Natale 2010

Era la notte di Natale e Mara aveva un sonno molto agitato, forse aveva esagerato con il cibo, stava sudando, così scostò le coperte mostrando le sue nudità alla pallida luce lunare.Lei aveva l’abitudine di usare lo scaldasonno, perciò anche d’inverno poteva dormire nuda e adesso che ormai non aveva più il suo ciclo poteva stare tranquilla. Mara aveva superato da poco i 50 anni, ma nonostante l’età avanzasse lei rimaneva sempre una bella donna e in forma, forse grazie al fatto che avesse avuto solo una gravidanza quand’era ventenne che le aveva permesso di rimettersi subito in riga e non rovinarsi. Senza neanche farci caso stava giochicchiando con uno dei suoi capezzoloni delle sue belle tettone ancora sode, quando ad un certo punto una voce le tuonò:Cosa fai brutta sporcacciona, non ti permettere di toccarti!A Mara quasi le venne un colpo, c’era qualcuno nell’oscurità, ma non vedeva chi fosse. Qualcuno si avvicinava, ma sembrava quasi invisibile.Chi sei? Che vuoi? Adesso urlo!Ma davvero? E cosa dirai? Mi ha sgridata l’uomo invisibile mentre mi toccavo?Adesso mi stò spaventando sul serio, ti prego dimmi chi sei!Io sono il fantasma del passato, sono venuto a salvarti e farti vedere qualcosa, vieni seguimi in bagno!Mara si alzò, quasi non si reggeva in piedi dal tremore, ma piano piano raggiunse il bagno e lì vide che non era vuoto! C’era lei stessa più giovane insieme a suo figlio Giulio:Mamma ti prego perdonami!Ho fatto bene a fare una copia delle chiavi del bagno, volevo proprio sapere cosa combinavi qui dentro e perché chiudevi sempre! Fai schifo Giulio, sei un depravato! Come ti permetti di usare la mia biancheria per masturbarti! E poi quelle foto che mi hai fatto questa estate tutte sparse per terra, per non parlare di quel mio primo piano del viso, cosa ci ha fatto? Rispondi cazzo!!!Ci sono venuto sopra mamma, mi ecciti così tanto!Schifoso! Pezzo di merda! Sborrare sulla foto di tua madre, vergognati! Sei un verme, hai vent’anni cazzo, non sei più un ragazzino, stasera è natale e tu invece di trovarti una ragazza di fai le seghe chiuso in bagno! E io pensavo che ti drogassi! Quasi quasi era meglio che fossi un tossico, se fosse ancora vivo tuo padre non l’avresti passata liscia, le avresti prese di brutto! Ma io non ti perdono! Non ti alzerò le mani, ma ti caccio di casa, hai tempo per la fine delle feste, dopo capodanno te ne vai lurido schifoso!Le voci cominciavano ad affievolirsi e le figure a scomparire, Mara era quasi in trans quando il fantasma parlò:Ma che ipocrita eh? Più gridavi e più ti bagnavi non è vero? Ti sei eccitata tantissimo, ma hai fatto la tua solita scenata isterica imbarazzando quel poveretto di tuo figlio che aveva l’unica colpa di avere una cotta per la propria madre!Mara rimase in silenzio, un po’ si sentiva in colpa a vedere questa scena del passato, ma in cuor suo sentiva di aver fatto la cosa giusta.Mentre pensava questo, si accorse che era sola nel bagno, così si incamminò verso la sua stanza, ma non sembrava più la sua e sul letto due persone stavano scopando, cercava di capire chi fossero quando una voce la fece trasalire:Benvenuta Mara, io sono il fantasma del presente e le due persone che vedi su quel letto sono tuo figlio e una puttana! Puoi avvicinarti quanto vuoi per averne la certezza, loro non ti possono vedere.Mara si avvicinò, vide che la sveglia sul comodino faceva le 21 e portava la data del 25 dicembre, ebbe la conferma che il maschio che cavalcava la donna era proprio suo figlio, ma quello che la fece star male era la prostituta, aveva un specie di travestimento che la faceva somigliare molto a lei, solo che era messa meno in carne, sembrava quasi malaticcia.Suoi figlio si dava parecchio da fare, lei però non sembrava godere molto e le sue frasi probabilmenti eccitanti per il suo Giulio, non erano molto convicenti, come se pronunciate da un attrice non professionista:Bravo figlio mio, scopa la tua mamma, hai visto come sono troia, che aspetti a spruzzarmi la tua sborra tutta addosso?Si mamma, adesso vengo, voglio venire sulla tua faccia!Le voci cominciavano ad allontanarsi come la prima volta e le figure piano piano sparirono lasciando la stanza vuota, c’era però uno strano rumore che attirava l’attenzione di Mara, sembrava una specie di bip, sembrava provenire da dentro l’armadio. Si voltò in cerca del fantasma del presente, ma si accorse di essere sola.Il bip cominciava a sentirsi sempre più forte, così Mara, anche se impaurita, decise di dare un’occhiata dentro l’armadio, ma quando lo aprì vide che si poteva accedere ad un’altra stanza e semrava quella di un ospedale, quello che sembrava un medico la invitava ad avvicinarsi.Buona sera signora Mara, io sono il fantasma del futuro, la prego si avvicini, c’è una persona che ha bisogno di lei.Sul letto c’era suo figlio, non sembrava per niente in buono stato, ma non aveva fasciature o gessi, quindi non sembrava fosse lì a causa di un incidente.Mi dica signor fantasma, che cosa è successo a Giulio, che posto è questo?Siamo nel reparto malati terminali, suo figlio ha ormai pochi giorni da vivere.Ma perché? in che anno siamo, che cosa è successo?Purtroppo il suo Giulio per sfogare le sue voglie represse ha frequentato cattive compagnie, prostitute tossiche e a buon mercato, suo figlio non aveva certo soldi in abbondanza e così ha dovuto fare del suo meglio e adesso non può più tornare indietro.Ma io posso tornare indietro! Tutto questo non è ancora successo! Tutto questo deve ancora accadere! Io posso cambiare tutto!Un dolore lancinante la fece smettere di gridare, Mara si trovava ai piedi del letto, forse era caduta, magari era solo un brutto incubo e agitandosi era finita per terra.Guardò l’orologio e vide che erano addirittura le 11 di mattina, qualcuno bussò alla porta:Mamma! Svegliati è davvero tardi, ti ho portato la colazione.Mara si rimise nel letto e si coprì visto che era nuda.Entra Giulio, mi sono appena svegliata, questa notte non riuscivo a prendere sonno e mi devo essere addormentata tardissimo.Mamma ti ho svegliato solo perché sapevo che dovevi preparare il pranzo per gli invitati e non volevo che poi fosse troppo tardi.Hai fatto bene Giulio, senti ci sei questa sera a cena vero?Veramente no mamma, avrei un impegno.A Mara venne un colpo al cuore, ripensò al fantasma del presente e a quello che aveva visto, la sveglia che indicava le 21 del 25 dicembre, non doveva permettere al figlio di uscire.Ma dai, non vorrai lasciare la sera di Natale tua mamma tutta sola! Non vuoi vedere il regalo speciale che ti ho riservato?Cosa? un altro regalo? Pensavo che l’Iphone fosse il tuo dono!Già, ma ti ho detto che quello di stasera è un regalo speciale, molto speciale. Oh ma come mai non c’è il latte nel caffè?Si deve essere finito e oggi sono tutti chiusi visto che è Natale, ma mi metti molta curiosità mamma, non puoi anticiparmi nulla rispetto a stasera?Mentre stava per rispondere, Mara notò un piccolo bozzo che cominciava a crescere e che traspariva dal pigiama del figlio, la coperta che la copriva si era abbassata e si notavano più del dovuto le sue tette, sempre coperte, ma più in mostra. Decise così di prendere la palla al balzo e provocare Giulio.Mmm non so se anticiparti niente, sono un poì scocciata che manchi il latte, il caffè così è troppo forte per me! E dire che ho una bella centrale del latte, peccato che non ne produca più.E così dicendo Mara si scoprì le sue tette e ne strizzò una verso la tazzina come se volesse far uscire del latte dai suoi capezzoli. Giulio era rimasto a bocca aperta, gli occhi fissi sulle tette di mamma e la sua erezione ormai senza più speranza di essere occultata.Che fai Giulio! Sembra che non hai mai visto il seno nudo di una donna! E qui cosa abbiamo?E con un gesto secco abbassò al figlio il pigiamo rendendo pubblico il suo enorme eccitamento.Ma guarda un po’, vedo che faccio ancora effetto! Di un po’ te le fai ancora le seghe pensando alla tua mammina? Vuoi un anticipazione della mia sorpresa di stasera? Adesso ti mungo il tuo bel cazzone così facciamo uscire un bel po’ di latte per macchiare il mio caffè che ne dici?Giulio! Giulio? Giulio?!!Bonk!! Giulio stramazza a terra svenuto col sangue che gli cola dal naso! Sembra uno di quei fumetti giapponesi! E’ stato davvero troppo per il figlio di Mara.
Secondo voi che farà adesso la sua mammina? La respirazione bocca a bocca? Secondo me la bocca la userà, ma per fare qualcos’altro…

Commenti [3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *