mia cugina Lavinia

Hits: 0

Il fatto accadde in una lontana estate, in un posto di mare non tanto lontano da Roma, il Circeo.
Quell’estate la trascorsi con mia cugina e mia nonna. La casa era piccola, due sole camere e quindi nonostante l’età io 19enne e mia cugina 16enne, dormimmo nella stessa camera. Tra noi la confidenza era massima, e fino a qualche anno prima comunque per me era la cuginetta, insomma non potevo pensare a lei come una donna, come una ragazza che mi potesse ispirare chissà quale fantasia. Fortunatamente la mia infanzia è stata piuttosto felice, di ragazze ne ho avute in quantità considerevole. Non sono mai stato un adone, ma nemmeno brutto..anzi, diciamo che riuscivo spesso a far colpo con l’aspetto fisico, con il modo di fare…e non solo…
Quell’estate fu una sorta di iniziazione per mia cugina Lavinia. Fino ad allora infatti aveva sempre trascorso le estati in famiglia con mamma e papà, ma quell’estate venne lasciata al Circeo appunto per studiare visto che era stata rimandata in un paio di materie.
Ovviamente vista la mia presenza, delle volte quando non gli andava di rimanere sui libri, si univa spesso a me, per andare in spiaggia dove io raggiungevo i miei amici. E fu proprio il suo primo giorno di mare, che mi lasciò il segno…non potei rimanere impassibile al suo fisico. Fino a qualche anno prima la vedevo come una bambina, poi persi di vista….non mi ero reso conto che Lavinia era diventata una ragazza davvero notevole. Non troppo alta, magra ma non troppo…forse una taglia 42 o 44… capelli lisci biondi, due belle gambe tornite, una caviglia fina, un culetto spiovente e piuttosto a mandolino ed un seno…ne troppo grande ma neppure piccolo, forse una seconda. Ovviamente la scrutai, minuziosamente cercando sempre di non farmene accorgere ne da lei ne tanto meno dai miei amici. Il fatto che per la prima volta ero attratto da una ragazza di cui non potevo esser attratto…mi eccitò da impazzire. Pensare che la sera avremmo dormito nella stessa stanza poi…
Gli presentai i miei amici, e notai subito che ai maschi non rimaneva indifferente anzi…qualcuno di loro mi si avvicinò in privato per avere informazioni in merito, se era fidanzata o altro…e io devo dire cominciai ad esser infastidito dall’interesse, ma ovviamente feci finta di nulla e rimasi vago sulle informazioni da dare…
Le giornate trascorsero e più passavano i giorni e più la confidenza tra noi si faceva intensa…mia cugina preferiva sempre più le giornate in spiaggia e quando non riusciva ad essere tra noi, comunque si univa la sera, dopo cena…
Dopo qualche giorno, una sera tornando a casa mi confidò l’interesse per uno dei miei amici, per me fu come una coltellata…ma nulla a confronto di quando due giorni dopo la trovai attorcigliata a questo su un divano della discoteca…
Quella sera la ricordo come fosse oggi, e nel ricordarla provo ancora un po’ di emozione…
Io trescavo con una ragazza della mia età, ovviamente di questa non me ne fregava nulla, oramai il mio chiodo fisso era lei, mia cugina Lavinia. Accortomi del fattaccio, cominciai a bere più del solito, ballavo stordito da ciò che avevo visto, dal frastuono della musica e dall’alcool in corpo. Presi Giorgia, la ragazza con cui trescavo e la portai sul divanetto di fronte a dove Lavinia e il mio amico si davano da fare…mentre mi baciai con Giorgia, fu più forte di me…e aprii gli occhi. Con mio grande stupore, notai mia cugina in una veste davvero insolita…si è vero avevamo bevuto tutti un po’ troppo, l’ora era molto tarda e nella saletta dei divani oramai rimanevano solo le coppiette.
Le sua minigonna era inesistente, la mano del mio amico era tra le sue cosce e lei era poggiata sullo schienale del divanetto. Il mio amico pressante la baciava ed era di spalle a noi, e lei con occhi sgranati mi guardava intensamente, quello sguardo mi ha accompagnato per tanti anni, ancora non posso dimenticarlo…è fisso nella mia mente. Mia cugina, un visetto angelico si trasformò in un attimo in una troia…gli occhi avidi di sesso, come mai li vidi in nessuna donna. La mano del mio amico si muoveva con ritmo intenso e costante…e lei scostava la sua testa per non distogliermi lo sguardo neppure un secondo. A quel punto decisi di alzarmi e andarmene, riaccompagnai Giorgia fingendo un malore e tornai stordito a casa. Mi misi a letto… e ovviamente non riuscii a dormire, le sensazioni forti che avevo provato non mi lasciavano tranquillo, ero eccitato, arrabbiato, innamorato, un connubio di emozioni. Avevo voglia di toccarmi ma allo stesso tempo ero troppo nervoso, passò del tempo, mi girai e mi rigirai…e dopo un oretta sentii la porta di casa che si aprii, ovviamente non poteva non esser lei. Appena entrata sentii un bisbiglio, mi resi quindi conto che non era sola, i passi me lo confermarono. Sentii il mio amico che fece resistenza ad entrare nella stanza, sapendo che dall’altra parte della camera c’era il mio letto. Le voci le sentivo anche se con difficoltà, parlavano molto sottovoce, ma non potei non sentire la voce di Lavinia che lo tranquillizzava dicendo che avrebbero fatto piano e che comunque io avrei dormito come tutte le notti come un sasso.
Entrarono di soppiatto, lei davanti e lui dietro trascinato per mano, si sdraiarono sul letto attenti a non fare il minimo rumore. La stanza era buia ma non totale, la finestra semiaperta faceva entrare quel poco di luce da rendere distinte le figure. Decisi di far finta di dormire, ero a pancia sotto e il viso inizialmente rivolto verso loro, lo girai dall’altra parte. Questo li bloccò per un istante ma appena il mio amico mi rivide immobile girato dalla parte opposta si sciolse e lo sentii piu convinto di prima. Deducevo le scene e le immagini, e dopo poco…cominciai a sentire dei mugolii soffocati…passò qualche minuto quando decisi di girare il viso cercando di non farmi notare, la scena fu spettacolare. Lavinia accortasi del fatto che ero sveglio, adagiò il mio amico sul letto in modo da non potermi vedere e lei…sollevatasi in ginocchio le si adagio sopra. Mi guardò negli occhi mentre le prese il pene duro, e con molta calma si sedette sopra…vece un sospiro, dedussi che in quel momento stava per esser penetrata e senza staccare gli occhi da me… cominciò a scendere fino in fondo…potei ammirare le sue tette tonde e sode muoversi con dolcezza…il suo ritmo di cavalcata era esperto, smaliziato, da donna matura…non da sedicenne…cominciai a toccarmi, mi misi su un fianco…e guardandola negli occhi…notai che il suo ritmo aumentò vertiginosamente…tirò fuori la lingua e si leccò le labbra con avidità…io cercai senza far troppo rumore di menarmelo piu rapidamente possibile…il mio arnese oramai fuoriusciva dai boxer…e quando cominciò a toccarsi le tette e a salire e scendere sul cazzo del mio amico in maniera frenetica…soffermando il suo sguardo sul mio cazzo…dopo pochi istanti venimmo tutti e tre insieme.

Commenti [11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *