abbassando la testa e arrossendo:
<< Non ho molta esperienza, qualche pugnetta con l’aiuto di qualche rivista porno e nulla più. Ieri per la prima volta ho visto una donna, dal vivo, svestita anche se no s’intravedeva granché. >>
<< Leo è normale, hai solo quattordici anni col passare del tempo capirai molte cose sul sesso.>>
<< Volevo imparare qualcosa di più, saresti una brava maestra.>>
<< Non è possibile, anche se dopo un forte imbarazzo iniziale mi sono eccitata anche io.>>
<< Lo vedi, l’idea piace anche a te, non faremo capire niente a papà.>>
Mi sorrise, solo come una mamma sa fare:
<< vedremo cosa si potrà fare>>
<< Dai, mamma, accontentami cosa ti costa, ti piacerà.>>
Restò in silenzio pensierosa, mi guardava, scuoteva leggermente il capo e dopo un po’ aggiunse:
<< Va bene vedrò di lasciare la porta un po’aperta, quando tuo padre avrà voglia di scopare.>>
Ero al settimo cielo e per la prima volta aveva usato il termine scopare, la cosa si faceva interessante, bisognava avere solo un po’ di pazienza.
Dovetti attendere due giorni interminabili. Mio padre era tornato da poco dal lavoro lo vidi confabulare scherzosamente con la mamma, lei mi guardò, vidi mio padre allontanarsi, mia madre si avvicinò e mi sussurrò di far finta di uscire perché papà aveva voglia di divertirsi con lei.
Così feci, uscii e feci ritorno poco dopo entrando silenziosamente in casa.
Carla aveva mantenuto la promessa la porta della loro camera era socchiusa. Mi avvicinai e iniziai a guardare attraverso la fessura. Lei era distesa sul letto tutta nuda, messa in modo che potessi vederla abbastanza bene, lui era steso tra le sue cosce e la stava leccando la fica. Appena lei mi vide iniziò ad incitarlo:
<< lecca, lecca più a fondo. Fammi sentire tutta la tua lingua dentro, siiiiiiiiiiiii come godo. Ancora, continua fammi venire.>>
Mi abbassai i bermuda e mi presi il cazzo in mano iniziando una lenta masturbazione.
Lui continuava la sua opera con grande impeto e poco dopo sentii mamma:
<< Godooooooooooooooooooooo, sono venuta, basta, basta ora tocca a me.>>
Fece stendere mio padre con la testa verso di me, in modo che non mi potesse vedere. S’inginocchiò con le spalle rivolte verso la porta, per far sì che potessi ammirare il suo favoloso culo e iniziò un fantastico pompino imboccando tutto il cazzo di mio padre.
La sua bocca scorreva lungo tutta la lunghezza del pene, si soffermava un attimo sulla cappella e poi lo ingoiava tutto.
Non riuscivo più a trattenermi e continuai a segarmi con più veemenza.
Mio padre ansimava fortemente:
<< Sei una pompinara meravigliosa, siiiii mi fai morire. Ancora, più affondo.>>
Smise di succhiarlo:
<< Adesso scopami, ho voglia di godermi questo stupendo cazzo tutto nella fica>>
Salì sopra di lui e s’infilò tutto l’affare dentro.
<< Siiiiiiii ti sento tutto fin dentro il cervello, come mi piace cavalcarti.>>
<< Dai salta più forte voglio sentire le tue chiappe sbattere su di me.>>
Dopo alcuni minuti, con il godimento di entrambi la riempi di sborra, mentre io godevo tra le mie mani.
Mi allontanai in silenzio e uscii dalla casa.
Rientrai dopo circa un’ora, lui non c’era, Marco un suo amico era passato ed erano usciti insieme.
Mamma mi abbracciò:
<< Soddisfatto dello spettacolo, è stato di tuo gradimento?>>
<< Mi sono eccitato tantissimo, mi sono dovuto masturbare.>>
<< Ho visto come ti segavi con vigore devi aver sborrato tanto.>>
Mi baciò teneramente.

Commenti [24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *