moglie giovane , corna sicure

Hits: 0

Questa storia l’abbiamo vissuta qualche anno fa, ma non troppo, e non mi sono affatto pentito di averla vissuta.
All’inizio pensavo fosse stata una fesseria quella di avere sposato una donna di ben 15 anni meno di me. Certo allora me la spassavo perché io a 35 anni e lei a 20, me la godevo in tutti i sensi.
Poi ho iniziato ad accusare dei malanni legati alla neuropatia per cui in “muscolo” centrale andò sempre più affievolendosi fino a non dare più segni di funzionamento.
Mia moglie cercò di farsene una ragione anche se bene o male la facevo godere lo stesso con la lingua, ma capivo che non era il massimo e se mi avesse detto che s’era fatta l’amante l’avrei capita.
Ho cercato di farla godere acquistando uno di quei falli finti, ma all’idea di infilarsi dentro quel corpo estraneo si rifiutava in tutti i modi.
Un bel giorno mi disse che c’era uno che la guardava in modo assiduo, era il parrucchiere in piazza. Io pensavo che quello fosse ricchione, ma evidentemente non lo era.
Iniziai a farle delle domande del tipo: ti piacerebbe andarci a letto, lo ritieni un tipo interessante, vuoi uscire qualche sera con lui, ed altre cose.
Chiaramente era solo un gioco perché mia moglie non mi avrebbe mai tradito, anche se questo le costava. Ormai all’età di 60 anni io e 45 lei non potevo chiedere molto dal lato sessuale, tuttavia mi accorsi che quando parlavamo di sesso e specialmente quando le dicevo se fosse disposta ad andare a letto con parrucchiere, stranamente mi eccitavo. Lei se ne accorse in quanto una sera che ne stavamo parlando eravamo a letto nudi perché era d’estate e c’era un caldo bestiale.
Mia moglie, nel vedermi eccitato si meravigliò ed io le dissi che mi succedeva quando fantasticavamo su un fantomatico rapporto sessuale tra lei ed un altro uomo.
Provammo a fare l’amore, ma all’atto di infilarglielo dentro mi si ammosciò. Immediatamente mia moglie iniziò a dire che mentre era seduta dal parrucchiere in attesa del suo turno, non si era accorta che la sua gonna era salita talmente da lasciarle metà cosce scoperte e quindi il parrucchiere non le toglieva gli occhi da dosso e lei, eccitata da quegli sguardi maliziosi, non si copriva affatto anzi tirava ancora di più la gonna allargando anche le cosce.
Immediatamente mi ridiventò duro e glielo infilai nella figa velocemente. La stantuffai e godemmo da matti.
Quindi quell’argomento mi dava la spinta per eccitarmi, quindi perché non proseguire con quel gioco? Decidemmo assieme di continuare, tuttavia suggerii a mia moglie di far finta che tutto fosse vero, anzi le dissi di essere convincente quando mi raccontava le cose come se effettivamente sei si vedesse con qualcuno, il parrucchiere o qualcun altro.
All’inizio il gioco stentò a prendere il via anche perché a volte mia moglie aveva altro per la testa, ma quando ci si metteva rendeva tutto verosimile, come se fosse tutto vero. Il fatto che dopo aver goduto io le chiedessi la conferma che era tutta una finta mentre lei diceva che era tutto vero, da un certo punto mi amareggiava, ma dall’altro mi stimolava per il prossimo rapporto. È chiaro che i nostri rapporti si limitavano a 1 al mese, ma quell’unico rapporto mensile era intenso.
E una volta subito dopo aver finito di fare l’amore le suggerii di farmi eccitare magari il giorno prima del prossimo rapporto oppure il giorno stesso, di improvvisare una fantomatica telefonata dove lei mi raccontava che si stava facendo scopare da un altro, in modo da farmi eccitare e al suo rientro avremmo fatto l’amore.
E accadde che un pomeriggio mia moglie mi chiamo dicendomi che era a letto con un uomo e che stavano facendo l’amore. Mi eccitai tantissimo e al suo rientro ci detti dentro di brutto facendola urlare dal piacere. Ormai non le chiedevo la conferma che fosse una finta il fatto che lei mi aveva detto di essere a letto con qualcuno, perché pensavo che fosse così ma mi illudevo che fosse tutto vero. Non sapevo più se mi piaceva sapere di essere cornuto sul serio o essere cornuto ma per finta.
Un giorno un mio amico mi disse che aveva visto mia moglie che chiacchierava con un uomo mentre erano seduti al bar.
Io dissi che non c’era niente di male, pensando che volesse farmi uno scherzo per via che mia moglie era molto giovanile ed attraente, ma questi disse che mentre parlavano di guardavano negli occhi e si tenevano per mano, sentii il brivido dell’eccitazione salirmi lungo la schiena, ma non potevo dirgli che mi piaceva sentire quei discorsi.
Non appena mia moglie giunse a casa, le raccontai ogni cosa, compreso il fatto che mi ero eccitato tantissimo.
Con mia grande sorpresa mia moglie disse di aver conosciuto un uomo che era venuto a lavorare nella loro agenzia di assicurazioni temporaneamente in quanto il vecchio direttore era andato in pensione e la casa madre aveva inviato questo nuovo direttore, in via provvisoria, per formare qualcuno dell’agenzia che prendesse il suo posto.
Allora era vero che era stata vista al bar, quindi il fatto che si guardavano negli occhi e si tenevano per mano sarebbe anche potuto esser vero e quindi non era uno scherzo.
Ormai il parrucchiere era stato messo da parte definitivamente, quindi entrava in gioco questo nuovo personaggio. Le chiesi il nome e lei disse che si chiamava Paolo Ardenghi.
Le chiesi se ci fosse già stata a letto e lei disse che erano solo usciti a prendere un caffè assieme e nient’altro. Poi le chiesi se Paolo l’attraesse e lei, abbassando gli occhi, rispose di si. Mi eccitai perché sapevo che se mia moglie provava dell’eccitazione per qualcun altro era solo per sesso e non per amore, quello era dedicato solo a me.
Le chiesi ancora se volesse far l’amore con lui e, timidamente, mia moglie rispose che la cosa non le dispiaceva affatto. Quelle parole suonarono per me come la carica. Mi eccitati e la penetrai. Non era giorno in cui era programmato per fare l’amore, quindi mia moglie si meravigliò. Le dissi che quell’argomento mi eccitava molto e che lei mi avesse parlato in quel modo ogni giorno, l’avrei scopata ogni giorno.
Poi mia moglie mi disse una cosa che suonò per me come una bastonata, cioè che tra loro non c’era niente e che Paolo non la guardava né la considerava minimamente. Mi sentii col morale ai piedi, quindi dissi a mia moglie di far finta che invece era tutto vero. Stranamente dopo quelle parole, non provai più nessuna emozione, nemmeno quando mia moglie mi diceva qualcosa al telefono prima di rientrare a casa nel giorno previsto per fare l’amore. Mi chiese spiegazioni della mia mancata reazione ed io risposi che la risposta che mi aveva dato mi aveva cancellato ogni emozione.
Per un po’ di tempo non parlammo più di tale stato di cose, né avemmo rapporti, nemmeno con la lingua o solo carezze.
Sembrava che l’argomento sesso era stato cancellato per sempre dal nostro diario. Poi accadde un fatto che riaccese la miccia.
Un giorno mia moglie mi disse che Paolo l’aveva invitato a prendere un te a casa sua nel primo pomeriggio di domenica.
Ormai non pensavo più al sesso, quindi feci le spallucce. Lei uscì di casa dicendomi che se ci fosse stato qualcosa di piccante mi avrebbe chiamato al telefono. Ormai non le credevo più, anche se il suo tentativo di ravvivare il rapporto sessuale era da ammirare. Pensavo che si fosse inventata tutto e che magari fosse andata a casa di un’amica facendomi credere di andare a casa di Paolo.
Perso le 17,30 mia moglie mi chiamò al cellulare dicendomi di trovarsi a casa di Paolo, di aver preso il te con lui e che in quel momento erano entrambi nudi sul letto, che si stavano accarezzando e baciando e si apprestavano a fare l’amore.
Le augurai una buona scopata, perché ero sicuro che non era vero nulla. All’improvviso sentii nuovamente la voce di mia moglie che emetteva dei mugolii come se stesse godendo. Pensai lo stesse facendo apposta, poi disse di aver messo il telefono in viva voce e che potevo anche rivolgere qualche domanda a Paolo. Lì per lì mi bloccai perché non pensavo fosse vero, però volevo scoprirlo, quindi feci una domanda a questo fantomatico Paolo dicendosi come trovava mia moglie e se era brava a letto. Inaspettatamente sentii la voce di un uomo che diceva che mia moglie era una donna fantastica e che se la stava scopando alla grande. Venni preso dall’emozione e tutto ciò che riuscii a dire fu di non mettermela incinta. Augurai loro una buona scopata e chiusi il telefono.
Mi misi a piangere come un vitello. Non pensavo che mia moglie potesse davvero andare a letto con un altro uomo. Le fantasie erano un conto, ma la realtà era un altro, anche se io sotto sotto ci speravo che fosse tutto vero.
Mi accorsi che mio malgrado ero eccitatissimo. Me lo toccai e ce l’avevo durissimo, cosa che non mi era mai accaduta. Mi tirai un segone tremendo immaginando mia moglie alle prese col il cazzo di un altro uomo.
Quando lei rientrò mi abbracciò pensando che l’avrei scopata, ma mi ero scaricato da solo. Glielo dissi e lei rimase delusa, al che io pensai che forse si era messa d’accordo con quel Paolo apposta per farmi eccitare e rinnovare il nostro rapporto.
Qualche giorno dopo mia moglie disse che Paolo l’aveva invitata a vedere un film e poi a cena. Dissi che non mi stuzzicava più, al che lei disse che Paolo aveva invitato entrambi, quindi anche me.
Non sapevo che dire. Mia moglie vedendomi imbarazzato, telefonò a Paolo dandomi poi la cornetta. Paolo mi invitò al cinema. Disse che davano un bel film degli anni 80 restaurato: “Histoire d’O”, quello con Corinne Clery, e che poi saremmo potuti andare a cena e che ci offriva tutto lui perché quella era l’ultima sera che lui stava nella nostra città.
Fissammo l’appuntamento. Paolo ci sarebbe venuto a prendere verso le 20. Saremmo andati a vedere il film in una saletta per pochi intimi. Infatti era un cinema d’essai solo per amatori di pellicole aventi un tema particolare e quella settimana era quella dedicata all’erotismo e quella sera davano “Histoire d’O”.
Mia moglie andò subito a farsi la doccia, poi la vidi scomparire in camera da letto a vestirsi. Erano quasi le 20 e Paolo sarebbe venuto a prenderci da un momento all’altro quindi non avrebbe avuto nemmeno il tempo di truccarsi e fare tutto il resto. Infatti alle 20 precise sentii suonare il campanello. Aprii e Paolo venne su.
Mia moglie era ancora in camera a vestirsi. Parlai con Paolo presentandoci e facendo un po’ di amicizia.
All’improvviso mia moglie fece la sua comparsa in sala già col soprabito allacciato e pronta per uscire.
Scendemmo e mi accorsi che Paolo aveva una Y10, un po’ piccolina e per giunta a due porte. Mia moglie tirò su il sedile del passeggero per salire dietro e per via che l’auto era piccola, si sistemò al centro mettendo un piede dietro il sedile dell’autista, cioè di Paolo e l’altro dietro a quello del passeggero, cioè dove ero seduto io. Paolo era già seduto al suo posto mentre io mi accingevo a prendere posto accanto a lui.
Inevitabilmente vidi la posizione di mia moglie e per poco non rimanevo fulminato perché lei era a cosce completamente spalancate e le si vedeva benissimo la figa. Indossava le calze ma senza mutandine perché la sua figa era bella in mostra. Pensai che anche Paolo se ne fosse accorto perché dopo averle lanciato uno sguardo, guardò anche me strizzandomi l’occhio.
Per tutto il viaggio, poiché il locale si trovava in un’altra cittadina poco distante, chiacchierammo del loro ufficio e Paolo disse che aveva delle novità da comunicarci in quanto aveva trovato il nominativo per il nuovo direttore.
Dopo circa un quarto d’ora arrivammo. Parcheggiata l’auto entrammo nel locale sedendoci nelle poltrone di velluto rosso. Il film non era ancora iniziato e ci accorgemmo che la sala era piena per metà e che erano quasi tutte coppie.
Le luci erano soffuse e appena queste si spensero il film ebbe inizio. Immediatamente mia moglie, che era seduta in mezzo tra me e Paolo, si tolse il soprabito appoggiandolo sulla spalliera del sedile davanti. Anche se eravamo al buio mi accorsi che lei praticamente era nuda. Indossava un reggiseno a balconcino che le sosteneva il seno ma non glielo copriva, infatti le tette erano scoperte ed i capezzoli durissimi, sotto indossava un paio di reggicalze e senza mutandine. Le chiesi in un orecchio se fosse pazza ad uscire in quel modo, disse che era eccitatissima e che se non l’avessimo chiavata entrambi si avrebbe fatta chiavare dai primi due uomini che ne avevano il desiderio.
Per tutto il film non riuscivo a pensare al fatto che allora era vero quando mi aveva telefonato facendomi parlare con Paolo che se la stava chiavando. Mi guardavo intorno per vedere se c’era qualcuno che guardava mia moglie praticamente nuda, ma mi accorsi che tutti erano intenti a guardare il film che, datosi l’argomento appropriato, stimolava alla grande.
Al termine del film le luci si accesero, ma in modo soffuso dando a mia moglie l’occasione per farsi ammirare dai presenti in quanto si alzò in piedi per indossare il leggero soprabito rimanendo nuda per qualche istante davanti a tutti. Poi per sottolineare di essere in compagnia di due uomini con i quali sarebbe andata a letto, diede un bacio in bocca a Paolo e poi uno a me prendendoci sotto braccio e avviandosi verso l’uscita.
Al ristorante rimase col soprabito addosso, ma sapevamo che sotto era nuda, e durante la cena Paolo disse che avrebbe segnalato il nome di mia moglie quale nuovo direttore dell’agenzia.
Uscimmo dal ristorante, ma mia moglie non resistette a lungo perché, apertasi il soprabito, iniziò a baciare Paolo già nel parcheggio lasciandosi ammirare dagli altri avventori del locale. Fecero l’amore li fuori. Mia moglie si era appoggiata al cofano dell’auto a cosce spalancate e lui la penetrò scopandola con veemenza.
Io ero eccitatissimo e quando Paolo abbandonò la preda, fui io a penetrare mia moglie facendola urlare di piacere.
Per fortuna nessuno badava a noi, anche se qualcuno ci dava un’occhiata da lontano. Poi Paolo prese nuovamente mia moglie scaricandosi dentro di lei, così come aveva fatto prima e come avevo fatto io.
Mia moglie diventò il direttore dell’agenzia nella quale lavora e di tanto in tanto mi telefona per dirmi che rientrerà più tardi perché deve fermarsi a fare dei controlli d’agenzia. Secondo me è perché si fa sbattere da qualche impiegato, ma io la lascio fare perché quando rientra e si toglie il soprabito, la trovo completamente nuda e pronta per fare l’amore.
Questa cosa mi stimola molto, altro che viagra.

Commenti [12]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *