Milano by night

Hits: 3

Milano. Grigia e scolorata. Buia. Piove.
Il traffico è lento e snervante; come da sempre.
I vetri dell’auto appannati. Come la mia mente.
Abbasso il vetro e prendo una profonda boccata d’aria fresca.
Tu non parli.
Non parli mai quando mi inviti a fare una passeggiata in macchina.
Non riesco a leggere dal tuo volto i pensieri che affollano la tua mente.
-Stasera, voglio che tu indossi le scarpe rosse, quelle dal tacco alla Tour Eiffel, gonna e autoreggenti.
Volevo chiederti se indossare l’intimo che m’avevi regalato, ma avevi già chiuso la porta alle tue spalle.
Invidio la tua serenità.
Amo quell’aria tua sicura e decisa.
E adoro guardarti, come adesso, di profilo.
Hai un sorriso rocambolesco, machiavellico in volto, io, invece, coi capelli scompigliati dal vento, faccio fatica a spiare il tuo volto per intuire dove mi porti.
Chiudo il finestrino.
La tua mano.
Forte, maschia, virile, forte.
Le tue dita, lunghe e curate.
Mano, la tua, che slitta sempre più spesso dal pomello del cambio al mio ginocchio.
È rosso.
Il semaforo di quest’incrocio, lo ricordo bene, è sempre rosso.
La tua mano abbandona il cambio e scivola fra le mie cosce.
È calda.
Serro e poi schiudo le gambe incastrandola e, quindi, per darle modo di addentrarsi.
Mi lecco alle labbra e abbandono il capo appoggiandolo al vetro del finestrino.
Un giovane, con la sua moto accanto alla nostra, ci osserva attentamente.
Il suo sguardo è puntato sulla tua mano che, lenta, annega fra le mie cosce.
Guardi lui, poi me e, quindi, ancora lui.
Un filo di complicità scorre fra di noi due.
Il ragazzo si fa intrepido e, come un galletto, allunga il collo a spiare la nostra intimità.
La sua moto è inclinata d’un lato.
Si tiene in equlibrio appoggiando un piede per terra e tenendo la moto con una mano.
Con l’altra si afferra il pacco e lo stringe riempendosi la mano.
Sta dicendo qualcosa che non afferro.
Abbasso il finestrino; ho voglia di sentire i suoi commenti, i complimenti e quelli che, per lui, sono insulti.
Mi fissa dritto negli occhi.
Verde!
Scivoliamo di nuovo nel traffico.
Sento le dita stringere e allentare la presa alla mia coscia.
Ho paura per il ragazzo che, appaiato a noi, segue più attentamente la tua mano fra le mie cosce che il traffico.
Tendi la mano e mi carezzi le tette.
Dannato tu! sai quanto lo adoro.
Sai quanto amo quando li stringi e li spremi con le tue forti mani.
Il tuo sguardo viaggia fra me e il giovane della moto.
La tua mano scende lenta fino al mio bacino.
Le mie cosce aperte ti invitano toccarmi.
Sapienti le dita passeggiano e penetrano le labbra.
Impertinenti slittano dentro.
Sento l’orgasmo prossimo mentre abbandono il capo al finestrino.
Ancora un semaforo.
Il giovanotto della moto si affianca alla macchina.
Sento più chiara la sua voce che, oltre ai complimenti, mi esterna i suoi più indecenti ed osceni desideri.
Ha un accento meridionale che non so.
L’eccitazione sale alle stelle.
Le labbra della mia fica pulsano.
Lasci il traffico del centro alle nostre spalle e imbocchi una strada quasi deserta e poco illuminata.
Accelleri, fino a giungere alla fine della strada.
Ancora un semaforo, senza senso, senza un perché.
IL giovane, dalle spalle larghe e dai capelli neri, si affianca ancora a noi.
-Dai! Fatti guardare bottana! Lo so che ti piace.
Giro il capo verso di lui.
Lui scende dalla moto, si cala la zip e se lo prende in mano.
Non è come il tuo, non così grosso, ma sembra duro come il granito.
Si avvicina al finestrino.
Spinge il cazzo verso di me.
Con la mano tremante, lo poggia sulla mia guancia.
Tu posi la tua mano sul mio capo e lo giri verso quella cappella vibrante.
L’ho sotto il naso, a sfiorare le labbra mie.
-Apri la bocca, fammi sentire la lingua, fammi sentire! Sucalo!
Mi afferri per i capelli tirandomi il capo dentro l’auto.
È verde; riparti.
Dallo specchietto seguo la luce della moto del ragazzo che non molla e ci segue a ruota.
Colo umori.
Porto le mani sui tuoi pantaloni.
Li slaccio.
Lo tiro fuori.
Non è duro.
Mi chino su di te.
Lo imbocco.
Lo sento crescere.
Gonfiarsi.
Esagerarsi.
Diventare duro.
La tua mano sul mio capo detta e comanda il ritmo.
Sempre più veloce, sempre più incalzante.
Mi riempi fino a soffocarmi.
Lo sento fino in gola.
Alterni spinte delicate ad altre selvagge, se non violente.
Sento l’auto fermarsi.
-Hai una bocca stupenda! Mi friggi il cervello, sai?! Il giovanotto ci ha seguito fin qui.
-È palese il piacere che provi a succhiare. Adesso il ragazzo ha posato la suo moto, si sta avvicinando.
E, di nuovo, le tue mani afferrano la mia testa e la portano al tuo meraviglioso fallo.
-Hai la bocca calda. morbida e soffice come una fica. Il ragazzo si avvicina lento, ma tu continua, succhia amore, succhia! Così, brava, bravissima; succhia! Il ragazzo è quasi arrivato alla macchina.
La tua voce mi droga.
Quell’esagerato membro che mi scopa la bocca mi rende schiava della lussuria.
E le mani che sento sollevarmi la gonna mi rendono schiava della voglia di godere e far godere.
Ma di chi sono quelle mani sotto la gonna?
Chi la sta sollevando?
Chi mi sta carezzando le cosce?
-Piano, sii più lenta, se continui a succhiarlo così mi fai sborrare; fermati! Ero sicuro che non ti sarebbe dispiaciuto se avessi acconsentito al ragazzo di accarezzarti. Si sta masturbando per te.
-Fammi, fammi vedere il culo, avanti! Voglio guardarlo adesso! Che polposo e tosto che deve essere. Amunì, fammelo taliare!
-Non senti come ti implora? Mettiti in ginocchio sul sedile, su!
Mi ci metto.
Sento la gonna rotolarsi fin sopra i fianchi.
Le tue mani a serrarmi il capo.
Quelle del ragazzo a prendermi per i fianchi.
La sua bocca si poggia sul culo.
La sua lingua slitta sotto di me.
“Più veloce, si, siiii vengo! Resta per come sei, è troppo arrapante vederti così, a pecorina, con lui a leccarti da dietro. Menalo, succhia ogni goccia, siiiiii! Godo amore, godooo!
La lingua del giovane è ruvida, inesperta, selvaggia e, a tratti, violenta.
Le tue mani afferrano nuovamente il mio capo.
La sollevano, lo staccano dalla tua cappella.
Le tue labbra si avvicinano alle mie.
Sento la tua lingua insinuarsi e serpreggiarmi in bocca.
Mentre quella del giovane cerca di entrarmi, di penetrarmi e scopare il buco del mio culo.
Continua a leccarmi e a masturbarsi sempre con più foga.
Mi giro verso di lui restando in ginocchio sul mio sedile.
Porgo il culo verso di te, adesso.
Afferro il suo cazzo alla base stringendolo con forza.
La cappella sorge dal mio pugno.
È lucida, umida e calda.
L’ammasso di carne che stringo in pugno mi esalta.
È duro come solo il cazzo di un ventenne sa essere.
Sembra ferro ardente da battere.
Poggio le labbra sulla sua cappella.
Chiudo gli occhi e la annuso.
Ci passo sopra la lingua.
Me la struscio sulle guance.
Sulle labbra.
Sul collo.
E, ancora, le tue mani iniziano a smaniare dietro di me.
Apro la bocca.
Lecco e avvolgo la sua cappella con la lingua.
Il ragazzo mi tira per i capelli per spingermi a prenderlo.
-Lascia fare a lei, godi delle sue labbra, rilassati e godi.
-Non son capace. non ce la faccio, ho solo voglia di sborrarle in bocca a questa buttana di tua moglie. Ora, adesso! Subbitissimo.
-Credimi, rilassati. lei è brava, è bravissima; è proprio una gran pompinara.
Le tue parole, per me, adesso, son peggio di fuoco sul fuoco.
Lo ingoio tutto fino alle palle.
Tenendolo tutto in bocca faccio scivolare fuori la lingua per leccargli le palle.
Spingo sempre più giù, per fargli sentire sulla cappella la mia gola.
-Sei stupenda! che bottana, che troia che sei! Succhiamelo, succhia maiala!
Oh si! Mi sento porca come mai prima, mi piace. Sento la tua lingua leccarmi fra le chiappe.
Oddio! la tua è tutt’altra cosa.
Che sballo!
Il ragazzo mi eccita!
-Dai continua, cosÍ, non ti fermare, sto per venire. Suca sangu miu, addattami la minchia! Sucamillo.
Sento il suo cazzo gonfiarsi sempre di più nella mia bocca.
È prossimo a venire.
Me lo sfilo dalla bocca e me lo faccio scivolare sotto il mento.
Le tue mani mi prendono per i fianchi.
Sento la tua cappella a baciare le labbra succose della fica.
Inarco la schiena.
Le tue dita toccarmi la clito, poi la fica.
Entrarci dentro.
Uscire.
Passare sul buco del culo.
Mi rinfilo il cazzo del giovanotto in bocca.
Riprendo a pomparlo, vado su e giù come una pazza.
Una tua mano mi spinge contro il ragazzo.
Bloccandomi contro di lui.
Ho la fronte schiacciata contro il suo ventre.
Poggi la tua cappella contro il mio buco del culo.
Rimango ferma.
Incastrata tra la tua cappella e il suo cazzo.
La più improbabile e stupenda delle posizioni.
Faccio per andare indietro.
Sento il tuo cazzo urtare e poi penetrarmi il culo.
Vado in avanti e mi soffoco sul cazzo del ragazzo.
Lo riprendo tutto in bocca.
Lentamente torno indietro.
Scivoli tutto dentro di me.
Sento le tue palle baciarmi la clitoride.
Torno in avanti per riaverlo tutto in gola.
Il tuo cazzo scivolava via.
Mi fermo quando dentro il culo ho soltanto la cappella.
-Che pompinaraaaa siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, siiiiiiiiiiiii. Sangu miu ri ‘nà bottana, sto spacchiando! Sborro troia!
Sentirlo schizzare è stupendo, fantastico, meraviglioso.
Pompo, per spremerlo come un limone.
Mentre mi impalo sul tuo cazzo.
Mi inculi mentre lui riempe di sborra la mia bocca.
Mi afferri saldamente i miei fianchi.
Inizi a martellarmi il culo sempre con più impeto.
Che botte che dai!
Sento che un altro orgasmo è prossimo.
-Fottimi, insultami, prendimi! Non resisto più, sto per godere, dai non fermarti. Ssiiii, ora, siiiiiiiiiiiii.
Urlo mentre vieni dentro di me.
In lontanaza, un altro urlo!
Quella della sirena del 113!
Una spinta al ragazzo, tiro la portiera e tu col piede sull’accelleratore.
Il ragazzo è lì, corre di fianco alla macchina per qualche metro.
Poggio le labbra contro il finestrino a voler baciare quel giovane che tanto m’ha fatto godere.
La pioggia riprende a scendere e le luci della città investono i miei occhi.
Tu canticchi una vecchia canzone ed io, io adesso, beata e soddisfatta, ho solo voglia di dormire.
Non immagini, amore mio, quanto adoro queste passeggiate in macchina!

Commenti [20]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *