Mia moglie Carla . capitolo 7

Hits: 17

……….ripartendo dal (capitolo 6) vediamo cosa succede di bello. Per essere più brevi, i due giovani Nico ed Andrea, sotto la mia regia, iniziano a mettere in atto i miei consigli per riuscire a fare incontrare le due donne, le signore Carla e Wida, e coinvolgerle in situazioni di sesso che da tempo sono già coinvolte anche se separatamente. Carla ormai viene chiavata da Nico ed Andrea anche contemporaneamente ed anche la Wida ormai si trova nella medesima situazione, e quindi l’idea di metterle assieme nei giochi di sesso alletta i due ragazzi ma ancor di più me stesso che sono il marito di Carla; Carla che a suo dire non farebbe mai sesso con una donna, mentre la Wida, come da informazioni fornitemi dai due giovani, durante il sesso non disdegnarebbe affatto il coinvolgimento anche di una donna; bene!!! Questa notizia mi dava la direttiva di come iniziare questo nuovo gioco e cercare di riuscire con Carla, per vederla avvinchiata con una donna e non solo maschi.
Nico, approfittando dell’assenza per tre giorni dei propri genitori, decideva assieme ad Andrea e naturalmente me, di portare a casa le due donne, senza dir loro che ci sarebbe stata la presenza dell’altra donna; ognuna di loro pensava di essere sottoposta al menage a tre, cosa ormai in atto da tempo, e quindi, verso le 21,30, Nico, giungeva a casa nostra, Io ne ero già a conoscenza, dicendo a Carla di andare al piano di sotto nel suo appartamento. Carla mi guardava per chiedermi il consenso e visto che Io annuivo, andava in camera a prepararsi come Nico Le aveva chiesto di vestirsi, cioè la gonna con bottoni che al solo tirarla cadeva in terra, camicetta trasparente bianca, reggiseno nero e sandali a spillo.
Nico, mi aveva preparato un comodo posto di osservazione in una stanza al buio che mi consentiva, attraverso lo spiraglio della porta socchiusa, di godermi tutta la scena. Nico mi diceva di aver lasciato il portone di casa semiaperto e che avrei potuto raggiungere la mia postazione precedendo il suo arrivo con Carla. A Carla dicevo che sarei uscito per qualche oretta e che poteva stare con Nico senza problemi ed a suo piacimento; ormai era un’abitudine. Raggiunto l’appartamento di Nico e quindi la mia postazione, poco dopo giungevano Nico e Carla e si sedevano sul divano, e poco dopo Andrea si presentava a casa di Nico con la Signora Wida, il cui marito, viaggiatore per lavoro, sarebbe stato assente per 5 giorni. Quando Andrea e la Wida entrano in salotto, le due donne si guardano stupite tanto che nessuna delle due osava dire una parola, poi Carla, con fare normale come se nulla fosse, diceva ciao Wida e questa rispondeva ciao Carla. La Wida guardando i due giovani chiedeva, come mai siamo qui tutti e quattro senza che nessuno avesse detto nulla, e Carla anche lei domandava, sì infatti come mai nessuno, o almeno noi due donne non sapevamo nulla ? Nico rompeva il ghiaccio che si era creato dicendo, va bene è stata un’idea mia e di Andrea per farci un pò di compagni e stare tutti assieme, e contemporaneamente iniziava a riempire dei bicchieri con del Wisky offrendolo alle donne e poi ad Andrea e dicendo, ora facciamo un bel brindisi alla nostra amicizia. Anche se poco convinte anche le due donne rispondevano al brindisi. Nico, con una scusa entrava nella mia stanza chiedendomi consigli di come continuare la serata, acchè, Io gli consigliavo di mettere tutto sul piatto della bilancia come si suol dire, e dicendo alle due donne che ormai era chiaro che Wida era l’amante di Andrea e Carla quella di Nico, così ognuno avrebbe potuto iniziare a pomiciare con la propria donna; fra l’altro consigliavo di mettere un disco con ballo lento abbassando qualche luce per creare una migliore atmosfera, poi iniziando a ballare, ognuno pomiciando la propria donna, incominciava a crearsi l’abitudine per Carla e la Wida di vedere gli scambi di effusione delle due coppie, e quando poi queste si sarebbero eccitate, proporre più volte lo scambio delle coppie, ritornando poi ognuno con la propria donna e così via sino a quando le due donne non avrebbero fatto più caso quale dei maschi la stava pomiciando. Aggiungevo di non eccedere sino a quando non si fosse stati sicuri di poter procedere oltre. Nico, dicendomi di aver capito tutto ritornava in sala.
Nico, con sorriso sulle labbra, forse un po’ imbarazzato, dice, ragazze care, è inutile che ci nascondiamo dietro paraventi, tutti noi sappiamo che Carla è la mia amante e che Widda lo è di Andrea. Carla e Wida, un po’ arrossiscono in viso, ma poi è la stessa Carla che si alza, prende la Wida per mano e la fa alzare e dice, mia cara, non nascondiamoci, in fin dei conti noi due abbiamo fatto una bella scelta, abbiamo due giovani ragazzi pieni di voglie sessuali e li stiamo godendo senza alcun rischio o pericoli di rovinare i nostri matrimoni; sono giovani e fra qualche tempo avranno ragazze coetanee e si saranni dimenticati di noi, perciò, cara amica Wida, ormai gli altarini sono scoperti, e andiamo avanti senza problemi, nessuno saprà mai nulla e cerchiamo di divertirci mettendo in primo piano la nostra esperienza di donne più mature e cerchiamo, noi due, di volerci bene e mantenere questo nostro segreto. Carla nel dire questo abbraccia Wida sorridendo e la Wida risponde all’abbraccio dicendo, va bene Carla, continuiamo a divertirci così assieme riusciremo a tenere a bada questi due maialoni che ce ne combinano di tutti i colori. Wida poi dice, Io devo stare attenta a non essere scoperta da mio marito e per tale motivo a volte ho paura di accogliere Andrea a Casa, e Carla risponde, non preoccuparti, vedrai che un posticino per divertirci lo troveremo sempre. Nico, allora altro brindisi alla nostra tresca segreta ed andiamo avanti. Nico spegne qualche luce, poi mette un disco, musica lentissima, prende Carla per una mano ed inizia a ballare tenendola stretta, analogamente fa Andrea. Io vedo dalla mia postazione le due donne strette ai rispettivi amanti che mentre ballano quando si incrociano con gli squardi, sorridono facendosi talvolta l’occhiolino.
Inizia il rispettivo pomiciamento, Nico stringe sempre più Carla, facendo combaciare il forte gonfiore che appare dai pantaloni, al pube di Carla che sentendo la pressione della verga dura, si stringe sempre più a Nico, lo stesso accade fra Andrea e Wida. Vedo Andrea che mentre balla sbottona tutta la camicetta di Wida, fino a toglierla e lanciarla sul divani; Wida è con un bel reggiseno bianco, che evidenzia il gonfiore dei capezzoli di due belle tette, più piccole di quelle di Carla, ma indubbiamente sode e appetitose. Nico a sua volta toglie la camicetta a Carla lasciandola con un reggiseno nero che non riesce a contenere le grosse tette tanto da far supporre che quanto prima scoppiasse il reggiseno; nel ballare i due giovani avvicinano le donne e così possono guardare ognuno le tette dell’altra, poi ognuno bacia libidinosamente la propria, ma la prima a evidenziare il proprio stato di eccitazione è proprio Carla, che sta quasi perdendo la gonna, anzi vedo Nico slacciare l’ultimo bottone, e la gonna che cade a terra e Carla è ormai solo in reggiseno e minuscoli slip; ormai le due coppie ballano stando vicinissimi e vedo che Andrea approfitta per mettere una mano sul culo di Carla e Nico favorisce il gioco, e poi dice ad Andrea, a Te l’onore di togliere il reggipetto alla mia Carla, ed Andrea non ci pensa un attimo, pur tenendo a se la Wida, slaccia il reggiseno e Carla è con le tette al vento. La Wida, ride a questa scena, allora Nico, mette una mano sulle tette di questa, poi Nico incomincia a tintillare la figa di Carla sopra le mutandine e Carla, ssììììì – mmmmmhhh – ancoraaaa!!! Andrea si stacca da Wida e prende Carla mentre Nico si prende Wida, credo che le due donne abbiano capito il gioco ma non fanno nulla per impedirlo, sento Carla fra le braccia di Andrea che, mmmmmmhhhh ssìììììì con-tiii –nu—aa!!! Carla è ormai partita. Vedo Nico che toglie il reggiseno alla Wida ed incomincia a succhiarle i capezzoli, cosa che Andrea fa con Carla essendo più avanti perché vedo che le abbassa le mutandine e Carla lo aiuta a sfilarsele competamente; Carla è nuda, ma dopo poco resta nuda anche Wida. Poi i due ragazzi si riscambiano le donne, e vedo che Nico fa accovaccire Carla, e gli mette in bocca il grosso cazzo che aveva appena tirato fuori dai pantaloni; Carla lo succhia con avidità, lo lecca come un gelato, e la stessa cosa fa la Wida con Andrea; le due donne mentre sbocchinano i rispettivi amanti sono state messe talmente vicine quasi a toccarso con le braccia e le spalle. I due giovani si scambiano nuovamente i ruoli e allora vedo Carla con in bocca il cazzo di Andrea e la Wida con quello di Nico, non so quale delle due donne sia più brava, ma la mia Carla penso sia più puttana della Wida da come si comporta. A questo punto, Nico fa alzare Carla e la stende sul tavolo, le spalanca le gambe, punta la figa con il suo cazzo duro e grande ed in un sol colpo lo affonda impalandola fino alle palle incominciando a pomparla a più non posso; sento solo ahhhhhhhh sssììììììì chiavami – sfondami tutta e Nico che le dice fai vedere a Wida come sei brava e più puttana di lei, e Carla ssìììììì sono più puttana di lei ma chiavami tuttaaaaa; Andrea prende la wida e la stende sul tavolo al lato opposto ed incomincia ad impalarla, la donna pure grida, sssìììììì fottimi tutta, sono anch’io una puttana più di lei; i due giovani si fanno un segnale e scambiano i posti e quindi Andrea sfonda Carla e Nico la Wida: le due donne si sono venute a trovare guancia a guancia, e mentre vengono sfondate Nico sussurra alla Wida, dai bacia Carla e lo stesso fa Nico con la Wida, ma Carla risponde, nnnnoooooo!!!! Non voglioooo!!! Non mi piaceee, mentre la Wida che pure non è in grado di connettere trovandosi in uno stato di eccitazione pazzesca, gira la testa verso Carla e cerca di baciarla, ma Carla gira la testa e dice noo!!! Non voglio, non l’ho mai fattoooo, i due giovani continuano a sbattersi le donne sempre più forte, poi si cambiano i posti ed ora Nico chiavando Carla, le ripete, bacia la Wida altrimenti ti mollo e prendo solo lei, e Carla, noo!!! Ti prego non farmelo fare non voglioooo, poi ahhhhhhh, ancora chiavami faccio tutto quello che vuoi ma non questoooo!!, nel frattempo la Wida, più obbediente ad Andrea, cerca nuovamente di baciare Carla che volta la testa, ma riesce a baciarle la guancia a leccarle l’orecchio, poi Nico, facendo un segno ad Andrea, incomincia a pompare Carla sempre più forte tanto che, Carla, ahhhhhh che bellooooo, ssssìììììì cosìììì mi piaceee, chiavami tuttaaa, poi Nico mentre chiava tiene ferma con le mani la testa di Carla tanto da riuscire a far combaciare le labbra di Carla con quella della Wida, la quale inizia a leccare le labbra, anche se Carla non apre le labbra, ma cosa che fa nell’eccitazione maggiore dovuta ai colpi potenti in figa di Nico, alle ciucciate di tette che inizia a farle Andrea, e le leccate nell’orecchio della Wida; Carla non capisce più nulla, la vedo cedere finalmente, la Wida la bacia sulle labbra, le mette la lingua in bocca e riesce a prendere e succhiare la lingua di Carla che ormai sembra come se fosse priva di sensi, allora, Andrea prende la Wida, la porta al lato delle cosce di Carla, la fa appoggiare con le mani sul tavolo ed incomincia a sbattersela alla pecorina, spingendo la testa fra le gambe di Carla, fino a mettere la bocca sulla figa; vedevo la Wida che iniziava a leccare la figa di Carla con maestria come sa fare una donna, e Carla ormai sobbalzare ad ogni colpo di lingua; sembrava ormai fatta, allora mentre era Nico a cambiare posizione con Andrea che metteva il cazzo in bocca a Carla chiavamdola in bocca. Poi a questo punto,Andrea e Nico facevano scendere Carla dal tavolo che era ancora eccitatissima tanto che gridava, nnooo!!!! Ne vogliooo ancoooraaaa!!! E la stendevano sul divano, prendendo contemporaneamente la Wida, dicendole, continua a farti Carla; la Wida non se lo lasciava ripetere e si buttava fra le cosce di Carla riprendendo a leccarla avidamente; Carla iniziava a gridare dall’eccitazione ed i due giovani lasciavano le donne da sole, pronti, naturalmente ad intervenire qualora Carla avesse dato segni di volersi sottrarre. La Wida, poi iniziava a sditalinare Carla con la mano e con il corpo saliva più su, voleva baciarla, e giunta bocca a bocca, iniziava a succhiarle la lingua e baciarla in ogni modo; ormai era fatta, anche Carla che mi aveva sempre giurato che non lo avrebbe mai fatto con una donna, ora invece stava lesbicando, era nelle mani della Wida. A questo punto, Nico subentrava impalando nuovamente Carla, lasciando però che la Wida si baciasse Carla e le succhiasse le tette; volevamo vedere però anche Carla leccare la figa della Wida e le sue tette, quindi, la Wida veniva messa, sempre sul divano, con le gambe spalancate, e Nico che chiavando poi Carla alla pecosila, la costringeva a mettere testa e bocca sulla figa della Wida. Carla veniva incitata da Nico ed Andrea, dai lecca anche tu la figa di Wida così siete pari, fai la breva altrimenti lei resterà male, poi i colpi di cazzo prima di Nico e di Andrea, facevano crollare Carla fra le cosce e figa di Wida, e si vedeva pian pianino la lingua di Carla che iniziava a leccare, poi finalmente anche Carla, iniziava in modo famelico che sembrava volersi mangiare quella figa. Poco dopo, la pausa, tutti terminavano, ogni ragazzo baciava a turno le donne, poi uno sguardo fra le due donne, e poi una risata di queste per quello che avevano fatto. E allora un bacio fra di voi ? E le due, credete che non ne siamo capaci ? Scatta un abbraccio ed un bacio profondo con scambio di lingua, poi una risata generale.
E’ ormai passata la mezzanotte, e Nico dice, ormai dormiamo qui tutti assieme cosa ne pensate? Andrea e Wida dicono subito di sì, e Carla resta in imbarazzo perché la Wida sa che Carla ha il marito a casa. Come fare ? Nico arriva da me lasciando con una scusa gli altri da soli, e mi chiede, come facciamo ? Mi dispiacerebbe che Carla rimanesse male perché sa che la Wida passerebbe la nottata fra me ed Andrea e potrebbero sorgere gelosie, quindi come facciamo per fare rimanere anche Carla ? Nico, Io adesso salgo a casa e fai in modo di chiudere la porta della sala per non farmi vedere e tu fai salire Carla a casa e vedrai che la scusa la troverò. Bene, allora salgo a casa dopo le precauzioni prese da Nico e Carla arriva, e mentre cerca di dirmi, la interrompo dicendole, Carla sei stata bravissima mi è piaciuto tutto e molto, e finalmente ti ho visto lesbicare. Carla risponde arrossendo, ma allora eri lì ? Si rispondo Io ed ora passerai la notte con loro dicendo che hai fatto e farai compaghnia a Nico giocando a carte visto che era solo senza i suoi, poi Io mi sarò addormentato e quando domani mattina rincaserai dirai che vi siete addormentati sul divano senza accorgervene, tanto potrai dire che io non mi sveglio di solito e questa sarà la scusa. Ti sei divertita? le chido e Lei, tantissimo ed io, ma allora devo immaginare che questa notte la Wida ti farà anche lei la festa ? E Carla, no!!! Basta ho fatto già troppo, ed io attenta!!!! Fai quello che vogliono altrimenti la Wida ti frega i due ragazzi, perciò una vera donna deve anche essere un po’ lesbica, mi raccomando, fattela tu ora perché finora è stata lei a farti la festa, non farmi fare brutta figura che chiederò a Nico ed in caso che tu non lo farai chiudo la storia. Carla, no!!! Lo faccio stai tranquillo, allora vado ? Si, dico Io e divertiti, poi vedrai che il gioco lo sposteremo anche qui a casa. Ciao e buon divertimento. Carla mi bacia, e corre giù da Nico nuovamente. Sentivo addosso a Carla un forte odore di sperma, quello che deve avere una vera donna.
Vedrò cosa inventarmi ancora per fare sbattere mia Moglie Carla in situazioni sempre più eccitanti. Mi piacerebbe farla scopare ancora con un altro uomo diverso; sto pensando a quell’altro amico di Nico ed Andrea, non ricordo come si chiama, o non me l’ha mai detto Nico; vedremo.
PROSSIMO CAPITOLO < 8 > MIA MOGLIE CARLA E IL TERZO GIOVANE AMICO DEI GIOVANI NICO ED ANDREA E LE ULTERIORI LESBICATE CON LA SIGNORA WIDA AMANTE DI ANDREA

Commenti [30]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *