no figlio mio

Dopo tre anni di vita da sposato tornai a casa di mia madre felice di ritrovare il caldo nido. Mia madre fu felicissima di ospitarmi e mi serviva come un signore. A parte una donna da strapazzare non mi mancava nulla. A dire il vero mi mancava anche un bel maschietto ma avevo paura di palesare i miei gusti omosessuali e cercai di tenermi lontano da certe frequentazioni. A volte rientravo la sera con i coglioni in fiamme e prima di addormentarmi mi spugnettavo fino allo sfinimento. Una sera ero arrapato come un mandrillo quando mi accorsi della porta socchiusa della camera di mia madre. Vi feci capolino e vidi mezza nuda colla coscia scoperta lei che dormiva della grossa. Alla luce proveniente dal corridoio mi avvicinai ed estrassi il cazzo duro e le sborrai addosso. Le gocce di sperma le lordarono la coscia nuda e rientrai in camera mia vergognandomi come un cane in chiesa. Pero` era stato eccitante sborrarle addosso. Il mattino dopo mi aspettavo una ramanzina che non arrivo` ne` allora ne` mai per cui quasi ogni sera entravo di soppiatto nella camera di mia madre e le sborravo addosso. Piu` volte facevo fatica a contenere la mia voglia di montarla e mi limitavo a sborrarle tra i capelli. La voglia di chiavarla cresceva senza pero` che da parte sua ci fosse qualche segnale che mi facesse capire se accettava le mie attenzioni o meno. Piu` di una volta le ricordai quando da bambino mi faceva il bagnetto e lei sospirando disse che un conto e` lavare un bambino un altro e` lavare un uomo. Gia`, ero un uomo ormai e con tanto di cazzo capace di soddisfare le voglie di qualsiasi donna, mamma compresa. Mia madre era stata la principale Musa ispiratrice delle mie solitarie pugnette fino a che non ho rivolto altrove le mie attenzioni. Pero` lei mi era rimasta nel cuore, il suo triangolo di pelo nero, le sue poppe prosperose, il culo sodo che faceva sospirare chi glielo vedeva quando sculettava per la via. E che dire delle gambe diritte e le cosce dalla pelle di seta, bianca come l`avorio e liscia come la buccia di pesca? Quando si agitava appoggiata al lavello intenta alle sue faccende le ammiravo il bel culo ed immaginavo di chiavare le chiappe sode. Aveva poco meno di cinquant`anni ed era ancora una donna desiderabile. Non una smagliatura della pelle non una ruga se non quelle del sorriso e negli occhi la luce vivida della donna sensuale di sempre. Un pomeriggio, stufo degli amici al bar, rientrai perche` avevo voglia di stare con mamma. Dalla strada vidi la finestra chiusa malgrado la giornata afosa ed immaginai che stesse dormendo, Entrai in casa in punta di piedi ed infatti trovai il salotto al buio. Mi ci volle qualche minuto per distinguere la sagoma del corpo di mia madre disteso sul divano. I lunghi capelli sciolti sul bracciolo la testa appoggiata col viso verso lo schienale la vestaglia aperta e le cosce scoperte. La pelle bianca delle gambe si distingueva nettamente al buio e vidi il cuscino che stringeva tra le cosce. Vederla cosi languidamente abbandonata rividi in lei la donna sensuale di un tempo e sentii nei coglioni il ben noto formicolio della voglia che montava. Un vuoto allo stomaco mi confermo` che il cazzo stava alzando la testa quindi lo estrassi per sincerarmi della sua eccitazione e per dargli un colpo di manovella e metterlo a tacere. Forse disturbata dai miei sospiri volse la testa e vidi le carnose labbra socchiuse mentre il respito regolare mi assicurava che stava dormendo. Sposto` la coscia e distinsi la base del triangolo pubico coi peli incolti che schizzavano lungo il bordo del cuscino bianco. Era nuda, oddio mia madre era nuda e la parpagliola al vento. Merito o colpa del caldo per trovare refrigerio, aveva messo il cuscino tra le cosce per rinfrescare l`antro del piacere. Mi accostai in ginocchio col cazzo che mi suggeriva di leccarle la fica prima di montarla e feci uno sforzo per controllarmi e non spingere contro la mano che ciondolava lungo il divano il cazzo duro come un pezzo di legno. Dalla scollatura si vedeva la base dei seni e chissa` cosa avrei pagato per baciarne uno. Sentivo l`odore di femmmina che avevo quasi dimenticato. Le sbottonai la vestaglia e scoprii il petto colle tette imprigionate in un regiseno troppo piccolo ma ebbi paura di svegliarla se gliele avessi estratte per baciarle. La capocchia del cazzo le sfioro` la mano e mi parve di sentire una scossa elettrica. Spinsi ancora e sentii la mano avvolgerlo. Lo strinse come per saggiarne la consistenza quindi fece scivolare la mano lungo l`asta come per smanettarlo. O era sveglia o stava facendo un sogno erotico. Accostai il viso al suo e la baciai sulla bocca, ma quando cercai di penetrarla colla lingua chiuse la bocca e volse la testa. Non capii piu` nulla. La voglia di fotterla era cosi esagerata che non controllai piu` cio` che facevo. Era il cazzo a guidarmi. Il cazzo che lei continuava a spugnettare e nulla fece per impedirmi di estrarre i seni ma si limito` a gemere quando avvolsi tra le labbra un capezzolo e lo succhiai. Ci stava, mia madre ci stava, mi lasciava fare, era il momento di fotterla, era il momento di realizzare un sogno durato una vita. Le carezzai la coscia nuda quindi la base del triangolo e raccolsi un ciuffetto di peli quindi infilai una mano tra il cuscino e la patonza e la sentii aprire le cosce perche` potessi agire liberamente. Aveva la fica in fiamme e tutta bagnata. Le carezzai col palmo della mano aperta la fregna e quando le infilai un dito sospiro` e serro` le cosce per imprigionarmi. Gemeva mentre aveva aumentato il ritmo della pugnetta e quando le baciai la bocca non volse la testa pur lasciando le labbra serrate. Le leccai le labbra gli occhi le gote ma quando cercavo la sua lingua teneva le labbra chiuse ne` mi concesse mai di baciarla come si bacia un`amante. La sentii mormorare un flebile: – No, figlio mio, no… ripetuto un paio di volte ma la bocca resto` sempre chiusa. Buttai via il cuscino e la costrinsi supina per penetrarla con piu` agio e quando mi accorsi che stava godendo le salii sopra coll`intenzione di penetrala, lei chiuse le cosce ed ancora una volta sussurro`: – No, figlio mio no…. La voglia di fotterla mi faceva andare fuori di testa. Le accompagnai la mano a carezzare i coglioni afferrai il cazzo e lo smnanettai con rabbia. Mi accorsi che sorrideva mentre sorreggeva le palle e quando sentii la sborra arrivare indirizzai il cazzo verso il bel viso e le sborrai sugli occhi. Le gocce di perla brillavano al buio con lei che m`ingiuriava mentre colla mano cercava di pulirsi. Andai in bagno a lavarmi e nello specchio la vidi che mi fissava mentre accosciata sul bide` lavava la fregna e passava sul viso un telo bagnato. Coi capelli sciolti mi ricordava una puttana di cui ero stato buon cliente mentre faceva il bide` e come facevo con lei mi volsi col cazzo ancora duro e glielo avvicinai alla bocca. Mia madre volse la testa e guardandomi con stizza mi ripete` la solita frase: – No, figlio mio no, questo proprio no…. Per quanto la corteggiassi per quando le palpassi le zone erogene e per quanto le giurassi di voler restare con lei per tutta la vita mai piu` mi concesse il suo corpo e da allora in poi chiuse a chiave la porta della camera. Il suo “figlio mio, no” era definitivo.

Commenti [7]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *