mani di fata

Attalos me lo aveva ripetuto più volte.
Ma io non avevo dato molto peso alle sue parole.
A vent’anni, quando un coetaneo ti viene a dire che la più bella ragazza del paese si diletta a masturbare qualunque cazzo le venga a tiro, giovane, vecchio, corto o lungo che sia, dai per scontato che stia sparando una balla colossale e, con una grassa risata, non prendi nemmeno in considerazione la cosa.
Se poi il coetaneo, Attalos, il mio più caro amico dai tempi dell’infanzia, ti dice che la ragazza in questione è Eirene… beh… allora ti convinci ancora di più che ti stia dicendo una gigantesca cazzata.
Eirene, diciannove anni, è di gran lunga la più bella e la più desiderata ragazza di Kato.
Un metro e settanta, un fisico da indossatrice, mora e con gli occhi grigi, Eirene è il sogno erotico di tutta la popolazione maschile (e anche di alcune esponenti del gentil sesso) dell’intero paese.
Un sogno, null’altro, perché tutti sono convinti della serietà e della riservatezza della ragazza, che la famiglia cura e protegge con grande attenzione.
Ma Attalos sa per certo che le cose stanno in tutt’altro modo.
Eirene, che lui ha soprannominato “mani di fata” (la fantasia non è il suo forte, mi sembra evidente), a suo dire è un’artista del cazzo, nel senso che adora far scivolare le sue belle mani su membri turgidi e duri, palparli e masturbarli, fino a svuotarli del loro prezioso seme.
Attalos insiste nell’affermare che è tutto vero, che gli è stato raccontato in gran segreto da persone di assoluta fiducia e serietà, e che la ragazza, a parte le seghe, non concede nulla di più a nessuno.
Il mio amico sentenzia che non c’è uomo, a Kato, che possa dire di averla scopata, o di essersi fatto fare un pompino dalle splendide labbra di Eirene.
Ma di lavoretti con le mani, la ragazza, a dire di Attalos, è la regina incontrastata.
Malgrado l’insistenza del mio amico, io ho continuato a perseverare nella mia incredulità di fronte alle sue asserzioni.
A tal punto che lui si è proposto di darmi una prova “tangibile” delle sue affermazioni.
Ho pensato, e ancora lo penso, che lui voglia farmi uno scherzo, mettermi in mezzo e farsi quattro risate alle mie spalle.
Ma gli voglio bene e, alla fine, ho accettato di stare al gioco.
Mi ha detto di aspettarlo oggi pomeriggio, alle sei, qui, nel bosco poco sopra Kato: a suo dire, porterà Eirene con sé, e mi darà una dimostrazione inequivocabile di quanto lui va dicendo.
Sono stato al suo gioco, e ho accettato.
Ed ora sono nel bosco, alle sei di un pomeriggio di un giorno di maggio, aspettando che lui arrivi e si sbellichi dalle risate per la mia ingenuità; io farò finta di arrabbiarmi, lo manderò a quel paese, provocherò in lui ulteriori attacchi di ilarità, e poi, amici più di prima, finiremo all’osteria per una birra.
Andrà così.
Sicuro.
Non potrebbe essere altrimenti.
E invece no.
Non andrà così.
Proprio per niente.
Il vento agita le fronde degli alberi e m’impedisce di udirli arrivare.
Ma quando, improvvisamente, vedo sbucare dai cespugli del sottobosco Attalos, seguito da Eirene, più bella che mai, capisco subito che ci sarà poco da ridere.
Il cuore mi manca un colpo, mentre i due mi salutano con le mani da lontano.
Quando mi raggiungono, capisco definitivamente che il mio amico diceva la verità e che nessuno scherzo si sta consumando a mia insaputa.
Eirene ha l’eccitazione nello sguardo ed il rossore che le imporpora il viso non è certo causato dalla camminata nel bosco.
Attalos, senza perdere tempo, ci dice di seguirlo, che lui conosce un posto tranquillo e appartato, poco più avanti, nel folto del bosco.
Eirene ed io lo seguiamo senza dire una parola, fidandoci ciecamente delle sue.
Attalos ci fa strada, Eirene lo segue, ed io seguo lei, ammirando le sue splendide gambe, lunghe e abbronzate.
Il tragitto non dura più di cinque o sei minuti.
Ci ritroviamo in una piccolissima radura, circondata da fittissimi cespugli di more, e ombreggiata dalle imponenti chiome di enormi querce e castagni: per terra è un tappeto di foglie secche, che frusciano sotto i nostri piedi.
Il mio amico sceglie un angolo quasi buio, ma siamo talmente lontani da tutti che l’eventualità che passi qualcuno è praticamente inesistente.
Lui si siede sul letto di foglie e, sorridendomi beffardamente (te l’avevo detto, no ? sembra volermi dire) inizia ad armeggiare con la cintura dei pantaloni: la allenta, fa scendere la lampo e, contorcendosi, si arrotola i jeans alle caviglie.
Poi si sdraia completamente, le mani incrociate dietro la testa, gli slip blu già rigonfi del suo giovanile turgore.
Eirene, se prima mi era parsa eccitata, ora si mostra letteralmente impaziente, divorata dalla voglia di passare le mani sul cazzo di Attalos: gli occhi fissi su di lui, la sento ansimare piano, come se avesse corso negli ultimi due minuti, ed il seno, nascosto dalla maglietta, si solleva al ritmo del suo respiro.
In un attimo si siede accanto ad Attalos e gli posa la mano destra sugli slip, premendo leggermente sul pene eretto, ma ancora costretto dalla stoffa dell’indumento.
Mentre Attalos chiude gli occhi con espressione beata, io li strabuzzo, quasi a farmeli schizzare fuori dalle orbite, ancora incredulo per quello che sto vedendo.
L’integerrima Eirene, la ragazza più bella del paese e che ogni madre vorrebbe avere come figlia, che accarezza uno slip di cotone maschile e la sagoma di un pene duro e fremente !
Senza quasi accorgermene, faccio qualche passo in avanti, in modo da avere una visuale migliore di quello che sta per accadere.
Eirene, con entrambe le mani, fa scivolare gli slip lungo le gambe di Attalos, portandoli ad ammucchiarsi con i jeans, alle caviglie.
Il cazzo, non più costretto, si erge prepotente, come avesse una molla che lo spingesse in alto.
E la mano di Eirene ora può, finalmente, scorrere libera sull’oggetto del suo desiderio.
Mi concentro sulla mano della ragazza, mentre il mio cazzo da segni inequivocabili di gradire, e anche di molto, la situazione in cui mi vengo a ritrovare.
La mano di Eirene.
Bella.
Bellissima.
Non ho alcun dubbio su questo.
Dita snelle, unghie lunghe senza smalto, i tendini del dorso in rilievo: una mano nervosa ed eccitante, che la sola idea di sentire sul mio corpo mi fa sciogliere l’anima.
Una mano, che per il suo innato e forte erotismo, non immagini ad impugnare una penna o a lavare i piatti del pranzo: è innegabile che la sua funzione, il suo destino, mi viene da pensare, sia quello di stringere un cazzo.
Una mano. Un cazzo.
Due mani. Due cazzi.
Il pensiero mi esplode nel cervello, come un fuoco d’artificio improvviso.
Ma è solo un attimo, un attimo di eccitazione incontrollabile.
La dimostrazione, la prova “tangibile” di cui Attalos parlava non prevede di certo che…
La mente mi va in cortocircuito.
La mano destra di Eirene si posa sulle palle di Attalos, ed inizia a risalire, leggera e impalpabile lungo l’asta spasmodicamente dritta, sfiorando ed accarezzando, le dita aperte, il palmo sulla carne.
Arrivata sulla punta, ridiscende, e poi risale, in un contatto così delicato da sembrare inconsistente.
Quando le dita si serrano attorno al membro, la bocca mi è diventata secca per l’eccitazione e l’attesa.
Ora la mano di Eirene lo impugna decisamente, scende verso le palle, e la pelle del cazzo di Attalos scivola in giù, seguendo quelle magiche dita.
La cappella violacea viene scoperta ed un primo sospiro di piacere sfugge alle labbra del mio amico.
E la mano torna a salire, e quindi ridiscende, al ritmo, lento ed ipnotico, di una sega appena accennata: Attalos è il ritratto della felicità.
Completamente rilassato, il mio amico ha riaperto gli occhi e tiene lo sguardo fisso su quella mano, prigioniero del piacere che Eirene gli sta donando.
Solo per un istante lo vedo girare la testa e fissarmi.
Ed è con il cuore in gola che leggo in quel fugace sguardo la conferma che la prova “tangibile” che Attalos mi aveva promesso vedrà anche me protagonista.
Il suo è un muto invito a farmi avanti, a non perdermi, a non lasciarmi sfuggire quell’occasione unica e irripetibile.
Mi sento imbarazzato e confuso, ma anche contento, felice ed eccitato: non vedo l’ora di sentire la mano di Eirene sul mio cazzo, sulla mia pelle sensibile e bollente.
Mi avvicino ancora un po’ e, lentamente, mi sdraio accanto alla ragazza che, seduta, continua a masturbare sensualmente il mio amico.
Dopo un ultimo attimo di incertezza, mi abbasso i pantaloni e gli slip, ritrovandomi nella medesima posizione di Attalos; il cazzo è un palo dritto, gonfio come non mai, già vicinissimo all’esplosione.
Eirene mi guarda e mi sorride: seduta tra noi, è talmente bella che mi accorgo di esserne, da sempre, segretamente ed inconsciamente innamorato.
Mi viene da pensare quanto lei sia eccitata in questo momento: immagino le sue mutandine fradice di umori, dolci e profumati, ed i suoi capezzoli, che intravedo sotto la maglietta attillata, mi appaiono duri e sporgenti.
Me la figuro nella mente, a sera, nel suo letto, nuda, mentre ripensa a quanto accaduto nel bosco, infilarsi due dita nella fica fino ad essere travolta da un orgasmo delirante…
Alla realtà mi riporta la sua mano sinistra.
La stringe gentilmente su di me, e la scossa di piacere che dilaga in ogni fibra del mio corpo è la cosa più vicina all’estasi che abbia mai provato.
Le sue dita, fresche e morbide, mi scappellano a fondo, con movimenti così straordinari che mi fanno capire, una volta di più, le sue eccezionali capacità di far godere un uomo con le mani.
Seduta fra noi, la guardo in viso e leggo come tutta l’eccitazione, che i due cazzi che sta masturbando le trasmettono, stia dilagando in lei, meravigliosa ed unica dea del sesso.
La destra su Attalos, la sinistra su di me, instancabilmente accelerano il ritmo delle seghe, rallentandolo ad arte, di tanto in tanto, quando i due peni palpitanti le comunicano tutta la loro urgenza di esplodere nell’orgasmo liberatorio; ci delizia e ci tortura, ritardando il culmine, il momento finale di quel pomeriggio incredibile.
Guardo il cazzo di Attalos percorso dalla mano di Eirene, e poi il mio esplorato dall’altra: e l’eccitazione rompe i freni, dilaga nella mia mente, travolge il mio corpo impaziente.
Eirene si accorge del nostro stato e, con consumata maestria, ci conduce verso il traguardo da noi desiderato.
Le sue mani scivolano ancora una volta verso il basso, ritraggono completamente la pelle dei due cazzi: le cappelle esposte vengono percorse per pochi attimi dalle sue dita, le unghie a strapparci brividi.
Poi li riprende in mano, alla base, e, velocemente, ci masturba, i suoi occhi a cercare i primi schizzi.
Veniamo quasi contemporaneamente con alti spruzzi di sperma, caldo, denso, bianco, fra gemiti e sospiri.
La pelle tesa dei nostri ventri è inondata, mentre le mani di Eirene rallentano sapientemente il ritmo, quasi fino a fermarsi, assecondando i nostri ultimi spasimi di piacere.
Guardo le sue mani strette sui nostri cazzi, e vengo travolto ancora una volta dal desiderio quando noto il seme caldo che le cola tra le dita e le imperla le unghie e la pelle…
Sono passati trent’anni da allora.
Con Attalos ci vediamo ancora, di tanto in tanto, quando i nostri ritorni a Kato, per le ferie, coincidono.
Ed ogni volta, scherzando, ci chiediamo se Eirene, emigrata in Canada al seguito del marito, ancora oggi, vicina alla cinquantina, sia alla ricerca di uomini da masturbare e da far impazzire sotto le sue mani di fata.
Io credo di sì.
Come si dice ?
Il lupo perde il pelo…

Commenti [9]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *