Mirella

Hits: 1

Ancora una settimana ed il turno mensile di guardia alla diga sarebbe finito, a maggio finiva isolamento perché molto spesso c’era un via vai di escursionisti del week end. Era ormai il tramonto ed il attesa dell’ultimo giro di controllo alle 22 ero intento a prepararmi la cena, di solito ne approfittavo per preparare per 1 o 2 giorni, adesso stavo preparandomi un bel pollo con peperoni e pomodoro, avrei avuto scorta per 2 giorni. L’appartamentino era davvero piccolo ma più che sufficiente per una sola persona, oltre a una piccola camera con un letto alla francese ed un bagno con doccia c’era il locale principale dove da un lato c’erano tutti i macchinari ed attrezzature per il controllo della diga e dall’altro un cucinino completo di tutto, diciamo che da marzo a ottobre era molto bello e rilassante, a mesi alterni, passare del tempo qui, oltre che una ottima paga si godeva di un panorama stupendo e di un periodo di pace e tranquillità.
Stavo per mettermi a tavola quando sento bussare alla porta, apro e mi si presentano una coppia di escursionisti che mi chiedono se avessi una pila da prestargli poichè si erano persi e visto l’orario avrebbero dovuto fare il sentiero al buio per arrivare al rifugio. Pur a malincuore li sconsiglio di fare in sentiero di notte perché diventerebbe molto pericoloso e purtroppo non ho altra alternativa che proporgli di ospitarli. Accettano ringraziandomi accettando di sistemarci come possibile. Durante cena facciamo chiacchierata e vengo a sapere che sono 2 professori in pensione, Mirella e Guido, che approfittano del tempo libero in viaggi ed escursioni. Lei è una donna molto bella, bionda un bel fisico magro ed un bel sorriso, durante la cena continuo a guardarla e lei ricambia i miei sguardi che diventano sempre più espliciti. Ormai è da 20 giorni che non faccio sesso e la voglia si fa sentire.
Finita la cena Mirella si offre di lavare piatti mentre io e Guido restiamo sul patio a goderci il buio e la pace della montagna. Decido di anticipare il giro di controllo, prima di uscire gli faccio vedere la camera facendogli notare che dovremo arrangiarci nel letto alla francese e li invito se vogliono fare doccia mentre io vado a fare giro di controllo, ringraziano dicendo che ci arrangeremo ed esprimendo gratitudine per l’ospitalità. Esco per il controllo di routine, un giro che mi impegna per una oretta circa, controllo che tutto sia a posto e rientro a casa. Al mio ritorno li trovo già a letto, approfitto anche io a fare una doccia, e con riverbero della luce del bagno, noto con piacere che lei e sdraiata nel mezzo con le spalle verso la posizione che dovrò prendere io ed abbracciata a lui in modo da lasciarmi spazio. Faccio la doccia mi avvicino a letto e quando alzo coperte pur nel buio mi sembra di notare che lei dorme completamente nuda, a questo punto mi gioco il tutto per tutto ed anche io tolgo slip ed entro nel letto nudo. Lo spazio è davvero limitato e per forza siamo a contatto, non riesco a capire se stanno dormendo, sono attaccato a lei ed il mio cazzo è appoggiato al suo culo.
Non passa un minuto ed il mio cazzo diventa duro, ho un po’ timore di una sua possibile reazione, ma il desiderio mi fa optare di tentare il tutto per tutto. Inizio a strusciare il mio cazzo per capire una sua eventuale reazione, lei rimane immobile ed io continuo a strusciarle il cazzo sulle chiappe. Dopo un po’ allungo una mano ed inizio a accarezzarle il culo, poi salgo lungo i fianchi ed arrivo alle sue tette, inizio ad accarezzarle e lei ha un leggero movimento, mi fermo ma senza scostare le mani dal suo seno. Ho la sensazione che lei spinga il suo culo contro il mio cazzo, mi fermo attimo ad ascoltare il suo respiro, e così capisco che non sta dormendo. Con la mano scendo di nuovo sul culo la insinuo in mezzo alla gambe e sfioro la sua figa, è bagnatissima, arrivo al suo clitoride e lei emette un leggero gemito. Mirella resta immobile abbracciata a Guido, mentre io continuo a toccare la sua figa, è un lago di godimento, ne approfitto, bagno un dito nei suoi umori e poi lentamente glielo infilo nel culo, ancora un gemito ed un movimento verso di me, adesso sono certo che è sveglia e che le mie attenzioni sono di suo gradimento.
Prendo coraggio e con la mano la invito ad alzare la gamba appoggiandola sopra la mia, adesso la sua figa è aperta alle mie carezze, poi mi avvicino ancora appoggio il mio cazzo che aiutato dai suoi umori scivola lentamente dentro la sua figa. Resto per un po’ immobile e sento le contrazioni della sua figa con una sensazione come se volesse risucchiare il mio cazzo inizio lentamente a scoparla, le porto una mano alla bocca facendole capire di restare muta, ma è impossibile porre fine ai suoi gemiti di piacere inizio a pomparla sempre con più decisione e subito dopo sento suo corpo scosso da brividi ed il mio cazzo viene inondato dal suo orgasmo. Continuo a accarezzarle le tette, ancora per un po’ tenendogli sempre il mio cazzo dentro la figa, poi torno di nuovo a infilargli un dito nel culo, che sento lentamente dilatarsi, tiro fuori il cazzo dalla figa e lo punto al suo culo, lei si inarca per facilitarmi la penetrazione e per farmi capire che lo vuole, appoggio la cappella al suo buco e basta una leggera spinta perchè entri tutto dentro fino alle palle, inizio a pomparla mentre le mie dita giocano con il suo clitoride, non riesco più a trattenermi ed inizio a sborrarle nel culo mentre contemporaneamente lei ha un nuovo orgasmo, stavolta i suoi gemiti sembra che abbiano destato Guido che rivolgendosi a Mirella le chiede: “tutto a posto?” e Mirella gli risponde: “si si tutto ok è stato bellissimo?”. La risposta di Mirella mi lascia molto sorpreso, ma resto immobile con ancora il mio cazzo dentro il suo culo. Restiamo per un po’ così fino a che il mio cazzo non si ammoscia, a questo punto lei scavalcandomi va in bagno per poi ritornare a letto rimettersi di nuovo in mezzo e stavolta si gira verso di me, mi da un lungo bacio in bocca e mi sussurra: “grazie è stato bellissimo”, vado anche io in bagno, ma non riesco a non pensare alle frasi scambiate fra Guido e Mirella dopo un po’ smetto di pensare e mi addormento.
Il mattino dopo mi sveglio prima di tutti ed esco a fare il mio giro di controllo. Al ritorno quando entro in casa sento subito dei bisbigli, la porta della camera è leggermente socchiusa non resisto a sbirciare, mentre preparo il caffè. Mirella sta facendo un pompino a Guido gli succhia il cazzo mentre con una mano gli accarezza le palle, lui continua a incitarla chiamandola “porcona” e dicendogli che lo fa impazzire di desiderio dopo un po’ la mette a pecorina ed inizia a scoparla, mentre sono in quella posizione Mirella guarda nella mia direzione mi nota e mi fa un sorriso, continuano a scopare e dopo un po’ godono entrambi. Finisco di preparare colazione e nel frattempo rivestitesi arrivano, mi ringraziano di nuovo dell’ospitalità e mi chiedono, visto che il posto gli piace molto se possono passare la giornata con me e ripartire per il rifugio la sera. Accetto di buon grado nella speranza ci sia occasione di scopare di nuovo con Mirella. Mentre io sbrigo il mio lavoro di routine, loro sono sdraiati a prendere il sole, a un 50 metri da casa, un po’ prima di pranzo mi accorgo che Mirella è stesa al sole completamente nuda, Guido accanto solo con gli slip inizia ad accarezzarla per poi mettersi in mezzo alle sue gambe ed iniziare a leccarla, inizio ad avvicinarmi e Mirella mi fa cenno di no con un movimento della testa. Mi siedo sulla veranda con il cazzo duro lo tiro fuori ed inizio a menarmelo, Guido fa mettere a pecorina Mirella ed inizia a scoparla, guarda verso di me e non può fare a meno di notare che li sto osservando e mi osserva mentre mi sto menando il cazzo. Alla fine della scopata è ora di pranzo e li chiamo. Arrivano sorridendo ma non dicendo nulla sull’episodio, mentre mangiamo Mirella mi chiede se il pomeriggio può venire con me nel giro di ispezione, le dico che non c’è nessun problema.
Dopo pranzo Guido si offre di lavare piatti e con Mirella siamo su patio, al mio primo accenno di portare il discorso sugli episodi del mattino Mirella mi stoppa dicendomi: “perché ti fai tante domande? Goditi invece tutto quello che è successo e che succederà ma senza chiedere perché”. Ci avviamo a fare il giro di controllo, che stavolta faccio in modo molto veloce, siamo a un centinaio di metri dalla casa in un posto coperto, mi avvicino a Mirella e la bacio mentre con una mano le tocco la figa sopra pantaloni, ricambia il bacio ma mi scosta la mano dicendo che ha visto lei un bel posto dove farlo. Mi prende per mano e mi porta con lei. Arriviamo al termine della diga dal lato verso la casa siamo a non più di 50 metri, Mirella mi fa fermare mi fa appoggiare al muro della diga ed inizia a slacciarmi pantaloni, in distanza noto che Guido è seduto sulla veranda con il cazzo in mano come ero io la mattina. Mirella inizia a farmi un pompino, ingoia tutto il mio cazzo, lo succhia lo lecca mi accarezza le palle io intanto tocco le sue tette ho il cazzo duro come il marmo, sapere che Guido ci osserva mi fa eccitare di più, faccio alzare Mirella, le faccio scendere i pantaloni, la faccio appoggiare al muretto con la faccia rivolta verso Guido ed inizio a scoparla a pecorina, come la notte prima è un lago di umori, adesso nessun limite ai mugugni, nessuna finta di farlo nascosto, Guido ci osserva e forse riesce a sentirci. Mirella mi incita sempre di più, continuo a pomparla sempre con maggior vigore fino a farla sborrare, il mio cazzo è sempre duro ed anche stavolta ne approfitto per metterglielo nel culo, lei mi incita ad incularla dicendo che gli piace un casino, gode di nuovo e mi invita a sborrargli nel culo, io invece le tolgo il cazzo dal culo la faccio abbassare e glielo infilo in bocca invitandola a succhiare. Sento che sto per godere la trattengo per i capelli infilandogli il cazzo tutto in gola fino a farla quasi soffocare. Godo nella sua bocca gli schizzi si susseguono qualcuno anche sul suo viso, lei succhia tutto e tiene in bocca il mio cazzo fino a che non si ammoscia, ci ricomponiamo ed andiamo alla casa.
Ormai è ora che ripartano, nel salutarci Guido dicendo che avendo io tutto il mese dopo libero e volendo loro ricambiare l’ospitalità avuta, mi propone di raggiungerli alla loro casa al mare, dicendomi che anche al mare sarà altrettanto bello come in montagna. Ci salutiamo con un abbraccio e Mirella mi dà un lungo bacio sulla bocca davanti a Guido dicendomi: “Grazie, è’ stato bellissimo, sei stato l’attore ideale per il nostro sogno segreto, non vediamo l’ora di averti con noi al mare per poter esaudire insieme a te i nostri sogni, e credici ne abbiamo moltissimi”.
Sono passate 2 settimane, sono in viaggio verso il mare, ho avvertito Mirella e Guido che ho tutta una settimana libera, sono molto contenti, sono certo che hanno desiderio di esaudire molto dei loro sogni ma questo ve lo racconterò un’altra volta.

Commenti [7]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *