migliore amica della mamma

Hits: 25

Sono in vacanza…per la precisione sono nella riviera romagnola, zona Rimini. La storia si è svolta meno di una settimana fa. Ero in spiaggia intorno alle 18, momento da me preferito per prendere il sole, perché non devo mettermi la crema ed è quasi impossibile bruciarmi. Vabbè…stavo prendendo il sole sul lettino quando mia mamma torna con le sue amiche dalla classica passeggiata sul lungo mare. Si siedono nei pressi del mio ombrellone ed incominciano a parlare del più e del meno. Le solite chiacchiere da donna sotto l’ombrellone.Ad un certo punto incominciano a maledire tutti i mariti per il fatto che sono sempre a casa e che non passa mai del tempo con loro. A me si sono drizzati i capelli e mi sono incazzato come una iena…cazzo loro sgobbano come dei cretini per permettere alle loro donne di godersi il mare e loro li trattano così. Pazienza, sono stato calmo e ho continuato ad ascoltare, facendo finta di essermi addormentato. Premetto io ho 22 anni e sono andato al mare con loro perché devo studiare, e li si studia meglio che a Bologna…non conosco nessuno e studio a più non posso….quasi.Torniamo alla storia.Mentre le donne maledicono i loro mariti ed io mi incazzo, una di queste propone una serata in discoteca…non ci volevo credere. Sono tutte donne sui 50 con i segni della vita, ma cmq donne con del fascino, però sempre di 50 anni e più. Appena questa fa la proposta tutte, compresa mia mamma, saltano in piedi ed eccitatissime accettano. Ero sempre più incredulo. Ogni tanto davo una sbirciata, nei momenti di silenzio, ma non vedevo nessuno.Ancora incredulo di tutto in comincio a sentire che proponevano di andare in disco a rimorchiare ragazzini poco più grandi di me. Kazzo dicono!!! A dire il vero la proposta partì da una di queste mamme…io ero allucinato. La maggior parte delle altre si tirò in dietro nel farlo, ma appena lei incomincio a raccontare come possono essere prestanti i ragazzi di 20 e 30 anni, tutte, e dico tutte, drizzarono le orecchie ed incominciarono a scaldarsi.Io nel frattempo incominciavo a sudare freddo, non era colpa del sole, per niente colpa sua.Questa donna raccontò l’esperienza di una sua amica col moroso 20enne della figlia, all’inizio tutte erano disgustate, poi erano quasi arrapate. Loro non erano le sole, anche io mi ero eccitato da impazzire, e sapete com’è l’effetto quando la situazione si indurisce con un boperer da spiaggia. Bene…quello fu il risultato….un cazzo duro in fista sotto un boperer, forse, troppo stretto per quella situazione.Fatto sta che le signore si congedano promettendosi che non avrebbero fatto parola con nessuno di quello che si era detto in quel momento e di quello che si sarebbe fatto quella sera. A parer mio questo lasciava tutte le porte aperte, e non solo.Mentre continuavo a far finta di dormire e cercavo di dirmi: ” Non mia mamma non è così, e lei neppure…lei neanche…” mentre mi ripetevo questo in testa la voce della migliore amica di mia mamma mi sussurra nell’orecchio :”Me ne sono accorta che non stai dormendo e mi sono accorta anche del tuo interesse, quindi se ti va sono in camera 28 tra 15 minuti. per entrare bussa tre volte.” Mentre mi diceva queste parole mi passo la mano sul pisello duro, e poi se ne andò.Io non mi mossi, continuai a far finta di dormire.Non appena mi resi conto che se ne era andata mi alzai ed andai da mia mamma a dirle che sarei andato in albergo a studiare. Io ero in un albergo differente rispetto a mamma e alle amiche, volevo la mia praivasi.Lei mi salutò e mi disse di fare il mio dovere, io annuì e me ne andai.Non sapevo che fare, andare in camera 28 oppure no. In spiaggia l’amica J, chiamiamola così, della mamma non c’era più, era andata in camera sul serio. Decisi di fare un tentativo, al maper avrei detto che non avevo capito. In quell’albergo mi conoscono bene quindi non fecero caso a me mentre prendevo l’ascensore per salire……
Arrivato davanti alla porta della camera 28 avevo i cuore che batteva a mille,stava per scoppiarmi, come il mio pisello, era enorme, mai sentito così duro…mi faceva male da quanto lo era.Bussai alla porta per 3 volte e non sentii nulla, così mi dissi…visto che inculata, te lo avevo detto coglione. Non avevo ancora finito di insultarmi che J mi aprì la porta e mi tirò dentro. Era ancora in costume.J è una donna come detto intorno ai 50, fisico asciutto ma con gli inestetismi di una cinquantenne, ma tutto sommato una gran bella donna per la sua età. Una cosa che la ringiovaniva era il seno…un quinta…c’era tutta, ed il bello è che non è cadente.Appena chiuse la porta mi mise la mano sul pacco e mi disse:” Sento e vedo che siamo ben messi”Senza dirmi altro si chinò ed incominciò con il pompino più bello della mia vita. Me lo succhiava con una maestrina unica, lo prendeva tutto in bocca e non lasciava fuori neanche un cm del mio cazzo, me lo divorava. Io non ci stavo più capendo niente, sia per la rapidità di come si sono svolti i fatti sia per il pompino che dopo poco non mi sono riuscito a trattenere. Lei se ne accorse ed accelerò con la sua spompinata. Incominciò a succhiarmelo con forza maggiore, sempre di più,m sempre di più, fino a quando non le sborrai in bocca, e lei non si tirò in dietro, anzi, lo ingoiò tutto e continò a spompinarmi, senza darmi tregua. Dopo un paio di minuti mi torno un cazzo grosso come mai….lei mi guardò con aria piuttosto soddisfatta e mi disse:” Ora fai il tuo dovere!!!!” Non ci volevo credere, proprio come aveva detto mia madre, sarà un vizio delle mamme. Cmq fatto sta che non me lo sono fatto ripetere, la gettai sul letto ed incominciai a leccargliela tutta. Si vedeva che era una figa stagionata, ma lei godeva come una vacca ogni volta che le prendevo il clitoride in bocca e lo ciucciuavo…emetteva dei gemiti disumani…stava godendo come una troia. Io la tenevo per le cosce mentre lei mi teneva per i capelli. Ad un tratto mi tirò su per i capelli e mi disse:”Ora scopami, e non sognarti di venire fuori, la meno pausa l’ho già avuta, quindi fai te…mi hai capito bene?!?”Io intimorito annuì con la testa. Le sfilai il costume e davantì a me si mostrò con tuttala sua età, ma anche con tutta la sua bellezza l’amica di mamma J.Mi ero scosato un attimo per ammirarla e lei si apri meglio la fica con l’indice e ilmedio e con faccia di vacca si passò la lingua sulle labbra e mi fece segno di scoparla…mi fiondai….non appena entrai lei emise un gemito che era degnmo dell’oscar da film porno. da qule momento in poi non si fermò più….godeva come una vacca e io me ne accorgevo, perché nonostante avesse la fica più sfonda delle 20enni, era bagnata come una maglietta sotto la doccia. Urlava e si dimenava sul letto contercendosi e gemendo come non avevo mai sentito. Mi implorava di continuare a scoparsela fina a quando non ne poteva più, io non ero ancora all’inizio.Me la scopai in diverse posizioni, senza mai venire, non perché non mi eccitasse, ma perché era talmente grosso che non ci passava uno spillo. Nel frattempo lei venne 3 volte. Il lenzuolo del letto era bagnato dai suoi umori, e a me eccitava.All’improvviso mi guardò fermandosi e mi disse di prendere la crema protettiva, e di spalmarmela sul cazzo, mentre lei se la sarebbe spalmata all’ingresso del culo. Non me lo feci ripete. Si mise a noivanta guardando uno specchio della camera e mni disse:”Ora spaccami il culo….e fammi godere come non ho mai goduto!”Non appena finì di dirmelo le appoggiai la cappella all’ingresso del suo buchino…ancora vergine…incomincia a spingere e lei incomincio ad emettere versi di dolore misto a versi di godimento puro. Ad un tyratto lei disse:”BASTA!” e spinse con tutta la sua forza verso di me ed emise un urlo di piacere che dopo pochi minuti le venni in quello splendido buco del culo.Andò avanti così quasi tutta la notte, perché io per tutti ero a studiare, mentre lei era a letto con mal di testa da insolazione.Scopammo come dei ricci per tutta la notte e per la notte seguente.Oggi l’ho salutata perché sono tornato a Bologna e lei per darmi un arrivederci mi sbocchinò nel bagno del ristorante dell’albergo, promettendomi che non appena è a Bologna chiama la mamma per una incontro tra amici.

Commenti [62]