mia mamma, Gennaro e il suo papino

Eccomi di nuovo qui con un altra storiella che vede protagonisti mia mamma, il mio carissimo amico gennaro e il suo papino P.
Ormai le scopate tra quella troia di mia mamma e il mio carissimo amico gennaro erano diventate sempre più numerose. Ogni volta che mamma mi baciava sulle guance potevo quasi sentire l’odore di cazzo di gennaro e la cosa naturalmente mi mandava in estasi. Naturalmente mia mamma era molto più rilassata e anche più provocante, aveva infatti comprato un paio di magliette che mettevano in mostra i suoi due super santos (ricordo che mia mamma ha una quinta di seno). Ormai non vedevo più filmini porno tanto bastava mia mamma e i 23 cm di cazzo di gennaro che ci davano dentro quasi ogni giorno. Anche gennar era diventato molto più presente, mi contattava spesso su msn o mi chiamava giù dove parlavamo di tutto, anche di sesso, naturalmente lui non mi diceva che scopava con mamma ma mi diceva tutto ciò che faceva con lei! mi trattava con un fratellino scemo mentre lui era il figo che ci sapeva fare. un bel giorno la mamma di gennaro dovette andare a casa dei suoi genitori per un paio di giorni e gennaro stava cn suo padre P. che però lavorava tutto il giorno e ritornava la sera, anche mio padre in quel periodo lavorava tutto il giorno e così succedeva che mamma scendeva a sbocchinare gennaro mentre io mi segavo dietro la finestra. I due avevano un ottima intesa sessuale , pecorina, carriola, spagnola…non c’era posizione che i due non avessero provato.
Un bel giorno mentre mia mamma saltellava sul palo di carne di gennaro arrivò la svolta! ormai avevo compreso che mamma fosse una bocchinara ma non pensavo che avrebbe potuto stupirmi ancora….mentra si faceva aprire in due dal mio caro gennaro entrò P. suo padre!
P. è uomo di circa 50 anni senza capelli, un bel pò di pancetta e peloso…è un uomo molto rozzo, senza pudore(in effetti gennaro aveva preso da lui) ogni volta che stavo a casa sua usciva spesso in mutande anche se c’era mia mamma o mia sorella presenti! Come si suol dire tale padre tale figlio P. aveva un cazzo che da moscio era bello grosso e naturalmente le mutande mettevano in mostra, quel porco era esibizionista anche con mia sorella e mia mamma presenti!
Devo ammettere che quando entrò in stanza ebbi un pò di paura…pensai che ora avrebbe sputtanato mia mamma con tutti i vicini invece sorrise e disse:
“ma guarda un pò la mamma di antonio….avevo sempre saputo che eri una grande zoccola ma non pensavo che avresti scopato con un ragazzo che ha l’eta di tuo figlio!”
mia mamma spaventata lo guardo e lo implorò di non dire nulla a mio padre e lui rispose
“mia moglie è tutta appesa ormai scopiamo ogni morte di papa secondo te ti sputtano? nono al massimo ti trapano!”
detto questo diede il cinque al figlio e si spoglio rimanendo in mutande…ragazzi aveva un cazzo bello grosso(non come quello di gennaro) e naturalmente le mutande non riuscivano a contenerlo…aveva la cappella che gli usciva di lato…
mamma riprese a saltellare sul cazzo di gennaro che nel frattempo si era ammosciato ma era rimasto ancora nella sua pucchiacca, mentre saltellava inizio a dare piccoli bacetti sulla capocchia di P. che intanto si stava bagnando sempre più…mia mamma poteva sentire quell’odore fresco di presborra e poteva anche assaggiarla.
Era fantastico sentire P. che diveva
“troia fino ad oggi ti sei accontentata del cazzo di mio figlio ma ora ti faccio sentire il cazzo un vero uomo, anche se mio figlio ce l’ha più grosso del mio io lo so usare meglio” e detto questo le fece un occhiolino e si abbasso le mutande liberando finalmente quel bel cazzo.
mamma inizio a fargli una fantastica spagnola leccandogli la cappella mentre gennaro non aveva neanche il tempo di far uscire la capocchia che mamma subito riaffondava sul cazzo.
P. era un uomo rozzo anche a letto non faceva che chiamare mia mamma con nomi offensivi come troia, baldracca, succhiacazzu, succhiacapocchia, puttana…purtroppo quella stronza di mamma non risentiva affatto di quei nomi anzi si eccitava ancora di più!
P. vedendo questo inizio a prenderla per i capelli e a spingerla fino in fondo fino alle palle…mamma soffocava avevo paura ma lei ogni volta che veniva liberata si rigettava spontaneamente sul cazzone di P. succhiandolo avidamente quel cazzo di uomo espertoe guardandolo negli occhi….
a un certo punto mamma gli disse che voleva provare come montana un maturo come lui… non l’avesse mai detto P. la mise a pecorina e inizio a penetrarla mentre mamma ansimava sempre più!
gennaro guardava e si segava non glielo ficcava in bocca solo perchè si eccitava nel sentire la troia urlare!i due ci sapevano fare quanto avrei voluto essere io al posto di mia mamma….poi P. la mise a pancia su e le apri le gambe e la penetrò ma mamma tendeva a chiuderle attorno a lui così da spingere il suo culo vero la sua figa ma P. si incazzò e le disse che era lui che comandava e chiese a gennaro di tenerle le gambe aperte… gli affondi si facevano sempre più forti il suo affonno sempre più veloce e iniziava ad emettere suoni cagneschi! fu così che mamma si preoccupò:
“P. non dentro non prendo la pillola e non hai il preservativo!”
e lui”Zitta troia ora che sborro nella figa così magari ti metto incinta e diamo un fratellino a quel coglione di antonio e un figlio bastardo a quel cornuto di tuo marito”
mia mamma” no dai ti prego….”ma la troia rivelò la sua vera natura e non solo lo imploro di spingere più forte ma gli chiese anche di riempirla tutta di calda sborra! quando P. caccio il suo cazzone vidi un fiotto bianco uscire dalla figa di mamma…lei guardò gennaro e disse:” che ne dici se mi riempi anche tu di calda sborra?” naturalmente gennaro non se lo fece dire due volte e proprio come il padre la sborrò dentro…
Mamma si rimise le mutandine e quando P. e gennaro chiesero se si voleva lavare lei rispose che voleva avere anche la sborra dentro bacio con la lingua i due stalloni e promise che la sera avrebbe cucinato lei…
Sali di corsa soprà…Mamma arrivo tutta felice e contenta…(la bucchina!)
e mi disse che visto che la mamma di gennaro non c’era avrebbe cucinato lei per loro
io gli chiesi cosa avrei mangiato io e lei mi rispose di riscaldarmi gli avanzi di ieri!
Quella troia a loro preparava la cena e io mangiavo gli avanzi! ma era giusto così…io ero una merda…un frocetto cn un cazzo piccolino….loro invece erano stalloni!
Arrivo la sera mamma scese e fece una bella cenetta ma preparò solo per due naturalmente gennaro e P.l’aiutarono tutto il tempo strofinando i loro cazzoni sul culo di mia mamma!
Mamma preparo il tavolo solo per due
gennro la pregò di restare e lei rispose:”Certo porcellino che resto! ho preparato per due perchè non ho fame…voglio solo un pò di latte caldo che berrò direttamente dalla bottiglia…”
Fu così che gennaro e P. mangiarono le delizie di mamma mentre mamma sotto al tavolo succhiava le delizie di gennaro e P.!

Commenti [7]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *