Mia moglie Carla . capitolo 8

Hits: 13

Quindici anni dopo le varie storie fra la mia moglie Carla ed il giovane Nico, ecco che Carla, sempre gran troia, finalmente riesce a fare una vera e propria scappatella da sola, come più volte Le avevo chiesto di fare, ma che Lei non si era mai data da fare.
Qui si tratta di un primo incontro fatto da mia Moglie Carla ed uno sconosciuto che da tempo la subbissava di telefonate chiedendole di incontrarla di nascosto, senza nascondere il proprio desiderio di volerla scopare. Carla per porre fine a queste numerosissime telefonate giornaliere, accettava di incontrare lo sconosciuto, che poi conobbe come Luigi, nel corridoio delle cantine al piano terra del nostro condominio. Doveva trattarsi di un incontro conoscitivo, poi invece…….leggete come finisce.
Descrivo dettagliatamente la vicenda confessatami da Carla dopo un anno circa, così come Lei me l’ha raccontata; ho usato le parole e frasi scambiate fra Carla e Luigi.
A proposito, Carla aveva 54 anni ora ne ha 56, ma è ancora molto procace, sexy e desiderata da tutti.
———————————————————————————————————————————————-
CARLA COSI’ MI HA RACCONTATO NEI MINIMI PARTICOLARI; E’ LEI CHE PARLA.
Dopo circa 2 mesi di telefonate di uno sconosciuto che mi diceva di chiamarsi Luigi e che con insistenza mi chiedeva un appuntamento per conoscermi di persona e senza omettere che desiderava portarmi a letto,- almeno 3 al giorno, tanto che non ne potevo più, decidevo di incontrarlo nella speranza di troncare questa fastidiosa situazione.
Ieri sera, alle ore 21,00, indossando gli abiti come da foto,tacchi alti compresi, richiesti dal sedicente Luigi, in punta di piedi e senza accendere la luce del giro scale ho raggiunto i corridoi delle cantine al piano interrato del condominio.
Lì, ho trovato tale Luigi, bell’uomo, ben vestito, che con un sorriso enorme ed una voce gentile che emanava fiducia, il quale mi sussurrava CIAO CARLA ed io ricambiando un lieve e sospettoso sorriso gli rispondevo CIAO LUIGI, SE COSI’ TI CHIAMI ALMENO COME MI HAI DETTO. E Lui, SI CARLA MI CHIAMO PROPRIO LUIGI E SE VUOI TI MOSTRO LA MIA CARTA D’IDENTITA’, acchè io gli dicevo NO! NON SERVE, TI CREDO. Lui, mi dava la mano, che io contraccambiavo, ma Lui, molto delicatamente mi dava un abbraccio e due baci su entrambe le guance come si usa fare fra amici e parenti. (LUIGI) CARLA FUMIAMO UNA SIGARETTA ? (CARLA) SI GRAZIE, VOLENTIERI.
Mentre fumavamo (LUIGI) SONO FELICE CHE HAI ACCETTATO DI INCONTRARMI (CARLA) HO DOVUTO FARLO PER FARTI SMETTERE DI TEMPESTARMI DI TELEFONATE. (LUIGI) ERA L’UNICO MODO PER PARLARTI E MI SCUSO COMUNQUE DI AVERTI IMPORTUNATA MA DA QUANDO TI HO VISTA, PROPRIO DOMENICA, CHE OCCASIONALMENTE MI TROVAVO IN ZONA, HO AVUTO UN DESIDERIO PAZZO DI PARLARTI ED INCONTRARTI, TU SPRIZZI SENSUALITA’ DA OGNI PORO DELLA PELLE, DA OGNI PARTE DEL TUO CORPO, SEI FANTASTICA, DESIDERABILE, NON HO PAROLE PER DESCRIVERTI QUELLO CHE HO PROVATO NEL SOLO VEDERTI (CARLA) POI COSA HAI PENSATO ? HAI DIMENTICATO QUELLO CHE MI HAI DETTO AL TELEFONO ? CHE VOLEVI AVERMI A TUTTI I COSTI, FARE L’AMORE CON ME TENENDOMI IN PIEDI, E CHE AVEVI UN AFFARE….LASCIAMO PERDERE. (LUIGI) SI CARLA HAI RAGIONE, SONO STATO ANCHE UN PO’ VOLGARE (CARLA) UN PO’ ? DICIAMO MOLTO VOLGARE (LUIGI) CARLA TI SARO’ SINCERO, E MI DEVI RISPONDERE ANCHE TU SINCERAMENTE, DI CORTEGGIATORI O AVRAI FATTO SESSO IN TANTI MODI, MA UNO CHE TI VUOLE INCONTRARE PER FARE SESSO IN PIEDI, SENZA CHIEDERTI DI INDOSSARE INDUMENTI FACILI DA SFILARE ECC… L’HAI MAI AVUTO ? (CARLA) SINCERAMENTE NO! E’ LA PRIMA VOLTA CHE MI E’ CAPITATO ED E’ PER QUESTO CHE HAI SUSCITATO IN ME UNA FORTE CURIOSITA’. (LUIGI) CARLA TI DICO UNA COSA, IO SONO FELICEMENTE SPOSATO, NON VADO IN CERCA DI SITUAZIONI CHE POSSONO ROVINARE LA MIA FAMIGLIA E CREDO CHE ANCHE TU ABBIA UNA FELICE SITUAZIONE MATRIMONIALE, ECCO PERCHE’ TI HO CHIESTO DI RAGGIUNGERMI IN UN LUOGO OVE MAI NESSUNO SAPRA’ NIENTE, SARA’, SEMPRE CHE TU VOGLIA, UN INCONTRO ESCLUSIVAMENTE DI SESSO, VISTO CHE DOPO TANTI ANNI DI MATRIMONIO FORSE ABBIAMO BISOGNO DI UNO SVAGO SENZA COINVOLGERE O ROVINARE I RISPETTIVI AFFETTI DI FAMIGLIA, SE A TE VA, PROVANDO A FARE SESSO COME TI AVEVO PREANNUNCIATO, E SE TI PIACERA’, POTREMO SALTUARIAMENTE, UNA VOLTA ALLA SETTIMANA RIPETERE L’ESPERIENZA, PERO’ INCONTRANDOCI FUORI NOI NON CI CONOSCIAMO E NON CI SALUTEREMO NEMMENO, MENTRE INCONTRANDOCI DI NASCOSTO DAREMO SFOGO AI NOSTRI DESIDERI SENZA FARE MALE A NESSUNO (CARLA) LUIGI QUANTI ANNI HAI (LUIGI) HO 49 ANNI, E TI RIPETO, NON VOLERMENE, HO UN AFFARE DI CIRCA 24 CENTIMETRI, LARGO E POTENTE ED HO TANTO SPERMA DA REGALARE ED ESSSENDO ALTO CIRCA 1,70 SONO ADATTO PER TE CHE SUPERI APPENA DI POCO LA MIA STATURA CALZANDO I TACCHI ALTI, ED ECCO IL PERCHE’ CHE MI REPUTO UN MAESTRO NEL FARE SESSO IN PIEDI. (CARLA) LUIGI, MA TI SEMBRA POSSIBILE CHE IO ALLA PRIMA OCCASIONE FACCIA SUBITO SESSO CON TE ? (LUIGI) CARLA LA CURIOSITA’ E’ DONNA E TU MI HAI INCONTRATO PER CURIOSITA’ E SONO SICURO CHE LA TUA CURIOSITA’ ANDRA’ OLTRE. Nel frattempo abbiamo terminato di fumare e (LUIGI) CERTO CARLA CHE SEI DAVVERO ECCEZIONALE, CARLA SEI BONA DAVVERO e mentre mi diceva questo, pian pianino e con delicatezza mi appoggiava due dita su una spalla e mi spingeva delicatamente facendomi arretrare fino a mettermi con le spalle alla parete ( CARLA ) NO LUIGI, ASPETTA, NON AVERE FRETTA, NON ABBIAMO TERMINATO DI PARLARE E DI CONOSCERCI, ma Luigi, tenendomi ormai con le spalle al muro si avvicinava fino stringermi prendendomi per la vita, e mentre faceva questo, lo vedevo armeggiare verso la patta dei suoi pantaloni (CARLA) NO! LUIGI, COSA VUOI FARE, TI PREGO CI SIAMO CONOSCIUTI ED INCONTRIAMOCI ANCORA UN’ALTRA VOLTA. (LUIGI) NON PREOCCUPARTI CARLA VEDRAI CHE SARA’ TUTTO BELLO PER UNA DONNA MERAVIGLIOSA COME TE. A questo punto Luigi mi stringe a se e mi inizia a baciare sul collo, sulle guance e nel frattempo mi stringe forte a se ed io non potevo spostarmi ero con le spalle al muro, e stringendomi sento spingere il suo bacino verso di me e inizio a sentire già da sopra i pantaloni, un affare duro che sembrava mi sfondasse la stoffa (CARLA) NOOOO LUIGI, TI PREGO e lui (LUIGI) CARLA SENTI CHE BELLO DURO PROPRIO COME TI AVEVO PROMESSO e contemporaneamente mentre mi stringe e spinge, prende la mia mano e la porta sul suo cazzo che ha messo tutto fuori; ( caro Guido, sento una mazza che veramente poteva essere di 24 centimetri, una cappella grossa e potente ) (CARLA) NO!!! LUIGI e (LUIGI) HAI SENTITO CHE GROSSA, CHE LUNGO E CHE DURO e (CARLA) SIIII LUIGI, DEVO AMMETTERE CHE CON L’AVREI IMMAGINATA COSI, Luigi spingeva ancora questa mazza sul mio pube sopra i pantaloni; mazza che tenevo ancora in mano e non ti nascondo che non avevo voglia di lasciare e poi io (CARLA) NO!!!!! LUIGI, NO TI PREGO, TI PRE-GOOOO NON FARLO e Luigi senza parlare e continuando a spingere la mazza verso di me, si accorgeva pure che il mio culo non era più appoggiato al muro perché anch’io incominciavo a spingere il mio bacino verso quella mazza dura che incominciava a fare il suo effetto verso di me, e lui continuando a sbaciucchiarmi le guance ed il collo cercava la mia bocca ed io dopo aver cercato di evitare il contatto con le labbra girando continuamente la testa a destra e sinistra, cedevo avvinchiandomi a lui in un lungo e libidinoso bacio con lingua in bocca, succhiando la sua e facendomi succhiare la mia poi io (CARLA) LUIGIIII TI PREGOOO, FAI IL BRAVO ma mentre dicevo questo sentivo le mani di Luigi che armeggiavano sui bottoni e cerniera dei miei pantaloni che sbottonava con facilità perché io non facevo alcuna opposizione; i pantaloni miei, una volta sbottonati, essendo del tipo largo, cadevano subito a terra ed io (CARLA) NOOOOO!!!! LUIGI, QUESTO E’ TROPPO ma Luigi non parlava più, ormai agiva a suo piacimento vedendomi ormai arrendevole sotto ogni aspetto, piazzandomi il cazzo sul mio pube coperto dalle mutandine (minislip) e spingeva fino a farlo inserire in parte fra le mie cosce che tenevo ancora ben chiuse, ma Luigi incominciava a spingere, spingere andando avanti ed indietro come stesse chiavandomi ed io incominciavo ad essere davvero eccitatissima, mi piaceva essere trattata così, e Luigi che aveva ormai capito che avevo ceduto completamente ( Guido, ero talmente eccitata che volevo continuare, e comunque ho pensato che questa era l’occasione di accontentare Marco che da tempo voleva essere cornificato ed allora ecco l’occasione buona che non avrei perso) Luigi mentre continuava a baciarmi con la lingua ed accortosi che ormai sarei stata sua, si stacca un attimo e mi abbassa i minislip fino alle ginocchia (LUIGI) CARLA CHE BELLA E FOLTA PELURIA CHE HAI, HAI UN PUBE BELLO E PRONUNCIATO CHE CON UNA MANO NON RIESCO A TENERLO TUTTO NEL PALMO, infatti aveva incominciato a tastarmi la peluria e con un dito era riuscito ad arrivare alle labbra della mia figa facendomi sussultare (CARLA) AHHH LUIGIIII, OHHHH MI FAI …….(LUIGI) TRANQUILLA CARLA ORA ARRIVERA’ IL BELLO infatti mi appoggia la cappella fra le gambe che ancora tenevo chiuse iniziando a spingere e ritrarsi come se mi pompasse, ed io ti assicuro Guido incominciavo ad andare davvero in estasi, ci sapeva veramente fare era impossibile ormai resistergli e Lui (LUIGI) CARLA APRI UN POCHINO LE GAMBE ed io (CARLA) NOOOOOO E’ TROPPOOOO PER LA PRIMA VOLTA ma contemporaneamente aprivo finchè potevo, le mie cosce, perché le mutandine al ginocchio mi impedivano di allargarle di più, e Luigi infilava il cazzo fra le cosce passando la cappella sulle labbra della mia figa, continuando a pomiciarmi a tutto andare ed io (CARLA) SIIIII LUIGIIIII, MI FAI IMPAZZIRE ma non avevo fatto in tempo a pronunciare queste frasi che sentivo la grossa cappella che puntava la mia figa iniziando a penetrarla pian pianino, ed in quel momento io sfogavo la prima volta tanto che Luigi se ne accorgeva dai miei fremiti e tremolii e dall’abbraccio forte che gli facevo, avevo stretto le mie braccia al suo collo dandogli la mia guancia, quindi, senza farmi male, ma con la massima dolcezza di una persona esperta incominciava a far scivolare la sua mazza dentro di me (CARLA) AHHHHH LUIGIIIII, SIIIIIIII FOTTIMI TI PREGO SFONDAMI TUTTO e Lui senza farselo ripetere affonda dentro di me tutti i 24 centimetri tanto da farmelo sentire fino all’ombellico, (CARLA) SIIIIII LUIGIIIII COSI’ SFONDAMI FAMMI QUELLO CHE VUOI e Lui (LUIGI) TI PIACE IL MIO CAZZO CARLA ? E io (CARLA) SIIIII E’ BELLISSIMO, LO SENTO TUTTO, SIIIIII CHIAVAMI SONO TUAAAAA e Lui (LUIGI) E SE ORA TE LO TOLGO E VADO VIA ? Ed io (CARLA) NOOO!!!!!! TI PREGO, LO VOGLIO ANCOOOORA, TI PREGO NON FARMI QUESTO, STO FACENDO QUELLO CHE VUOI, SONO TUA FAMMI QUELLO CHE VUOI MA DAMMELO (LUIGI) COSA DAMMELO, DILLO (CARLA) IL TUO CAZZO LO VOGLIO SBATTIMI TI PREGO e Luigi iniziava a pomparmi con maestria e quando stavo sfogando la seconda volta, Lui accorgendosi che stavo piegando le gambe mentre venivo, mi spingeva contro il muro si abbassava un po’ e spingeva il cazzo nella mia figa sorreggendomi tenendomi con le mani sul mio culo (Guido caro, mi stava chiavando in un modo che non avevo mai provato ed era meraviglioso) Luigi continuava a pomparmi sembrava interminabile dopo 20 minuti ancora teneva il cazzo nella mia figa e continuava a pomparmi, tanto che sfogavo la terza volta, ero fradicia, e dopo ancora altri 5 minuti, sento un calore nella mia figa e Luigi che sfogava tutta la sua sborra dentro di me e mentre sfogava, ho contato almeno 6 getti, mi spingeva il cazzo tutto dentro (LUIGI) CARLA TI STO RIEMPENDO E NON DEVO FARTENE PERDERE NEPPURE UNA GOCCIA. (CARLA) SIII LUIGIIIII SENTO I GETTI CALDI, HAI TANTA SBORRA CHE SEMBRA NON FINIRE MAIIIIIII, SIIIIIII RIEMPIMI Dopo poco Luigi si stacca e mi bacia, mi aveva distrutto ma ero felice. (LUIGI) CARLA TI E’ PIACIUTO ? (CARLA) SIII TANTISSIMO MI HAI FATTO GODERE TANTO,SE STATO MERAVIGLIOSO (LUIGI) CARLA ORA TOLGO IL CAZZO DALLA FIGA, LA MIA SBORRA CADRA IN PARTE SULLE TUE MUTANDINE, DEVI INDOSSARLE COSI’ BAGNATE DEL MIO SPERMA E STANOTTE DOVRAI DORMIRE CON QUESTE DEVI RICORDARTI TUTTA LA NOTTE DI ME, LO PROMETTI ? (CARLA) TE LO PROMETTO, (LUIGI) CI FUMIAMO UNA SIGARETTA E POI CI SALUTIAMO E SE TI E’ PIACIUTO TI VA DI RINCONTRARCI? (CARLA) CERTO, VOGLIO RIVEDERTI E VERRO’ VESTITA COME MI DIRAI TU ( LUIGI) QUANDO VOGLIAMO RIVEDERCI ? (CARLA) QUANDO VUOI TU BASTA CHE MI TELEFONI PRIMA PER PRENDERE APPUNTAMENTO, E CREDO, SE NON TI DISPIACE, QUESTO E’ IL LUOGO ADATTO AI NOSTRI INCONTRI SEGRETI (LUIGI) SI CARLA CI VEDREMO SEMPRE QUI, MAGARI QUALCHE VOLTA ANCHE AD ORARI DIVERSI, PURE DI MATTINA PERCHE’ POTREI ESSERE DI PASSAGGIO ED AVERE APPUNTAMENTI CON CLIENTI (CARLA) VA BENE LUIGI TU MI TELEFONI E CI ACCORDEREMO; MA A PROPOSITO QUANTO PENSI DI RITORNARE ? SPERO CHE NON MI FARAI ATTENDERE MOLTO (LUIGI) STA TRANQUILLA CHE NON VEDO L’ORA DI SBATTERTI ANCORA IN PIEDI La sigaretta che avevamo accesa si è consumata mente parlavamo e quindi (LUIGI) COSA DICI CARLA CI SALUTIAMO ? (CARLA) MMMMM PECCATO, PRIMA DI ANDARE VIA NON ME LA DARESTI UN’ALTRA PASSATINA ? OPPURE NON CE LA FAI ? (LUIGI) NON CE LA FACCIO ? ORA TI SISTEMO IO, infatti, con il cazzo nuovamente duro, prima me lo da in mano, poi mi spinge ancora contro il muro e mi penetra in figa dandomi dei colpi fortissimi (CARLA) AHHHHHH SIIIIIIII LUIGI SFONDAMI COSIIIIII TI PREGO FAMMI NERA, SFONDAMI TUTTA,CHIAVAMI, FAMMI QUELLO CHE VUOI, SONO TUA E SONO NELLE TUE MANI NON TOGLIERMELO LASCIAMELO ANCORA TUTTO DENTRO, LO SENTO BENISSIMO E STO’ BENE COSI’ ABBRACCIATA CON TE MENTRE MI CHIAVI ma non c’era bisogno di dirlo, mi chiavava e mi pompava con foga facendomi sfogare altre due volte, poi improvvisamente ritrae il cazzo dalla figa e (LUIGI) ACCOVACCIATI cosa che faccio subito (LUIGI) ORA PRENDILO IN BOCCA, VOGLIO RIEMPIRTI LA BOCCA DI SPERMA PERO’ STAI ATTENTA, NE DEVI INGOIARE IL PIU’ POSSIBILE (CARLA) LO BERROOOOOO TUTTOOOOO, SIIIIIIII quindi iniziavo a sbocchinarlo con maestria, in quanto sono una bocchinara di lusso, tanto che lui (LUIGI) MAMMA MIA CARLA SEI UNA MAESTRA, SIII CONTINUA, SUCCHUA LA CAPPELLA, PRENDI OGNI TANTO IL CAZZO IN BOCCA ED IN GOLA E FALLO PENETRARE IL PIU’ POSSIBILE, lo succhio lo lecco come un gelato poi lo prendo in bocca, e credo di essere riuscita a farlo penetrare almeno 12 centimetri, poi sento le mani di Luigi che mi afferrano la testa e mantenendola ferma spinge il cazzo tanto da farlo penetrare almeno altri 6 centimetri, mi sembrava di affogare, poi un’ondata di sperma, ancora 6 schizzi mi riempiono la gola la bocca la lingua.
(CARLA) SEI SODDISFATTO LUIGI? IMMAGINAVI DI RIUSCIRE A SBATTERMI COME MI AVEVI DETTO PER TELEFONO ? (LUIGI) SI CARLA, LO IMMAGINAVO ANZI NE ERO SICURO PERCHE’ UNA DONNA, FRA L’ALTRO SPOSATA CON IL FISICO CHE TI RITROVI; CHE ACCETTA DI ARRIVARE ALL’APPUNTAMENTO IN UN LUOGO APPARTATO E VESTITA COME LO SCONOSCIUTO TI AVEVA CHIESTO, SICURAMENTE VIENE PER CEDERE IN TUTTI I MODI, CIOE’ ANCHE PER FARSI SBATTERE, E TU OLTRE ALLA CURIOSITA’ SEI VENUTA ALL’APPUNTAMENTO PROPRIO PER BECCARTI IL MIO CAZZO, VEDI IL FATTO CHE UN UOMO TI FACCIA UNA PROPOSTA INUSUALE, QUELLA DI VOLERTI VESTITA, DI VOLERTI CHIAVARE IN PIEDI RENDE LA DONNA CURIOSA E NON SOLO, INFATTI SEI VENUTA ED IO CON TANTA FACILITA’ TI HO CHIAVATA, SI CARLA, TI HO FATTO QUELLO CHE HO VOLUTO CON UNA FACILITA’ MAI TROVATA PRIMA CON ALTRE DONNE, (CARLA) ALLORA MI DAI DELLA PUTTANA (LUIGI) NO! NON FRAINTENDERE, TU NON SEI UNA RAGAZZINA, SEI UNA DONNA MOLTO SENSUALE, E PROPRIO COME TI AVEVO DETTO PER TELEFONO, SEI ADATTA AL CAZZO, E QUINDI O MI AVRESTI DOVUTO MANDARE A QUEL PAESE, OPPURE VENENDO ALL’APPUNTAMENTO SIGNIFICAVA CHE VOLEVI PROVARE TUTTO COME IN FIN DEI CONTI SI E’ VERIFICATO; INFATTI TI HO CHIAVATA, TI HO CHIAVATA ANCHE IN BOCCA, MI HAI CHIESTO DI VOLERLO RIFARE ANCORA E TE L’HO FATTO ED ORA SICCOME TI E’ PIACIUTO TANTO, VUOI RIVEDERMI PERCHE’ TI E’ PIACIUTO TANTISSIMO, AMMETTILO, SII SINCERA (CARLA) LO AMMETTO, MI HAI INCURIOSITA, ERO SICURA CHE MI AVRESTI CHIAVATA, MI HAI FATTO RAGGIUNGERE IL SETTIMO CIELO, ED ORA TI VOGLIO ANCORA, SI, NON VEDO L’ORA DI RIFARLO QUANDO E COME VUOI TU A QUALSIASI ORA, MA HO VOGLIA DI TE, NON MI E’ BASTATO SOLO UN INCONTRO, NE VOGLIO ALTRI, FARO’ TUTTO QUELLO CHE VORRAI PURCHE’ MI FARAI E TI PREGO TORNA PRESTO, ME LO PROMETTI ? (LUIGI) SI CARLA, TE LO PROMETTO PERCHE’ SEI STATA FAVOLOSA E TI VOGLIO ANCORA E PRESTO (CARLA) MA SPERO CHE NON MI VORRAI SEMPRE VESTITA COSI’ (LUIGI) TI FARO’ SAPERE COME TI VOGLIO, E QUANDO TI CHIEDERO’ DI METTERTI UNA GONNA, VUOL DIRE CHE FAREMO ALTRO TIPO DI GIOCO (CARLA) QUALE, DAI DIMMI QUALCOSA (LUIGI) NO, LA PROSSIMA VOLTA RITORNA CON PANTALONI, MAGARI DEI JEANS ELASTICIZZATI E STRETTI; A PROPOSITO LA PROSSIMA VOLTA VOGLIO LE TUE MERAVIGLIOSE TETTONE, ANZI FAMMELE VEDERE SUBITO (CARLA) ORA ? Luigi mi tira su la maglietta, mi alza il reggipetto e mi mette le tette al vento (LUIGI) MAMMA MIA CHE TETTONE SODE, VEDI SONO ECCITATE GUARDA CHE CAPEZZOLI DURI ed incomincia a succhiarmele e palparle e io incomincio nuovamente ad eccitarmi, ma vedo Luigi che tira fuori dai pantaloni un’altra volta il suo cazzo, duro come la prima volta e me lo piazza sui pantaloni ma poi dice ora devi essere tu ad abbassarti tutto, cosa che faccio immediatamente, e Luigi con un colpo solo mi ficca nuovamente il cazzo in figa (CARLA) AHHHHHH SIIIIIIII FOTTIMI ANCORA SEI FAVOLOSOOOOO CHIAVAMI NON FINIREI MAI DI PRENDERLO DA TE QUESTA SERA,MI STAI FACENDO IMPAZZIRE e lui mi sfonda nuovamente mentre mi palpa le tette, mi riporta al settimo cielo, gli metto le braccia al collo e chiavo anch’io facendomi penetrare il cazzo ad ogni colpo, poi improvvisamente un’altra ondata di calore, conto circa 5 schizzi, Luigi mi ha nuovamente riempito (LUIGI) DAI CARLA PRENDILO IN BOCCA E PULISCILO CON LA BOCCA LECCAMI TUTTA LA SBORRA, POI ALZA LE MUTANDINE CHE SONO GIA’ FRADICE E PULISCIMI IL CAZZO CON QUELLE E POI LE DEVI RIMETTERE lo faccio per fargli piacere anche per tutto il godimento che mi ha dato, poi mi tiro su le mutandine che sono piene di sperma che finisce sulla mia figa. (CARLA) LUIGI PERO’ SEI UN PO’ PORCO VERO ? (LUIGI) CON UNA DONNA COME TE VIENE LA VOGLIA DI MALTRATTARLA E SOTTOMETTERLA UN PO’ MA MI PIACI TANTO, HO PAURA DI INNAMORARMI DI TE PERCIO’ A VOLTE SONO UN PO’ BRUSCO, MA LO FACCIO PERCHE’ SEI STUPENDA E A DIRE LA VERITA’ NON CREDEVO DI RIUSCIRE A CHIAVARTI SUBITO.
Un lungo ed appassionato bacio segna il termine della serata (LUIGI) CIAO CARLA, SEI FORMIDABILE, VERRO’ PRESTO (CARLA) CIAO, MI HAI FATTO GODERE TANTISSIMO E’ STATO TUTTO MERAVIGLIOSO E TI PREGO TORNA PRESTO, ATTENDO CON ANSIA LA TUA TELEFONATA.) COMUNQUE LUIGI, STABILIAMO UNA COSA, NESSUNO DI NOI DUE DOVRA’ ESSERE SCHIAVO DELL’ALTRO E QUINDI IN CASO DI IMPEDIMENTI DA PARTE DI ENTRAMBI NON DOBBIAMO SENTIRCI IN OBBLIGO DI PRESENZIARE AGLI APPUNTAMENTI CHE IN TAL CASO VENGONO RINVIATI E SEMPRE CONCORDATI E COME TU HAI DETTO NOI DUE PER LA STRADA NON CI CONOSCIAMO, D’ACCORDO ? (LUIGI) SI CARLA SONO D’ACCORDO E CREDO QUESTA SIA LA STRADA GIUSTA PER FAR DURARE A LUNGO IL NOSTRO SEGRETO RAPPORTO, PERCHE’ HO INTENZIONE DI TENERTI A LUNGO E SPERO CHE ANCHE TU VORRAI INCONTRARMI PER TANTO TEMPO ( CARLA) CERTO LUIGI GLI INCONTRI SEGRETI FATTI COSI’ INTELLIGENTEMENTE NON POTRANNO FARE ALTRO CHE FARCI PIACERE, ENTRAMBI, SENZA CHE NESSUNO LO SAPRA’ MAI POSSIAMO DARCI ALLA PAZZA GIOIA E GODERE SESSUALMENTE IN MODO DAVVERO SODDISFACENTE (LUIGI) E QUINDI CARLA, SE VOGLIAMO CONTINUARE SENZA STANCARCI, DOBBIAMO CREARE OGNI TANTO NUOVE SITUAZIONI, BASTA SIA SESSO E GODIMENTI, QUINDI SIA TE CHE IO DOVREMO INVENTARCI EVENTUALI SITUAZIONI NUOVE PER GODERE SEMPRE DI PIU, QUALUNQUE SIA, BASTA CHE SIA SESSO (CARLA) SI LUIGI, SONO DISPOSTA A TUTTO PURCHE’ POSSIAMO DIVERTIRCI E GODERE SEMPRE, MA A PROPOSITO, DI QUALI SITUAZIONI PARLI? CHE SIANO SITUAZIONI CHE RIGUARDANO ESCLUSIVAMENTE NOI DUE, MI RACCOMANDO, IN QUANTO NESSUNO DOVRA’ SAPERE DELLA NOSTRA RELAZIONE (LUIGI) TRANQUILLA CARLA, PENSI SUBITO AL MALE, INVECE HAI VISTO CHE BENE TI HO FATTO CON QUESTO MIO CAZZO ? DIMMI CARLA, VOGLIO PROPRIO SENTIRTELO DIRE COSI’ A FREDDO, TI PIACE IL MIO CAZZO E TI PIACE COME TI SBATTO ? ( CARLA) CREDO CHE NON HAI BISOGNO DI SENTIRTELO DIRE E RIPETERE, COMUNQUE, SIIII IL TUO CAZZO MI FA IMPAZZIRE E LO VOGLIO ANCORA, MAGARI 100 VOLTE SE NON DI PIU’ ED IL TUO MODO DI FARE NON SOLO MI HA INCURIOSITA SUBITO,MA SONO VENUTA GIA’ CON L’INTENZIONE DI FARMI SBATTERE D TE, HAI USATO UNA TECNICA STUPENDA ED ANCHE UNA DONNA DELLA MIA ESPERIENZA CI E’ CASCATA, ANZI HA VOLUTO CASCARCI, CONTENTO ? E VOGLIO ANCORA ESSERE SBATTUTA, CHIAVATA, CHIAMALA COME VUOI, MA VOGLIO RIVEDERTI E FARMI SBATTERE ANCORA PER BENE COME QUESTA SERA, COMUNQUE, PER STARE ENTRAMBI BENE RISPETTIAMO QUELLO CHE ABBIAMO CONCORDATO, IN CASO DI RECIPROCI IMPEDIMENTI NON DOBBIAMO ARRABBIARCI, E QUINDI RINVIARE GLI INCONTRI. (LUIGI) BENE CARLA, CREDO CHE SARA’ PIU’ DI 100 VOLTE CHE TI METTERO’ IL MIO CAZZO IN FIGA, STAI TRANQUILLA, SONO ENTUSIASTA DI TE, E VEDRAI CHE LA NOSTRA SEGRETA RELAZIONE DURERA’ A LUNGO E FINO A QUANDO UNO DI NOI DUE DECIDERA’ PER LA FINE, FORSE PIU’ TU CHE IO, PERCHE’ VENIRTI A CHIAVARE SARA’ SEMPRE UN PIACERE.
Sono rincasata subito, alle 22,30 altro che 30 minuti, sono stata un’ora e mezza, ma caro mio Guido, Luigi è stato meraviglioso, ho goduto tanto e non vedo l’ora di rifarlo, mi ha fatto sfogare molto e quasi mi faceva svenire, mmmmm Guido sono soddisfatta, devo solo stare attenta a non fargli capire che sono in un certo senso, già sottomessa e che purchè riaverlo sono disposta a tutto; questo lui non lo deve capire; comunque a casa sono andata in bagno ed ho messo le mutandine in lavatrice, erano piene di sperma, e pensa che sotto la doccia mi usciva ancora sperma dalla figa tanto che me l’ha riempita, questo spara 6 – 7 schizzi alla volta che sentendoli dentro mi fanno quasi svenire. Finalmente ho accontentato Marco, ora e’ un vero gran cornuto, come voleva lui, ma non gli diro’ niente, lo accontentero’ a sua insaputa almeno per un anno, poi glielo diro’ per farlo felice, è così bello, e non lo credevo, farlo di nascosto e devo dire che il tradimento è una cosa eccitantissima e favolosa. Ho trovato l’amante e lo terrò stretto per molto tempo e sono disposta ad accontentarlo in tutto per non perderlo, ma non voglio farlo capire a Luigi altrimenti potrebbe approfittarsene ed io alla fine non gli direi mai di no.Ciao Guido spero di averti dettagliato tutto. puttanona Carla, perché diciamoci la verità sono proprio una putta nona adatta al cazzo.

Commenti [22]

Una risposta a “Mia moglie Carla . capitolo 8”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *